Passa ai contenuti principali

Recensione film ''The Batman'' con Robert Pattinson

È uscito da poco al cinema The Batman, film di Matt Reeves con Robert Pattinson nei panni di Bruce Wayne e Zoë Kravitz in quelli di Catwoman. Di seguito la recensione del film!

Titolo: The Batman 
Regia di : Matt Reeves
Durata: 175 minuti 
Anno di uscita :2022
Interpreti:  Robert Pattinson: Bruce Wayne / Batman,Zoë Kravitz Selina Kyle / Catwoman, Paul Dano: Edward Nashton / Enigmist, Jeffrey Wright: James Gordon, John Turturro: Carmine Falcone, Peter Sarsgaard: Gil Colson, Andy Serkis: Alfred Pennyworth, Colin Farrell: Oswald Cobblepot / Pinguino


The Batman

Quanti sono i film su Batman? Quante le trasposizioni animate? Quanti i videogiochi? Quanti gli albi a fumetti? Batman è forse uno degli esempi più calzanti di come questi mondi si intersecano, si alimentino a vicenda e con il nuovo film appena uscito che vede il vigilante di Gotham interpretato da Rober Pattinson ne abbiamo un ulteriore conferma.

 Un nuovo inizio, un nuovo volto

Ora sedetevi perché sto per dire qualcosa che sconvolgerà molti di voi. Batman Begins è uscito nel 2005. Si stiamo parlando di un film di ben diciassette anni fa. Quindi, togliendo di mezzo Ben Affleck che non viene nemmeno citato a paragone dai più, direi che è passato un bel po' di tempo tanto da poter rivedere una nuova trilogia (si spera) con un nuovo volto. Il problema è che Pattinson viene considerato ancora dal grande pubblico come un ‘’vampirello sbrilluccicoso’’. Qui però Pattinson ha finalmente l’occasione di dimostrare quanto sia grande il suo talento di attore. E posso dirvi che lo ha fatto, lo ha fatto in altre occasioni ma questa volta lo ha reso noto ad un pubblico più mainstrem.

 Un aspetto mai trattato

 Per chi fosse digiuno di fumetti vi dirò una cosa che spesso viene ribadita (anche troppo) nell’universo fumettistico DC. Batman è il miglior detective del mondo. Per quanto spesso siano altre le caratteristiche che vengono notate di più, una delle forze più grandi del cavaliere oscuro sta proprio nelle sue doti di detective, e nel modo in cui le applica per scovare i criminali. In questa trasposizione cinematografica abbiamo l’intera trama concentrata su questo aspetto. Si ovviamente abbiamo anche altri elementi che ci ricordano che Batman ha molti mezzi e un piccolo richiamo al fatto che ha ricevuto un buon addestramento. Ma il focus sta tutto li. Nelle indagini, nel trovare un nemico sfuggente che vuole essere trovato ma non prima che la sua opera sia compiuta.

 Fra Corruzione gangster e Serial killer

 I primi albi di Batman erano crudi e violenti, i gangstar e i malavitosi erano i suoi nemici principali, e poi si aggiunsero pazzi maniaci che ben si trovavano in una città corrotta e ‘’sporca’’ come lo era Gotham. Ecco il punto di partenza, la città. Gotham ha poche aree di luce. Ci sono bravi cittadini, c’è voglia di cambiare, forse ma non si nota. E non lo nota Batman soprattutto. La sua voce narrante ci mostra una città decadente che ha bisogno di qualcosa. E lui vuole essere quel qualcosa. I criminali sono il suo bersaglio, lui sa come colpirli. Sappiamo che la paura è uno strumento potente ed è quella che Batman usa contro di loro. Il Bat segnale non è uno strumento di speranza che serve ai cittadini per sapere che Batman veglia su di loro, quel segnale è rivolto ai criminali. Loro lo devono vedere e devono sapere che lui è in giro, e che in ogni angolo buio può nascondersi pronto ad agguantarli. Vendetta, cosi si presenta Batman e cosi viene chiamato più volte. Questo ci fa capire quanto ancora sia un Batman acerbo, brutale e spietato, ma ancora poco conscio degli effetti che le sue azioni possono creare. Sui criminali minori forse ha pure una presa ‘’mitologica’’ ma su chi ha uno spirito più forte? Gangster che conoscono il vero potere dei soldi, persone psicopatiche che lo vedono agire in maniera così libera dalle leggi. Questi sono i veri obbiettivi che lui vuole colpire ma che o non vengono scalfiti da tutto ciò oppure vengono spinti su una cattiva strada.

