Passa ai contenuti principali

Recensione "L'incubo di Hill House" di Shirley Jackson

Ciao lettori, oggi vi lascio la recensione del libro "L'incubo di Hill House" di Shirley Jackson. Da qualche tempo mi ripromettevo di leggere un libro horror, specie questo della Jackson che sono stata lì lì per iniziarlo un paio di volte quest'anno. Complice l'uscita della serie tv netflix, alla fine mi sono decisa!

Titolo: L'incubo di Hill House
Autore: Shirley Jackson
Pagine: 233
Editore: Adelphi
Anno di pubblicazione: 1950
Amazon
Chiunque abbia visto qualche film del terrore con al centro una costruzione abitata da sinistre presenze si sarà trovato a chiedersi almeno una volta perché le vittime di turno non optino, prima che sia troppo tardi, per la soluzione più semplice - e cioè non escano dalla stessa porta dalla quale sono entrati, allontanandosi senza voltarsi indietro. A tale domanda, meno oziosa di quanto potrebbe parere, questo romanzo fornisce una risposta. Non è infatti la fragile e indifesa Eleanor Vance a scegliere la Casa, prolungando l'esperimento paranormale in cui l'ha coinvolta l'inquietante professor Montague. È la Casa - con le sue torrette buie, le sue porte che sembrano aprirsi da sole - a scegliere, per sempre, Eleanor Vance.

Recensione "L'incubo di Hill House" di Shirley Jackson

Hill House è stata creata per essere inospitale. L'architettura stessa è stata pensata per creare una sorta di "effetto ottico" che distorce la realtà, come pareti inclinati, infinite stanze che ti fanno perdere la cognizione dello spazio. Si tratta di una casa infestata? E' proprio questo lo scopo della ricerca del dottor Montague, di Theodore, Luke e Eleanor: documentare non solo qualsiasi evento strano che accade nella casa, ma anche il proprio stato d'animo, per capire l'influenza che essa ha su loro.

Le mie emozioni nei confronti di questo libro sono contrastanti perché alcuni aspetti mi sono piaciuti, altri non mi hanno fatto impazzire anche se tutto sommato avevano un suo perché. La prima parte è quella che ho meno gradito perché ho fatto fatica a sopportare Eleanor, quella che possiamo considerare a tutti gli effetti la protagonista, visto che è il personaggio più caratterizzato.

Ha passato gran parte della vita a badare alla madre inferma e non ha vissuto molte esperienze, specie a contatto con altre persone. Questo è uno dei motivi che la spingono ad unirsi all'esperimento del dottor Montague, oltre al fatto che per una volta vuole essere lei a decidere per se stessa. Eleanor si comporta da ragazzina nonostante l'età, si lega alle persone in maniera ossessiva, si fa un sacco di flash mentali.  Pian piano che la storia avanza si nota una sorta di analogia tra Eleanor e Hill House, aspetto che manda più volte in confusione (nel senso buono) il lettore.

Instagram: @divoratoridilibri

I personaggi in generale non mi hanno fatto impazzire. Il Dottor Montegue poteva, anzi DOVEVA, essere una figura fondamentale, invece il suo personaggio è sprecatissimo visto che non fa nulla di più oltre a spiegare la storia della casa. Theodore ho fatto fatica ad apprezzarla. A me non piacciono per niente quei personaggi che si mostrano subito super simpatici e disponibili. Infatti con Eleanor diventano subito (praticamente appena si incontrano) amiche per la pelle, ma il loro rapporto sarà altalenante: un minuto prima vanno d'accordo, quello dopo si odiano. Poi Theodore sembra bipolare perché ci sono momenti in cui sembra affettuosa verso Eleanor e altri in cui la tratta malissimo. Capisco che avere a che fare con un personaggio come Eleanor non sia facile, però sembra falsa, ecco. Luke forse è l'unico personaggio che risulta vagamente gradevole, seppur a caratterizzazione non sta messo meglio degli altri.

La storia, come ho detto, inizialmente non mi faceva impazzire, ma più i personaggi interagivano con la casa più diventava interessante. In alcune scene mi è salito un brivido, però effettivamente non c'è tantissimo di horror. Mi sarebbe piaciuto che per certi aspetti fosse più approfondito, non solo i personaggi, ma anche la casa e la sua storia. Il finale mi ha lasciata divisa a metà. Diciamo che non sono un'amante delle questioni lasciate in sospeso, ma delle volte credo siano appropriate e che sia giusto così. Ancora però non ho capito se sia o meno il caso di questo libro.

altri libri di Shirley Jackson: Paranoia, Abbiamo sempre vissuto nel castello, Lizzie, La lotteria.


