Passa ai contenuti principali

Special #18 Blocco del "blogger" pt. 1 - consigli per scrivere una recensione quando non siamo ispirati

Blocco del blogger pt. I (perché sì, ci sarà la pt. II che scriverò più in là)
Accendete il computer, entrate su blogger, create un nuovo post, provate a scrivere una recensione e non riuscite a buttare giù nemmeno mezza riga.

Scommetto che si tratta di una situazione abbastanza ricorrente tra i book blogger. Vero?
A me spesso capita per i libri che mi lasciano indifferenti. Soluzione? Non scrivo la recensione. Alla fine, mica è obbligatorio, no? A meno che il libro non ci è stato inviato dall'autore o dalla casa editrice. In quel caso, dato che ci siamo presi un impegno, è giusto rispettarlo.
Personalmente mi capita anche con i libri che mi sono piaciuti talmente tanto da lasciarmi senza parole. Ecco, in quel caso non sarebbe giusto verso il libro stesso, perché tutti hanno bisogno di sapere quanto è meraviglioso.

Oggi voglio condividere con voi il metodo che utilizzo quando non riesco a scrivere una recensione, ma, per una serie di motivi appunto, devo pubblicarla necessariamente. Ovviamente ognuno ha i suoi metodi e, se volete, potete benissimo condividerli con noi.



Il mio metodo consiste nel creare uno schema con gli aspetti principali del libro: introduzione, trama, personaggi, stile, piacevolezza e conclusione. In particolare si tratta degli stessi parametri che utilizzo per dare una valutazione al libro.

Nell'introduzione, ovvero la parte che precede il commento vero e proprio, spesso spiego perché ho letto il libro, le mie aspettative e, infine, se queste aspettative sono state rispettate o meno. Spesso il giudizio finale della lettura dipende dalle nostre aspettative, per questo ci tengo a scrivere se ho iniziato la lettura prevenuta o meno.

Dopo una breve introduzione, passo alla storia.
So che molti di voi fanno un riassunto della trama, ma a me non piace farlo per alcuni motivi: (a) io non lo leggo mai - e se non lo faccio io perché devono farlo gli altri lettori? -, (b) voglio godermi la lettura e non mi interessano altri dettagli, - se un libro mi incuriosisce, voglio buttarmi sulla lettura senza sapere niente di più - (c) conosco già la trama - e, se non la conosco, posso benissimo leggerla dalla scheda del libro - , (d) di solito sono riassunti troppo lunghi - io voglio sapere cosa pensi del libro, altrimenti non avrei aperto la tua recensione. Insomma, mi sembrano motivi ben validi per saltare questa parte. In casi particolari però mi capita di fare brevi cenni alla trama, in particolare quando è necessario per spiegare meglio un determinato passaggio o personaggio che mi è piaciuto (o no).

Ma torniamo alla trama, che di solito divido in tre sezioni: incipit (la storia ci mette un po' a prendermi o mi ha catturata subito? E' stato noioso? Confuso?), svolgimento (arrivato a questo punto la storia diventa incalzante o rallenta? Ho perso interesse o continua ad incuriosirmi?) e finale (è degno della storia? Mi ha deluso? E' perfetto? Troppo frettoloso?).

Poi passo ai personaggi. C'è poco da dire. Parlo innanzitutto del protagonista, per poi passare ai personaggi secondari e, infine, alla parte romantica, sempre se ci sia nella storia.
Mi sono piaciuti? Sono irritanti? Sono piatti? Sono ben descritti?

Sullo stile dell'autore a volte non mi soffermo troppo, specie quando la lettura mi ha coinvolto tantissimo. Infatti questo è il requisito minimo che richiedo ad un autore, ovvero che riesca a coinvolgermi, poco importa il modo in cui lo narra. Oddio, come è scritta una storia è sicuramente importante, ma una volta che riesce a catturarti in un certo senso passa in secondo piano. Certo, mi fanno girare le palle quando nella storia inserisce dettagli che al fine della storia servono a ben poco. Insomma, parlo di questo. Se l'ho trovato prolisso o conciso, e così via.