 Non solo immagini

L’atmosfera che trasmette il film è cupa, molto Dark come ci si aspetterebbe. Alcune scene sono davvero potenti. Fotografia e Regia giocano un aspetto fondamentale. Ma non è solo quello. Il comparto sonoro con le musiche e alcuni effetti rendono tutto il complesso ancora più coinvolgente. Ad ogni apparizione di Batman quando sentiamo il tema rivisitato, oppure durante alcune scene dove i piani dell’enigmista vengono svelati abbiamo la musica azzeccata che crea ancora più Patos nello spettatore.Ma c’è un dettaglio che ho letteralmente adorato (ne parlerò nella parte spoiler finale)

 Qualche sbavatura

 Intendiamoci non è tutto oro quello che luccica, il film è bello ma non spettacolare. I difetti ci sono anche se pochi, non rovinano affatto l’opera ma ne danneggiano in parte il valore. Quello più grande sta forse nelle sue ‘’americanate’’. In più di una scena noterete (o avrete notato) come ci siano delle cose senza senso tipiche dei film americani che negli ultimi anni avevamo quasi visto scomparire in tipologie di film molto più realistici. Intendiamoci, The Batman non vuole essere realistico come lo erano i film di Nolan, stiamo sempre parlando di un film che si basa su un universo fumettistico, anzi, universo fumettistico di Batman. Quindi ha dei canoni che sono centrali e che si possono e non si possono notare. Sta al vostro gusto personale.

 Conclusione

 Il film è un ottimo re start. Non si può negare, il Bat segnale brilla di una luce molto forte e illumina il cammino verso una serie di film che difficilmente non diventeranno iconici creando un ulteriore spaccato fra vecchia e nuova generazione. Pattinson è un attore in grado di darci una nuova icona e alcune degli interpreti che lo hanno accompagnato faranno altrettanto (già annunciata la serie sul Pinguino interpretato da Colin Farrell più un altra che tratterà del distretto di polizia di Gotham).Per il resto io non posso che consigliarvi la visione e se lo avete visto continuate nella parte spoiler perché ho alcune cose in negativo e in positivo da aggiungere.

 

 

Parte spoiler

 

Come avrete già capito sono rimasto molto sorpreso dalla colonna sonora, già dai primi trailer si intuiva che volevano creare qualcosa di riconoscibile e d’impatto. Ma non è stata l’unica parte uditiva che ho fortemente apprezzato. Pattinson non ha sviluppato come altri attori un fisico massiccio per interpretare il cavaliere oscuro, eppure c’è un dettaglio in questo film che lo fa apparire molto minaccioso. Ed è il rumore dei suoi passi. Quando è nelle vesti di Batman e cammina vengono spesso inquadrati i suoi passi oppure è semplicemente il suono che sentiamo che trasmette pesantezza. La sua tuta, la sua figura i suoi stivali, tutto è costruito per trasmettere forza e potenza. Questo è un dettaglio molto rilevante perché fa parte del personaggio, o meglio fa parte del suo arsenale. Non lo senti quando ti coglie alle spalle o nell’ombra ma se combattere in modo diretto Batman cerca subito di schiacciarti. Inspiegabile però è come faccia un uomo del suo fisico a subire tanti colpi senza molte conseguenze, in una scena in particolare quando sbatte contro un ponte dovrebbe aver tutte le ossa rotte alla fine. Ma nonostante questo sembra sempre attivo e pronto all’azione tranne nei momenti drammatici. Quindi mi ha fatto molto storcere il naso vedere come tutto è così ben studiato ma poi certe cose sono stranamente poco plausibili. Anche le americanate come detto prima sono davvero difficili da digerire. Forse questo è il maggior difetto del film, l’oscillazione fra il fumettistico e il realistico che non trova un giusto equilibrio. Forse troppo presto per ora, magari nei prossimi film ci riuscirà. Di certo ci saranno prossimi film. Molti dicono che il film è autoconclusivo ma già guardando il finale si capisce quanto ci sia voglia di farne ancora, di evolvere il personaggio. Batman inizia come vendetta, ma poi sarà speranza e giustizia, non so in quale ordine ma scommetto che sarà questa la linea dei prossimi film.

