Passa ai contenuti principali

Harry Potter e la pietra filosofale: pensieri, citazioni e differenze libro-film

Anni che mi riprometto una rilettura di Harry Potter e finalmente, dopo la maratona andata in onda su Italia 1, sono riuscita ad iniziare sul serio La pietra filosofale. Ho sempre voluto parlarvene qui, ma come? Come parlare di una storia che conoscono praticamente tutti? Perciò ho pensato di pubblicare un articolo diverso al posto della solita recensione. Sarà un post di riflessione, con citazioni*, differenze con il film ecc.

ATTENZIONE, CI SONO PICCOLI SPOILER!


"A Harry Potter, il bambino che è sopravvissuto."

Titolo: Harry Potter e la Pietra Filosofale
Autore: J. K. Rowling
Serie: Harry Potter 1
Pagine: 302
Editore: Salani Editore
Compralo a 8,99€
Harry Potter è un ragazzo normale, o quantomeno è convinto di esserlo, anche se a volte provoca strani fenomeni, come farsi ricrescere i capelli inesorabilmente tagliati dai perfidi zii. Vive con loro al numero 4 di Privet Drive: una strada di periferia come tante, dove non succede mai nulla fuori dall’ordinario. Finché un giorno, poco prima del suo undicesimo compleanno, riceve una misteriosa lettera che gli rivela la sua vera natura: Harry è un mago e la Scuola di Magia e Stregoneria di Hogwarts è pronta ad accoglierlo...

Ho adorato il libro proprio come la prima volta!  

Non importa quanto abbia amato un libro, ma quando rileggo ho sempre paura di non apprezzare la storia come la prima volta. Qui aggiungiamoci anche il fatto che ho sentimenti di amore-odio per il film La pietra filosofale perché mio fratello me lo fece vedere così tante volte da piccola che ad un certo punto non ne volevo sapere più niente di Harry Potter. Non a caso la prima volta che lessi il libro fui praticamente obbligata dalla mia migliore amica dell'epoca e non la ringrazierò mai abbastanza perché altrimenti non penso avrei mai letto questa saga.

La lettura è stata emozionante, più della prima volta (ci sono state scene che mi hanno fatto venire le lacrime agli occhi). Anche perché, shame on me, alcune cose proprio non le ricordavo. Tra l'altro, non so se sia capitato anche a voi, ma ad un certo punto i ricordi della lettura e del film si sono intrecciati, tanto da avere la scena perfettamente impressa nella testa, quasi come se l'avessi vista nel film, o tanto da aspettarmi di vedere nella trasposizione cinematografia queste scene (vi giuro che alcune ero convintissima che fossero nel film e invece erano solo nella mia testa!). 

Altra cosa, nel primo film io detesto Harry, Ron e Hermione proprio perché si comportano da... bambini insopportabili lol. Mentre nel libro mi sono piaciuti. Hermione all'inizio è un po' antipatica, però mi ha fatto un po' pena perché in un certo il suo carattere gli impedisce di fare amicizia e sembra quasi che lei in qualche modo voglia essere amica con Ron e Harry (che continuano a detestarla, ma ci sta, sono bambini) con i suoi continui fare da saputella. Inoltre Ron non è poi così stupido come lo fa sembrare il film, anzi, dimostra di essere molto intelligente quando affronta la battaglia a scacchi nel finale.

L'età di lettura di Harry Potter è davvero un libro per bambini?

Iniziamo con le riflessioni e partiamo proprio dal target. Harry Potter è davvero un libro per bambini? Ho sempre avuto questo dubbio perché, per quanto la scrittura della Rowling non sia complessa, per quanto Harry abbia 11 anni e ci siano alcune cose effettivamente per bambini, le descrizioni in questo libro non mancano e non so, mi chiedo se un bambino riuscirebbe a seguire la storia senza annoiarsi. Voi a quanti anni lo avete letto?