La piacevolezza di una storia. Leggiamo per diletto, quindi se un libro è piacevole poco importa del resto. E infine, la conclusione. Il nostro parere sul libro riassunto in due righe (o anche meno).

Una volta fatto questo "lavoro" non dovete fare altro che collegare tra di loro i vari aspetti del libro. Vi assicuro che sarà molto più semplice in questo modo perché tutto ciò che avete scritto si incastrerà perfettamente.

Naturalmente io non voglio spiegarvi come dovete scrivere la recensione. E' solo un consiglio che potete prendere in considerazione quando l'ispirazione viene meno o, per chi magari è nuovo nel mondo di blogger e non ha idea di come mettere giù i propri pensieri. Probabilmente la me di tre e anni e mezzo fa avrebbe apprezzato questo post. Spero che lo apprezziate anche voi e, se avete altri consigli, mi piacerebbe molto leggerli!

Commenti

  1. Ciao! Anche io come te utilizzo uno schema per recensire (malissimo) i libri letti. Mi rifaccio però al più semplice schema delle 5W imparato alle medie. E' più banale e molto più semplice ma a volte mi aiuta.

    Mi aiuta soprattutto quando partire è la parte più difficile. Che si tratti di un bel libro o di un pessimo libro non ha importanza. Per scelta recensisco tutto quello che leggo ma non sempre scrivere una recensione non troppo banale è facile. Anzi, trovo sia semplice scrivere una recensione uguale a tutte le altre e cerco sempre di metterci del mio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Questo delle 5W devo provarlo!

      Be', io ho parlato dei libri belli o di quelli che mi lasciano indifferente perché di solito con i libri brutti non ho problemi XD so sin da subito cosa non mi è piaciuto ^^"
      Be', io credo che nessuna recensione, a modo suo, sa banale. A meno che non sia troppo oggettiva, sia chiaro. In tal caso io nemmeno le leggo ^^"

      Elimina
  2. Ottimi consigli!
    Io avevo perso da un po' la vena recensionistica. Nun c'avevo voglia, ecco la verità. Ho fatto passare qualche settimana, prendendomela comoda anche con le letture e piano piano ho ricomincaito a scrivere. Ho recuperato solo quelle che mi andava di scrivere e per cui mi sentivo ispirata. Ecco, forse anche ralentare può essere un buon consiglio. Soprattutto se uno sente che scrive sempre le stesse cose.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Rallentare è sicuramente un ottimo consiglio, però quando hai delle "scadenze" (tra virgolette perché insomma, le ce e gli autori non ne danno, ma non mi sembra giusto pubblicare una recensione richiesta dopo due anni XD) e devi assolutamente pubblicare la recensione, ci si deve rimboccare le maniche ^^"

      Elimina
  3. Diciamo che seguo più o meno il tuo schema, anche se di solito faccio in mini prologo - mai più di cinque righe - per cui la storia inizia, sopratutto perché mi aiuta nella scrittura. Però delle volte sposto una parte prima o dopo, e delle volte non sono proprio in vena e scrivo una cosa un po' così XD Ma il più delle volte, ciò che scrivo male per me sembra piacere di più agli altri @.@

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lo schema serve soltanto per fare mente locale. Alla fine è normale spostare tutto, principalmente perché trama, personaggi, ecc. si intersecano tra di loro xD

      Elimina
  4. ahah sembra scritto per me! Oggi mi sono sbloccata recensendo Harry Potter.. i tuoi consigli sono utilissimi e proverò a seguirli quando i periodi di blocco arriveranno! XD

    RispondiElimina
  5. Post interessante, ammetto che ogni tanto fatico a trovare la voglia di mettermi al pc per scrivere una recensione... devo essere ispirata, ma se ci sono date o scadenze da rispettare c'è poco da fare. Neanche a me piace iniziare raccontando a parole mie la trama, lo trovo un passaggio inutile xD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. io invece fatico in quei periodi in cui leggo tanto e non ho tempo per scrivere recensioni. poi finisce che le accumulo e mi passa la voglia ç_ç

