Passa ai contenuti principali

Recensione "Il principe crudele" di Holly Black (è davvero un flop?)

Ciao lettori, oggi vi lascio la recensione de "Il principe crudele", una delle ultime fatiche di Holly Black, autrice che rientra tra le mie preferite perché fino a questo momento non mi ha mai delusa. Chissà come sarà andata questa volta? Leggete la mio opinione per scoprirlo ⇩

Titolo: Il principe crudele
Autore: Holly Black
Pagine: 313
Editore: Mondadori
Anno: 2018
compralo a 9,99€

Jude era solo una bimba quando i suoi genitori furono brutalmente assassinati. Fu allora che sia lei che le sue sorelle vennero rapite e condotte nel profondo della foresta, nel mondo magico. Dieci anni dopo, l'orrore e i ricordi di quel giorno lontano e terribile ormai sfocati, Jude, ora diciassettenne, è stanca di essere maltrattata da tutti e soprattutto vuole sentirsi finalmente parte del luogo in cui è cresciuta, poco importa se non le scorre nemmeno una goccia di sangue magico nelle vene. Ma le creature che le stanno intorno disprezzano gli umani. E in particolare li disprezza il principe Cardan, il figlio più giovane e crudele del Sommo Re. Per ottenere un posto a corte, perciò, Jude sarà costretta a scontrarsi proprio con lui, e nel farlo, a mano a mano che si ritroverà invischiata negli intrighi e negli inganni di palazzo, scoprirà la sua propensione naturale per l'inganno e gli spargimenti di sangue. Quando però si affaccia all'orizzonte il pericolo di una guerra civile che potrebbe far sprofondare la corte in una spirale di violenza, Jude non ha esitazioni. Per salvare il mondo in cui vive è pronta a rischiare il tutto per tutto.

Recensione "Il principe crudele" di Holly Black


Premessa: mi sono buttata sul libro ad occhi chiusi. Prima di iniziarlo infatti non ho letto nessuna recensione per evitare di farmi influenzare, ma sapevo che molti lo avevano adorato, altri detestato e che alcuni erano rimasti delusi. Quindi ho iniziato la lettura senza effettivamente sapere cosa mi sarei trovata davanti. Sicuramente è un libro che ha parecchi difetti, non è nemmeno lontanamente il migliore della Black, ma allo stesso tempo non posso dire che non mi abbia piacevolmente trattenuto perché mentirei.

La scelta della prima persona mi ha lasciata un po’ perplessa e, lo ammetto, anche un pochetto delusa perché a me piace molto la terza e con la Black ero abituata così. Anche la prima persona non è stata terribile, ma ad esempio l'atmosfera che c'è in Nel profondo della foresta (che ho amato) qui non l'ho trovata, ecco. Comunque la storia mi ha catturata sin da subito e l'ho letto velocemente in un paio di sere, nonostante non avessi tanto tempo a disposizione (giusto per farvi capire quanto scorre bene).

La Black ancora una volta ci porta nel mondo delle fate e, udite udite, è lo stesso universo di quello de Nel profondo della foresta! Personalmente non ne sapevo nulla e quando ho letto i nomi di alcuni personaggi sono andata in brodo di giuggiole *aww*. La differenza però sta nel fatto che se in quello ci sono dei difetti, si può chiudere un occhio perché il tutto è raccontato come una fiaba dark e, si sa, delle volte nelle fiabe alcuni comportamenti non hanno senso, alcuni passaggi sono affrettati, ma ci sta. Qui invece sono più evidenti.

Il world building ad esempio è confuso. Personalmente non saprei spiegarlo a parole mie, ci ho capito ben poco perché l'autrice non si prende del tempo per spiegarlo. Spesso vengono citate delle creature, ma purtroppo non ci è dato sapere come sono fatte (il che dovrebbe presupporre che noi sappiamo cosa siano e potrebbe passare se fosse, che so, un troll, ma un imp? Che roba è?). Da questo punto di vista mi è sembrato frettoloso, come se a l'autrice interessasse più raccontare la storia di Jude che altro.

