Passa ai contenuti principali

Special #18 Blocco del "blogger" pt. 1 - consigli per scrivere una recensione quando non siamo ispirati

Blocco del blogger pt. I (perché sì, ci sarà la pt. II che scriverò più in là)
Accendete il computer, entrate su blogger, create un nuovo post, provate a scrivere una recensione e non riuscite a buttare giù nemmeno mezza riga.

Scommetto che si tratta di una situazione abbastanza ricorrente tra i book blogger. Vero?
A me spesso capita per i libri che mi lasciano indifferenti. Soluzione? Non scrivo la recensione. Alla fine, mica è obbligatorio, no? A meno che il libro non ci è stato inviato dall'autore o dalla casa editrice. In quel caso, dato che ci siamo presi un impegno, è giusto rispettarlo.
Personalmente mi capita anche con i libri che mi sono piaciuti talmente tanto da lasciarmi senza parole. Ecco, in quel caso non sarebbe giusto verso il libro stesso, perché tutti hanno bisogno di sapere quanto è meraviglioso.

Oggi voglio condividere con voi il metodo che utilizzo quando non riesco a scrivere una recensione, ma, per una serie di motivi appunto, devo pubblicarla necessariamente. Ovviamente ognuno ha i suoi metodi e, se volete, potete benissimo condividerli con noi.



Il mio metodo consiste nel creare uno schema con gli aspetti principali del libro: introduzione, trama, personaggi, stile, piacevolezza e conclusione. In particolare si tratta degli stessi parametri che utilizzo per dare una valutazione al libro.

Nell'introduzione, ovvero la parte che precede il commento vero e proprio, spesso spiego perché ho letto il libro, le mie aspettative e, infine, se queste aspettative sono state rispettate o meno. Spesso il giudizio finale della lettura dipende dalle nostre aspettative, per questo ci tengo a scrivere se ho iniziato la lettura prevenuta o meno.

Dopo una breve introduzione, passo alla storia.
So che molti di voi fanno un riassunto della trama, ma a me non piace farlo per alcuni motivi: (a) io non lo leggo mai - e se non lo faccio io perché devono farlo gli altri lettori? -, (b) voglio godermi la lettura e non mi interessano altri dettagli, - se un libro mi incuriosisce, voglio buttarmi sulla lettura senza sapere niente di più - (c) conosco già la trama - e, se non la conosco, posso benissimo leggerla dalla scheda del libro - , (d) di solito sono riassunti troppo lunghi - io voglio sapere cosa pensi del libro, altrimenti non avrei aperto la tua recensione. Insomma, mi sembrano motivi ben validi per saltare questa parte. In casi particolari però mi capita di fare brevi cenni alla trama, in particolare quando è necessario per spiegare meglio un determinato passaggio o personaggio che mi è piaciuto (o no).

Ma torniamo alla trama, che di solito divido in tre sezioni: incipit (la storia ci mette un po' a prendermi o mi ha catturata subito? E' stato noioso? Confuso?), svolgimento (arrivato a questo punto la storia diventa incalzante o rallenta? Ho perso interesse o continua ad incuriosirmi?) e finale (è degno della storia? Mi ha deluso? E' perfetto? Troppo frettoloso?).

Poi passo ai personaggi. C'è poco da dire. Parlo innanzitutto del protagonista, per poi passare ai personaggi secondari e, infine, alla parte romantica, sempre se ci sia nella storia.
Mi sono piaciuti? Sono irritanti? Sono piatti? Sono ben descritti?

Sullo stile dell'autore a volte non mi soffermo troppo, specie quando la lettura mi ha coinvolto tantissimo. Infatti questo è il requisito minimo che richiedo ad un autore, ovvero che riesca a coinvolgermi, poco importa il modo in cui lo narra. Oddio, come è scritta una storia è sicuramente importante, ma una volta che riesce a catturarti in un certo senso passa in secondo piano. Certo, mi fanno girare le palle quando nella storia inserisce dettagli che al fine della storia servono a ben poco. Insomma, parlo di questo. Se l'ho trovato prolisso o conciso, e così via.