Fatemi sapere cosa ne pensate e passate a leggere la recensione de La cercatrice di storie (👉clicca qui). Stiamo anche guardando la serie tv, quindi presto ve ne parleremo!

Commenti

  1. Credo che la "bipolarità" di Theo possa trovare giustificazione (almeno in parte) con l'influenza nefasta della casa sulla sua psiche, a suo modo quasi fragile quanto quella di Nell... Comunque, c'è da dire che la sua controparte televisiva, nel telefilm di Flanagan, mi piace infinitamente di più! *____*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, ci avevo pensato, ma è comunque fastidiosa XD
      Nella serie tv al momento (sono alla 1x05) piace moltissimo anche a me, così come Nell. :)

      Elimina
  2. Volevo iniziare la serie ma credo leggerò prima il libro, di cui non conoscevo nemmeno l'esistenza.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. superata la prima metà, è una lettura scorrevolissima :)

      Elimina
  3. La copertina è bellissima. Comunque di questa autrice mi ha sempre ispirato molto di più Abbiamo sempre vissuto nel castello, quindi credo che inizierò da questo. Sono troppo fifona per guardare la serie TV xD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ce ne sono di più belle senza ombra di dubbio XD però devo ammettere che nemmeno a me dispiace.
      Comunque non dirlo a me! Sono ancora alla 1x05 e la sto adorando, ma mi cago sotto. Sigh.

      Elimina
  4. Ciao Giusy. Ho letto questo libro anni fa dopo aver visto il film e concordo in tutto e per tutto con te a parte che a me è piaciuta di più la prima parte e meno la seconda. Anche io avrei voluto un maggior approfondimento in alcune parti del romanzo e un finale diverso, tipo un diverso sviluppo del personaggio di Eleonor. Secondo me la storia c'era ma poteva essere scritta meglio...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. io ho preferito la seconda perché entriamo nel vivo della storia e c'è qualche scena che dà i brividi (proprio quello che stavo cercando quando ho iniziato il libro!). Ma in generale hai ragione: la trama c'è ed è interessante. Fosse stata approfondita di più, veniva fuori un libro bellissimo.

      Elimina
  5. Ho amato (anzi, stra-amato) la serie tv e spero che il libro non mi deluda!
    Conto di leggerlo per il mese prossimo :D

    RispondiElimina
  6. Mi spiace che il libro non ti abbia fatto impazzire e alcune delle cose che hai scritto mi han fatto storcere un po' il naso ma spero di riuscire a leggerlo comunque, anche perché ho in WL sia questo che Abbiamo sempre vissuto nel castello praticamente da tempo immemore e la serie tv mi ispira pure parecchio, quindi magari riuscirò finalmente a leggere almeno uno dei libri dell'autrice!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anch'io avevo questo libro in wishlist da parecchio... tutto sommato non mi è dispiaciuto, ma speravo in qualcosina in più. Comunque spero che a te piaccia!
      Abbiamo sempre vissuto nel castello lo leggerò sicuramente.

      Elimina
  7. Più ci penso più mi rendo conto che questo libro non mi ha convinto granché, però mi piacerebbe leggere qualcos'altro dell'autrice.

    RispondiElimina

Posta un commento

Scrivi pure il tuo parere. Rispondo appena possibile! Se non vedi subito il tuo commento è perché si trova in attesa di moderazione; lo vedrai solo una volta che sarà approvato (approvo TUTTI i commenti tranne lo spam; inoltre facendo così riesco a rispondere anche quando commenti un articolo scritto anni fa).

Post popolari in questo blog

Recensione "Il principe crudele" di Holly Black (è davvero un flop?)

Ciao lettori, oggi vi lascio la recensione de " Il principe crudele ", una delle ultime fatiche di Holly Black , autrice che rientra tra le mie preferite perché fino a questo momento non mi ha mai delusa. Chissà come sarà andata questa volta? Leggete la mio opinione per scoprirlo ⇩ Titolo: Il principe crudele Autore: Holly Black Pagine: 313 Editore: Mondadori Anno: 2018 compralo a 9,99€ Jude era solo una bimba quando i suoi genitori furono brutalmente assassinati. Fu allora che sia lei che le sue sorelle vennero rapite e condotte nel profondo della foresta, nel mondo magico. Dieci anni dopo, l'orrore e i ricordi di quel giorno lontano e terribile ormai sfocati, Jude, ora diciassettenne, è stanca di essere maltrattata da tutti e soprattutto vuole sentirsi finalmente parte del luogo in cui è cresciuta, poco importa se non le scorre nemmeno una goccia di sangue magico nelle vene. Ma le creature che le stanno intorno disprezzano gli umani. E in particolare li dis