I personaggi invece mi sono piaciuti, seppur con delle riserve. Jude personalmente l'ho adorata sin da subito per una parecchi motivi. E' un’umana che insieme alle sorelle è costretta a vivere con la fata che ha ucciso i suoi genitori, Maddock, che, nonostante tutto, le tratta bene. E io ho apprezzato questa specie di sindrome di Stoccolma, i sentimenti contrastanti di Jude nei confronti di questa figura quasi paterna. Lo detesta per quello che ha fatto ai suoi genitori, ma allo stesso tempo era molto piccola (aveva 7 anni) e dopo dieci anni, dopo essere cresciuta con lui, quasi prova affetto nei suoi confronti e si odia per questo. Jude odia le fate, ma dopo tutto questo tempo non può far a meno che provare un po’ di invidia e voler essere come loro, o forse dovremmo dire meglio di loro. Jude vuole ciò che non ha, il potere, ed è disposta a tutto per averlo. È un personaggio dalle mille sfaccettature, un personaggio che dietro la maschera di odio nasconde la paura, ma in mondo di fate crudeli e dispettose non può assolutamente permettere che venga fuori. Quindi un personaggio non proprio positivo ed è per questo che mi è piaciuto tanto.

I restanti personaggi sono meno approfonditi, alcuni appena appena abbozzati e questo è un peccato perché comunque ce ne sono parecchi interessanti. Cardan, il principe "crudele", devo ammettere che all'inizio mi ha lasciata indifferente, ma nella seconda metà l'ho rivalutato, seppur ancora ne ha da mangiare scatole di cereali sottomarca visto che al momento è abbastanza stereotipato.  Ci sono diversi personaggi secondari interessanti, come Dain, Valerian (quanto è psicopatico? 💓), ma peccato che non sia tanto approfonditi.  Alcuni personaggi sono dei veri e propri bulli e devo ammettere che se fosse stato un romance contemporaneo avrebbe potuto darmi fastidio (cioè non fastidio, ma avrei odiato tutto) , invece qui, in questo contesto, ci sta parecchio bene. Parliamo di fate immortali, dispettose e potenti, e se non avessero disprezzato gli umani sarebbe stato effettivamente abbastanza strano.

Quindi, per rispondere alla domanda nel titolo del post (è davvero un flop?), non è il miglior romanzo di Holly Black e se lo avesse curato di più sicuramente il risultato sarebbe stato migliore, ma ad ogni modo è un libro che si legge tutto d’un fiato, difficile da mettere giù. Insomma, qui parliamo di vere e proprie guilty pleasure. Mi è piaciuto e adesso attendo con ansia il secondo volume! Spero che la Mondadori non ci faccia attendere troppo!

Cosa ne pensate? Vi è piaciuto? 

Commenti

  1. Io e te siamo telepatiche. Ho iniziato a scrivere la recensione de "Il principe crudele", ma poi mi sono fermata perchè sto trovando difficile recensire in modo chiaro questo libro. Vengo nel tuo blog e tu lo hai appena recensito.
    Sono d'accordo in praticamente tutto ciò che hai detto. Io ammetto di aver dato una votazione alta soprattutto per il colpo di scena finale, che, onestamente, non mi aspettavo. Devo dire che se non fossi stata così presa dalla lettura e dalla voglia di sapere come sarebbe andata a finire, forse, ci sarei anche potuta arrivare.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. sono curiosa di leggere la tua c:
      comunque sì, da un lato il finale era prevedibile, ma ero comunque curiosa di vedere come lo avrebbe gestito l'autrice!