La piacevolezza di una storia. Leggiamo per diletto, quindi se un libro è piacevole poco importa del resto. E infine, la conclusione. Il nostro parere sul libro riassunto in due righe (o anche meno).

Una volta fatto questo "lavoro" non dovete fare altro che collegare tra di loro i vari aspetti del libro. Vi assicuro che sarà molto più semplice in questo modo perché tutto ciò che avete scritto si incastrerà perfettamente.

Naturalmente io non voglio spiegarvi come dovete scrivere la recensione. E' solo un consiglio che potete prendere in considerazione quando l'ispirazione viene meno o, per chi magari è nuovo nel mondo di blogger e non ha idea di come mettere giù i propri pensieri. Probabilmente la me di tre e anni e mezzo fa avrebbe apprezzato questo post. Spero che lo apprezziate anche voi e, se avete altri consigli, mi piacerebbe molto leggerli!

Commenti

  1. Ciao! Anche io come te utilizzo uno schema per recensire (malissimo) i libri letti. Mi rifaccio però al più semplice schema delle 5W imparato alle medie. E' più banale e molto più semplice ma a volte mi aiuta.

    Mi aiuta soprattutto quando partire è la parte più difficile. Che si tratti di un bel libro o di un pessimo libro non ha importanza. Per scelta recensisco tutto quello che leggo ma non sempre scrivere una recensione non troppo banale è facile. Anzi, trovo sia semplice scrivere una recensione uguale a tutte le altre e cerco sempre di metterci del mio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Questo delle 5W devo provarlo!

      Be', io ho parlato dei libri belli o di quelli che mi lasciano indifferente perché di solito con i libri brutti non ho problemi XD so sin da subito cosa non mi è piaciuto ^^"
      Be', io credo che nessuna recensione, a modo suo, sa banale. A meno che non sia troppo oggettiva, sia chiaro. In tal caso io nemmeno le leggo ^^"

      Elimina
  2. Ottimi consigli!
    Io avevo perso da un po' la vena recensionistica. Nun c'avevo voglia, ecco la verità. Ho fatto passare qualche settimana, prendendomela comoda anche con le letture e piano piano ho ricomincaito a scrivere. Ho recuperato solo quelle che mi andava di scrivere e per cui mi sentivo ispirata. Ecco, forse anche ralentare può essere un buon consiglio. Soprattutto se uno sente che scrive sempre le stesse cose.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Rallentare è sicuramente un ottimo consiglio, però quando hai delle "scadenze" (tra virgolette perché insomma, le ce e gli autori non ne danno, ma non mi sembra giusto pubblicare una recensione richiesta dopo due anni XD) e devi assolutamente pubblicare la recensione, ci si deve rimboccare le maniche ^^"

      Elimina
  3. Diciamo che seguo più o meno il tuo schema, anche se di solito faccio in mini prologo - mai più di cinque righe - per cui la storia inizia, sopratutto perché mi aiuta nella scrittura. Però delle volte sposto una parte prima o dopo, e delle volte non sono proprio in vena e scrivo una cosa un po' così XD Ma il più delle volte, ciò che scrivo male per me sembra piacere di più agli altri @.@

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lo schema serve soltanto per fare mente locale. Alla fine è normale spostare tutto, principalmente perché trama, personaggi, ecc. si intersecano tra di loro xD

      Elimina
  4. ahah sembra scritto per me! Oggi mi sono sbloccata recensendo Harry Potter.. i tuoi consigli sono utilissimi e proverò a seguirli quando i periodi di blocco arriveranno! XD

    RispondiElimina
  5. Post interessante, ammetto che ogni tanto fatico a trovare la voglia di mettermi al pc per scrivere una recensione... devo essere ispirata, ma se ci sono date o scadenze da rispettare c'è poco da fare. Neanche a me piace iniziare raccontando a parole mie la trama, lo trovo un passaggio inutile xD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. io invece fatico in quei periodi in cui leggo tanto e non ho tempo per scrivere recensioni. poi finisce che le accumulo e mi passa la voglia ç_ç