      Elimina
  6. Che carina! ❤ Secondo me hai scritto degli ottimi consigli e concordo sul riassunto della trama - non recensisco più, ma anche quando lo facevo non mi sono mai soffermata su quell'aspetto che trovo ridondante.
    Bravissima, davvero! :)

    RispondiElimina
  7. Io di solito per aiutarmi mi faccio un elenco delle cose che voglio dire riguardo al libro e poi le spunto a mano a mano che mi viene in mente come scriverle, ovviamente con la pagina dei sinonimi/contrari sempre aperta perché senza sarei persa AHAHAH

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ahahhahahahaa ecco questo lo faccio anche io a volte!
      Di più per ricordarmi di scrivere tutto, perché con la memoria che ho spesso mi scordo metà delle cose che voglio scrivere lol

      Elimina
  8. Le prime righe che hai scritto. Sempre. Ogni maledetta volta. XD
    Il post mi piace un sacco! Anche perché penso sia molto comune tra le blogger questo argomento. Personalmente, ogni volta che devo scrivere una recensione vado nel panico perché non so cosa scrivere e da dove cominciare (anche se anch'io seguo una specie di scaletta). Comunque, come hai detto tu, anch'io non posto la recensione sul blog se non riesco a buttare giù più di due parole (anche perché ho paura di scrivere cavolate (cosa che faccio ugualmente XD)): infatti, sul mio blog le recensioni non sono post molto comuni lol.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'inizio è sempre la parte più difficile xD
      io ho continuamente la sensazione di scrivere cavolate ahahahah

      Elimina
  9. Ottimi consigli!
    Non sai quante volte mi è capitato di dover recensire un libro e, una volta aperto blogger, le parole rimanessero incastrate dentro. Da un po' di tempo ho iniziato a scrivere un mini riassunto - senza spoiler ovviamente - del romanzo, perché mi aiuta a fare mente locale sulla storia e parlare del libro con più scioltezza e idee chiare.
    Ma c'è una cosa che mi mette in crisi più di tutte, non so se ti è mai capitata, ed è quando non ti vengono le parole! Sono i momenti peggiori, perché nella mia testa ho chiaro cosa voglio dire, ma non trovo le parole giuste per spiegarlo. Un vero dramma!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. io non trovo mai le parole XD pensa che spesso ho la sensazione di spiegarmi come un libro chiuso lol

      Elimina
  10. Un post molto interessante, soprattutto per chi come me ha spesso questo blocco del blogger e scrive le proprie opinioni sui libri in modo del tutto casuale, così come mi vengono sul momento. Dovrei essere un po' più schematica anche io, ma quando parlo di libri mi faccio prendere la mano.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Be', io credo che alla fine tutti scriviamo in maniera schematica, solo che lo facciamo involontariamente. quando le parole non vengono invece procedere così secondo me è un ottimo metodo perché riesci a mettere le idee per iscritto. Poi naturalmente le rielabori :)

      Elimina
  11. Post molto interessante e attuale, spesso faccio come te evito di recensirli se non ho voglia perchè non ne uscirebbe niente ma soprattutto mi capita con i libri che mi sono piaciuti ma non abbastanza (che hanno ottenuto una valutazione media) di scrivere la recensione anche settimane dopo la fine come se ho bisogno del tempo per metabolizzarlo ed esprimere in maniera reale quello che mi ha trasmesso. Per quanto riguarda il tuo schema è quello che seguo anch'io l'unica cosa è che non avevo pensato alle aspettative (forse perchè cerco di non essere prevenuta) ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vero, a volte anch'io ho bisogno di tempo per metabolizzare il tutto. Magari a primo impatto il libro potrebbe sembrarmi bellissimo ma poi, ripensandoci, mi rendo conto che non è niente di che XD

