Passa ai contenuti principali

Blogtour: Recensione "Miti del Nord" di Neil Gaiman

Oggi esce in libreria "Miti del Nord" di Neil Gaiman (la versione italiana di Norse Mythology) . Per l'occasione abbiamo organizzato un blogtour! In ogni tappa troverete la recensione e un approfondimento sulle divinità. Io vi parlerò precisamente di Loki e i suoi figli. Enjoy!

Titolo: Miti del Nord
Autore: Neil Gaiman
Pagine: 225
Editore: Mondadori
Anno: 2018
Compralo a 11,05€
Odino il supremo, saggio, audace e astuto; Thor, suo figlio, incredibilmente forte ma non certo il più intelligente fra gli dèi; e Loki, figlio di un gigante, fratello di sangue di Odino, insuperabile e scaltrissimo manipolatore. Sono alcuni dei protagonisti che animano il nuovo libro di Neil Gaiman: noto per essersi ispirato spesso ai miti dell'antichità nel creare universi e personaggi fantastici, questa volta Gaiman ci offre una riscrittura dei grandi miti del Nord. Lungo un arco narrativo che inizia con la genesi dei nove leggendari mondi, ripercorriamo le avventure e le gesta di dèi, nani e giganti. Tra i racconti più avventurosi ci sono quello di Thor, che, per riprendersi il martello che gli è stato rubato, è costretto a travestirsi da donna, un'impresa non da poco considerando la sua barba e il suo sconfinato appetito; o quello di Kvasir - il più saggio fra gli dèi - il cui sangue viene trasformato in un idromele che colma di poesia chi lo assaggia. Il finale del libro invece è dedicato a Ragnarok, il giorno del giudizio, il crepuscolo degli dèi, ma anche la nascita di un nuovo tempo e nuovi popoli. "Miti del Nord" è una carrellata del pantheon scandinavo e della bizzarra natura degli dèi: ferocemente competitivi, capricciosi, predisposti all'inganno e a farsi governare dalle passioni. Un universo antico, ricco e affascinante.

Recensione "Miti del Nord" di Neil Gaiman


Non avevo mai letto nulla di Gaiman e ad essere onesta non sono mai stata convinta al cento percento di leggere i suoi libri, ma quando ho scoperto di "Miti del Nord" sono rimasta subito affascinata. Mi è sempre piaciuta la mitologia, ma da quando mi sono appassionata ai film Marvel ho nutrito un certo interesse verso le divinità scandinave che avrei voluto approfondire con qualche lettura. Con il libro di Gaiman in pratica ho colto due piccioni con una fava.

Alcuni chiarimenti sul libro, perché penso che la scheda che trovate nei vari siti non sia abbastanza soddisfacente. Io stessa prima di iniziarlo non avevo idea di cosa mi sarei trovata davanti. Non si tratta di un romanzo, bensì di una raccolta di racconti che ripercorrono gli eventi principali della mitologia norrena, da "prima dell'inizio" al Ragnarok.

Ora, che siano fedeli al cento percento ai miti originali o meno non potremo mai saperlo per certo perché all'epoca si trasmettevano oralmente; soltanto nel Medioevo compaiono alcuni testi (l'Edda, la fonte maggiore di informazioni sulla mitologia nordica) che ne parlano. Quello che ha fatto Gaiman è prendere spunto da questi testi e, non solo, anche dalla cultura di massa, e reinterpretarle, cercando comunque di restare fedele alle figure mitologiche.

Essendo il mio primo approccio con la mitologia norrena, avevo paura che fosse troppo pesante per tutte le informazioni che avrei appreso (che poi, con la memoria che mi ritrovo, pensavo che ne avrei dimenticato gran parte). Invece sono rimasta sorpresa perché non solo è scorrevolissimo, ma è narrato con un pizzico di ironia che rende il tutto molto piacevole e divertente (ho riso parecchio!), tant'è che mi sono ritrovata a finire il libro in pochissimo tempo.