 Un ulteriore enigma?

 Ultima nota, la scena dopo i titoli di coda è enigmatica. Inizialmente pensavo fosse una vera e propria presa in giro all’universo cinematografico Marvel, ma ora escono nuovi dettagli. Prima di tutto, il sito https://www.rataalada.com/ esiste davvero e accedendovi si possono rispondere a delle domande che poi portano ad un video presente su youtube che mostra la campagna elettorale di Thomas Wayne ma chissà che non ci siano altri indizi e che sia tutto un progetto studiato in previsione del prossimo film e delle serie spin off.



Jhose 


Commenti

Post popolari in questo blog

Guida di lettura: "Devil's Night" di Penelope Douglas

 Buongiorno lettori, oggi volevo parlarvi della serie dark romance Devil’s Night della regina di TikTok ovvero Penelope Douglas , ovvero Corrupt, Hideaway, Kill Switch e Nightfall. Vi darò una breve introduzione sulla serie, una spiegazione dei personaggi principali e l’ordine di lettura , e anche un breve commento sui libri singoli. I libri sono in ordine di lettura, in modo che sappiate esattamente dove iniziare, come continuare e soprattutto dove finire con la storia dei Cavalieri! Titolo:  Corrupt - Il mio sbaglio più grande (Devil's Night 1#) Autrice : Penelope Douglas Pagine:   448 Editore:  Newton Compton Editori Pubblicazione: 10 Gennaio 2023 Traduttore: Laura Lancini Trama:  “Si chiama Michael Crist. È il fratello maggiore del mio ragazzo ed è come quei film dell'orrore che guardi coprendoti gli occhi. È bellissimo, forte, e assolutamente terrificante. Non mi vede neppure. Ma io l'ho notato. L'ho visto, l'ho sentito. Le cose che ha fatto, i misfatti che ha

Recensione "Shadowspell Academy Vol.1 l'incantesimo dell'ombra" di Shannon Mayer e K.F. Breene

Buongiorno lettori, oggi eccomi con la recensione del primo volume  della serie "Shadowspell Academy. L'incantesimo dell'ombra, " del duo Shannon Mayer e K.F. Breene, per cui ringrazio di cuore la casa editrice per la copia omaggio.  Titolo: L'incantesimo dell'ombra. #shadowspell academy vol.1 Autore: Shannon Mayer, K.F. Breene Pagine: 168 Casa editrice: Fanucci Data di pubblicazione: 22 marzo 2024 Traduttore: Laura Mastroddi "Il giorno in cui l’uomo più pericoloso che avessi mai incontrato si è presentato alla nostra fattoria per consegnarci una condanna a morte sotto forma di invito, non avevo idea che quelle parole avrebbero potuto cambiare la mia vita. Mio fratello minore è stato scelto per entrare nella prestigiosa e segretissima scuola di magia, la Shadowspell Academy, nascosta tra le pieghe del nostro mondo. È un luogo così insidioso che nessuno garantisce che una volta entrato ne uscirai vivo. Se dovesse rifiutarsi, la nostra intera famiglia verr

Recensione "Divini rivali" di Rebecca Ross: Review Tour

Buongiorno lettori, oggi vi lascio la recensione di un libro da tutti molto atteso per il quale il booktok e il bookstagram è impazzito, si tratta del bellissimo "Divini rivali" di Rebecca Ross , pubblicato da pochissimi giorni dalla Fazi Editore che ringrazio come sempre per la copia digitale fornita in anteprima! Posso dirvi che questa volta il libro merita tutto l’hype che ci gira intorno e forse anche di più!! Titolo: Divini Rivali (#1 Letters of Enchantment) Autore: Rebecca Ross Casa editrice: Fazi Editore Pagine: 408 Pubblicazione: 7 novembre 2023 Traduttore: Stefano Andrea Cresti "Mentre una sanguinosa guerra tra divinità infuria nel paese, la diciottenne Iris Winnow cerca di rimettere insieme i pezzi della sua vita. Il fratello è partito per la guerra e non dà notizie di sé, la madre annega i dispiaceri nell’alcol, il lavoro da giornalista non le dà soddisfazioni. Sogna un futuro in cui la sua scrittura farà la differenza grazie alla promozione a editorialista,

