Passa ai contenuti principali

Recensione "Frankenstein" di Mary Shelley

Ciao lettori! Oggi vi parlo di Frankenstein di Mary Shelley che ho letto per la The Goose Reading Challenge (link nella sidebar). Sono curiosa di sapere il vostro parere perché a me non ha fatto particolarmente impazzire :(

Titolo: Frankenstein
Autore: Mary Shelley
Pagine: 258
ebook 0,99€ | cartaceo 13,06
Capolavoro della letteratura gotica affermatosi con rara potenza nell’immaginario collettivo, dalla sua pubblicazione nel 1818 il romanzo di Mary Shelley non ha mai smesso di eccitare la fantasia di lettori e artisti di tutto il mondo.
Opera fondamentale per lo sviluppo del genere horror e di quello fantascientifico, la storia del giovane Frankenstein che riesce a dar vita a una “creatura” assemblata con parti di cadaveri colpisce ancora oggi per l’attualità delle questioni affrontate, dalla sfida dell’uomo ai limiti posti dalla natura al desiderio di poter sfuggire alla morte. In questa edizione di pregio, il mondo perturbante
del romanzo trova perfetta rappresentazione nelle visioni di Lynd Ward, tra i fondatori della graphic novel statunitense, definito dallo stesso Art Spiegelman “uno dei più eminenti e completi artisti americani”: le sue tavole, straordinarie per drammaticità e forza plastica, esaltano le atmosfere e gli scenari attraverso cui si svolge la folle caccia tra Frankenstein e il mostro, fissando in maniera indelebile la grandiosa visionarietà di un’opera immortale
RECENSIONE

Di Frankenstein sapevo ben poco perché oltre a conoscere la storia in linee molto generali, al liceo non abbiamo mai approfondito Mary Shelley e io non ho mai visto le trasposizioni cinematografiche. Quindi non sapevo bene cosa aspettarmi, però in cuor mio ero convinta che mi avrebbe conquistato perché la storia di Frankenstein mi ha sempre affascinato. Ricostruire un corpo umano e riportarlo in vita, di questi tempi sembra quasi qualcosa di possibile.

Inizialmente Victor Frankenstein mi incuriosiva perché per certi aspetti mi ci sono rivista, in particolare per la sua natura curiosa e avida di conoscenza. Incarna lo stereotipo dell'uomo che vuole spingersi oltre i limiti della natura, l'uomo che sacrifica la sua vita per raggiungere il suo obiettivo, ma, come spesso succede, la meta non è poi così entusiasmante, non quanto il percorso.

Avete presente la citazione "L'attesa del piacere è essa stessa il piacere?". Potremmo riassumere il libro così. L'entusiasmo provato da Victor durante i suoi studi, esperimenti per creare la creatura, scema del tutto quando raggiunge il suo obiettivo e il mostro apre gli occhi.

Per buona parte della storia ho trovato la lettura interessante, però purtroppo il mio entusiasmo ad un certo punto è iniziato a scemare. Ero curiosa di conoscere questo mostro, ma la sua presenza nella storia non è costante. Gran parte della storia è dedicata invece al protagonista Victor e ai suoi sensi di colpa che ok, per un po' potevano starci, ma ad un certo punto non ne puoi più. Diventano ripetiti e noiosi e la lettura diventa pesante. Non che lo stile della Shelley sia noioso, anzi la lettura scorre piuttosto velocemente, solo che quando sembra non esserci un punto di svolta nella storia, è normale che il ritmo cambia, tant'è che ad un certo punto l'ho terminato solo perché non mi piace lasciare i libri a metà.

Sicuramente l'idea di base pensata dalla Shelley è originale e interessante - l'uomo che si spinge oltre i propri limiti dando vita ad una creatura morta - così come la morale, ma oltre questo non mi ha appassionato più di tanto. Sarà stato anche per il fatto che mi aspettavo una storia totalmente diversa. Infatti non credo che stia una storia brutta, anzi, sarà stata colpa mia che mi aspettavo tutt'altro. Magari rileggendolo tra un paio d'anni potrei cambiare idea.

