Passa ai contenuti principali

Alice, Dorothy & Wendy Blogtour: 3 curiosità sui classici di Carroll, Baum e Barrie

Ciao lettori, oggi la mia tappa del blogtour dedicato al Drago "Alice, Dorothy & Wendy" prevede delle curiosità su questi tre classici. Per chi non lo sapesse, questo volume raccoglie Alice nel Paese delle Meraviglie, Alice attraverso lo specchio, Il mago di Oz, Peter nei giardini di Kensington e Peter e Wendy.

Titolo: Alice, Dorothy & Wendy
Autore: Lewis Carroll, L. Frank Baum, James M. Barrie
Pagine: 23,75
Editore: Mondadori (Oscar Draghi)
Anno: 2020
Compralo a 23,75€

Alice e le sue avventure nel favoloso Paese delle Meraviglie, di là e di qua dallo specchio. Wendy, l'amica di Peter Pan che per molti lettori è la vera eroina dei romanzi con il bambino che non vuole crescere. Infine Dorothy, la piccola protagonista portata da un tornado nel fantastico mondo di Oz. Tre ragazzine curiose e audaci, al centro di tre grandi classici che, ciascuno a suo modo, hanno saputo celare sotto le spoglie del racconto di fantasia messaggi e metafore della vita. Questo libro è l'occasione per rileggere i tre romanzi - "Le avventure di Alice nel Paese delle Meraviglie", "Peter Pan" e "Il Mago di Oz" -, cogliendone la grande modernità.

Iniziamo con tre curiosità su Alice nel Paese delle Meraviglie.

1) La storia di Alice nel Paese delle Meraviglie nacque un pomeriggio in barca, quando Lewis Carroll, pseudonimo di Charles Lutwidge Dodgson, raccontò a tre bambine la storia di una ragazzina annoiata di nome Alice. La storia piacque così tanto che una delle bambine, che si chiamava pure Alice, chiese che venisse messa per iscritto.  

2) Il primo manoscritto che l'autore regalò alla bambina si chiamava Le avventure di Alice nel Sotto Suolo (Alice's Adventures Under Ground), ma non era la versione definitiva perché Carroll stava già aggiungendo le scene dello Stregatto e del Cappellaio Matto. Questa prima versione purtroppo non esiste più.

3) Tra i titoli che vennero presi in considerazioni ci sono Alice Among the Fairies (Alice tra le fate), Alice's Goldern Hour (L'ora dorata di Alice), ma solo nel 1865 venne ufficialmente chiamato Le avventure di Alice nel Paese delle Meraviglie.

Adesso passiamo a Il meraviglioso mago di Oz.

1) Noi conosciamo principalmente Il mago di Oz, ma in realtà ci sono moltissimi romanzi ambientati in questo mondo. L. Frank Baum scrisse ben 13 seguiti e, dopo la sua morte, molti autori continuarono la serie. Furono pubblicati altri 26 romanzi, per un totale di 40 libri. Esistono anche numerosi libri "non ufficiali". In italiano sono stati tradotti solo cinque seguiti: Il meraviglioso paese di Oz, Ozma regina di Oz, Il ritorno del mago di Oz, La strada per Oz, La città di smeraldo di Oz.

2) Inizialmente l'autore non aveva intenzione di scrivere dei seguiti, ma poi ricevette la lettera di una bambina che lo richiedeva con grande entusiasmo. Baum disse che lo avrebbe pubblicato solo se avesse ricevuto migliaia di lettere. Come potete immaginare ne ricevette parecchie!

3) Secondo alcuni studiosi vi è una lettura in chiave politica del romanzo. Infatti "Oz" è l'abbreviazione di "oncia", unità di misura dell'oro e dell'argento. Vi sono altre teorie sul nome: secondo alcune fonti l'autore prese le lettere che comparivano in un raccoglitore (O-Z), ma la moglie affermò in una lettera che fu inventato.

Infine Peter Pan!

1) Peter Pan nasce come spettacolo teatrale. Spesso questo personaggio maschile veniva interpretato dalle donne. Gli spettacoli ebbero un clamoroso successo, ma Barrie si decise a pubblicare il romanzo solo dopo parecchi anni, quando fu soddisfatto di tutte le modifiche fatte alla storia.

2) La figura di Peter Pan appare per la prima volta nel romanzo L'uccellino bianco. In seguito questi capitoli a lui dedicati formarono il romanzo Peter nei giardini di Kensington.

3) Peter ha molto in comunque con il dio Pan, non solo il nome, ma anche la sua natura contemporaneamente umana e animale. Infatti in Peter nei giardini di Kensington viene presentato come metà bambino metà uccello. Originariamente fu concepito a cavallo di una capra (per chi non lo sapesse, il dio Pan ha l'aspetto di un satiro). Inoltre Peter suona il flauto a più canne, tipico della divinità (non a caso viene chiamato il "flauto di Pan").

Allora, quante ne sapevate? 

Se volete saperne di più, vi invito a seguire il blogtour.

Commenti

  1. qualcuna la conoscevo qualcun'altra invece no. è sempre bello però scoprire cose insolite su libri che ormai son diventati dei classici!

    RispondiElimina
  2. Con Peter Pan vado forte, ma delle altre curiosità conoscevo solo il primo titolo del manoscritto di Alice. Si impara sempre 😏

    RispondiElimina

Posta un commento

Scrivi pure il tuo parere. Rispondo appena possibile! Se non vedi subito il tuo commento è perché si trova in attesa di moderazione; lo vedrai solo una volta che sarà approvato (approvo TUTTI i commenti tranne lo spam; inoltre facendo così riesco a rispondere anche quando commenti un articolo scritto anni fa).