      Elimina
  2. Io ne starò ben alla larga. Mi sembrava già tremendo prima di vedere la recensione della Zodiaco, poi dopo averla vista ho deciso che starò alla larga dalla Black per sempre xD però sono contenta che almeno a te non ha fatto così schifo xD invece l'urban fantasy di Jacqueline Carey che sto leggendo adesso è stupendo *_*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. già sai cosa ne penso! ti consiglio comunque di provare qualcosa della Black U.U

      Elimina
  3. Ciao Giusy,
    inizialmente questo YA mi ispirava, avevo letto altri due libri della Black ("La Bambola di Ossa" e "Nel Profondo della Foresta"), senza esserne stata particolarmente colpita, ma erano abbastanza piacevoli. Solo che ci sono state recensioni negative, che hanno messo in evidenza cose che odierei se lo leggessi.
    Ad esempio, cosa che hai citato anche tu, il fatto che l'autrice non spieghi i diversi termini particolari, trovandoci in un fantasy i termini inventati sono molto presenti e devono essere spiegati approfonditamente per permettere al lettore di capire cosa si intende, odio quando non lo fanno e non si capisce niente.
    Poi anche questa cosa della Sindrome di Stoccolma, mi sembra molto grave e so che non riuscirei a giustificarne la presenza nel libro. Nel senso, ciò che Jude prova per suo padre mi lascia inorridita, non riesco ad accettarlo perché non è presentato come qualcosa di negativo. Un altro punto a sfavore in caso dovessi leggerlo.
    Insomma, nel complesso adesso penso che non faccia per me.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao! Per me "Nel profondo della foresta" è nettamente superiore a "IL principe crudele", però se il primo non ti è piaciuto effettivamente non so se questo possa fare per te, anche se chi non ha apprezzato il primo ha apprezzato questo... insomma, con la Black è sempre così XD al massimo puoi fare un tentativo perché tutto sommato è un romanzo che coinvolge e si lascia leggere. L'ambientazione è inventata sì, ma non di sana pianta perché prende ispirazione dalla cultura celtica. Ci sono varie creature che sicuramente su internet si possono trovare facilmente, però, ecco, io avrei voluto qualche descrizione in più (anche se ad esempio in altri suoi libri non mancano mai). Sindrome di Stoccolma forse è un termine troppo forte da utilizzare xD non c'è nessuna relazione amorosa tra "padre" e figlia (ho lasciato intendere così? D:) ^^" però non è senza senso, davvero. Jude odia Maddock perché ha ucciso i suoi genitori, ma allo stesso tempo è stata una figura paterna per lei, le ha insegnato molte cose (tra queste anche combattere). Non è che non sia presentato in modo negativo... l'autrice non giustifica le azioni di Maddock, ma è brava a far capire il modo in cui si sente Jude (lei stessa si odia per questo affetto che prova). Diciamo che alla fine del libro la protagonista arriva ad una conclusione (che non sto qui a dirti).
      Comunque, ripeto, per me è stata una sorta di guilty pleasure c:

      Elimina
    2. Grazie per la spiegazione e i chiarimenti.💚

      Elimina
  4. Io sono incuriosita dall'autrice, ma non tanto da questa serie nello specifico, anche perché ammetto di averne sentito parlare piuttosto male. Sarei tentata di leggere Magisterium, ma imbarcarmi in un'altra serie di quattro o cinque volumi mi mette ansia!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. se proprio vuoi iniziare, ti consiglio "Nel profondo della foresta" :)

      Elimina
  5. Ovviamente non potevo non passare dal blog, attendevo questa recensione per saperne cosa ne pensi e... sono d'accordo su tutto! Tralasciando il fatto che non ho ancora mai letto nulla della Black e so bene che Il principe crudele non è tra i più riusciti. L'ho trovato surreale in certi momenti tanto che ho pensato anche di lasciarlo da parte e incominciare un altro libro, ma sono andata fino in fondo e ora attendo il seguito, non con ansia, ma con una punta di curiosità, giusto giusto, per scoprire che fine farà Cardan, l'unico personaggio che veramente mi ha affascinata in questo romanzo. Bye

    RispondiElimina
    Risposte
    1. allora ti consiglio "Nel profondo della foresta", nettamente superiore a questo. Ammetto che delle volte mi sono chiesta se fosse stato scritto dalla stessa autrice XD

      Elimina
  6. a me è piaciuto e non mi ha infastidito il non sapere sempre tutto. Concordo con te sui personaggi, anche io ho a modo mio apprezzato Madoc, trovo che l'autrice abbia elaborato molto bene i vari rapporti. E come te confido nei seguiti per Cardan

