Passa ai contenuti principali

Recensione fumetto "Creepshow" di Stephen King

La recensione di oggi riguarda "Creepshow" di Stephen King. A distanza di quasi vent'anni arriva in libreria il fumetto ispirato all'omonimo film di George A. Romero. Ho avuto l'opportunità di leggerlo grazie alla casa editrice, che ringrazio!

Titolo: Creepshow
Autore: Stephen King
Pagine: 64
Editore: Mondadori (Oscar Ink)
Anno: 2020 (it) \ 1982 (eng)
Compralo a 17,10€

Classico di culto dell'horror anni '80, "Creepshow" è al tempo stesso un appassionato omaggio alla tradizione dei fumetti EC Comics e il vero archetipo della serie tv Stranger Things. Se il film omonimo del 1982 è stato diretto da George A. Romero, questo albo a fumetti è stato disegnato da Bernie Wrightson, gigante dell'illustrazione horror e artefice - fra le infinite imprese artistiche - di un indimenticabile Frankenstein in forma di fumetto e di romanzo illustrato. Ma su tutto e tutti troneggia la scrittura di Stephen King, autore delle cinque storie raccolte in Creepshow nonché burattinaio di alcune fra le più inquietanti e angosciose vicende narrative della letteratura d'ogni tempo. All'interno: La festa del papà; La morte solitaria di Jordy Verril; La cassa; Di mare in peggio; Ti infestano.

Recensione "Creepshow" di Stephen King

Posso dire - senza ricevere per favore pomodori addosso - che non avevo mai sentito parlare di Creepshow? Non sono particolarmente esperta di cinema e ho scoperto questo titolo solo grazie a questa pubblicazione. Ero curiosa di leggerlo perché sto cercando di recuperare buona parte dei libri di King e poi è il periodo perfetto per i racconti dell'orrore!

Cos'è Creepshow? Nel film un bambino sta leggendo una rivista che si chiama così quando viene scoperto dal padre. Nel fumetto questa scena è stata tagliata e veniamo accolti direttamente da zio Creepy che ci racconterà cinque storie dell'orrore ("La festa del papà", "La morte solitaria di Jordy Verril", "La cassa", "Di mare in peggio", "Ti infestano"). Come dicevo inizialmente, la storia è stata prima un film di Romero, solo dopo è stata scritta da King e illustrata da Bernie Wrightson. Lo stile rispecchia infatti i fumetti di quegli anni. Di sicuro uno stile che non può piacere a tutti, ma che gli appassionati ameranno. Per quel che mi riguarda penso che abbia il suo fascino e che richiami benissimo quel periodo.

All'inizio confesso di essere rimasta un po' delusa, più che altro perché i racconti di questa raccolta sono molto brevi e, be', io mi aspettavo molte più pagine. Mi sono fatta un'idea sbagliata perché avendo letto It e Misery, mi aspettavo un King molto prolisso anche qui. Ecco, sappiate che io non amo tanto i racconti perché se sono troppo corti mi lasciano una sensazione di incompletezza, come se mancasse qualcosa, cosa successa anche qui e che non mi aspettavo. Diciamo che la delusione deriva principalmente da questo, ma devo anche ammettere che post lettura, e dopo aver finalmente recuperato il film, ho visto le cinque storie in modo diverso.

I racconti che ci vengono presentato sembrano non avere nulla in comune oltre al fatto che sono horror un po' demenziali. In realtà ogni protagonista "pecca" di qualcosa: sono personaggi avidi, delle volte arroganti ed egoisti, personaggi che spesso compiono azioni crudeli per un motivo o per un altro. Ecco, non importa granché il motivo che li spinge ad agire in quel modo perché... chi la fa, l'aspetti. Sembra essere questo il tema ricorrente. E' più evidente nell'ultimo racconto, Ti infestano, ma dopo una riflessione ho capito che è presente anche negli altri racconti, ma non in modo così esplicito, aspetto che ho apprezzato moltissimo. 

Non a caso comunque Ti infestano è uno dei racconti che ho preferito, anche per la mia fobia degli insetti che ha triplicato il disgusto. Piaciuto anche La morte solitaria di Jordy Verril che ho trovato weird al punto giusto. Di Zio Creepy mi è piaciuto il suo modo ironico di raccontare la storia, ma il suo "eheh" ammetto che è stato un po' irritante.

Nel complesso è stato interessante da leggere e sono felice di averlo recuperato. Si lascia leggere abbastanza in fretta e se non vi piacciono le storie troppo spaventose, questo potrebbe essere una buona alternativa.

Valutazione: 3,5/5

Cosa ne pensate di "Creepshow"? Voi lo conoscevate? Fatemi sapere!