Inoltre Gaiman, quando può, ricorda alcuni concetti o il ruolo di alcune divinità. In altri contesti l'avrei trovato ripetitivo, ma con tutti i nomi che ci sono - molti di questi, ahimè, impronunciabili per me -  è stata una saggia scelta perché per chi si approccia per la prima volta con la mitologia è utilissimo. Vero che c'è anche un glossario alla fine del libro, ma così potete evitare di consultando ogni due minuti.

In breve, è un libro di mitologia adatto a tutti.  Sono felice di aver conosciuto Gaiman con "Miti del Nord" e sono abbastanza sicura che recupererò presto qualcos'altro di questo autore. Menzione speciale per la cover italiana che penso che non abbia nulla da invidiare a quella originale!

Loki e i suoi figli

Loki è una delle figure più interessanti della mitologia norrena perché è beffardo, invidioso, crudele, astuto e anche un po' sciocco, visto che si fa beccare sempre. O forse dovremmo dire prevedibile perché quando succede qualcosa, sanno subito a chi dare la colpa.
"Quando succedeva qualcosa di male, Thor faceva una serie di cose. Prima di tutto si chiedeva se quello che era successo fosse colpa di Loki."
Mentre leggevo non ho potuto fare a meno che immaginarlo come il personaggio della Marvel interpretato da Tom Hiddleston e sono abbastanza sicura che Gaiman si sia ispirato a lui, almeno un pochino.

A differenza di quello che crediamo, Loki non è il fratello (adottivo) di Thor, bensì di Odino. E come dice Gaiman nel libro, è amico e nemico di tutti. Gran parte delle disgrazie che accadono agli dei è colpa sua, situazioni che è costretto a risolvere (e quante se ne inventa!).

crediti: KejaBlank
Di Vali Narfi, i due figli che Loki ha avuto con la moglie Sigyn, Gaiman ne parla poco; più che altro si concentra su quelli... strani (chiamiamoli così) che comunque sono parecchio interessanti e avranno un ruolo importante nel Ragnarok (almeno alcuni).
"Sposò una donna di nome Sigyn, che al tempo del corteggiamento e del matrimonio era bellissima e felice ma dopo un po’ aveva la faccia di una che aspetta sempre brutte notizie."
Sleipnir, "colui che scivola rapidamente", è un cavallo a otto zampe (non vi dico come lo ha avuto Loki, ma vi invito a scoprirlo perché io ancora non riesco a smettere di ridere), il più veloce di tutti, in grado di cavalcare l'aria e l'acqua e anche i nove mondi. Viene donato a Odino dallo stesso Loki. A Sleipnir è legata la storia di come Asgard ebbe le sue mura.
Molti ammiravano il cavallo di Odino, ma solo un uomo veramente audace avrebbe mai parlato dei suoi natali in presenza di Loki, e nessuno mai osò accennare alla cosa una seconda volta. 
(non sono riuscita a trovare l'artista :c) 
Loki ebbe anche tre figli che partorì lui stesso dopo essersi nutrito del cuore della gigantessa Angrboda. Nacquero così JormungundrHel e Fenrir. Quando verrà Ragnarok avranno un ruolo importante, ma non saranno schierati dalla parte degli dei.

I figli di Loki (1905), Emil Doepler der Jüngere
Jormungundr è un potente serpente che sputa veleno nero incandescente e che cresce continuamente, fino a circondare il mondo e a serrare fra le fauci la sua stessa coda, come un uroboro. Spesso Thor si ritroverà a confrontarsi con lui.
Il serpente sarebbe cresciuto nelle acque grigie dell’oceano mondiale, sarebbe cresciuto fino a circondare la terra. La gente lo avrebbe chiamato il serpente di Midgard.
Hel, il cui nome ricorda tanto hellè metà bambina metà cadavere. E' la dea della morte.
«Questa bambina governerà il più oscuro e profondo dei luoghi, e i morti di tutti e nove i mondi. Sarà la regina di quelle povere anime che muoiono indegnamente, di malattia o di vecchiaia, per incidenti o al momento della nascita. I guerrieri che cadono in battaglia continueranno a venire qui da noi, nel Valhalla. Ma coloro che muoiono in altro modo diventeranno suoi sudditi, e la serviranno nell’oscurità» 
Seppur Gaiman la presenta solo come una bambina, possiamo benissimo vedere che è molto differente dal personaggio interpretato da Cate Blanchett nel film Thor Ragnarok. Nel film infatti si chiama Hela ed è la figlia di Odino (e dunque sorella di Thor e Loki) che aveva combattuto con lui per conquistare i Nove Mondi per poi essere esiliata per colpa della sua ambizione. Una differenza notevole tra film e mitologia è che Hela vuole vendetta per il suo destino, mentre Hel è felice di governare l'oscurità. Però ho notato che nei film i costumi di Hela e Loki sono simili. Che sia un riferimento alla mitologia?