Recensione: "Lapvona" di Ottessa Moshfegh

 Buongiorno lettori, oggi vi porto la recensione del nuovo libro uscito a Marzo di Ottessa Moshfegh, "Lapvona" , stessa autrice di "Il mio anno di riposo e oblio", sempre edito Feltrinelli che ringrazio per la copia del romanzo.  Titolo: Lapvona Autrice: Ottessa Moshfegh Pagine: 272 Editore: Feltrinelli  Pubblicazione: 14 Marzo 2023 Traduttore: Silvia Rota Sperti Trama: Il racconto si svolge nel corso di un anno nel villaggio medievale di Lapvona, un luogo povero e timorato di Dio che viene perennemente prosciugato dei suoi averi dal signore feudale che vive in cima alla collina. Marek, il figlio storpio, bistrattato e delirante di un pecoraio, non ha mai conosciuto sua madre; suo padre gli ha detto che è morta durante il parto. Una delle poche consolazioni per Marek è il suo legame duraturo con l’ostetrica cieca Ina, che lo ha allattato quando era un bambino, come ha fatto con tanti bambini del villaggio. Ma i doni di Ina vanno oltre all’accudimento dei neonat

Recensione "La guerra dei papaveri" di R. F. Kuang

Finalmente la recensione de La guerra dei papaveri di R. F. Kuang vede la luce! Ho letto il libro tra fine-dicembre e inizio-gennaio, ma ho avuto bisogno di tempo per elaborare il tutto. Adesso che l'uscita de  La repubblica del drago (il seguito) si avvicina (dovrebbe uscire il  18 maggio ), è arrivato il momento di parlarvene. Titolo: La guerra dei papaveri Autore: R. F. Kuang Serie: The poppy war 1 Pagine: 516 Editore: Mondadori (Oscar Fantastica) Anno: 2020 Compralo a 20,90€ Orfana, cresciuta in una remota provincia, la giovane Rin ha superato senza battere ciglio il difficile esame per entrare nella più selettiva accademia militare dell'Impero. Per lei significa essere finalmente libera dalla condizione di schiavitù in cui è cresciuta. Ma la aspetta un difficile cammino: dovrà superare le ostilità e i pregiudizi. Ci riuscirà risvegliando il potere dell'antico sciamanesimo, aiutata dai papaveri oppiacei, fino a scoprire di avere un dono potente. Deve solo imparare a us

Recensione "Wolfsong. Il canto del lupo" di TJ Klune \ Review Party

Ciao lettori, sono tornata con una nuova recensione ! Il libro di cui vi parlo è " Wolfsong - Il canto del lupo " di TJ Klune , primo volume della serie Green Creek uscito il 27 luglio. Per l'occasione ho organizzato un evento (blogtour e review party) in collaborazione con la casa editrice che ringrazio per la copia omaggio. Il romanzo in breve : fantasy, licantropi, lgbt+, autoconclusivo, amore, amicizia, angst, lacrime.  E molto altro! Leggete la recensione per scoprirlo! Titolo: Wolfsong. Il canto del lupo Serie: Green Creek 1 Autore: TJ Klune Pagine: 647 Editore: Triskell Edizioni Anno: 2020 (ita) \ 2016 (eng) Compra a 4,49€ Ox aveva dodici anni quando suo padre gli impartì una lezione davvero importante. Gli disse che non valeva niente e che la gente non lo avrebbe mai compreso. Poi andò via. Ox aveva sedici anni quando incontrò un ragazzo sulla strada verso casa. Il ragazzo che parlava, parlava e parlava. Soltanto in seguito scoprì che il ragazzo no

