Passa ai contenuti principali

Perché ho deciso di togliere il rating nelle recensioni

Sono mesi (se non anni xD) che ci penso e alla fine mi sono decisa. Toglierò il sistema di rating\valutazione nelle recensioni. Ho deciso di annunciarlo in un post così eviterò di scriverlo ogni volta che vi parlo di un libro. Perché ho deciso di fare così? Adesso vi spiego la mia scelta.

Non sono capace di tradurre le emozioni che ho provato durante la lettura in stelline. Secondo me non si può semplicemente ridurre un giudizio con un voto, un po' come a scuola quando i professori danno la valutazione. Ecco, come una persona non è un numero(cosa che mi dicevano sempre i professori), credo, anzi ne sono sicurissima, che nemmeno un libro lo è.

Il secondo motivo è che alcune stelline di un libro possono valere più o meno di altre stelline. Nel senso, a volte mi capita di dare quattro stelline a due libri diversi, ma spesso uno dei due libri mi è piaciuto più dell'altro, nonostante la valutazione sia la stessa. Ci sono libri da cinque stelline più belli di altri libri da cinque stelline e sinceramente un po' mi dispiace dare la stessa valutazione quando un libro mi è piaciuto più dell'altro, ma dare quattro stelline e settantacinque sembra comunque pochino. Poi mettiamoci che sono un'indecisa cronica quando si tratta di dare una valutazione, della serie che mi faccio diecimila complessi e magari poi leggo un altro libro e mi pento di aver dato troppe stelline a quello precedente.

Insomma, sono c o m p l e s s a t a.
Perciò togliamo le stelline e problema risolto.

So che molti di voi vivono a pane e rating (ok, è brutta) e mi dispiace tanto se quando leggeranno una mia recensione non troveranno nessuna valutazione, però non mi trovo bene e non vedo motivo per cui dovrei continuare a dare un voto se non sono nemmeno convinta della valutazione.

Ok, ho finito. Non so quando mi troverete di nuovo qui perché domani sono tutto il giorno a lezione (otto ore di informatica per la grafica, OTTO FOTTUTE ORE, AIUTO) e 'sti geni mi hanno messo lezione anche di sabato. Sicuramente domenica o la prossima settimana pubblicherò un'altra recensione (sì stanno accumulando, *piange*). Nel caso in cui non dovessi scrivere, buon fine settimana c:

Commenti

  1. Io capisco la tua scelta! Per quanto io sia una di quelle che controlla subito il rating della recensione di un libro, spesso mi capita di non saper dare immediatamente un voto e ci penso su parecchio, quindi ti capisco!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche a me a volte capita di guardare subito il voto, specialmente se il libro in questione non mi ha colpita particolarmente e così sono sicura di leggere una recensione con cui potrei confrontarmi, però aldilà di questo poco mi importa c:

      Elimina
  2. ahahah alla fine ti sei decisa! Mi ricordo che avevamo fatto questo discorso!
    Io sono ancora in dubbio sul se eliminarle o no!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Già! Sono stanca di esasperarmi, voglio essere più "libera" ^^"

      Elimina
  3. Sono più le volte che non le metto di quelle che mi ricordo di farlo, ahah

    Capendo benissimo le tue motivazioni, non mi farà differenza vederle o meno. Anzi, per me, il rating vale ben poco quando é accompagnato da una recensione:)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ahahah
      Sono felice di sapere che qualcuno approva, perché una volta avevo fatto un sondaggio su facebook e gran parte diceva di preferire una recensione con le stelline :\

      Elimina
  4. Ciao Giusy, capisco perfettamente la tua decisione, mi trovo spesso nella situazione di non riuscire a dare un rating preciso e molte volte finisco col fare discorsi complessi nelle recensioni solo per spiegare il significato di quelle stelline xD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ecco, problemi in meno XD io a volte nemmeno riuscito a spiegare il perché del voto così alto ed erano più i difetti dei pregi XD