crediti: Sammaella
Fenrir è un lupo feroce e di grossa stazza, che cresce giorno dopo giorno sempre più, fino a diventare abbastanza grande che quando verrà Ragnarok mangerà il sole e la luna. Con Tyr, fratello di Thor, c'è quasi un legame affettuoso (che personalmente ho adorato *_*).
Il lupacchiotto si cibava di carne cruda, ma parlava come un uomo, nella lingua degli uomini e degli dèi, ed era un tipetto orgoglioso. La bestiola si chiamava Fenrir.
Su Fenrir ci sono parecchie curiosità interessanti ed è una vera e propria fonte di ispirazione, ad esempio lo si ritrova in parecchi videogame. Nel film Thor Ragnarok è il servitore di Hela e sembra quasi avere il ruolo che nella mitologia è affidato a Garmr, il segugio infernale. In una scena del film comunque si scontra con Hulk (qui il video) e, se osservate bene il lupo, ha gli occhi dello stesso verde intenso di Loki. Un altro riferimento?
E ricordate il licantropo Fenrir Greyback che compare nel sesto libro di Harry Potter? A quanto pare la Rowling sembra essersi ispirata proprio alla figura mitologica.

E questo è tutto per oggi. Seguite il blogtour per non perdervi le tappe e leggere gli altri approfondimenti. :)


16 Ottobre - Divoratori di Libri
19 Ottobre - Reading in the Garden
22 Ottobre - Il Portale Segreto
24 Ottobre - Le parole segrete
26 Ottobre - Follow the books

Ringraziamenti a wikipedia e Le Parole Segrete che mi hanno illuminato su alcuni aspetti!

Commenti

  1. I miti nordici sono sempre interessanti

    RispondiElimina
  2. La mia dea nordica preferita è Hel: sarà perché l'ho conosciuta attraverso le pagine de "Le Parole Segrete" di Joanne Harris per la prima volta (era obiettivamente un gran bel personaggio), ma la trovo davvero inquietantissima e "super-cool"... la degna figlia di suo padre, insomma! XD
    Comunque il libro di Gaiman mi ispira un bel po'! *_____*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. D'accordo! Infatti a me è piaciuta tanto (e trovo fighissima il suo essere metà bellissima metà cadavere) e mi piacerebbe molto approfondire!
      "Le parole segrete" è in wishlist :)

      Elimina
  3. Loki e i suoi figli mi hanno sempre affascinata un sacco *-* In particolare su Jormungundr, Hel e Fenrir!
    Non vedo l'ora di mettere le mani sul libro e leggere i prossimi approfondimenti!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Decisamente! *_*
      Il racconto su di loro è uno dei miei preferiti!

      Elimina
  4. Non ho amato Gaiman in due suoi libri mentre in un racconto sì e non sapevo che questo fosse una raccolta di racconti. Non so se leggerlo o meno, ma sono curiosa. Intanto ti ringrazio per l'approfondimento, io amo talmente tanto Loki da aver chiamato il mio cane così

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Che bel nome da dare ad un cane *__* mi sa che ti copio l'idea e chiamo così uno dei gatti randagi di cui ci stiamo occupando con la mia famiglia!
      Comunque io te lo consiglio. Non so cosa hai letto di Gaiman, ma sono abbastanza sicura che questo ti piacerà!

      Elimina
  5. Complimenti per il post, è davvero interessante :) sarà che sono un po' di parte, perchè per Loki ho un debole, ma la lettura mi è piaciuta!
    Mentre il libro lo punto da quando è uscito in originale... Prima o poi riuscirò a leggerlo!

