Passa ai contenuti principali

Giudico le novità degli ultimi mesi dalle copertine (Blogger Love Project 2020)

Oggi giudichiamo libri dalle copertine. Ho scelto alcune novità degli scorsi mesi perché avevo preparato degli articoli con le uscite mensili che non sono riuscita a pubblicare. Impiego sempre un sacco di tempo a prepararli, e ogni volta che sono pronti il mese è già finito lol.

Quindi ne ho approfittato. Mi sono limitata alle uscite di giugno\luglio, altrimenti veniva fuori un post chilometrico. Penso però che pubblicherò altri appuntamenti perché ho altri "post novità" in arretrato ahah.

info blogger love project

1) Uno scontro di re

Il pattern in copertina credo che voglia richiamare la pelle di un drago, però a me non fa impazzire. Probabilmente è il color sabbia a convincermi poco. Bello invece il viola che dalla foto non rende, ma dal vivo è molto intenso. Il colore lo ritroviamo anche nei risguardi. Fra i tre pubblicati, è il mio preferito. 

2) Fondazione. Il ciclo completo

Edizione bellissima, quel fucsia mi fa impazzire e mi piace un sacco il nome dell'autore scritto con forme geometriche. Peccato per la copertina in plastica che sì, ha il suo perché, ma non mi entusiasma. E' della stessa tipologia di Aurora Rising e secondo me è molto delicata, nonostante sia plastica dura (è la parte della cordonatura, della "piegatura", che mi preoccupa). Mi dà l'impressione di qualcosa che possa rompersi subito.

3) Figli di virtà e vendetta

Da un lato odio che abbiano cambiato lo stile dell'illustrazione*, dall'altro che gli vuoi dire? E' bellissima e sembra quasi una fotografia. Per quanto sia carina l'illustrazione del primo volume, non c'è storia. Questa la batte di gran lunga!

(* le cover italiane sono uguali a quelle originali, quindi il cambiamento non è colpa della casa editrice italiana)

4) La città di ottone

Inizialmente non mi convinceva, ma vedendola dal vivo mi sono ricreduta. Non è male e l'edizione è molto bella, anche se l'altra copertina resterà sempre la mia preferita.

Qui ho emozioni contrastanti. Penso che l'illustrazione sia molto bella, ma è anche assai ricca di dettagli e secondo me con i colori e gli altri elementi (la luna, il testo, ecc.) l'effetto generale è un po' incasinato. Mi viene in mente Nevernight che ha un'illustrazione molto complessa, ma in quel caso funziona decisamente meglio proprio perché gli elementi che la affiancano sono pochi. 

6) Il mare senza stelle

Apprezzo molto lo stile minimal e questa penso sia tutto sommato carina. Considerando che utilizzare la stessa cover originale costa di più, un'alternativa così non mi dispiace perché è semplice e rispecchia il contenuto (credo, il libro non l'ho letto, ma anche nell'originale e nei vari gadget ci sono chiavi e api). Di sicuro dal vivo è anche più bella perché dovrebbe avere i dettagli in foil oro.

7) Middlegame

Questo libro non mi ispira per niente, però se comprassi i libri solo per le copertine sarebbe un acquisto sicuro! Apprezzo il fatto che sia quasi del tutto total black con soltanto (o quasi) la mano/candela (??) a contrastarlo. Adoro anche (e soprattutto) com'è disposto il testo. 

8) The Ones

Vi confesso una cosa: le cover che giocano soltanto di lettering sono le mie preferite. Questa, però, non mi ha conquistata. Mi convince poco il colore, soprattutto quello del testo. Non so se dal vivo c'è qualche effetto particolare che magari dà un'aspetto completamente più invitante alla cover. 

9) L'inverno della strega

Mi sono chiesta per tanto tempo cosa non andasse in queste cover. Fanucci ha utilizzato le stesse di una edizione originale, ma c'era ugualmente qualcosa che non mi convinceva. Quindi le ho messe a confronto, le ho guardato attentamente e ho capito. Le illustrazioni rappresentano benissimo la storia, ma quelle italiane sono leggermente zoomate; inoltre i bellissimi contrasti delle originali sono andate a farsi benedire. Le edizioni italiane sono spente e non hanno nemmeno un pizzico di magia rispetto a quelle originali. Un peccato perché ho adorato il primo e nonostante abbia già comprato i seguiti in ebook, vorrei avere tutta la trilogia in cartaceo, ma quelle italiane non riesco proprio a piacermi. Mi sa che prenderò un'edizione inglese (forse questa). 


10) La casa di sale e lacrime

Come rovinare una cover in pochissime mosse by Fanucci: inserisci un font brutto con un effetto orribile. Mi spiace perché le basi sono anche carine, ma questo effetto tridimensionale (?) che la casa editrice si ostina a mettere in quasi tutte le cover è agghiacciante. 

Siamo arrivati alla fine! Fatemi sapere cosa ne pensate e si vi piacerebbe leggere altri post di questo tipo! Diciamo che ancora altri post con le novità da sfruttare lol.