      Elimina
  5. Capisco la tua scelta, anche se il rating che viene dato a un titolo non lo guardo mai perchè so benissimo che è una valutazione molto personale. Molte volte ho amato libri che altri hanno giudicato mediocri o il contrario. Io lo metto più che altro come una sorta di "emoziometro" XD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vero, anche per me spesso indica il livello di piacevolezza di un libro ^^

      Elimina
  6. In parte sono d'accordo con te perché a vole ho difficoltà a decidermi per esempio tra un 3 - libro mediocre, ma accettabile - e un 4 - libro che rileggerei volentieri-, oppure ci sono periodi in cui uno dopo l'altro leggo libri che mi piacciono sempre di più ma magari ho già dato un 5 al primo e che faccio con gli altri, 5 al 6?
    E se i personaggi sono fantastici e ben costruiti, ma la storia fa acqua da tutte le parti, voto bello o voto brutto?
    Oppure quando capita che al momento sembra il più bel libro mai letto, poi dopo qualche giorno ti accorgi che in realtà eri solo presa dall'entusiasmo...che fai cambi il voto?
    Poi cambia anche da genere a genere la valutazione...insomma, quasi quasi hai convinto anche me! o_o

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ahahaha ecco, quelli sono anche alcuni dei miei dilemmi! Soprattutto quando vengo presa dall'entusiasmo, ma dopo alcuni giorno (o magari anche settimane, mesi) penso che in realtà non fosse tutta questa gran cosa XD

      Elimina
  7. Ti capisco bene, il rating a volte mette in difficoltà anche me, anche perché non sempre gli stessi voti vanno bene per tutti i libri e quantificare con un numero quello che un romanzo ci ha trasmesso per me è un po' riduttivo.
    È da un po' di tempo che anch'io sto meditando di togliere il rating e mi sa che prima o poi eliminerò.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi fa piacere di sapere che ti trovi d'accordo. A volte il giudizio cambia anche in base al genere di libro, secondo me c:

      Elimina
  8. Ti capisco, soprattutto per quanto riguarda le stelline che valgono più di altre. Il rating lo uso solo su goodreads e anobii, ma nelle recensioni del blog ho lasciato perdere :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E anch'io credo continuerò a votare su GR, però sembra in maniera abbastanza "generale".

      Elimina
  9. Hai fatto bene a toglierlo, se ti dava i problemi... e poi il blog è il tuo eheh xD Io invece non ho problemi ad assegnare le stelline a fine lettura, tranne casi particolari dove ci penso sopra un pò prima di decidermi. Quello che mi frega è il tempo, cioè a distanza di tempo se vedo che a un libro ho dato tre stelline mi dico che forse ne voleva di più, o di meno.
    Ma alla fin fine la stellina passa, se il libro mi rimane in testa e nel cuore, non basteranno tutte le stelline di Goodreads per valutare quel libro :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Esatto, per questo voglio evitare le valutazioni xD a volte un libro a cui ho assegnato cinque stelline dopo un po' di tempo scompare del tutto dalla mia testa..oppure mi chiedo: ma mi è davvero piaciuto così tanto? Time is a bitch XD

      Elimina
  10. Ciao Giusy! :) Anche io sono arrivata alla tua stessa conclusione, soprattutto per il secondo motivo che hai indicato: ci sono libri che valgono cinque stelline, ce ne sono altri che valgono anche loro cinque stelline, ma sono stelline diverse ... Insomma, ci siamo capite ^^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì ahahah xD mi fa piacere sapere di non essere l'unica :D

      Elimina
  11. Ti capisco perfettamente e se non ti ci trovavi più hai fatto bene a toglierlo. Mi sto rendendo conto che è più difficile di quanto pensassi e spesso mi maledico per aver dato un voto alto quando potevo stare più stretta perché paragonato ad altri libri è inferiore...boh, è davvero un dilemma ahah! XD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ecco ahahah quello che voglio evitare XD che poi io sono la persona più indecisa sulla terra lol

      Elimina
  12. Ti dirò la verità: ultimamente ci stavo pensando anch'io. Come dici tu ci sono cinque stelline e cinque stelline. Cioè, per esempio, se do 5 stelline a un libro della Stiefvater e 5 a un dramma di Shakespeare, beh il voto è lo stesso ma è chiaro che lui è su un piano totalmente diverso da lei...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Infatti, cambia anche in base al genere di libri. E' ovvio che un classico sarà sempre di un altro livello rispetto a dei libri contemporanei :)