    RispondiElimina
  6. Una cosa è certa: è sempre colpa di Loki XD Poverino spesso è stato incompreso in passato... ma è una figura affascinante!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ahahahah sì, è uno dei personaggi più intriganti!

      Elimina
  7. Sto leggendo proprio ora questo libro, mi sta piacendo tanto! Ottima lettura per quei momenti in cui non vuoi cose pesanti da seguire ma che riescono a coinvolgerti!
    Io di Gaiman avevo letto Stardust e Il figlio del cimitero (il secondo te lo consiglio, per il primo ho preferito il film) e ho ovviamente visto Coraline (ma ancora da leggere). Altro suo libro che mi incuriosisce è American Gods, prima o poi... ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. devo ammettere che Stardust non mi ha mai incuriosito più di tanto (e non ho visto nemmeno il film). American Gods è sicuramente quello che mi ispira di più!

      Elimina

Posta un commento

Scrivi pure il tuo parere. Risponderemo appena possibile! Se non vedi subito il tuo commento è perché si trova in attesa di moderazione; lo vedrai solo una volta che sarà approvato (approvo TUTTI i commenti tranne lo spam; inoltre facendo così riusciamo a rispondere anche quando commenti un articolo scritto anni fa).

Post popolari in questo blog

Guida di lettura: "Devil's Night" di Penelope Douglas

 Buongiorno lettori, oggi volevo parlarvi della serie dark romance Devil’s Night della regina di TikTok ovvero Penelope Douglas , ovvero Corrupt, Hideaway, Kill Switch e Nightfall. Vi darò una breve introduzione sulla serie, una spiegazione dei personaggi principali e l’ordine di lettura , e anche un breve commento sui libri singoli. I libri sono in ordine di lettura, in modo che sappiate esattamente dove iniziare, come continuare e soprattutto dove finire con la storia dei Cavalieri! Titolo:  Corrupt - Il mio sbaglio più grande (Devil's Night 1#) Autrice : Penelope Douglas Pagine:   448 Editore:  Newton Compton Editori Pubblicazione: 10 Gennaio 2023 Traduttore: Laura Lancini Trama:  “Si chiama Michael Crist. È il fratello maggiore del mio ragazzo ed è come quei film dell'orrore che guardi coprendoti gli occhi. È bellissimo, forte, e assolutamente terrificante. Non mi vede neppure. Ma io l'ho notato. L'ho visto, l'ho sentito. Le cose che ha fatto, i misfatti che ha

Recensione "Spietate promesse" di Rebecca Ross

Buongiorno lettori, oggi sono super emozionata di presentarvi la recensione di “Spietate promesse” di Rebecca Ross, l’atteso seguito e conclusione della dilogia “Divini rivali”, per cui ringrazio di cuore la casa editrice per la copia digitale fornita in anteprima! Vi avverto, per chi non ha letto il primo libro ci saranno inevitabilmente degli spoiler sulla sua fine! Qui la recensione    di Divini rivali! Titolo: Spietate promesse (#2 letters of enchantment) Autore: Rebecca Ross Data di pubblicazione: 7 Maggio 2024 Casa editrice: Fazi Editore Pagine: 512 Traduttore: Stefano Andrea Cresti "Dopo aver vissuto in prima persona gli orrori della guerra, Iris è finalmente tornata a casa, ma la vita lontano dal fronte è tutt’altro che facile: Roman è disperso e non si hanno sue notizie da settimane, l’esercito di Dacre continua ad avanzare puntando verso Oath, mentre i suoi abitanti, ostili e diffidenti nei confronti delle divinità, sono sempre più inferociti. Quando a Iris e Attie viene