Post popolari in questo blog

Recensione "Il principe crudele" di Holly Black (è davvero un flop?)

Ciao lettori, oggi vi lascio la recensione de " Il principe crudele ", una delle ultime fatiche di Holly Black , autrice che rientra tra le mie preferite perché fino a questo momento non mi ha mai delusa. Chissà come sarà andata questa volta? Leggete la mio opinione per scoprirlo ⇩ Titolo: Il principe crudele Autore: Holly Black Pagine: 313 Editore: Mondadori Anno: 2018 compralo a 9,99€ Jude era solo una bimba quando i suoi genitori furono brutalmente assassinati. Fu allora che sia lei che le sue sorelle vennero rapite e condotte nel profondo della foresta, nel mondo magico. Dieci anni dopo, l'orrore e i ricordi di quel giorno lontano e terribile ormai sfocati, Jude, ora diciassettenne, è stanca di essere maltrattata da tutti e soprattutto vuole sentirsi finalmente parte del luogo in cui è cresciuta, poco importa se non le scorre nemmeno una goccia di sangue magico nelle vene. Ma le creature che le stanno intorno disprezzano gli umani. E in particolare li dis

La trilogia delle gemme: Red, Blue, Green.

Buongiorno divoratori :3 Oggi vi parlo della trilogia delle Gemme di Kerstin Gier che ho iniziato a dicembre e finito giusto ieri. Ovviamente non ci saranno spoiler e potete leggere la recensione anche se non avete ancora letto Red. Per le trame dei libri cliccate sulle cover :3 Red, Blue e Green sono state delle letture molto piacevoli ma non nego il fatto che le mie aspettative sono state un po' deluse. Ho sempre letto recensioni positivissime e su GR il rating più basso è di tipo quattro stelline o_o. Perciò potete capire le mie aspettative! Innanzitutto, se la Gier o la ce avesse deciso di pubblicare la trilogia in un unico libro, probabilmente lo avrei apprezzato molto di più. Red è molto introduttivo, nel senso che in trecento pagine non succede un bel niente. E non ha nemmeno un finale ._. finisce esattamente nel bel mezzo della storia (anzi, quale "mezzo" della storia? Questa storia ha praticamente solo l'inizio!). Stessa cosa con Blue , stessa

Recensione “Il regno di cenere” di Sarah J. Maas

Oggi esce Il regno di cenere , volume conclusivo della serie Il trono di ghiaccio di Sarah J. Maas. Per l’occasione ho organizzato un review party insieme ad altre blogger. Di seguito trovate la mia recensione del libro! Titolo: Il regno di cenere Autore: Sarah J. Maas Pagine: 1080 Editore: Mondadori (Oscar Fantastica) Anno di pubblicazione: 2021 Compralo a 8,99€ Aelin ha rischiato tutto per salvare il suo popolo, ma ha pagato un prezzo altissimo: è stata rinchiusa in una bara di ferro dalla regina Maeve, costretta a sopportare mesi di torture se non vuole condannare coloro che ama. Ma anche la sua forza e la sua determinazione iniziano a incrinarsi. Non è l'unica a dover combattere per assicurarsi un futuro, mentre i fili del destino dei vari personaggi si intrecciano inesorabilmente. Recensione Il regno di cenere di Sarah J. Maas Questa recensione probabilmente sarà lunghissima perché Il trono di ghiaccio è tra le mie serie preferite e sarà difficile contenere le emozioni. Ho

Prossime uscite 2021: ALICE OSEMAN, HOLLY BLACK, SARAH J. MAAS, JAY KRISTOFF, LEIGH BARDUGO, ECC.

Buona domenica lettori, siete pronti ad una carrellata di novità ? Ecco le prossime uscite che troveremo in libreria nel 2021. IO STO URLANDO E PIANGENDO perché voglio almeno buona parte di questi libri! Non vedo l'ora! Prima di iniziare con le notizie, tre cose: 1) chiedo umilmente scusa alle case editrici per aver rovinato la sorpresa, ma insomma, una volta trovate queste notizie non potevo proprio fare finta di niente (e urlare e soffrire da sola, ecco); 2) come la volta scorsa, metto ISBN così potete controllare voi stessi la veridicità della notizia ed evitate di prendermi per cazzara (cose che poi fate lo stesso, ma dettagli); 3) naturalmente aspettiamo una conferma ufficiale dalle case editrici, però le notizie riportate qui sono comunque VERE perché hanno appunto il codice isbn, l'unica cosa che è incerta è la data di uscita che naturalmente può sempre variare. Ma, insomma, sono libri che arriveranno in librereria AL 100% Ovviamente si inizia sempre dalle notizie più su

Recensione "La corte di fiamme e argento" di Sarah J. Maas

La prima recensione dell'anno non poteva non essere quella de La corte di fiamme e argento di Sarah J. Maas , in uscita domani per Mondadori. E' un volume spin-off della serie La corte di rose e spine con protagonisti Nesta e Cassian! Titolo: La corte di fiamme e argento Autore: Sarah J. Maas Serie: Acotar 4 Pagine: 720 Editore: Mondadori Data di uscita: 23 febbraio 2021 Compralo a 20,90€ Nesta Archeron non è quel che si dice un tipo facile: fiera del suo carattere spigoloso, è particolarmente facile alla rabbia e poco incline al perdono. E da quando è stata costretta a entrare nel Calderone ed è diventata una Fae contro la sua volontà, ha cercato in ogni modo di allontanarsi dalla sorella e dalla corte della Notte per trovare un posto per sé all'interno dello strano mondo in cui è costretta a vivere. Quel che è peggio è che non sembra essere ancora riuscita a superare l'orrore della guerra con Hybern. Di certo non ha dimenticato tutto ciò che ha perso per colpa sua.