Recensione “Il regno di cenere” di Sarah J. Maas

Oggi esce Il regno di cenere , volume conclusivo della serie Il trono di ghiaccio di Sarah J. Maas. Per l’occasione ho organizzato un review party insieme ad altre blogger. Di seguito trovate la mia recensione del libro! Titolo: Il regno di cenere Autore: Sarah J. Maas Pagine: 1080 Editore: Mondadori (Oscar Fantastica) Anno di pubblicazione: 2021 Compralo a 8,99€ Aelin ha rischiato tutto per salvare il suo popolo, ma ha pagato un prezzo altissimo: è stata rinchiusa in una bara di ferro dalla regina Maeve, costretta a sopportare mesi di torture se non vuole condannare coloro che ama. Ma anche la sua forza e la sua determinazione iniziano a incrinarsi. Non è l'unica a dover combattere per assicurarsi un futuro, mentre i fili del destino dei vari personaggi si intrecciano inesorabilmente. Recensione Il regno di cenere di Sarah J. Maas Questa recensione probabilmente sarà lunghissima perché Il trono di ghiaccio è tra le mie serie preferite e sarà difficile contenere le emozioni. Ho

Prossime uscite 2021: ALICE OSEMAN, HOLLY BLACK, SARAH J. MAAS, JAY KRISTOFF, LEIGH BARDUGO, ECC.

Buona domenica lettori, siete pronti ad una carrellata di novità ? Ecco le prossime uscite che troveremo in libreria nel 2021. IO STO URLANDO E PIANGENDO perché voglio almeno buona parte di questi libri! Non vedo l'ora! Prima di iniziare con le notizie, tre cose: 1) chiedo umilmente scusa alle case editrici per aver rovinato la sorpresa, ma insomma, una volta trovate queste notizie non potevo proprio fare finta di niente (e urlare e soffrire da sola, ecco); 2) come la volta scorsa, metto ISBN così potete controllare voi stessi la veridicità della notizia ed evitate di prendermi per cazzara (cose che poi fate lo stesso, ma dettagli); 3) naturalmente aspettiamo una conferma ufficiale dalle case editrici, però le notizie riportate qui sono comunque VERE perché hanno appunto il codice isbn, l'unica cosa che è incerta è la data di uscita che naturalmente può sempre variare. Ma, insomma, sono libri che arriveranno in librereria AL 100% Ovviamente si inizia sempre dalle notizie più su

Recensione "La corte di fiamme e argento" di Sarah J. Maas

La prima recensione dell'anno non poteva non essere quella de La corte di fiamme e argento di Sarah J. Maas , in uscita domani per Mondadori. E' un volume spin-off della serie La corte di rose e spine con protagonisti Nesta e Cassian! Titolo: La corte di fiamme e argento Autore: Sarah J. Maas Serie: Acotar 4 Pagine: 720 Editore: Mondadori Data di uscita: 23 febbraio 2021 Compralo a 20,90€ Nesta Archeron non è quel che si dice un tipo facile: fiera del suo carattere spigoloso, è particolarmente facile alla rabbia e poco incline al perdono. E da quando è stata costretta a entrare nel Calderone ed è diventata una Fae contro la sua volontà, ha cercato in ogni modo di allontanarsi dalla sorella e dalla corte della Notte per trovare un posto per sé all'interno dello strano mondo in cui è costretta a vivere. Quel che è peggio è che non sembra essere ancora riuscita a superare l'orrore della guerra con Hybern. Di certo non ha dimenticato tutto ciò che ha perso per colpa sua.

La trilogia delle gemme: Red, Blue, Green.

Buongiorno divoratori :3 Oggi vi parlo della trilogia delle Gemme di Kerstin Gier che ho iniziato a dicembre e finito giusto ieri. Ovviamente non ci saranno spoiler e potete leggere la recensione anche se non avete ancora letto Red. Per le trame dei libri cliccate sulle cover :3 Red, Blue e Green sono state delle letture molto piacevoli ma non nego il fatto che le mie aspettative sono state un po' deluse. Ho sempre letto recensioni positivissime e su GR il rating più basso è di tipo quattro stelline o_o. Perciò potete capire le mie aspettative! Innanzitutto, se la Gier o la ce avesse deciso di pubblicare la trilogia in un unico libro, probabilmente lo avrei apprezzato molto di più. Red è molto introduttivo, nel senso che in trecento pagine non succede un bel niente. E non ha nemmeno un finale ._. finisce esattamente nel bel mezzo della storia (anzi, quale "mezzo" della storia? Questa storia ha praticamente solo l'inizio!). Stessa cosa con Blue , stessa