      Elimina
  12. sono ottimi consigli anche per chi non è proprio un blogger alle prime armi, in molti dovrebbero prendere spunto da questo post, leggo certe recensioni che fanno accapponare la pelle, in primis quelli che spoilerano tutta la trama fino alla fine, ma secondo te, dopo aver letto la tua recensione e te che mi racconti l'intera trama del libro che me ne faccio io di leggerlo? Dubito se la siano mai posti questa domanda -.-''

    RispondiElimina

Posta un commento

Scrivi pure il tuo parere. Rispondo appena possibile! Se non vedi subito il tuo commento è perché si trova in attesa di moderazione; lo vedrai solo una volta che sarà approvato (approvo TUTTI i commenti tranne lo spam; inoltre facendo così riesco a rispondere anche quando commenti un articolo scritto anni fa).

Post popolari in questo blog

Recensione "Il principe crudele" di Holly Black (è davvero un flop?)

Ciao lettori, oggi vi lascio la recensione de " Il principe crudele ", una delle ultime fatiche di Holly Black , autrice che rientra tra le mie preferite perché fino a questo momento non mi ha mai delusa. Chissà come sarà andata questa volta? Leggete la mio opinione per scoprirlo ⇩ Titolo: Il principe crudele Autore: Holly Black Pagine: 313 Editore: Mondadori Anno: 2018 compralo a 9,99€ Jude era solo una bimba quando i suoi genitori furono brutalmente assassinati. Fu allora che sia lei che le sue sorelle vennero rapite e condotte nel profondo della foresta, nel mondo magico. Dieci anni dopo, l'orrore e i ricordi di quel giorno lontano e terribile ormai sfocati, Jude, ora diciassettenne, è stanca di essere maltrattata da tutti e soprattutto vuole sentirsi finalmente parte del luogo in cui è cresciuta, poco importa se non le scorre nemmeno una goccia di sangue magico nelle vene. Ma le creature che le stanno intorno disprezzano gli umani. E in particolare li dis

TBR Febbraio 2014

Oggi sono troppo pigra per scrivere un qualsiasi post di senso compiuto, perciò ho deciso di scrivere un post a random. Molti post pubblicano questa rubrica (?) boh, chiamatela come volete, sui libri che pensano di leggere in un determinato mese e preparatevi, sta per arrivare la mia lista to be read che scommetto non ne leggerò nemmeno io, yuppi di Febbraio! In occasione della Theme Reading Challenge , ho deciso di leggere Scarlett , secondo libro della serie Cronache lunari -sto leggendo il primo, Cinder , e lo sto adorando **-. Alcuni partecipanti hanno suggerito Cacciatrici , ispirato a Cappuccetto rosso, e Alice in Zombieland , ispirato a Alice nel Paese delle Meraviglie, che d'altronde era anche nella mia wishlist! Le trame promettono bene! Per la sfida di Denise From Reading To Reading , ho deciso di leggere alcuni libri presenti anche nella mia wishlist, come Delirium.  Sono anche stra-curiosa di leggere Perfetto di Alessia Esse,   Legend di Marie Lu

Recensione La confraternita del pugnale nero: Il risveglio, J. R. Ward

Buon pomeriggio, lettori. Oggi vi parlo del primo volume della saga " La confraternita del pugnale nero " di J. R. Ward . E' stata una lettura piena di alti e bassi ma che alla fine mi è piaciuta. Titolo: Il risveglio Saga: La confraternita del pugnale nero #1 Autore: J. R. Ward Pagine: 443 Anno: 2010 Editore: Rizzoli Beth Randall è una giovane cronista di nera in un giornale di provincia, a Caldwell NY. Abituata ad aggirarsi tra colleghi giornalisti, poliziotti e delinquenti che non le staccano gli occhi di dosso, ha imparato a tenerli a bada. Quando uno sconosciuto entra nel suo appartamento forzando con naturalezza la porta, Beth dovrebbe urlare e tentare la fuga. Invece è travolta e si abbandona a un desiderio che non ha mai provato prima. Il terrore viene dopo, quando Wrath le parla di Darius, il padre che Beth non ha mai conosciuto, e che gli ha affidato il compito di assisterla e proteggerla. Perché Darius e Wrath appartengono a una stirpe di vampiri da

Ottobre | Challenge + TBR + Theme Reading Challenge.

