Passa ai contenuti principali

Recensione "Shades of Magic. Il principe d'acciaio" di V. E. Schwab

La recensione di oggi riguarda "Il principe d'acciaio" di V. E. Schwab, il primo volume della serie di graphic novel Shades of Magic, ambientate molti anni prima la trilogia A darker shade of magic e con protagonista Maxim, il padre di Rhy. 

Titolo: Il principe d'acciaio
Autore: V. E. Schwab
Serie: Shades of Magic 1
Pagine: 128
Anno: 2020
Editore: Mondadori (Oscar Ink)

"Shades of Magic" diventa un graphic novel. In un mondo illuminato dalle lampade a gas e popolato da maghi che viaggiano tra dimensioni parallele, il principe della Londra Rossa deve abbandonare la protezione della corte reale, fronteggiando qualcosa di peggio dell'esilio.

Recensione "Shades of Magic. Il principe d'acciaio" di V. E. Schwab

Lo dirò senza giri di parole, anche perché se mi seguite su instagram lo sapete già: questa graphic novel non mi è piaciuta.

Ho letto i primi due volume della serie A darker shade of magic (in italiano "Magic" e "Legend") e, nonostante i difetti, li ho apprezzati e sono abbastanza curiosa di leggere il terzo volume e capire come si concluderà la trilogia. Ero anche particolarmente curiosa di leggere questa graphic novel prequel perché speravo che andasse ad approfondire alcuni aspetti che nella trilogia principale sono trattati in modo un po' approssimativo.

Purtroppo non lo fa. Il principe d'acciaio è una storia molto superficiale, frettolosa e a tratti confusa. Ho riscontrato problemi non solo nella sceneggiatura, ma anche nelle illustrazioni e, visto che parliamo di una graphic novel, questi due aspetti camminano di pari passo. Ora, a me dispiace criticare le tavole perché riesco ad immaginare l'immenso lavoro che c'è dietro, però questo stile è così caotico che non si capisce un tubo. A parte che molti personaggi sembrano avere lo stesso volto, tant'è che in alcune scene non si capiva benissimo chi stesse facendo cosa, lo stile sembra quasi abbozzato e questo genera una gran confusione. Buona parte della storia non si capisce praticamente nulla.

A non convincermi nemmeno le palette di colori utilizzate. La trilogia di ADSOM descrive una Londra che mi sono sembra immaginata viva e colorata. E' vero che qui l'ambientazione cambia (siamo a Verose), che la città descritta è fatta di vicoli bui e malavita, però avrei accettato queste tonalità cupe solo se lo stile fosse stato più pulito perché il risultato della combinazione tra i due è una graphic novel poco chiara.

L'unica cosa che mi è piaciuto dello stile è come viene rappresentata la magia, uno spiraglio di luce in mezzo a tutta quella cupezza.

Come dicevo, illustrazioni e sceneggiatura camminano di pari passo, quindi avendo avuto difficoltà con le tavole di conseguenza ho avuto anche difficoltà a comprendere il testo, seppur non sia il massimo nemmeno questo. Ho sempre pensato che la Schwab fosse brava, ma che non si applicasse abbastanza e sinceramente ho avuto anche qui una conferma. L'idea c'è ed è buona, ma la differenza è che nel romanzo può utilizzare le descrizioni come tappabuchi, mentre nelle graphic novel no. E visto che qui mancano le descrizioni si nota benissimo la debolezza della storia. 

Ma qui il problema non è solo la trama povera di eventi, ma anche il fatto che alcune questioni si risolvono in una pagina (senza nemmeno capire come... ), il passaggio da una scena all'altra in modo poco chiaro e fluido, personaggi appena abbozzati (e non parlo solo dal punto di vista stilistico)...

Insomma, ci sono fin troppi difetti per poter anche solo dare la sufficienza. Lo avrei fatto solo se fosse stata una lettura piacevole e coinvolgente, ma per gran parte della storia non riuscivo a capire cosa stesse succedendo. Un grandissimo peccato.

Valutazione: 2 stelle

Cosa ne pensate di questo libro? Sono molto curiosa. Non mi aspettavo davvero di dover dare un voto così basso a questa graphic novel...

Seguite il review party magari per leggere pareri diversi dal mio e farvi un'idea!