Commenti

  1. Ho il tuo stesso problema con i racconti XD
    Con questi è andata meglio perché era raccontato a fumetti.
    I disegni mi sono piaciuti moltissimo, le storie qualcuna di più, qualcuna di meno.
    Zio Creepy ha dato un gran contributo alla storia, lo ho adorato XD XD

    RispondiElimina
  2. Nemmeno io ne avevo mai sentito parlare prima, ops!!! Comunque ho recuperato solo i primi tre racconti su Prime Video (non mi aspettavo che King recitasse una parte!!!) e per adesso mi è piaciuto, è creepy e demenziale e adoro xD

    RispondiElimina
  3. Sto riguardando la serie dei film, non credo valga la pena leggere anche il fumetto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. la storia è la stessa, quindi è uno di quei fumetti da prendere se sei un collezionista e\o fan del re :D

      Elimina

Posta un commento

Scrivi pure il tuo parere. Rispondo appena possibile! Se non vedi subito il tuo commento è perché si trova in attesa di moderazione; lo vedrai solo una volta che sarà approvato (approvo TUTTI i commenti tranne lo spam; inoltre facendo così riesco a rispondere anche quando commenti un articolo scritto anni fa).

Post popolari in questo blog

Recensione "Ruin and rising" di Leigh Bardugo (Grisha Trilogy 3)

Ciao lettori, finalmente condivido con voi la recensione di " Ruin and rising " di Leigh Bardugo , terzo volume della Grisha Trilogy, attualmente inedito in Italia, ma Mondadori ha annunciato la pubblicazione dell'intera trilogia nel 2020 ( notizia qui ). Titolo: Ruin and rising Autore: Leigh Bardugo Serie: Grisha trilogy 3 Pagine: 422 Prossimamente in italiano Compralo a 5,49€ Soldato. Convocatrice. Santa . Il destino della nazione risiede nelle mani di una Convocatrice del Sole spezzata, un tracciatore in disgrazia e i resti di quello che una volta era un potente esercito magico. Il Darkling comanda dal suo trono di ombre mentre una debole Alina Starkov riprende la sua battaglia sotto la dubbiosa protezione di alcuni fanatici che la venerano come una Santa. Adesso le sue speranze risiedono in un'antica creatura magica scomparsa da lungo tempo e nella possibilità che un principe fuorilegge sopravviva ancora. Mentre i suoi alleati e i suoi nemici corrono ve

Prossime uscite 2021: ALICE OSEMAN, HOLLY BLACK, SARAH J. MAAS, JAY KRISTOFF, LEIGH BARDUGO, ECC.

Buona domenica lettori, siete pronti ad una carrellata di novità ? Ecco le prossime uscite che troveremo in libreria nel 2021. IO STO URLANDO E PIANGENDO perché voglio almeno buona parte di questi libri! Non vedo l'ora! Prima di iniziare con le notizie, tre cose: 1) chiedo umilmente scusa alle case editrici per aver rovinato la sorpresa, ma insomma, una volta trovate queste notizie non potevo proprio fare finta di niente (e urlare e soffrire da sola, ecco); 2) come la volta scorsa, metto ISBN così potete controllare voi stessi la veridicità della notizia ed evitate di prendermi per cazzara (cose che poi fate lo stesso, ma dettagli); 3) naturalmente aspettiamo una conferma ufficiale dalle case editrici, però le notizie riportate qui sono comunque VERE perché hanno appunto il codice isbn, l'unica cosa che è incerta è la data di uscita che naturalmente può sempre variare. Ma, insomma, sono libri che arriveranno in librereria AL 100% Ovviamente si inizia sempre dalle notizie più su

Recensione "La corte di fiamme e argento" di Sarah J. Maas

La prima recensione dell'anno non poteva non essere quella de La corte di fiamme e argento di Sarah J. Maas , in uscita domani per Mondadori. E' un volume spin-off della serie La corte di rose e spine con protagonisti Nesta e Cassian! Titolo: La corte di fiamme e argento Autore: Sarah J. Maas Serie: Acotar 4 Pagine: 720 Editore: Mondadori Data di uscita: 23 febbraio 2021 Compralo a 20,90€ Nesta Archeron non è quel che si dice un tipo facile: fiera del suo carattere spigoloso, è particolarmente facile alla rabbia e poco incline al perdono. E da quando è stata costretta a entrare nel Calderone ed è diventata una Fae contro la sua volontà, ha cercato in ogni modo di allontanarsi dalla sorella e dalla corte della Notte per trovare un posto per sé all'interno dello strano mondo in cui è costretta a vivere. Quel che è peggio è che non sembra essere ancora riuscita a superare l'orrore della guerra con Hybern. Di certo non ha dimenticato tutto ciò che ha perso per colpa sua.