Buon pomeriggio divoratori  ♥ . Ho appena terminato La via di fuga. Vi dico solo che è amore  ♥ . Dunque, oggi non mi perderò in chiacchiere, perciò iniziamo subito! Questo mese ho letto cinque libri - Scrivimi ancora, The One, Città di carta, Città del fuoco celeste e La corona di mezzanotte - e una novella - Destroy me -.  Sfide 100 libri in un anno : 64\100 Monthly Keywords:  ed anche questo mese non ho combinato nulla ._. Un libro per ogni lettera dell'alfabeto:   schifo totale anche qui 10 libri di autori italiani:   no comment che è meglio Serie : oh, forse ultimamente faccio progressi sono per quanto riguarda le serie! Serie iniziate : 0, grande progresso U.U \\ serie continuate : 3, non contando La via di fuga che ho terminato oggi. \\ Serie concluse : 1. Ero tutta felice perché pensavo di averne concluso due..invece poi mi sono ricordata che The Selection non sarà più una trilogia çwç  Reading Bingo:  Un bestseller (COHF) Young Adult Reading Bingo;  Un

Gruppo di lettura "La corsa delle onde". Inizio tappa #1

Buon pomeriggio, divoratori c: Oggi è il gran giorno! Siete pronti per iniziare questa nuova avventura? È il primo giorno di novembre e quindi, oggi, qualcuno morirà. Anche se il sole splende radioso, il gelido mare d’autunno ha i colori della notte: blu scuro, marrone e nero. Osservo le tracce mutevoli nella sabbia calpestata da innumerevoli zoccoli. Fanno correre i cavalli sulla spiaggia, una pallida striscia fra l’acqua scura e le bianche scogliere di gesso. Non è mai un posto sicuro, ma non è mai tanto pericoloso quanto oggi, il giorno della corsa. In questo periodo dell’anno, vivo e respiro la spiaggia. Ho le guance ruvide a causa della sabbia sollevata dal vento e le cosce irritate dall'abituale attrito con la sella. Mi fanno male le braccia per lo sforzo di trattenere un cavallo da duemila libbre. Ho dimenticato cosa si prova a stare al calduccio, cosa significa un’intera notte di sonno e come suona il mio nome pronunciato con un tono normale invece di essere gridato

Gruppo di lettura serie "Il trono di ghiaccio" di Sarah J. Maas | dalle novelle prequel al quarto volume

Ciao lettori! Oggi sono felicissima di presentarvi un'iniziativa a cui tengo tantissimo! Voi sapete quanto mi piacciano i gruppi di lettura, ne organizzo almeno uno-due l'anno, ma questa volta si tratta di un'iniziativa più ambiziosa perché leggeremo una serie  (o almeno i libri che sono stati pubblicati al momento in italiano). Che io sia una fan de Il trono di ghiaccio ormai lo sanno pure i muri. Ogni occasione è buona per sottolinearlo. Nei prossimi mesi uscirà il quarto volume in italiano, quindi quale migliore occasione per (ri)leggerla? Sappiamo benissimo che in Italia spesso e volentieri le serie vengono interrotte e il fatto che la Mondadori ne stia portando avanti una che pensavamo tutti avesse fatto una brutta fine è un miracolo, per questo è importante pubblicizzarla , anche perché il quarto volume è un vero e proprio traguardo. Volume dopo volume spesso i lettori perdono interesse, quindi a questo punto è fondamentale far conoscere a più persone possibi