La nuova traduzione

Ho comprato il libro (l'edizione che vedete sopra) anni fa, quando uscì. Mi sono lasciata ammaliare dalle meravigliose copertine e non mi sono informata più di tanto. Ebbene, quando l'altro giorno ho aperto il libro, mi sono ritrovata davanti la nuova traduzione. Vi confesso che l'idea all'inizio mi ha sconvolto, ma poi leggendo la nota alla nuova edizione, dove il curatore diceva di aver cercato il giusto compromesso, mi sentivo fiduciosa. E all'inizio non è stato terribile, anzi. La McGrannit è tornata la McGonagall e, anche se faceva un certo effetto, trovando spesso in alcuni post alcuni nomi in inglese il cambiamento non è stato così terribile. Tra l'altro il suono dei due nomi è abbastanza simile. Il discorso cambia quando invece ti ritrovi nomi come professor Quirrel (Raptor), Longbottom (Paciock), TassoFRASSO (un colpo al cuore... che poi, Corvonero Serpeverde sono rimasti, quindi per quale cavolo di motivo cambiare Tassorosso?), Oliver WOOD (Baston), Filch (Gazza!), Firenze (Fiorenzo) e così via. Fa un certo effetto vedere nomi cambiare così radicalmente. In un certo senso avrei preferito che nomi più sconosciuti restassero gli stessi, giusto per non far fatica a riconoscerli e mi sarei accontentata di trovare Severus Snape, Dumbledore e così via. Ma capisco che non si possa fare visto che sono nomi iconici ormai. Comunque anche grammaticalmente non mi sembra correttissimo, eh. Vada per i congiuntivi di Hagrid assenti perché, se non erro, viene presentato come un personaggio un po' rozzo e illetterato, ma mi pare di aver scorto qualche errore anche in altri casi... 

I maghi e le streghe di Harry Potter

Non ci avevo riflettuto più di tanto, ma queste figure descritte dalla Rowling per certi versi sono abbastanza tradizionali. Indossano cappelli a punta, volano su scope, utilizzano il calderone, hanno un famiglio (wikipedia dice che gli animali tipici erano gatto, rospo, topo, civetta, gufo o corvo e nel libro ci sono praticamente tutti tranne il corvo!). Non è semplice rendere qualcosa di tradizionale così originale. Tra l'altro se leggessi di streghe con cappelli a punta e che volano su scope in altri libri non credo che ne resterei colpita! Anzi, il contrario!

Hagrid è il primo vero amico di Harry Potter

Rileggendo le scene con Hagrid vi confesso che mi sono un tantino emozionata! Hagrid adora Harry senza nemmeno averlo conosciuto, come se fosse uno di famiglia. Per il compleanno gli fa una torta e gli regala Edvige, gli chiede di passare da lui per prendere il tè e parlare della sua prima settimana ad Hogwarts... personaggio troppo sottovalutato!


Perché Silente affida Harry ai Dursley? 

Lo so che almeno una volta ce lo siamo chiesti tutti. Perché affidare un bambino a delle persone orribili? Addirittura Harry nei primi capitoli pensa agli undici anni che sta per compiere e a quanto infelice sia stata la sua vita fino a quel momento. Silente lo spiega nei primi capitoli. Harry è già una celebrità, quindi è meglio che viva una vita tranquilla e lontana dai riflettori. Pensandoci, non ha tutti i torti. La fama avrebbe potuto renderlo una persona diversa, secondo me non molto differente da Draco Malfoy. Per quanto orribile sia stata la sua vita fino a quel momento, tutto ciò lo ha reso la persona che è. Ora vai a vedere che Harry deve ringraziare i suoi zii lol.
"Il signore e la signora Dursley, di Privet Drive numero 4, erano orgogliosi di affermare di essere perfettamente normali, e grazie tante. Erano le ultime persone al mondo da cui aspettarsi cose strane o misteriose, perché sciocchezze del genere proprio non le approvavano."
Comunque leggendo l'incipit ho pensato a quanto i Dursley siano l'esempio perfetto di quelle persone che pensano che tutto ciò che riguarda il fantasy e la fantascienza siano cazzate e roba per bambini. Sembrano delle figure esageratissime, ma in realtà ci sono tante persone a pensarla così.

A proposito, i Dursley sono biondi.