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono molto curiosa di vedere come si comporterà Cardan nel secondo volume! Anche se ne ho una vaga idea XD

      Elimina
  7. Sono contenta che tu non lo abbia completamente bocciato! Io credo che prima o poi lo leggerò, perchè sono curiosa, ma la Black non mi fa impazzire quando scrive delle fate e quindi ho aspettattive bassine :)

    RispondiElimina
  8. Al momento credo che non lo leggerò. La delusione con la Black è troppo recente, e mi sento che le darò una seconda chance tra tanto, taaanto tempo xD Però un guilty pleasure non si nega a nessuno :P

    RispondiElimina
  9. Sono quasi alla fine del libro e lo sto adorando!!Trovo che la Black abbia sempre un suo potere sottile nella scrittura, nel modo di costruire la storia che ti fa rimanere li incollato, anche se alcune cose le stai detestando, perché vuoi sapere come andrà a finire. Non so se mi sono spiegata ma per dirla tutta, in Fate delle Tenebre pubblicato interamente il secondo libro (di cui non ricordo il titolo) è veramente pesante da leggere, violento, sconfortante eppure vai avanti perché quello che poi riserverà il terzo ti ripaga dello sforzo. Fosse stata un'altra autrice avrei già mollato il colpo!Detto ciò concordo con te sui personaggi...(pensavo di non ricordarmi cosa fosse un imp...ma evidentemente è una novità per tutti) e mi piace molto Jude anche nel suo lato più cupo e imperfetto....anzi forse ancora più per quello!! Ora leggerò il Re Malvagio pregando che il terzo e ultimo esca presto!!

    RispondiElimina

Posta un commento

Scrivi pure il tuo parere. Rispondo appena possibile! Se non vedi subito il tuo commento è perché si trova in attesa di moderazione; lo vedrai solo una volta che sarà approvato (approvo TUTTI i commenti tranne lo spam; inoltre facendo così riesco a rispondere anche quando commenti un articolo scritto anni fa).

Post popolari in questo blog

L'estate nei tuoi occhi

Buon giorno divoratori ^^ notate nulla di diverso? Non avevo intenzione di cambiare template o, almeno, volevo mantenere quello precedente per qualche altra settimana e poi cambiarlo con uno estivo ma quando ho trovato questo pattern con le piume carinissimo, non ho potuto farne a meno! Ho cambiato giusto qualche cosa, non volevo fare grandi modifiche perché ho realizzato che più una grafica è semplice, più dura xD solitamente mi stufo subito di quelle complicatissime. Okay, bando alle ciance, oggi vi lascio questa recensione :3 Titolo: L'estate nei tuoi occhi (The summer trilogy #1) Autore: Jenny Han Editore: Piemme Anno: 2014 Due fratelli. Un vero amore. Belly misura il tempo in estati. Tutto ciò che di bello e magico è accaduto nella sua vita, è accaduto fra giugno e agosto. L'inverno è solo il periodo che la divide dalla prossima estate, dalla casa sulla spiaggia, da Susannah e i suoi due figli, da Conrad e Jeremiah. Loro sono gli amici con cui è cre

Doppia recensione | Non è estate senza di te & Per noi sarà sempre estate di Jenny Han

Buon pomeriggio divoratori c: oggi vi lascio la recensione dei due volumi della Summer trilogy!  Cercherò di essere breve e di evitare spoiler :3 La trama potete leggerla cliccando sul titolo del libro. Non è estate senza di te di Jenny Han , secondo volume della Summer trilogy,  edito da Piemme. Il primo volume di questa trilogia stranamente mi era piaciuto e nonostante le varie recensioni poco positive di questo libro, ho deciso di continuare la serie.  Non è estate senza te  l'ho trovato un pochino inferiore rispetto al primo volume ma ad ogni modo mi è piaciuto. Ne L'estate nei tuoi occhi  i capitoli si alternavano in flashback e presente, qui invece i ricordi sono di meno e vi è anche il punto di vista di Jeremiah. Da un lato, ho apprezzato questa novità, ma dall'altro lato ha reso tutto ancora più confuso, perché si passava da Belly a Jeremiah, da Jeremiah ai flashback dal punto di vista di Belly e.e I flashback già non mi piacevano nel primo volume ma all