      Elimina
  13. Capisco la tua scelta perchè delle volte è sempre difficile, ho creato un post in cui ne parlavo proprio per questo motivo. Se la scelta ti fa sentire più libera allora hai fatto benissimo. Io credo invece che resti comunque una cosa importante anche se difficile e credo che la terrò ancora

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Boh, secondo me è il commento che conta, non le stelline..ma capisco che per qualcuno non è così!

      Elimina
  14. Penso che questo dramma valga per tutti i blogger o, semplicemente, per tutti i lettori! Alcune volte mi viene anche il senso di colpa!! Pensa che quando metto cinque stelline ad un libro poi penso che le ho messe anche ad Il Signore degli Anelli e, per me, nessun libro è paragonabile a quello! Infatti, adesso su goodreads cerco sempre di farne anche una piccola recensione perché solo con il voto mi sembra quasi di non far capire bene se mi è piaciuto o meno.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. AHAHHAH anch'io mi sento in colpa..e odio sentirmi in colpa XD Di più perché mi sembra di mancare di rispetto ai lettori, che potrebbero che potrebbero sentirsi presi in giro!

      Elimina
  15. Le stelline mandano sempre in crisi anche me, ma mi obbligo a metterle perché col passare del tempo io mi dimentico praticamente tutto, quindi ogni tanto per sapere se un libro mi era piaciuto o meno mi affido alle stelline e poi da lì cerco di ricordarmi altro del libro in questione. Però devo ammettere che le tre stelline sono il mio incubo perché magari il libro mi era piaciuto ma obiettivamente non meritava di più o magari non mi era piaciuto,ma la colpa era più mia che sua... :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Guarda, io potrei dimenticare anche tutta la storia, ma se un libro mi ha lasciato sentimenti negativo o positivi non lo dimentico sicuramente XD quindi da questo punto di vista non ho problemi!! E capita anche a me di assegnare un voto basso per colpa mia, più che per il libro!

      Elimina
  16. Sono d'accordissimo con te. Anche io mi trovo sempre in difficoltà e trovo che il rating sia molto limitante (anche aggiungendo la mezza stellina non è abbastanza). Io ho tutta una serie di libri messi nel limbo delle 3 stelline ma che in realtà non mi sono piaciuti tutti nello stesso modo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ah, io invece ho dato quattro stelline a tantissimi libri XD

      Elimina
  17. Ti capisco!!molte volte guardando le vecchie recensioni, mi chiedo se ero ubriaca quando ho dato quattro stelline a certi libri...
    Alcuni libri sono belli solo perchè letti in un momento particolare..e quando passa..diciamo che è come ripensare agli ex...ci si chiede cosa avevamo visto in quella scimmia, ma in effetti le emozioni erano vere in quel momento...
    Effetto collaterale del rating poi, è che i lettori pigri saltano direttamente alle stelline e magari non leggono la recensione...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. AHAHAH mi piace il paragone con gli ex XD be', sì, il lato negativo è che molti guardano soltanto il rating, ma vabbè..

      Elimina
  18. Concordo su tutto ma su tutto quanto quello che hai detto. E' difficile esprimere l'emozione che ci regala un libro. Però anch'io ultimamente mi sono trovata in difficoltà e come te penso che ci sono quei libri con lo stesso voto ma percepiti in maniera diversa. Per esempio ho trovato difficoltà con La moglie del califfo perché non sapevo se dargli 4 o quattro e mezzo. Alla fine gli ho dato 4 perché c'erano alcune cose che non mi avevano convinta e poi perché ho paura di pentirmi dopo qualche tempo per avergli dato un voto più altoo. E per alcuni libri è capitato perciò ci vado più cauta.
    Io sono una di quelle pane e rating ;D così capisco meglio se acquistare un libro o meno. Il voto per me è importantissimo ma chissà... forse un giorno cambierò idea. Comunque tu devi fare quello che senti di fare. Se questa cosa ti stava creando problemi chiudi stop. Meglio così...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Be', punti di vista :D anch'io ho paura di pentirmi di un voto dato, specialmente se il libro in questione mi è piaciuto tanto!