Recensione "L'estate nei tuoi occhi" di Jenny Han

Buongiorno, oggi recensione de L'estate nei tuoi occhi di Jenny Han , primo volume della Summer Trilogy , lettura perfetta per l'estate!  Titolo: L'estate nei tuoi occhi (The summer trilogy #1) Autore: Jenny Han Editore: Piemme Anno: 2014 Due fratelli. Un vero amore. Belly misura il tempo in estati. Tutto ciò che di bello e magico è accaduto nella sua vita, è accaduto fra giugno e agosto. L'inverno è solo il periodo che la divide dalla prossima estate, dalla casa sulla spiaggia, da Susannah e i suoi due figli, da Conrad e Jeremiah. Loro sono gli amici con cui è cresciuta: Jeremiah è il ragazzo su cui contare, Conrad quello che ti fa battere il cuore. E quest'estate si rivela ancora più speciale, perché sta accadendo ciò che Belly sta aspettando da tempo e che sembrava non sarebbe mai accaduto. Stranamente questo libro mi è piaciuto. È raro che uno young adult mi appassioni, eppure è stato così. Belly ogni anno non vede l'ora c

Review party: recensione de “I lupi dorati” di Roshani Chokshi

Buongiorno lettori, ormai le vacanze sono un ricordo lontano, ma non disperiamoci e consoliamoci con la recensione de “I lupi dorati” di Roshani Chokshi, uscito da pochissimi giorni in libreria e per cui ringrazio Cristina del blog ‘Chroniclesofabookaholic” per aver organizzato questo review party e la casa editrice per la copia digitale gentilmente fornita in anteprima! Titolo: I lupi dorati Autore: Roshani Chokshi Editore: Mondadori (oscar fantastica) Data di pubblicazione: 13 settembre 2022 Numero di pagine: 432 "1889. L’Esposizione Universale ha immesso nuova linfa alla città di Parigi, ma ha anche portato alla luce antichi segreti. Nessuno conosce le oscure verità quanto Séverin Montagnet-Alarie, cacciatore di tesori e ricco albergatore. Il potentissimo ordine di Babel lo contatta per costringerlo ad aiutarli in una missione, e Séverin si trova così a inseguire un tesoro che mai avrebbe immaginato: la sua vera eredità." RECENSIONE 'I LUPI DORATI' DI ROSHANI

Recensione "Percy Jackson e gli dei dell'Olimpo - Il ladro di fulmini"

Ciao divoratori! Oggi parliamo di Percy Jackson -  Il ladro di fulmini , primo volume della serie Gli dei dell'Olimpo di Rick Riordan ! Titolo: Il ladro di fulmini Saga: Percy Jackson e gli dei dell'Olimpo #1 Autore: Rick Riordan Pagine: 384 Anno: 2010 Editore: Mondadori compralo a 6,99€ Percy Jackson non sapeva di essere destinato a grandi imprese prima di vedere la professoressa di matematica trasformarsi in una Furia per tentare di ucciderlo. Le creature della mitologia greca e gli dei dell'Olimpo, in realtà, non sono scomparsi ma si sono semplicemente trasferiti a New York, più vivi e litigiosi di prima. Tanto che l'ultimo dei loro bisticci rischia di trascinare il mondo nel caos: qualcuno ha rubato la Folgore di Zeus, e qualcuno dovrà ritrovarla entro dieci giorni. Sarà proprio Percy a dover indagare sull'innocenza di Poseidone, dio del mare e padre perduto, che l'ha generato con una donna mortale facendo di lui un semidio. Nuove gesta e

Recensione "Echi in tempesta" di Christelle Dabos, capitolo finale della serie L'Attraversaspecchi

Ciao lettori, oggi vi lascio la recensione di " Echi in tempesta" di Christelle Dabos , volume conclusivo della serie francese L'Attraversaspecchi . Ringrazio Edizioni e\o per avermi dato l'opportunità di ricevere il libro in anteprima!  Titolo: Echi in tempesta Autore: Christelle Dabos Serie: L'Attraversaspecchi 4 Pagine: 576 Editore: Edizioni e\o Anno: 2020 Comprarlo a 11,99€ Crollati gli ultimi muri della diffidenza, Ofelia e Thorn si amano ormai appassionatamente. Tuttavia non possono farlo alla luce del sole: la loro unione deve infatti rimanere nascosta perché possano continuare a indagare di concerto sull’indecifrabile codice di Dio e sulla misteriosa figura dell’Altro, l’essere di cui non si conosce l’aspetto, ma il cui potere devastante continua a far crollare interi pezzi di arche precipitando nel vuoto migliaia di innocenti. Come trovare l’Altro, senza sapere nemmeno com’è fatto? Più uniti che mai, ma impegnati su piste diverse, Ofelia e Th

Vintage Reading Club: Anna dai capelli rossi ∽ TAPPA 1

Ciao lettori, eccoci al primo appuntamento con l'iniziativa Vintage Reading Club  in collaborazione con Sentieri di neve rossa . Per maggiori informazioni date un'occhiata a questo link:  Vintage Reading Club .

