Passa ai contenuti principali

Focus on

Recensione "La città di ottone" di S. A. Chakraborty

Ciao lettori, oggi vi lascio la recensione de "La città di ottone" di S. A. Chakraborty, primo volume della trilogia Daevabad. Ringrazio Mondadori per la copia del libro!
Titolo: La Città di Ottone Autore: S. A. Chakraborty Pagine: 528 Editore: Mondadori (Oscar Fantastica) Anno: 2020 (ita) Compra a 9,99€ EGITTO, XVIII SECOLO. Nahri non ha mai creduto davvero nella magia, anche se millanta poteri straordinari, legge il destino scritto nelle mani, sostiene di essere un'abile guaritrice e di saper condurre l'antico rito della zar. Ma è solo una piccola truffatrice di talento: i suoi sono tutti giochetti per spillare soldi ai nobili ottomani, un modo come un altro per sbarcare il lunario in attesa di tempi migliori. Quando però la sua strada si incrocia accidentalmente con quella di Dara, un misterioso jinn guerriero, la ragazza deve rivedere le sue convinzioni. Costretta a fuggire dal Cairo, insieme a Dara attraversa sabbie calde e spazzate dal vento che pullulano di creature d…

Recensione "Fidanzati dell'inverno. L'attraversaspecchi" di Christelle Dabos

La recensione di oggi riguarda Fidanzati dell'inverno di Christelle Dabos il primo volume della famosissima serie francese L'Attraversapecchi. Vi consiglio vivamente di evitare la trama del libro e passare direttamente alla recensione perché, per quel che mi riguarda, dice anche troppo!

Titolo: Fidanzati dell'inverno
Autore: Christelle Dabos
Serie: L'Attraversaspecchi 1
Pagine: 382 
Editore: Edizioni e/o
Anno: 2018 (ita), 2013 (fr)
comprarlo a 12,99€
L’Attraversaspecchi è una saga letteraria in tre volumi che mescola Fantasy, Steampunk e Belle Époque, paragonata dalla stampa francese alle saghe di J.K. Rowling e Philip Pullman. Fa da sfondo un universo composto da 21 arche, tante quanti sono i pianeti che orbitano intorno a quella che fu la Terra. La protagonista, Ofelia, è originaria dell’arca “Anima”; una ragazza timida, goffa e un po’ miope ma con due doni particolari: può attraversare gli specchi e leggere il passato degli oggetti. Lavora come curatrice di un museo finché le Decane della città decidono di darla in sposa al nobile Thorn, della potente famiglia dei Draghi. Questo significa trasferirsi su un’altra arca, “Polo”, molto più fredda e inospitale di Anima, abitata da bestie giganti e famiglie sempre in lotta tra di loro. Ma per quale scopo è stata scelta proprio lei? Tra oggetti capricciosi, illusioni ottiche, mondi galleggianti e lotte di potere, Ofelia scoprirà di essere la chiave fondamentale di un enigma da cui potrebbe dipendere il destino del suo mondo. Fidanzati dell’inverno è il primo capitolo di una saga ricca e appassionante che sta conquistando migliaia di lettori giovani e adulti.

Recensione "Fidanzati dell'inverno. L'attraversaspecchi 1" di Christelle Dabos

Dopo il deludente Nevernight, figuratevi se iniziavo l'ennesimo caso letterario con qualche aspettativa. Fidanzati dell'inverno è stato un'entra-esci continuo dalla wishlist, fino a quando L'Attraversaspecchi non è stata scelta come serie da leggere con i #leggiamoserie su instagram.  

Questo libro è stata una vera sorpresa. Sinceramente non sapevo benissimo cosa aspettarmi, forse un libro principalmente romantico e invece il romance, almeno qui, è ridotto all'osso. Però è abbastanza promettente. Vedete, io non resisto ad un libro con due tizi che sono costretti a sposarsi e poi scoprono che forse, questo matrimonio combinato, non sarebbe così male.

Però, come ho già detto, qui l'aspetto romantico per il momento è quasi del tutto assente perché Thorn e Ofelia interagiscono poco, non ne hanno la possibilità. E' un volume molto introduttivo, lo considererei quasi la metà di un romanzo, un assaggio.
@divoratoridilibri


EPPURE...

... eppure mi ha conquistata dalla prima all'ultima pagina. Ho veramente fatto fatica a metterlo giù e a distanza di giorni non faccio altro che pensare alla storia e a quanto vorrei leggere subito il seguito.

Trovo che il mondo creato dall'autrice sia parecchio affascinante, seppur quel che sappiamo è forse solo un quarto di quello che dovremmo sapere. Quello che ha creato Christelle Dabos è a metà tra il fantasy e la fantascienza, un futuro in cui la popolazione si è trasferita su alcune arche, ognuna caratterizzata da un potere diverso. Un mondo fatto di intrighi, divertimento, illusioni, pericoli. Ripeto, un mondo maledettamente ammaliante nonostante l'autrice non abbia ancora rivelato tutte le carte in regola. Fatto che mi rende molto curiosa!

La trama è statica e dinamica allo stesso tempo. Le carte vengono rivelate a poco a poco nonostante la lettura proceda in un battito di ciglia, eppure, ancora una volta, l'autrice non svela nemmeno metà di quello che ha in mente. Per tutto il tempo sinceramente non ho avuto la minima idea di dove volesse andare a parare, mi sono lasciata trasportare dal ritmo frenetico dei complotti.

Anche i personaggi restano enigmatici (infatti non sono riuscita a farmi un'opinione su Thorn) eccetto Ofelia, la nostra protagonista. Lei stranamente mi è piaciuta, me l'aspettavo diversa, più passiva. In alcuni casi lo è, infatti avrei voluto darle una scrollata per opporsi alla situazione che si ritrova a vivere, ma dall'altro lato non ha moltissima scelta visto che si trova in un posto sconosciuto, pieno di manipolatori e gente che la vorrebbe morta. Però ho apprezzato le sue risposte schiette in determinate situazioni!

Lo stile dell'autrice, come avrete capito, scorre una meraviglia! Mi sono ritrovata a leggere in pochissimo tempo e credo che avrei potuto continuare tranquillamente se il numero di pagine fosse stato il triplo. Certo, non l'ho trovato perfetto, specie quando alcuni concetti vengono ripetuti (per fortuna nulla di troppo irritante) e quando descrive le arche ci ho messo un po' a capire come fossero strutturate, cosa che in seguito è stata più chiara.

Ad ogni modo un ottimo primo volume. Sono stracuriosa di scoprire come si evolverà la storia!

Valutazione: 4 stelline

Cosa ne pensate di questo libro? Vi è piaciuto? Vi ispira? Fatemi sapere!

Commenti

  1. Ciao Giusy! Ero indecisissima se leggerlo o meno, ma dopo la tua review devo dargli per forza una possibilità, mi hai molto incuriosita! Poi visto che sono in pieno periodo da letture fantasy - ho appena divorato La Quinta Stagione della Jemisin, sto aspettando dalla biblioteca il secondo e il terzo della serie della Maas sui fae, e penso di cominciare a giorni (dopo Natale) I guardiani della notte di un autore russo - credo proprio che ne approfitterò, anche se la parte romance è poca pochina ;)

    RispondiElimina

Posta un commento

Lascia un segno del tuo passaggio. I vostri commenti sono l'anima del blog. Lo spam sarà automaticamente cancellato.

Post più popolari