Commenti

  1. Mi piacciono i tuoi commenti perché hai l'occhio da professionista e fai notare cose che io boh, neanche tra dieci anni vedrei. E poi sono miope, addiooo XD Quindi post approved
    !!!
    Comunque, preferisco molto la prima cover di Figli di virtù e vendetta, mentre penso che la cover di Crescent City bisognerebbe mettersi lì e studiarla dettaglio per dettaglio- Poi adoro il rosso! Della Morgenstern preferisco mille volte quella italiana *w*

    RispondiElimina
  2. Concordo con i tuoi pareri ;)
    Devo ammettere che le ce stanno molto migliorando con la grafica delle cover, prima c'erano molte più schifezze in giro XD

    RispondiElimina
  3. Concordiamo con quasi tutto, sebbene per Katherine Arden speriamo ancora in copertine che le rendano maggiore giustizia😂Secondo noi Asimov e Seanan McGuire le più belle di tutte come colpo d'occhio!

    RispondiElimina
  4. Sono d'accordo con te su tutti i commenti!
    Tranne che per la cover originale di City of Brass è imbattibile, quella italiana non mi fa impazzire

    RispondiElimina
  5. Io approvo l'idea di proseguire con una rubrica: mi piace l'analisi delle copertine. Le mie preferite sono quelle dell'Eredità di Orïsha. Anch'io ho apprezzato la copertina Lainya per Il mare di stelle...

    RispondiElimina
  6. Mi piacciono molto quelle di Asimov e della Morgenstern. Una rubrica dove giudichi le cover sarebbe fantastica <3

    RispondiElimina

Posta un commento

Scrivi pure il tuo parere. Rispondo appena possibile! Se non vedi subito il tuo commento è perché si trova in attesa di moderazione; lo vedrai solo una volta che sarà approvato (approvo TUTTI i commenti tranne lo spam; inoltre facendo così riesco a rispondere anche quando commenti un articolo scritto anni fa).

Post popolari in questo blog

Prossime uscite 2021: ALICE OSEMAN, HOLLY BLACK, SARAH J. MAAS, JAY KRISTOFF, LEIGH BARDUGO, ECC.

Buona domenica lettori, siete pronti ad una carrellata di novità ? Ecco le prossime uscite che troveremo in libreria nel 2021. IO STO URLANDO E PIANGENDO perché voglio almeno buona parte di questi libri! Non vedo l'ora! Prima di iniziare con le notizie, tre cose: 1) chiedo umilmente scusa alle case editrici per aver rovinato la sorpresa, ma insomma, una volta trovate queste notizie non potevo proprio fare finta di niente (e urlare e soffrire da sola, ecco); 2) come la volta scorsa, metto ISBN così potete controllare voi stessi la veridicità della notizia ed evitate di prendermi per cazzara (cose che poi fate lo stesso, ma dettagli); 3) naturalmente aspettiamo una conferma ufficiale dalle case editrici, però le notizie riportate qui sono comunque VERE perché hanno appunto il codice isbn, l'unica cosa che è incerta è la data di uscita che naturalmente può sempre variare. Ma, insomma, sono libri che arriveranno in librereria AL 100% Ovviamente si inizia sempre dalle notizie più su

Recensione "Fidanzati dell'inverno. L'attraversaspecchi" di Christelle Dabos

La recensione di oggi riguarda Fidanzati dell'inverno di Christelle Dabos il primo volume della famosissima serie francese L'Attraversapecchi . Vi consiglio vivamente di evitare la trama del libro e passare direttamente alla recensione perché, per quel che mi riguarda, dice anche troppo! Titolo: Fidanzati dell'inverno Autore: Christelle Dabos Serie: L'Attraversaspecchi 1 Pagine: 382  Editore: Edizioni e/o Anno: 2018 (ita), 2013 (fr) comprarlo a 12,99€ L’Attraversaspecchi è una saga letteraria in tre volumi che mescola Fantasy, Steampunk e Belle Époque, paragonata dalla stampa francese alle saghe di J.K. Rowling e Philip Pullman. Fa da sfondo un universo composto da 21 arche, tante quanti sono i pianeti che orbitano intorno a quella che fu la Terra. La protagonista, Ofelia, è originaria dell’arca “Anima”; una ragazza timida, goffa e un po’ miope ma con due doni particolari: può attraversare gli specchi e leggere il passato degli oggetti. Lavora come curatri

Recensione "Il principe crudele" di Holly Black (è davvero un flop?)

Ciao lettori, oggi vi lascio la recensione de " Il principe crudele ", una delle ultime fatiche di Holly Black , autrice che rientra tra le mie preferite perché fino a questo momento non mi ha mai delusa. Chissà come sarà andata questa volta? Leggete la mio opinione per scoprirlo ⇩ Titolo: Il principe crudele Autore: Holly Black Pagine: 313 Editore: Mondadori Anno: 2018 compralo a 9,99€ Jude era solo una bimba quando i suoi genitori furono brutalmente assassinati. Fu allora che sia lei che le sue sorelle vennero rapite e condotte nel profondo della foresta, nel mondo magico. Dieci anni dopo, l'orrore e i ricordi di quel giorno lontano e terribile ormai sfocati, Jude, ora diciassettenne, è stanca di essere maltrattata da tutti e soprattutto vuole sentirsi finalmente parte del luogo in cui è cresciuta, poco importa se non le scorre nemmeno una goccia di sangue magico nelle vene. Ma le creature che le stanno intorno disprezzano gli umani. E in particolare li dis