Silente e le caramelle: una storia d'amore

Ero talmente abituata a vedere il Silente dei film che mi sono dimenticata quanto fosse bizzarro il personaggio del libro! Tra l'altro, da come viene descritto, con la barba e i capelli lunghi, sembra più il Merlino del classico disney La spada nella roccia. Inoltre Merlino viene citato nel libro (viene citata anche Circe), fu un mago potente e Silente fa parte del suo ordine (l'Ordine di Merlino, riconoscimento dato ai maghi potenti). Comunque Silente è un generatore di citazioni vivente e anche un gran simpaticone (vogliamo parlare della cuffia con i fiori che indossa il giorno di halloween?). Poi adoro la sua passione per le caramelle (che tira fuori nei momenti meno opportuni).
"«Ma siamo proprio sicuri che se ne sia andato, Silente?»
«Sembra proprio di sì» rispose questi. «Dobbiamo essere molto grati. Le andrebbe una Frizlemon?»
«Una che
«Una Frizlemon. E' una caramella dei Babbani: io ne vado matto.»"


Alcune differenze libro-film...

Chi ha riletto il libro di recente se le ricorderà, io che l'ho letto tempo fa alcune differenze le avevo completamente rimosse. Ricordavo che Harry facesse magie prima dell'episodio con il serpente (i capelli che la zia gli tagliava e poi ricrescevano da soli), ma non ricordavo ad esempio che ogni tanto sognasse motociclette volanti, lampi verdi e risate agghiaccianti. Ah, a proposito, è Sirius Black a prestare la motocicletta ad Hagrid! Altra cosa piuttosto bizzarra è che Harry in uno dei primi capitoli dice di apprezzare la sua cicatrice.
Continuando con le differenze, Hagrid non si incontra con Harry il primo settembre, come nel film, ma il 31 luglio. I due faranno acquisti per la scuola, dopodiché Hagrid se ne andrà, ma non lo lascerà solo alla stazione come nei film. Nel libro Harry si recherà a King's Cross con gli zii, che lo abbandoneranno alla stazione (povero).

A proposito, il primo incontro con Draco Malfoy avviene proprio durante gli acquisti di Harry e Hagrid. Inoltre l'antagonismo fra i due personaggi nel libro è più accentuato e Draco è più presente, come è molto più presente anche Neville. In effetti, Neville fa quasi parte del golden trio e questa è cosa bellissima. Mi spiace che nel film venga messo da parte.

Altra differenza sostanziale è la completa assenza di Pix il Poltergeist (nella nuova traduzione Peeves), uno spiritello dispettoso, e poi nello specchio Harry non vede soltanto i suoi genitori, ma la famiglia al completo.

... e alcuni parallelismi bellissimi.

Nell'epilogo Silente svela a Harry che Piton e suo padre si odiavano proprio come lui e Malfoy si detestano. Però c'è una cosa che Piton non gli ha mai perdonato, ovvero il fatto che James gli abbia salvato la vita. Se ricordate, nei prossimi volumi anche Harry salverà la vita a Malfoy. Un parallelismo bellissimo.

Infine, alcune citazioni!

"«Ah, la musica» disse asciugandosi gli occhi. «Una magia che supera tutte quelle che noi facciamo qui!»"

"Chiamalo pure Voldermort, Harry. Bisogna sempre chiamare le cose con il loro nome. La paura del nome non fa che aumentare la paura della cosa stessa."

"«Fred, ora tocca a te» disse la donna grassottella.
«Ma io non sono Fred, sono George» disse il ragazzo.
«Parola mia, donna! E dici di essere nostra madre? Non lo vedi che sono George?»
«Scusami, George caro»
«Te l'ho fatta! Io sono Fred!»"

"Non serve a niente rifugiarsi sei sogni e dimenticarsi di vivere."

Spero che questo articolo vi sia piaciuto! Mi piacerebbe pubblicarne altri man mano che finisco di rileggere i vari volumi. Fatemi sapere vi piacerebbe leggerli!

Se volete aggiungere qualcosa, fatelo pure nei commenti!