      Elimina
  19. Ti capisco! Anche io a volte penso che le stelline date a un romanzo non sono uguali alle stelline date a un altro, seppur poi siano la stessa quantità!
    Se poi non ti sentivi a tuo agio con i rating in generale hai fatto più che bene :3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, credo di aver fatto la scelta giusta ^_^

      Elimina

Posta un commento

Scrivi pure il tuo parere. Rispondo appena possibile! Se non vedi subito il tuo commento è perché si trova in attesa di moderazione; lo vedrai solo una volta che sarà approvato (approvo TUTTI i commenti tranne lo spam; inoltre facendo così riesco a rispondere anche quando commenti un articolo scritto anni fa).

Post popolari in questo blog

L'estate nei tuoi occhi

Buon giorno divoratori ^^ notate nulla di diverso? Non avevo intenzione di cambiare template o, almeno, volevo mantenere quello precedente per qualche altra settimana e poi cambiarlo con uno estivo ma quando ho trovato questo pattern con le piume carinissimo, non ho potuto farne a meno! Ho cambiato giusto qualche cosa, non volevo fare grandi modifiche perché ho realizzato che più una grafica è semplice, più dura xD solitamente mi stufo subito di quelle complicatissime. Okay, bando alle ciance, oggi vi lascio questa recensione :3 Titolo: L'estate nei tuoi occhi (The summer trilogy #1) Autore: Jenny Han Editore: Piemme Anno: 2014 Due fratelli. Un vero amore. Belly misura il tempo in estati. Tutto ciò che di bello e magico è accaduto nella sua vita, è accaduto fra giugno e agosto. L'inverno è solo il periodo che la divide dalla prossima estate, dalla casa sulla spiaggia, da Susannah e i suoi due figli, da Conrad e Jeremiah. Loro sono gli amici con cui è cre

Doppia recensione | Non è estate senza di te & Per noi sarà sempre estate di Jenny Han

Buon pomeriggio divoratori c: oggi vi lascio la recensione dei due volumi della Summer trilogy!  Cercherò di essere breve e di evitare spoiler :3 La trama potete leggerla cliccando sul titolo del libro. Non è estate senza di te di Jenny Han , secondo volume della Summer trilogy,  edito da Piemme. Il primo volume di questa trilogia stranamente mi era piaciuto e nonostante le varie recensioni poco positive di questo libro, ho deciso di continuare la serie.  Non è estate senza te  l'ho trovato un pochino inferiore rispetto al primo volume ma ad ogni modo mi è piaciuto. Ne L'estate nei tuoi occhi  i capitoli si alternavano in flashback e presente, qui invece i ricordi sono di meno e vi è anche il punto di vista di Jeremiah. Da un lato, ho apprezzato questa novità, ma dall'altro lato ha reso tutto ancora più confuso, perché si passava da Belly a Jeremiah, da Jeremiah ai flashback dal punto di vista di Belly e.e I flashback già non mi piacevano nel primo volume ma all

Recensione "Il principe crudele" di Holly Black (è davvero un flop?)

Ciao lettori, oggi vi lascio la recensione de " Il principe crudele ", una delle ultime fatiche di Holly Black , autrice che rientra tra le mie preferite perché fino a questo momento non mi ha mai delusa. Chissà come sarà andata questa volta? Leggete la mio opinione per scoprirlo ⇩ Titolo: Il principe crudele Autore: Holly Black Pagine: 313 Editore: Mondadori Anno: 2018 compralo a 9,99€ Jude era solo una bimba quando i suoi genitori furono brutalmente assassinati. Fu allora che sia lei che le sue sorelle vennero rapite e condotte nel profondo della foresta, nel mondo magico. Dieci anni dopo, l'orrore e i ricordi di quel giorno lontano e terribile ormai sfocati, Jude, ora diciassettenne, è stanca di essere maltrattata da tutti e soprattutto vuole sentirsi finalmente parte del luogo in cui è cresciuta, poco importa se non le scorre nemmeno una goccia di sangue magico nelle vene. Ma le creature che le stanno intorno disprezzano gli umani. E in particolare li dis