Recensione: "La figlia del re dei pirati" di Tricia Levenseller

Buongiorno lettori, oggi vorrei parlarvi di una uscita di Luglio per Oscar Vault Mondadori, un fantasy young adult dalle vibes piratesche ,   La figlia del re dei pirati di Tricia Levenseller.  Titolo:  La figlia del re dei pirati  Autrice:  Tricia Levenseller  Pagine:  336  Editore: Oscar Vault  Pubblicazione:  18 Luglio 2023  Traduttore:  Alba Mantovani  Trama: Alosa, capitana di una nave pirata, ha diciassette anni e una missione: recuperare un'antica mappa, chiave per trovare un fantastico tesoro. Per riuscirci, si lascia catturare dai pirati nemici che la nascondono sul loro vascello. Tra lei e la mappa c'è solo un ostacolo: Riden, il secondo di bordo, ovvero il suo rapitore, che si dimostra più intelligente e abile del previsto, oltre che bello in modo sleale. Ma niente paura: Alosa ha più di un asso nella manica, e nessuno potrà riuscire a fermarla; né a ostacolare la sua rocambolesca ricerca della mappa. Azione, avventura, amore e un pizzico di magia sono gli ingredient

Recensione "Uno splendido disastro" di Jamie McGuire

Ciao divoratori, vi lascio la recensione di  Uno splendido disastro di Jamie McGuire   che ho finito di leggere da poco. Vi anticipo che in questo post ci sono SPOILER . Titolo: Uno splendido disastro Autore: Jamie McGuire Pagine: 335 Editore: Garzanti Anno: 2013 Compralo a 5,86€ Camicetta immacolata e coda di cavallo. Abby Abernathy sembra la classica ragazza timida e studiosa. Ma in realtà è una ragazza in fuga. In fuga dal suo passato, dalla sua famiglia, da un padre in cui ha smesso di credere. E ora che è arrivata alla Eastern University per il primo anno di università, ha tutta l’intenzione di dimenticare la sua vecchia vita e ricominciare da capo. Travis Maddox di notte guida troppo veloce sulla sua moto, ha una compagna diversa per ogni festa e attacca briga con molta facilità. Dietro di sé ha una scia di adoratrici disposte a tutto per un suo bacio. C’è una definizione per quelli come lui: Travis è il ragazzo sbagliato. Abby lo capisce subito appena i suoi occhi incontrano

Recensione "Fidanzati dell'inverno. L'attraversaspecchi" di Christelle Dabos

La recensione di oggi riguarda Fidanzati dell'inverno di Christelle Dabos il primo volume della famosissima serie francese L'Attraversapecchi . Vi consiglio vivamente di evitare la trama del libro e passare direttamente alla recensione perché, per quel che mi riguarda, dice anche troppo! Titolo: Fidanzati dell'inverno Autore: Christelle Dabos Serie: L'Attraversaspecchi 1 Pagine: 382  Editore: Edizioni e/o Anno: 2018 (ita), 2013 (fr) comprarlo a 12,99€ L’Attraversaspecchi è una saga letteraria in tre volumi che mescola Fantasy, Steampunk e Belle Époque, paragonata dalla stampa francese alle saghe di J.K. Rowling e Philip Pullman. Fa da sfondo un universo composto da 21 arche, tante quanti sono i pianeti che orbitano intorno a quella che fu la Terra. La protagonista, Ofelia, è originaria dell’arca “Anima”; una ragazza timida, goffa e un po’ miope ma con due doni particolari: può attraversare gli specchi e leggere il passato degli oggetti. Lavora come curatri