      Elimina
  6. Che carina! ❤ Secondo me hai scritto degli ottimi consigli e concordo sul riassunto della trama - non recensisco più, ma anche quando lo facevo non mi sono mai soffermata su quell'aspetto che trovo ridondante.
    Bravissima, davvero! :)

    RispondiElimina
  7. Io di solito per aiutarmi mi faccio un elenco delle cose che voglio dire riguardo al libro e poi le spunto a mano a mano che mi viene in mente come scriverle, ovviamente con la pagina dei sinonimi/contrari sempre aperta perché senza sarei persa AHAHAH

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ahahhahahahaa ecco questo lo faccio anche io a volte!
      Di più per ricordarmi di scrivere tutto, perché con la memoria che ho spesso mi scordo metà delle cose che voglio scrivere lol

      Elimina
  8. Le prime righe che hai scritto. Sempre. Ogni maledetta volta. XD
    Il post mi piace un sacco! Anche perché penso sia molto comune tra le blogger questo argomento. Personalmente, ogni volta che devo scrivere una recensione vado nel panico perché non so cosa scrivere e da dove cominciare (anche se anch'io seguo una specie di scaletta). Comunque, come hai detto tu, anch'io non posto la recensione sul blog se non riesco a buttare giù più di due parole (anche perché ho paura di scrivere cavolate (cosa che faccio ugualmente XD)): infatti, sul mio blog le recensioni non sono post molto comuni lol.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'inizio è sempre la parte più difficile xD
      io ho continuamente la sensazione di scrivere cavolate ahahahah

      Elimina
  9. Ottimi consigli!
    Non sai quante volte mi è capitato di dover recensire un libro e, una volta aperto blogger, le parole rimanessero incastrate dentro. Da un po' di tempo ho iniziato a scrivere un mini riassunto - senza spoiler ovviamente - del romanzo, perché mi aiuta a fare mente locale sulla storia e parlare del libro con più scioltezza e idee chiare.
    Ma c'è una cosa che mi mette in crisi più di tutte, non so se ti è mai capitata, ed è quando non ti vengono le parole! Sono i momenti peggiori, perché nella mia testa ho chiaro cosa voglio dire, ma non trovo le parole giuste per spiegarlo. Un vero dramma!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. io non trovo mai le parole XD pensa che spesso ho la sensazione di spiegarmi come un libro chiuso lol

      Elimina
  10. Un post molto interessante, soprattutto per chi come me ha spesso questo blocco del blogger e scrive le proprie opinioni sui libri in modo del tutto casuale, così come mi vengono sul momento. Dovrei essere un po' più schematica anche io, ma quando parlo di libri mi faccio prendere la mano.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Be', io credo che alla fine tutti scriviamo in maniera schematica, solo che lo facciamo involontariamente. quando le parole non vengono invece procedere così secondo me è un ottimo metodo perché riesci a mettere le idee per iscritto. Poi naturalmente le rielabori :)

      Elimina
  11. Post molto interessante e attuale, spesso faccio come te evito di recensirli se non ho voglia perchè non ne uscirebbe niente ma soprattutto mi capita con i libri che mi sono piaciuti ma non abbastanza (che hanno ottenuto una valutazione media) di scrivere la recensione anche settimane dopo la fine come se ho bisogno del tempo per metabolizzarlo ed esprimere in maniera reale quello che mi ha trasmesso. Per quanto riguarda il tuo schema è quello che seguo anch'io l'unica cosa è che non avevo pensato alle aspettative (forse perchè cerco di non essere prevenuta) ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vero, a volte anch'io ho bisogno di tempo per metabolizzare il tutto. Magari a primo impatto il libro potrebbe sembrarmi bellissimo ma poi, ripensandoci, mi rendo conto che non è niente di che XD

      Elimina
  12. sono ottimi consigli anche per chi non è proprio un blogger alle prime armi, in molti dovrebbero prendere spunto da questo post, leggo certe recensioni che fanno accapponare la pelle, in primis quelli che spoilerano tutta la trama fino alla fine, ma secondo te, dopo aver letto la tua recensione e te che mi racconti l'intera trama del libro che me ne faccio io di leggerlo? Dubito se la siano mai posti questa domanda -.-''

    RispondiElimina

Posta un commento

Scrivi pure il tuo parere. Rispondo appena possibile! Se non vedi subito il tuo commento è perché si trova in attesa di moderazione; lo vedrai solo una volta che sarà approvato (approvo TUTTI i commenti tranne lo spam; inoltre facendo così riesco a rispondere anche quando commenti un articolo scritto anni fa).