Recensione "Evil" di V. Schwab (Vicious)

Ciao lettori, oggi vi lascio la recensione di " Evil " di V. Schwab , la traduzione italiana di Vicious . Buona lettura! Titolo: Evil Serie: Vicious #1 Autore: V. Schwab Pagine: 408 Editore: Newton Compton Editore Anno: 2019 (ita), 2013 (eng) compra a 4,99€ Il destino di Victor è intrecciato a quello di Eli sin dai tempi dell'università, quando la loro comune sete di conoscenza, unita a una sfrenata ambizione, si rivelò fatale. Gettandosi a capofitto in una ricerca sull'adrenalina e le esperienze ai confini della morte, fecero una straordinaria scoperta: a determinate condizioni, è possibile sviluppare poteri soprannaturali. Ma le cose precipitarono... Sono passati dieci anni da allora e Victor è evaso di prigione, determinato a trovare il suo vecchio amico. Eli ha dedicato la vita a cercare di rimediare al loro errore, dando la caccia a chiunque abbia abusato dei poteri soprannaturali. Il sodalizio di un tempo si è tramutato in rivalità e i due arcinemici s

Recensione "L'estate nei tuoi occhi" di Jenny Han

Buongiorno, oggi recensione de L'estate nei tuoi occhi di Jenny Han , primo volume della Summer Trilogy , lettura perfetta per l'estate!  Titolo: L'estate nei tuoi occhi (The summer trilogy #1) Autore: Jenny Han Editore: Piemme Anno: 2014 Due fratelli. Un vero amore. Belly misura il tempo in estati. Tutto ciò che di bello e magico è accaduto nella sua vita, è accaduto fra giugno e agosto. L'inverno è solo il periodo che la divide dalla prossima estate, dalla casa sulla spiaggia, da Susannah e i suoi due figli, da Conrad e Jeremiah. Loro sono gli amici con cui è cresciuta: Jeremiah è il ragazzo su cui contare, Conrad quello che ti fa battere il cuore. E quest'estate si rivela ancora più speciale, perché sta accadendo ciò che Belly sta aspettando da tempo e che sembrava non sarebbe mai accaduto. Stranamente questo libro mi è piaciuto. È raro che uno young adult mi appassioni, eppure è stato così. Belly ogni anno non vede l'ora c

3 libri da leggere a settembre

Sto tornando, divoratori. Non sono ancora del tutto pronta perché devo fare delle modifiche al blog, ma nel frattempo ne approfitto per lasciarvi qualche post. Iniziamo con le novità di settembre . Mi piacerebbe un sacco fare una lista di tutte le uscite, ma purtroppo non ho molto tempo, perciò ho deciso di selezionare solo i libri di mio interesse, in questo caso tre. Ho deciso che diventerà una specie di rubrica, ovvero ogni mese vi proporrò i libri in uscita che mi interessano. 3 libri da leggere a settembre Cuore Oscuro, Naomi Novik 432 pag. \ Mondadori \ 26 settembre \ Compra su amazon

Recensione "Crescent City. La casa di terra e sangue" di Sarah J. Maas

Ciao lettori, finalmente sono tornata (io, Giusy) con una nuova recensione. Il libro in questione è Crescent City - La casa di terra e sangue di Sarah J. Maas . Vi anticipo già che è stato un parto soffertissimo. Titolo: La casa di terra e sangue Serie: Crescent City 1 Autrice: Sarah J. Maas Pagine: 708 Editore: Mondadori Anno di pubblicazione: 2020 Compralo a 19,90€ Ventitré anni, mezza Fae e mezza umana, Bryce Quinlan ha una vita perfetta: di giorno lavora in una galleria d'arte e di notte passa da una festa all'altra, senza problemi e senza preoccupazioni. Quando però una brutale strage scuote profondamente Crescent City, la città in cui vive, e Bryce perde una persona a lei molto cara, il suo mondo crolla in mille pezzi lasciandola disperata, ferita e molto sola. Adesso non cerca più il divertimento, ma un oblio in grado di farle dimenticare i terribili fatti che hanno cambiato la sua vita per sempre. Due anni dopo l'imputato è finalmente dietro le sbarre ma i crimini r