*tutte le citazioni di questo articolo appartengono a J. K. Rowling
(sì, lo so che lo sapete, ma lo scrivo giusto per evitare rogne)

Commenti

  1. Ciao! Ti seguo da un el su Instagram e mi sono salvata tutti gli articoli del blog che mi ispiravano e mano a mano li sto leggendo. Essendo una potterhead sfegatata non potevo perdermi questo che hai scritto 😍 concordo a pieno su diversi punti, nelle differenze fra libro e film, nei parallelismi fantastici e su Silente; hai fatto un articolo molto bello e pieno di spunti di dialogo, complimenti davvero. Non vedo l l'ora di leggere eventuali post simili con i seguiti della pietra filosofale. A presto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao! Grazie mille, mi fa piacere che ti sia piaciuto! Proverò a fare anche degli articoli sui prossimi volumi ^_^

      Elimina

Posta un commento

Scrivi pure il tuo parere. Rispondo appena possibile! Se non vedi subito il tuo commento è perché si trova in attesa di moderazione; lo vedrai solo una volta che sarà approvato (approvo TUTTI i commenti tranne lo spam; inoltre facendo così riesco a rispondere anche quando commenti un articolo scritto anni fa).

Post popolari in questo blog

L'estate nei tuoi occhi

Buon giorno divoratori ^^ notate nulla di diverso? Non avevo intenzione di cambiare template o, almeno, volevo mantenere quello precedente per qualche altra settimana e poi cambiarlo con uno estivo ma quando ho trovato questo pattern con le piume carinissimo, non ho potuto farne a meno! Ho cambiato giusto qualche cosa, non volevo fare grandi modifiche perché ho realizzato che più una grafica è semplice, più dura xD solitamente mi stufo subito di quelle complicatissime. Okay, bando alle ciance, oggi vi lascio questa recensione :3 Titolo: L'estate nei tuoi occhi (The summer trilogy #1) Autore: Jenny Han Editore: Piemme Anno: 2014 Due fratelli. Un vero amore. Belly misura il tempo in estati. Tutto ciò che di bello e magico è accaduto nella sua vita, è accaduto fra giugno e agosto. L'inverno è solo il periodo che la divide dalla prossima estate, dalla casa sulla spiaggia, da Susannah e i suoi due figli, da Conrad e Jeremiah. Loro sono gli amici con cui è cre

Doppia recensione | Non è estate senza di te & Per noi sarà sempre estate di Jenny Han

Buon pomeriggio divoratori c: oggi vi lascio la recensione dei due volumi della Summer trilogy!  Cercherò di essere breve e di evitare spoiler :3 La trama potete leggerla cliccando sul titolo del libro. Non è estate senza di te di Jenny Han , secondo volume della Summer trilogy,  edito da Piemme. Il primo volume di questa trilogia stranamente mi era piaciuto e nonostante le varie recensioni poco positive di questo libro, ho deciso di continuare la serie.  Non è estate senza te  l'ho trovato un pochino inferiore rispetto al primo volume ma ad ogni modo mi è piaciuto. Ne L'estate nei tuoi occhi  i capitoli si alternavano in flashback e presente, qui invece i ricordi sono di meno e vi è anche il punto di vista di Jeremiah. Da un lato, ho apprezzato questa novità, ma dall'altro lato ha reso tutto ancora più confuso, perché si passava da Belly a Jeremiah, da Jeremiah ai flashback dal punto di vista di Belly e.e I flashback già non mi piacevano nel primo volume ma all

Recensione "Il principe crudele" di Holly Black (è davvero un flop?)

Ciao lettori, oggi vi lascio la recensione de " Il principe crudele ", una delle ultime fatiche di Holly Black , autrice che rientra tra le mie preferite perché fino a questo momento non mi ha mai delusa. Chissà come sarà andata questa volta? Leggete la mio opinione per scoprirlo ⇩ Titolo: Il principe crudele Autore: Holly Black Pagine: 313 Editore: Mondadori Anno: 2018 compralo a 9,99€ Jude era solo una bimba quando i suoi genitori furono brutalmente assassinati. Fu allora che sia lei che le sue sorelle vennero rapite e condotte nel profondo della foresta, nel mondo magico. Dieci anni dopo, l'orrore e i ricordi di quel giorno lontano e terribile ormai sfocati, Jude, ora diciassettenne, è stanca di essere maltrattata da tutti e soprattutto vuole sentirsi finalmente parte del luogo in cui è cresciuta, poco importa se non le scorre nemmeno una goccia di sangue magico nelle vene. Ma le creature che le stanno intorno disprezzano gli umani. E in particolare li dis