Post popolari in questo blog

L'estate nei tuoi occhi

Buon giorno divoratori ^^ notate nulla di diverso? Non avevo intenzione di cambiare template o, almeno, volevo mantenere quello precedente per qualche altra settimana e poi cambiarlo con uno estivo ma quando ho trovato questo pattern con le piume carinissimo, non ho potuto farne a meno! Ho cambiato giusto qualche cosa, non volevo fare grandi modifiche perché ho realizzato che più una grafica è semplice, più dura xD solitamente mi stufo subito di quelle complicatissime. Okay, bando alle ciance, oggi vi lascio questa recensione :3 Titolo: L'estate nei tuoi occhi (The summer trilogy #1) Autore: Jenny Han Editore: Piemme Anno: 2014 Due fratelli. Un vero amore. Belly misura il tempo in estati. Tutto ciò che di bello e magico è accaduto nella sua vita, è accaduto fra giugno e agosto. L'inverno è solo il periodo che la divide dalla prossima estate, dalla casa sulla spiaggia, da Susannah e i suoi due figli, da Conrad e Jeremiah. Loro sono gli amici con cui è cre

Recensione "Il principe crudele" di Holly Black (è davvero un flop?)

Ciao lettori, oggi vi lascio la recensione de " Il principe crudele ", una delle ultime fatiche di Holly Black , autrice che rientra tra le mie preferite perché fino a questo momento non mi ha mai delusa. Chissà come sarà andata questa volta? Leggete la mio opinione per scoprirlo ⇩ Titolo: Il principe crudele Autore: Holly Black Pagine: 313 Editore: Mondadori Anno: 2018 compralo a 9,99€ Jude era solo una bimba quando i suoi genitori furono brutalmente assassinati. Fu allora che sia lei che le sue sorelle vennero rapite e condotte nel profondo della foresta, nel mondo magico. Dieci anni dopo, l'orrore e i ricordi di quel giorno lontano e terribile ormai sfocati, Jude, ora diciassettenne, è stanca di essere maltrattata da tutti e soprattutto vuole sentirsi finalmente parte del luogo in cui è cresciuta, poco importa se non le scorre nemmeno una goccia di sangue magico nelle vene. Ma le creature che le stanno intorno disprezzano gli umani. E in particolare li dis

Recensione "Shatter me" di Tahereh Mafi

Miei cari divoratori, ho appena terminato Shatter me (ex Schegge di me) di Mafi Tahereh . Non ho potuto resistere un giorno in più per scrivere questa recensione: devo farlo adesso, per forza. Titolo: Shatter me Serie: Shatter me 1 Autore:  Tahereh  Mafi  Pagine: 275 Anno: 2012 Editore: Rizzoli Compralo a 8,99€ 264 giorni segregata in una cella, senza contatti con il mondo. Juliette non può parlare con nessuno, e nessuno deve avvicinarla, perché ha un potere terribile: se tocca una persona la uccide. Agli occhi dell'organizzazione che l'ha rapita il suo potere è un'arma stupefacente, per lei è una maledizione. Un giorno però nella cella viene spinto Adam. Juliette non vuole fargli del male, e così lo tiene a distanza. Ma Adam non sa del suo potere, e mentre lei dorme in preda agli incubi la prende tra le braccia per confortarla. Da quel momento tutto cambia, perché Adam, immune al tocco di Juliette, è l'unico che può accettarla così com'è. Insieme pr