Recensione "Shatter me" di Tahereh Mafi

Miei cari divoratori, ho appena terminato Shatter me (ex Schegge di me) di Mafi Tahereh . Non ho potuto resistere un giorno in più per scrivere questa recensione: devo farlo adesso, per forza. Titolo: Shatter me Serie: Shatter me 1 Autore:  Tahereh  Mafi  Pagine: 275 Anno: 2012 Editore: Rizzoli Compralo a 8,99€ 264 giorni segregata in una cella, senza contatti con il mondo. Juliette non può parlare con nessuno, e nessuno deve avvicinarla, perché ha un potere terribile: se tocca una persona la uccide. Agli occhi dell'organizzazione che l'ha rapita il suo potere è un'arma stupefacente, per lei è una maledizione. Un giorno però nella cella viene spinto Adam. Juliette non vuole fargli del male, e così lo tiene a distanza. Ma Adam non sa del suo potere, e mentre lei dorme in preda agli incubi la prende tra le braccia per confortarla. Da quel momento tutto cambia, perché Adam, immune al tocco di Juliette, è l'unico che può accettarla così com'è. Insieme pr

Recensione "Fidanzati dell'inverno. L'attraversaspecchi" di Christelle Dabos

La recensione di oggi riguarda Fidanzati dell'inverno di Christelle Dabos il primo volume della famosissima serie francese L'Attraversapecchi . Vi consiglio vivamente di evitare la trama del libro e passare direttamente alla recensione perché, per quel che mi riguarda, dice anche troppo! Titolo: Fidanzati dell'inverno Autore: Christelle Dabos Serie: L'Attraversaspecchi 1 Pagine: 382  Editore: Edizioni e/o Anno: 2018 (ita), 2013 (fr) comprarlo a 12,99€ L’Attraversaspecchi è una saga letteraria in tre volumi che mescola Fantasy, Steampunk e Belle Époque, paragonata dalla stampa francese alle saghe di J.K. Rowling e Philip Pullman. Fa da sfondo un universo composto da 21 arche, tante quanti sono i pianeti che orbitano intorno a quella che fu la Terra. La protagonista, Ofelia, è originaria dell’arca “Anima”; una ragazza timida, goffa e un po’ miope ma con due doni particolari: può attraversare gli specchi e leggere il passato degli oggetti. Lavora come curatri

Recensione "queste gioie violente" di Chloe Gong

Buongiorno lettori, rieccomi da queste parti con la recensione di ‘queste gioie violente’ di Chloe Gong,  retelling di Romeo e Giulietta di William Shakespeare. Ringrazio la Mondadori per la copia digitale gentilmente offerta, ci tenevo tantissimo a leggere questa dilogia, avevo aspettative altissime che per fortuna sono state soddisfatte! Titolo : Queste gioie violente Autore : Chloe Gong Numero pagine : 396 Anno di pubblicazione : 2022 Casa editrice : Mondadori "Corre l'anno 1926 e a Shanghai, scintillante come non mai, si respira un'aria di dissolutezza. Una faida sanguinosa tra due gang nemiche tinge di rosso le strade, lasciando la città inerme nella morsa del caos. Al centro di tutto c'è la diciottenne Juliette Cai che, dopo un passato lontano dagli affari di famiglia, ha deciso ora di prenderne in mano le redini e assumere il ruolo che le spetta di diritto nella Gang Scarlatta, un'organizzazione di criminali completamente al di sopra della legge. Ma non sono

La trilogia delle gemme: Red, Blue, Green.