Recensione "Shatter me" di Tahereh Mafi

Miei cari divoratori, ho appena terminato Shatter me (ex Schegge di me) di Mafi Tahereh . Non ho potuto resistere un giorno in più per scrivere questa recensione: devo farlo adesso, per forza. Titolo: Shatter me Serie: Shatter me 1 Autore:  Tahereh  Mafi  Pagine: 275 Anno: 2012 Editore: Rizzoli Compralo a 8,99€ 264 giorni segregata in una cella, senza contatti con il mondo. Juliette non può parlare con nessuno, e nessuno deve avvicinarla, perché ha un potere terribile: se tocca una persona la uccide. Agli occhi dell'organizzazione che l'ha rapita il suo potere è un'arma stupefacente, per lei è una maledizione. Un giorno però nella cella viene spinto Adam. Juliette non vuole fargli del male, e così lo tiene a distanza. Ma Adam non sa del suo potere, e mentre lei dorme in preda agli incubi la prende tra le braccia per confortarla. Da quel momento tutto cambia, perché Adam, immune al tocco di Juliette, è l'unico che può accettarla così com'è. Insieme pr

Recensione "queste gioie violente" di Chloe Gong

Buongiorno lettori, rieccomi da queste parti con la recensione di ‘queste gioie violente’ di Chloe Gong,  retelling di Romeo e Giulietta di William Shakespeare. Ringrazio la Mondadori per la copia digitale gentilmente offerta, ci tenevo tantissimo a leggere questa dilogia, avevo aspettative altissime che per fortuna sono state soddisfatte! Titolo : Queste gioie violente Autore : Chloe Gong Numero pagine : 396 Anno di pubblicazione : 2022 Casa editrice : Mondadori "Corre l'anno 1926 e a Shanghai, scintillante come non mai, si respira un'aria di dissolutezza. Una faida sanguinosa tra due gang nemiche tinge di rosso le strade, lasciando la città inerme nella morsa del caos. Al centro di tutto c'è la diciottenne Juliette Cai che, dopo un passato lontano dagli affari di famiglia, ha deciso ora di prenderne in mano le redini e assumere il ruolo che le spetta di diritto nella Gang Scarlatta, un'organizzazione di criminali completamente al di sopra della legge. Ma non sono

Recensione "Fidanzati dell'inverno. L'attraversaspecchi" di Christelle Dabos

La recensione di oggi riguarda Fidanzati dell'inverno di Christelle Dabos il primo volume della famosissima serie francese L'Attraversapecchi . Vi consiglio vivamente di evitare la trama del libro e passare direttamente alla recensione perché, per quel che mi riguarda, dice anche troppo! Titolo: Fidanzati dell'inverno Autore: Christelle Dabos Serie: L'Attraversaspecchi 1 Pagine: 382  Editore: Edizioni e/o Anno: 2018 (ita), 2013 (fr) comprarlo a 12,99€ L’Attraversaspecchi è una saga letteraria in tre volumi che mescola Fantasy, Steampunk e Belle Époque, paragonata dalla stampa francese alle saghe di J.K. Rowling e Philip Pullman. Fa da sfondo un universo composto da 21 arche, tante quanti sono i pianeti che orbitano intorno a quella che fu la Terra. La protagonista, Ofelia, è originaria dell’arca “Anima”; una ragazza timida, goffa e un po’ miope ma con due doni particolari: può attraversare gli specchi e leggere il passato degli oggetti. Lavora come curatri

La trilogia delle gemme: Red, Blue, Green.