Recensione "Shatter me" di Tahereh Mafi

Miei cari divoratori, ho appena terminato Shatter me (ex Schegge di me) di Mafi Tahereh . Non ho potuto resistere un giorno in più per scrivere questa recensione: devo farlo adesso, per forza. Titolo: Shatter me Serie: Shatter me 1 Autore:  Tahereh  Mafi  Pagine: 275 Anno: 2012 Editore: Rizzoli Compralo a 8,99€ 264 giorni segregata in una cella, senza contatti con il mondo. Juliette non può parlare con nessuno, e nessuno deve avvicinarla, perché ha un potere terribile: se tocca una persona la uccide. Agli occhi dell'organizzazione che l'ha rapita il suo potere è un'arma stupefacente, per lei è una maledizione. Un giorno però nella cella viene spinto Adam. Juliette non vuole fargli del male, e così lo tiene a distanza. Ma Adam non sa del suo potere, e mentre lei dorme in preda agli incubi la prende tra le braccia per confortarla. Da quel momento tutto cambia, perché Adam, immune al tocco di Juliette, è l'unico che può accettarla così com'è. Insieme pr

Recensione "Fidanzati dell'inverno. L'attraversaspecchi" di Christelle Dabos

La recensione di oggi riguarda Fidanzati dell'inverno di Christelle Dabos il primo volume della famosissima serie francese L'Attraversapecchi . Vi consiglio vivamente di evitare la trama del libro e passare direttamente alla recensione perché, per quel che mi riguarda, dice anche troppo! Titolo: Fidanzati dell'inverno Autore: Christelle Dabos Serie: L'Attraversaspecchi 1 Pagine: 382  Editore: Edizioni e/o Anno: 2018 (ita), 2013 (fr) comprarlo a 12,99€ L’Attraversaspecchi è una saga letteraria in tre volumi che mescola Fantasy, Steampunk e Belle Époque, paragonata dalla stampa francese alle saghe di J.K. Rowling e Philip Pullman. Fa da sfondo un universo composto da 21 arche, tante quanti sono i pianeti che orbitano intorno a quella che fu la Terra. La protagonista, Ofelia, è originaria dell’arca “Anima”; una ragazza timida, goffa e un po’ miope ma con due doni particolari: può attraversare gli specchi e leggere il passato degli oggetti. Lavora come curatri

Recensione "queste gioie violente" di Chloe Gong

Buongiorno lettori, rieccomi da queste parti con la recensione di ‘queste gioie violente’ di Chloe Gong,  retelling di Romeo e Giulietta di William Shakespeare. Ringrazio la Mondadori per la copia digitale gentilmente offerta, ci tenevo tantissimo a leggere questa dilogia, avevo aspettative altissime che per fortuna sono state soddisfatte! Titolo : Queste gioie violente Autore : Chloe Gong Numero pagine : 396 Anno di pubblicazione : 2022 Casa editrice : Mondadori "Corre l'anno 1926 e a Shanghai, scintillante come non mai, si respira un'aria di dissolutezza. Una faida sanguinosa tra due gang nemiche tinge di rosso le strade, lasciando la città inerme nella morsa del caos. Al centro di tutto c'è la diciottenne Juliette Cai che, dopo un passato lontano dagli affari di famiglia, ha deciso ora di prenderne in mano le redini e assumere il ruolo che le spetta di diritto nella Gang Scarlatta, un'organizzazione di criminali completamente al di sopra della legge. Ma non sono