Buongiorno divoratori :3 Oggi vi parlo della trilogia delle Gemme di Kerstin Gier che ho iniziato a dicembre e finito giusto ieri. Ovviamente non ci saranno spoiler e potete leggere la recensione anche se non avete ancora letto Red. Per le trame dei libri cliccate sulle cover :3 Red, Blue e Green sono state delle letture molto piacevoli ma non nego il fatto che le mie aspettative sono state un po' deluse. Ho sempre letto recensioni positivissime e su GR il rating più basso è di tipo quattro stelline o_o. Perciò potete capire le mie aspettative! Innanzitutto, se la Gier o la ce avesse deciso di pubblicare la trilogia in un unico libro, probabilmente lo avrei apprezzato molto di più. Red è molto introduttivo, nel senso che in trecento pagine non succede un bel niente. E non ha nemmeno un finale ._. finisce esattamente nel bel mezzo della storia (anzi, quale "mezzo" della storia? Questa storia ha praticamente solo l'inizio!). Stessa cosa con Blue , stessa

Vi consiglio un autore: Alice Basso e recensione "Una stella senza luce"

Buongiorno lettori, oggi abbandono per un attimo il tema fantasy a noi tanto caro per proporvi la recensione di “una stella senza luce” di Alice Basso , questa volta si tratta di un libro giallo e di un’autrice che amo moltissimo e che mi piacerebbe presentarvi! Alice lavora per le case editrici come traduttrice, redattrice e valuta le proposte editoriali, canta e scrive testi per una rockband, ama disegnare e se date un’occhiata alla sua pagina facebook o instagram vi accorgerete di quanto abbia un’ironia a cui non si può resistere! Insomma è una tosta! La sua prima serie che l’ha fatta conoscere al grande pubblico è quella dedicata alle vicende di Vani Sarca , una ghostwriter di enorme talento che tramuta in parole le idee degli altri, ha il grande dono di entrare nella mente degli altri, di saper leggere le persone, cosa che le permette così di poter scrivere libri di qualsiasi genere. La serie di  Vani Sarca: -L’imprevedibile caso della scrittrice senza nome (2015) -Scrivere è un

Recensione "Crescent City. La casa di terra e sangue" di Sarah J. Maas

Ciao lettori, finalmente sono tornata (io, Giusy) con una nuova recensione. Il libro in questione è Crescent City - La casa di terra e sangue di Sarah J. Maas . Vi anticipo già che è stato un parto soffertissimo. Titolo: La casa di terra e sangue Serie: Crescent City 1 Autrice: Sarah J. Maas Pagine: 708 Editore: Mondadori Anno di pubblicazione: 2020 Compralo a 19,90€ Ventitré anni, mezza Fae e mezza umana, Bryce Quinlan ha una vita perfetta: di giorno lavora in una galleria d'arte e di notte passa da una festa all'altra, senza problemi e senza preoccupazioni. Quando però una brutale strage scuote profondamente Crescent City, la città in cui vive, e Bryce perde una persona a lei molto cara, il suo mondo crolla in mille pezzi lasciandola disperata, ferita e molto sola. Adesso non cerca più il divertimento, ma un oblio in grado di farle dimenticare i terribili fatti che hanno cambiato la sua vita per sempre. Due anni dopo l'imputato è finalmente dietro le sbarre ma i crimini r

Recensione Endless Knight, Kresley Cole

Buon pomeriggio divoratori :D Sono giorni che lavoro a questa recensione perché non sono molto in vena di scrivere :$ ad ogni modo ci tenevo a lasciarvi la recensione di Endless Knight , seguito di Poison Princess . Come sempre, niente spoilers (l'unico che ho fatto l'ho nascosto u.u) :D (avete visto le faccine? non sono fighissime?). Titolo: Endless Knight Serie: Arcana Chronicles #2 Autore: Kresley Cole Inedito in Italia Evie ha preso pieno possesso dei suoi poteri in quanto Imperatrice dei tarocchi, e Jack era lì ad assistere. Ora sa che i ragazzi che si sono reincarnati nei tarocchi sono nel mezzo di una battaglia epica. Si tratta di uccidere o essere uccisi, con il futuro dell'umanità in bilico. Con minacce in agguato in ogni angolo, Evie è costretta a fidarsi dei nuovi alleati. Insieme devono combattere non solo gli altri Arcani, ma anche gli Bagmen zombies, tempeste post-apocalittiche e cannibali. Quando Evie incontra Morte, le cose divent