Recensione “Facciamo finta che mi ami“ di Elena Armas

Ciao lettori, la sottoscritta (Giusy) è tornata con la recensione del ‘fenomeno di booktok‘, vale a dire Facciamo finta che mi ami di Elena Armas che forse qualcuno di voi conoscerà con il titolo originale The Spanish Love deception .    Titolo: Facciamo finta che mi ami Autrice: Elena Armas Pagine: 408 Editore: Newton Compton Editori Anno di pubblicazione: 2022 Compralo a 5,99€ La regola non era che mentire è concesso solo se può aiutare a tirarti fuori dai guai? Per molti sì, ma non per l’imbranatissima Catalina Martín. Lei è riuscita a infilarsi in un pasticcio di proporzioni incalcolabili, e invece di uscirne sembra sprofondare sempre più giù. Per darsi la zappa sui piedi le è bastato sapere che il suo ex fidanzato, Daniel, il bastardo per cui è scappata a New York dalla minuscola città spagnola dove è cresciuta, farà da testimone di nozze all’imminente matrimonio di sua sorella… accompagnato dalla stupenda nuova fidanzata. Al telefono Catalina è riuscita soltanto a dire che anch

La trilogia delle gemme: Red, Blue, Green.

Buongiorno divoratori :3 Oggi vi parlo della trilogia delle Gemme di Kerstin Gier che ho iniziato a dicembre e finito giusto ieri. Ovviamente non ci saranno spoiler e potete leggere la recensione anche se non avete ancora letto Red. Per le trame dei libri cliccate sulle cover :3 Red, Blue e Green sono state delle letture molto piacevoli ma non nego il fatto che le mie aspettative sono state un po' deluse. Ho sempre letto recensioni positivissime e su GR il rating più basso è di tipo quattro stelline o_o. Perciò potete capire le mie aspettative! Innanzitutto, se la Gier o la ce avesse deciso di pubblicare la trilogia in un unico libro, probabilmente lo avrei apprezzato molto di più. Red è molto introduttivo, nel senso che in trecento pagine non succede un bel niente. E non ha nemmeno un finale ._. finisce esattamente nel bel mezzo della storia (anzi, quale "mezzo" della storia? Questa storia ha praticamente solo l'inizio!). Stessa cosa con Blue , stessa

Recensione "queste gioie violente" di Chloe Gong

Buongiorno lettori, rieccomi da queste parti con la recensione di ‘queste gioie violente’ di Chloe Gong,  retelling di Romeo e Giulietta di William Shakespeare. Ringrazio la Mondadori per la copia digitale gentilmente offerta, ci tenevo tantissimo a leggere questa dilogia, avevo aspettative altissime che per fortuna sono state soddisfatte! Titolo : Queste gioie violente Autore : Chloe Gong Numero pagine : 396 Anno di pubblicazione : 2022 Casa editrice : Mondadori "Corre l'anno 1926 e a Shanghai, scintillante come non mai, si respira un'aria di dissolutezza. Una faida sanguinosa tra due gang nemiche tinge di rosso le strade, lasciando la città inerme nella morsa del caos. Al centro di tutto c'è la diciottenne Juliette Cai che, dopo un passato lontano dagli affari di famiglia, ha deciso ora di prenderne in mano le redini e assumere il ruolo che le spetta di diritto nella Gang Scarlatta, un'organizzazione di criminali completamente al di sopra della legge. Ma non sono

Gruppo di lettura serie "Il trono di ghiaccio" di Sarah J. Maas | dalle novelle prequel al quarto volume

Ciao lettori! Oggi sono felicissima di presentarvi un'iniziativa a cui tengo tantissimo! Voi sapete quanto mi piacciano i gruppi di lettura, ne organizzo almeno uno-due l'anno, ma questa volta si tratta di un'iniziativa più ambiziosa perché leggeremo una serie  (o almeno i libri che sono stati pubblicati al momento in italiano). Che io sia una fan de Il trono di ghiaccio ormai lo sanno pure i muri. Ogni occasione è buona per sottolinearlo. Nei prossimi mesi uscirà il quarto volume in italiano, quindi quale migliore occasione per (ri)leggerla? Sappiamo benissimo che in Italia spesso e volentieri le serie vengono interrotte e il fatto che la Mondadori ne stia portando avanti una che pensavamo tutti avesse fatto una brutta fine è un miracolo, per questo è importante pubblicizzarla , anche perché il quarto volume è un vero e proprio traguardo. Volume dopo volume spesso i lettori perdono interesse, quindi a questo punto è fondamentale far conoscere a più persone possibi