Adesso sono curiosa di conoscere il vostro parere! :) 

Commenti

  1. Non l'ho letto ma è in lista da sempre. Prima o poi arriverà anche il nostro momento <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sicuramente a te piacerà XD ormai ho capito che abbiamo gusti diversi XD

      Elimina
  2. Io l'ho letto in inglese per la scuola. Per quanto mi ricordo è stata una ottima lettura, con spunti interessantissimi *_*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. io sicuramente lo leggerò nuovamente perché sono consapevole del fatto che non sia un libro brutto. Magari questa seconda volta l'ho vedrò con occhi diversi :)

      Elimina
  3. Credo di avere questo libro in lista da almeno una decina di anni xD Devo leggerlo prima o poi!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Allora non farti influenzare dal mio giudizio perché non è un libro brutto :D

      Elimina
  4. L'avevo letto qualche anno fa per il mio corso di inglese e non mi era dispiaciuto, anche se non mi aveva neanche preso poi così tanto. Le parti che mi erano piaciute di più erano quelle dove la creatura (non ci riesco a chiamarlo mostro perché mi ha fatto troppa tenerezza in certi momenti) stava da sola, prima di vendicarsi di Victor, oppure quando viveva vicino a quella famiglia, anche se non ricordo bene tutti i particolari.
    Comunque, se non lo hai fatto, ti consiglio di vederti il film con De Niro! Ne ho visti un po' di film su Frankestein e questo è quello che mi è piaciuto di più :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Qualche film lo vedrò sicuramente,anche se quelli un po' datati mi spaventano sempre ^^"

      Elimina
    2. Ti consiglio di guardare il film su Mary Shelley del 2017 e rileggere il libro. Avrai tutta un'altra aspettativa:)

      Elimina
    3. lo farò sicuramente, grazie :)

      Elimina
  5. L'ho letto proprio il mese scorso, con le tue stesse premesse, e anche io l'ho trovato un pochino deludente, soprattutto in considerazione della sua fama protratta nel tempo.
    Quello che mi ha colpito moltissimo è stato il pregiudizio da parte di Frankenstein nei riguardi della sua creatura, che siccome era brutta, allora doveva essere di certo anche cattiva.
    Per il resto, penso ci siano classici capaci di penetrarti nel cuore molto più a fondo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono d'accordo su tutto!
      Il pregiudizio delle persone, e in particolare quello di Victor, ha colpito molto anche a me.

      Elimina
  6. Anch'io l'ho letto da poco (non mi ricordo in che mese, ma l'ho letto solo nell'anno passato) e, anche se era molto diverso da quello che mi aspettavo, mi è comunque piaciuto molto. Ma le aspettative che avevo erano davvero fuorvianti!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. secondo me a fregarci sono state proprio le aspettative!

      Elimina
  7. Io l'ho trovato un bel libro... Sicuramente non tra i miei classici preferiti, ma l'idea e la storia l'ho trovata davvero interessante!

    RispondiElimina
  8. DEvo leggerlo. Anche se sinceramente pensavo ti fosse andata peggio X"D

    RispondiElimina
  9. Come già sai lo ho letto parecchi anni fa e lo ho apprezzato soltanto a metà, più che altro per l'idea di base. Purtroppo come ti avevo detto, non mi ha presa molto per via dei suoi toni molto lenti e cupi. Insomma, è quasi deprimente

    RispondiElimina

Posta un commento

Scrivi pure il tuo parere. Rispondo appena possibile! Se non vedi subito il tuo commento è perché si trova in attesa di moderazione; lo vedrai solo una volta che sarà approvato (approvo TUTTI i commenti tranne lo spam; inoltre facendo così riesco a rispondere anche quando commenti un articolo scritto anni fa).

Post popolari in questo blog

Tre anni di Divoratori di Libri ♥

O ggi Divoratori di libri compie ben tre anni ! Ma voi ci credete? Tre anni è un traguardo che mai mi sarei aspettata, considerando il fatto che sono un tipo che inizia cento cose e ne lascia a metà novantanove.. ma la passione per la lettura è sempre rimasta anzi, cresce sempre di più ogni anno. Se dovessi ringraziare il blog per un motivo in particolare, sarebbe proprio questo, il fatto che mi abbia fatto crescere tantissimo! Non voglio continuare con frasi sdolcinate e commoventi perché tanto sono le stesse ogni anno, però non posso fare a meno di ringraziare ancora una volta i miei 543 lettori (vorrei citarvi ad uno ad uno, ma rischio di fare una figura di merda perché sicuramente dimenticherei qualcuno) e i 1964 lettori della pagina facebook! Siete l'anima del blog e senza di voi Divoratori di libri neanche esisterebbe.  Per l'occasione ho organizzato un giveaway per ringraziare tutti voi che mi seguite. Ringrazio la De Agostini per aver messo a disposizione  Wolf