Recensione "Crescent City. La casa di terra e sangue" di Sarah J. Maas

Ciao lettori, finalmente sono tornata (io, Giusy) con una nuova recensione. Il libro in questione è Crescent City - La casa di terra e sangue di Sarah J. Maas . Vi anticipo già che è stato un parto soffertissimo. Titolo: La casa di terra e sangue Serie: Crescent City 1 Autrice: Sarah J. Maas Pagine: 708 Editore: Mondadori Anno di pubblicazione: 2020 Compralo a 19,90€ Ventitré anni, mezza Fae e mezza umana, Bryce Quinlan ha una vita perfetta: di giorno lavora in una galleria d'arte e di notte passa da una festa all'altra, senza problemi e senza preoccupazioni. Quando però una brutale strage scuote profondamente Crescent City, la città in cui vive, e Bryce perde una persona a lei molto cara, il suo mondo crolla in mille pezzi lasciandola disperata, ferita e molto sola. Adesso non cerca più il divertimento, ma un oblio in grado di farle dimenticare i terribili fatti che hanno cambiato la sua vita per sempre. Due anni dopo l'imputato è finalmente dietro le sbarre ma i crimini r

La trilogia delle gemme: Red, Blue, Green.

Buongiorno divoratori :3 Oggi vi parlo della trilogia delle Gemme di Kerstin Gier che ho iniziato a dicembre e finito giusto ieri. Ovviamente non ci saranno spoiler e potete leggere la recensione anche se non avete ancora letto Red. Per le trame dei libri cliccate sulle cover :3 Red, Blue e Green sono state delle letture molto piacevoli ma non nego il fatto che le mie aspettative sono state un po' deluse. Ho sempre letto recensioni positivissime e su GR il rating più basso è di tipo quattro stelline o_o. Perciò potete capire le mie aspettative! Innanzitutto, se la Gier o la ce avesse deciso di pubblicare la trilogia in un unico libro, probabilmente lo avrei apprezzato molto di più. Red è molto introduttivo, nel senso che in trecento pagine non succede un bel niente. E non ha nemmeno un finale ._. finisce esattamente nel bel mezzo della storia (anzi, quale "mezzo" della storia? Questa storia ha praticamente solo l'inizio!). Stessa cosa con Blue , stessa

Vi consiglio un autore: Alice Basso e recensione "Una stella senza luce"

Buongiorno lettori, oggi abbandono per un attimo il tema fantasy a noi tanto caro per proporvi la recensione di “una stella senza luce” di Alice Basso , questa volta si tratta di un libro giallo e di un’autrice che amo moltissimo e che mi piacerebbe presentarvi! Alice lavora per le case editrici come traduttrice, redattrice e valuta le proposte editoriali, canta e scrive testi per una rockband, ama disegnare e se date un’occhiata alla sua pagina facebook o instagram vi accorgerete di quanto abbia un’ironia a cui non si può resistere! Insomma è una tosta! La sua prima serie che l’ha fatta conoscere al grande pubblico è quella dedicata alle vicende di Vani Sarca , una ghostwriter di enorme talento che tramuta in parole le idee degli altri, ha il grande dono di entrare nella mente degli altri, di saper leggere le persone, cosa che le permette così di poter scrivere libri di qualsiasi genere. La serie di  Vani Sarca: -L’imprevedibile caso della scrittrice senza nome (2015) -Scrivere è un

Recensione Endless Knight, Kresley Cole

Buon pomeriggio divoratori :D Sono giorni che lavoro a questa recensione perché non sono molto in vena di scrivere :$ ad ogni modo ci tenevo a lasciarvi la recensione di Endless Knight , seguito di Poison Princess . Come sempre, niente spoilers (l'unico che ho fatto l'ho nascosto u.u) :D (avete visto le faccine? non sono fighissime?). Titolo: Endless Knight Serie: Arcana Chronicles #2 Autore: Kresley Cole Inedito in Italia Evie ha preso pieno possesso dei suoi poteri in quanto Imperatrice dei tarocchi, e Jack era lì ad assistere. Ora sa che i ragazzi che si sono reincarnati nei tarocchi sono nel mezzo di una battaglia epica. Si tratta di uccidere o essere uccisi, con il futuro dell'umanità in bilico. Con minacce in agguato in ogni angolo, Evie è costretta a fidarsi dei nuovi alleati. Insieme devono combattere non solo gli altri Arcani, ma anche gli Bagmen zombies, tempeste post-apocalittiche e cannibali. Quando Evie incontra Morte, le cose divent