Recensione "Vampyria. La Corte delle Tenebre" di Victor Dixen

Buongiorno lettori! Oggi vi propongo una lettura che per me è stata una delusione totale con la recensione di "Vampyria. La Corte delle Tenebre" di Victor Dixen. Titolo: Vampyria. La corte delle Tenebre Autore: Victor Dixen Anno di pubblicazione: 2022 Editore: Salani Numero di pagine: 448 "Nell'Anno Domini 1715 , il Re Sole si è trasformato in un vampiro per diventare il Re delle Tenebre. Da allora regna come un assoluto despota sulla Vampyria: una coalizione di vasta portata congelata per sempre in un'epoca oscura, che comprende la Francia e i suoi regni vassalli.Tre secoli dopo, Jeanne, una giovane popolana, nel giro di una notte si ritrova orfana, scopre che la sua famiglia non era così ‘ordinaria’ come pensava e usurpa l'identità di una nobile per sopravvivere. Tutto questo la porta a Versailles: il luogo dove siede il tiranno all'origine di questo odioso sistema che ha dissanguato la sua famiglia. Quanto tempo riuscirà a sopravvivere?Tra horror, avve

Recensione "Nevernight. Mai dimenticare" di Jay Kristoff (o anche "Tutto quello che non mi è piaciuto del libro")

Ciao lettori, oggi recensione di Nevernight - Mai dimenticare , primo volume delle Cronache dell'Illuminotte , scritto da Jay Kristoff . Come già vi anticipo nel titolo, questo libro non mi è piaciuto. Adesso cercherò di spiegarvi per bene perché, cercando di evitare gli spoiler. Quei pochi che ho inserito sono stati oscurati, evidenziateli con il mouse per leggerli :D Titolo: Nevernight. Mai dimenticare Serie: Gli accadimenti di Illuminotte 1 Autore: Jay Kristoff Pagine: 462 Editore: Mondadori (Oscar Fantastica) Anno: 2019 (ita), 2016 (eng) Comprarlo a 17,00€ Destinata a distruggere imperi, Mia Corvere ha solo dieci anni quando riceve la sua prima lezione sulla morte. Sei anni dopo, la bambina cresciuta tra le ombre si avvia a mantenere la promessa che ha fatto il giorno in cui ha perso tutto. Ma le possibilità di sconfiggere nemici così potenti sono davvero esili, e Mia è costretta a trasformarsi in un'arma implacabile. Deve mettersi alla prova tra i nemici - e gl

Recensione "Crescent City. La casa di terra e sangue" di Sarah J. Maas

Ciao lettori, finalmente sono tornata (io, Giusy) con una nuova recensione. Il libro in questione è Crescent City - La casa di terra e sangue di Sarah J. Maas . Vi anticipo già che è stato un parto soffertissimo. Titolo: La casa di terra e sangue Serie: Crescent City 1 Autrice: Sarah J. Maas Pagine: 708 Editore: Mondadori Anno di pubblicazione: 2020 Compralo a 19,90€ Ventitré anni, mezza Fae e mezza umana, Bryce Quinlan ha una vita perfetta: di giorno lavora in una galleria d'arte e di notte passa da una festa all'altra, senza problemi e senza preoccupazioni. Quando però una brutale strage scuote profondamente Crescent City, la città in cui vive, e Bryce perde una persona a lei molto cara, il suo mondo crolla in mille pezzi lasciandola disperata, ferita e molto sola. Adesso non cerca più il divertimento, ma un oblio in grado di farle dimenticare i terribili fatti che hanno cambiato la sua vita per sempre. Due anni dopo l'imputato è finalmente dietro le sbarre ma i crimini r