Commenti

  1. ciao, a me i disegni sono piaciuti, anche tanto, sono meno esperta ma nell'insieme mi hanno trasmesso l'atmosfera. Non ho invece apprezzato molto la storia, l'ho trovata trovata troppo scarna e non ha colmato le lacune come dicevi tu. Nell'insieme non mi è dispiaciuta ma neanche mi ha fatto entusiasmare, magari con i seguiti andrà meglio

    RispondiElimina
  2. Peccato, aveva del potenziale.
    I disegni ad una prima occhiata non mi sembrano male, ma a questo punto non credo che lo leggerò.

    RispondiElimina

Posta un commento

Scrivi pure il tuo parere. Rispondo appena possibile! Se non vedi subito il tuo commento è perché si trova in attesa di moderazione; lo vedrai solo una volta che sarà approvato (approvo TUTTI i commenti tranne lo spam; inoltre facendo così riesco a rispondere anche quando commenti un articolo scritto anni fa).

Post popolari in questo blog

Recensione "Fidanzati dell'inverno. L'attraversaspecchi" di Christelle Dabos

La recensione di oggi riguarda Fidanzati dell'inverno di Christelle Dabos il primo volume della famosissima serie francese L'Attraversapecchi . Vi consiglio vivamente di evitare la trama del libro e passare direttamente alla recensione perché, per quel che mi riguarda, dice anche troppo! Titolo: Fidanzati dell'inverno Autore: Christelle Dabos Serie: L'Attraversaspecchi 1 Pagine: 382  Editore: Edizioni e/o Anno: 2018 (ita), 2013 (fr) comprarlo a 12,99€ L’Attraversaspecchi è una saga letteraria in tre volumi che mescola Fantasy, Steampunk e Belle Époque, paragonata dalla stampa francese alle saghe di J.K. Rowling e Philip Pullman. Fa da sfondo un universo composto da 21 arche, tante quanti sono i pianeti che orbitano intorno a quella che fu la Terra. La protagonista, Ofelia, è originaria dell’arca “Anima”; una ragazza timida, goffa e un po’ miope ma con due doni particolari: può attraversare gli specchi e leggere il passato degli oggetti. Lavora come curatri

10 libri fantasy da leggere questo autunno

Prepariamoci all'arrivo dell'autunno con alcuni libri fantasy da leggere assolutamente nei prossimi mesi . Cosa hanno in comune questi libri, oltre ad essere dello stesso genere? Alcuni di essi usciranno a breve, mentre degli altri uscirà in libreria il seguito nelle prossime settimane (più o meno).  E ad occhio e croce direi che se avete amato almeno uno di questi libri, di sicuro vi piaceranno anche gli altri...  1.  Il principe crudele , Holly Black  Il 25   settembre  uscirà in libreria un nuovo libro di Holly Black ! Nonostante non abbia letto tutto quello scritto da questa autrice (trovate qui le mie recensioni: Doll Bones , I segreti di Coldtown , Nel profondo della foresta ) la considero una delle mie preferite. Adoro i suoi mondi fiabeschi e allo stesso tempo oscuri, riescono sempre a farmi innamorare. Il principe crudele è il primo volume di una trilogia con protagoniste le fate e con quello che sembrerà essere un coprotagonista cattiva. E io che amo i villa

Prossime uscite in libreria: BARDUGO, MAAS, CLARE, SANDERSON, KRISTOFF, ecc.

Siete pronti a scoprire le novità che ci aspettano in libreria nei prossimi mesi? Rispondo io: NO, NON SIETE PRONTI . Precisazioni : sono news che ho trovato su internet facendo delle ricerche molto approfondite. Alcune sono confermate dalla casa editrice, altre non sono sicure e potrebbero subire slittamenti . Per evitare seccature (alias gente che penserà che mi invento le cose), ho deciso di lasciarvi il codice ISBN, dove necessario, così potete constatare con i vostri occhi.  L'uscita di Shadow and Bone della Bardugo è VICINA Io ve lo avevo detto che non eravate pronti . Sembrerebbe che il primo volume della  trilogia Grisha uscirà il 6 ottobre  e onestamente io mi sento un po' MALUCCIO. Spero con tutto il cuore che sia vero (COMUNQUE IO STO URLANDO). NON SONO PRONTA PER L'ENNESIMA RILETTURA ISBN:  9788804717997 Cassandra Clare sta tornado La ristampa della trilogia The Infernal Devices è stata annunciata lo scorso anno e ora sembrerebbe in uscita il 24 agosto , almeno