L'estate nei tuoi occhi

Buon giorno divoratori ^^ notate nulla di diverso? Non avevo intenzione di cambiare template o, almeno, volevo mantenere quello precedente per qualche altra settimana e poi cambiarlo con uno estivo ma quando ho trovato questo pattern con le piume carinissimo, non ho potuto farne a meno! Ho cambiato giusto qualche cosa, non volevo fare grandi modifiche perché ho realizzato che più una grafica è semplice, più dura xD solitamente mi stufo subito di quelle complicatissime. Okay, bando alle ciance, oggi vi lascio questa recensione :3 Titolo: L'estate nei tuoi occhi (The summer trilogy #1) Autore: Jenny Han Editore: Piemme Anno: 2014 Due fratelli. Un vero amore. Belly misura il tempo in estati. Tutto ciò che di bello e magico è accaduto nella sua vita, è accaduto fra giugno e agosto. L'inverno è solo il periodo che la divide dalla prossima estate, dalla casa sulla spiaggia, da Susannah e i suoi due figli, da Conrad e Jeremiah. Loro sono gli amici con cui è cre

Libri che devo assolutamente avere (anteprime di aprile #1)

Devo ancora pubblicare alcune anteprime di marzo, ma appena ho ricevuto la mail della De Agostini ho mandato tutto a quel paese e ho deciso di pubblicare questo post. Sono troppo  felice per attendere oltre, perciò vi presento due delle uscite più interessanti del mese di aprile che non vedo l'ora di avere nelle mie mani *w* Una sfida come te di Katie McGarry De Agostini,  26 Aprile 2016 Ottimi voti, stile impeccabile e una carriera di successo: ecco cosa si aspettano tutti da Rachel Young. Specialmente la sua numerosa e assillante famiglia. Ma nessuno sospetta che dietro quella maschera di perfezione si nasconda una ragazza fragile con una lista interminabile di segreti. Segreti inconfessabili come la passione per la velocità e le auto da corsa. O come Isaiah, il bad boy dai penetranti occhi grigi che una notte la aiuta a sfuggire alla polizia. Isaiah rimane subito affascinato dal sorriso dolce e innocente di Rachel, ma l’ultima cosa di cui ha bisogno è rimanere invisch

Recensione Wicked. Vita e opere della perfida strega dell'Ovest - Perché dovreste leggerlo

Wicked. Vita e opere della perfida strega dell’Ovest  romanzo di Gregory Maguire del 1995 è una delle imminenti Oscar Vault . Di seguito una recensione del libro che ho avuto l’opportunità di leggere in anteprima!  << Elfaba, la Perfida Strega dell'Ovest "Per definizione, il male si nasconde." Glinda "Sono ricca sfondata, l'avresti mai detto? Chi immaginava che la beneficenza fosse così redditizia?" Principessa Elefantessa Nastoya "Quando ci troviamo di fronte a un bivio, quando l'aria puzza di tragedia, a rimetterci sono coloro che non indossano una maschera." Il Mago di Oz "Il punto, mia verde fanciulla, è che non tocca a una giovane, né a una studentessa, né a una cittadina decidere ciò che è giusto e ingiusto. È compito dei capi." Dottor Dillamond "Cosa pensate che intendesse Madame Morribile concludendo il secondo Quell con l'epigramma 'Animali, abbassate la cresta'!" Madame Morribile "Con il pass

Recensione "Vampyria. La Corte delle Tenebre" di Victor Dixen

Buongiorno lettori! Oggi vi propongo una lettura che per me è stata una delusione totale con la recensione di "Vampyria. La Corte delle Tenebre" di Victor Dixen. Titolo: Vampyria. La corte delle Tenebre Autore: Victor Dixen Anno di pubblicazione: 2022 Editore: Salani Numero di pagine: 448 "Nell'Anno Domini 1715 , il Re Sole si è trasformato in un vampiro per diventare il Re delle Tenebre. Da allora regna come un assoluto despota sulla Vampyria: una coalizione di vasta portata congelata per sempre in un'epoca oscura, che comprende la Francia e i suoi regni vassalli.Tre secoli dopo, Jeanne, una giovane popolana, nel giro di una notte si ritrova orfana, scopre che la sua famiglia non era così ‘ordinaria’ come pensava e usurpa l'identità di una nobile per sopravvivere. Tutto questo la porta a Versailles: il luogo dove siede il tiranno all'origine di questo odioso sistema che ha dissanguato la sua famiglia. Quanto tempo riuscirà a sopravvivere?Tra horror, avve