Buongiorno divoratori :3 Oggi vi parlo della trilogia delle Gemme di Kerstin Gier che ho iniziato a dicembre e finito giusto ieri. Ovviamente non ci saranno spoiler e potete leggere la recensione anche se non avete ancora letto Red. Per le trame dei libri cliccate sulle cover :3 Red, Blue e Green sono state delle letture molto piacevoli ma non nego il fatto che le mie aspettative sono state un po' deluse. Ho sempre letto recensioni positivissime e su GR il rating più basso è di tipo quattro stelline o_o. Perciò potete capire le mie aspettative! Innanzitutto, se la Gier o la ce avesse deciso di pubblicare la trilogia in un unico libro, probabilmente lo avrei apprezzato molto di più. Red è molto introduttivo, nel senso che in trecento pagine non succede un bel niente. E non ha nemmeno un finale ._. finisce esattamente nel bel mezzo della storia (anzi, quale "mezzo" della storia? Questa storia ha praticamente solo l'inizio!). Stessa cosa con Blue , stessa

Vi consiglio un autore: Alice Basso e recensione "Una stella senza luce"

Buongiorno lettori, oggi abbandono per un attimo il tema fantasy a noi tanto caro per proporvi la recensione di “una stella senza luce” di Alice Basso , questa volta si tratta di un libro giallo e di un’autrice che amo moltissimo e che mi piacerebbe presentarvi! Alice lavora per le case editrici come traduttrice, redattrice e valuta le proposte editoriali, canta e scrive testi per una rockband, ama disegnare e se date un’occhiata alla sua pagina facebook o instagram vi accorgerete di quanto abbia un’ironia a cui non si può resistere! Insomma è una tosta! La sua prima serie che l’ha fatta conoscere al grande pubblico è quella dedicata alle vicende di Vani Sarca , una ghostwriter di enorme talento che tramuta in parole le idee degli altri, ha il grande dono di entrare nella mente degli altri, di saper leggere le persone, cosa che le permette così di poter scrivere libri di qualsiasi genere. La serie di  Vani Sarca: -L’imprevedibile caso della scrittrice senza nome (2015) -Scrivere è un

Gruppo di lettura serie "Il trono di ghiaccio" di Sarah J. Maas | dalle novelle prequel al quarto volume

Ciao lettori! Oggi sono felicissima di presentarvi un'iniziativa a cui tengo tantissimo! Voi sapete quanto mi piacciano i gruppi di lettura, ne organizzo almeno uno-due l'anno, ma questa volta si tratta di un'iniziativa più ambiziosa perché leggeremo una serie  (o almeno i libri che sono stati pubblicati al momento in italiano). Che io sia una fan de Il trono di ghiaccio ormai lo sanno pure i muri. Ogni occasione è buona per sottolinearlo. Nei prossimi mesi uscirà il quarto volume in italiano, quindi quale migliore occasione per (ri)leggerla? Sappiamo benissimo che in Italia spesso e volentieri le serie vengono interrotte e il fatto che la Mondadori ne stia portando avanti una che pensavamo tutti avesse fatto una brutta fine è un miracolo, per questo è importante pubblicizzarla , anche perché il quarto volume è un vero e proprio traguardo. Volume dopo volume spesso i lettori perdono interesse, quindi a questo punto è fondamentale far conoscere a più persone possibi

Recensione "Crescent City. La casa di terra e sangue" di Sarah J. Maas

Ciao lettori, finalmente sono tornata (io, Giusy) con una nuova recensione. Il libro in questione è Crescent City - La casa di terra e sangue di Sarah J. Maas . Vi anticipo già che è stato un parto soffertissimo. Titolo: La casa di terra e sangue Serie: Crescent City 1 Autrice: Sarah J. Maas Pagine: 708 Editore: Mondadori Anno di pubblicazione: 2020 Compralo a 19,90€ Ventitré anni, mezza Fae e mezza umana, Bryce Quinlan ha una vita perfetta: di giorno lavora in una galleria d'arte e di notte passa da una festa all'altra, senza problemi e senza preoccupazioni. Quando però una brutale strage scuote profondamente Crescent City, la città in cui vive, e Bryce perde una persona a lei molto cara, il suo mondo crolla in mille pezzi lasciandola disperata, ferita e molto sola. Adesso non cerca più il divertimento, ma un oblio in grado di farle dimenticare i terribili fatti che hanno cambiato la sua vita per sempre. Due anni dopo l'imputato è finalmente dietro le sbarre ma i crimini r