Albion di Bianca Marconero | Recensione

Buon pomeriggio lettori <3 Per questa settimana ho finito con le lezioni e non posso che essere più felice di così, anche se ho una decina di esercizi di graphic design da fare e un paio di foto da scattare per fotografia >_<  Ma pensiamo ai lati positivi, come ad esempio al fatto che potrò leggere tanto ** Adesso vi lascio la recensione di un libro gentilmente inviatomi dall'autrice (ma che avrei letto comunque :P). Buona lettura! Titolo: Albion Serie: Albion #1 Autrice: Bianca Marconero Editore: Limited Edition Books Anno: 2013 Compra su amazon Marco Cinquedraghi è un ragazzo privilegiato, ma non fortunato. Cresciuto senza madre, privato del fratello maggiore, morto misteriosamente, il giorno del funerale del nonno riceve la notizia che gli sconvolgerà la vita: dovrà partire per l'Albion college, la misteriosa scuola in cui, da sempre, si diplomano i Cinquedraghi. Ma il blasonato collegio svizzero riserva non poche sorprese: si studia il sassone, ci si conf

Iscrizioni gruppo di lettura "Io prima di te" di Jojo Moyes

Buongiorno, lettori. Come avete capito dal titolo, oggi aprono le iscrizioni per il gruppo di lettura di Io prima di te di Jojo Moyes ! Vi chiedo scusa se non sono riuscita a pubblicarlo prima (infatti volevo farlo la scorsa settimana), ma ho avuto problemi di connessione. Ad ogni modo vi lascio con la scheda del libro e le altre informazioni su come si svolgerà il gruppo di lettura, blah blah blah. Titolo: Io prima di te Autore: Jojo Moyes Pagine : 312 (kindle)\391 (cartaceo) A ventisei anni Louisa Clark sa tante cose. 
Sa esattamente quanti passi ci sono tra la fermata dell'autobus e casa sua. Sa che le piace fare la cameriera in un locale senza troppe pretese nella piccola località turistica dove è nata e da cui non si è mai mossa, e probabilmente, nel profondo del suo cuore, sa anche di non essere davvero innamorata di Patrick, il ragazzo con cui è fidanzata da quasi sette anni. Quello che invece ignora è che sta per perdere il lavoro e che, per la prima volta, tut

Cercando Alaska - John Green ● Recensione.

Ciao lettori. Avevo annunciato su faccialibro la mia assenza, ma mi mancavate e dopo due giorni di intenso studio avevo bisogno di un po' di svago. Finalmente pubblico questa benedetta recensione. Titolo: Cercando Alaska Autore: John Green Anno: 2005 Editore: Rizzoli * Estratto * Miles Halter, solitario collezionista di Ultime Parole Famose, lascia la tranquilla vita di casa per cercare il suo Grande Forse a Culver Creek, una prestigiosa scuola in Alabama. È qui che conosce Alaska. Brillante, buffa, svitata, imprevedibile e molto sexy, per Miles diventa un enigma, un pensiero fisso, una magnifica ossessione. Ho iniziato il libro con da un lato aspettative enormi (cavolo, stiamo parlando di John Green!), dall'altro un po' basse. Sembra non aver senso (e molto probabilmente non avrà senso), ma è così XD la trama del libro non mi ispirava molto..eppure ne sentivo parlare benissimo e sapevo già che lo stile dello scrittore fosse belli

Alice, Dorothy & Wendy: recensione "Peter Pan" di James M. Barrie

Ciao lettori, oggi vi lascio la recensione di " Peter Pan " di James Matthew Barrie . Ringrazio la casa editrice per la copia omaggio e Coffee&Books per aver organizzato il blogtour (qui la mia tappa con le curiosità sui tre classici ) e review party. Titolo: Alice, Dorothy & Wendy Autore: Lewis Carroll, L. Frank Baum, James M. Barrie Pagine: 540 Editore: Mondadori (Oscar Draghi) Anno: 2020 Compralo a 23,75€ Alice e le sue avventure nel favoloso Paese delle Meraviglie, di là e di qua dallo specchio. Wendy, l'amica di Peter Pan che per molti lettori è la vera eroina dei romanzi con il bambino che non vuole crescere. Infine Dorothy, la piccola protagonista portata da un tornado nel fantastico mondo di Oz. Tre ragazzine curiose e audaci, al centro di tre grandi classici che, ciascuno a suo modo, hanno saputo celare sotto le spoglie del racconto di fantasia messaggi e metafore della vita. Questo libro è l'occasione per rileggere i tre romanzi - "Le avventure