Passa ai contenuti principali

Firelight. La ribelle *recensione*

Ciao divoratori ^^
oggi voglio parlarvi di uno dei tanti libri letti quest'estate!

Titolo: Firelight. La ribelle.
Autore: Sophie Jordan
Prezzo: 9,90 €
Anno: 2011
Editore: Piemme
Genere: fantasy

Trama
Discendiamo dai draghi. Siamo dei mutaforma che hanno sviluppato la capacità di apparire umani per sfuggire ai Cacciatori. Viviamo nascosti nelle foreste remote, volando solo di notte, dispiegando le ali quando nessuno può vederci. Siamo Draki. Io mi chiamo Jacinda e sono il tesoro del mio branco, l'unica capace di soffiare ancora fuoco. Ma dopo aver infranto per l'ennesima volta le regole che proteggono la vita della nostra comunità, sono stata costretta a fuggire insieme a mia madre e mia sorella. Ci siamo sepolte vive in un'anonima cittadina, dove sono costretta a mantenere l'aspetto umano con il rischio di dimenticare la mia vera natura. Finché non mi sono ritrovata nella stessa scuola del mio Cacciatore. È possibile una simile coincidenza? Oppure questo bellissimo e pericoloso ragazzo non è quello che la sua famiglia vorrebbe far credere?

L'autrice.
Sophie Jordan è cresciuta in una piantagione di noci pecan, in Texas, dove ha coltivato fantasie riguardanti draghi, principesse e guerrieri fino a che non è diventata un’insegnante d’inglese. Quando non è impegnata a scrivere, esagera con la caffeina (preferibilmente caffè macchiato e diet cherry coke), discutendo di trame con chiunque abbia voglia di ascoltare (figli compresi) e intasando il lettore dvd di serie poliziesche. Attualmente vive a Houston con la famiglia.


Firelight - La ribelle è il primo volume della saga fantasy Firelight Trilogy.
Jacinda è un draki, l'unico esemplare sputafuoco esistente.
Questo la rende speciale e fondamentale per il suo clan.
Ma la madre, per il bene della figlia, decide di trasferirsi in una piccola cittadina nel deserto insieme a Jacinda e Tamra (la sorella gemella).
E' li che la nostra protagonista incontra il Cacciatore che le ha salvato la vita una volta.

Finalmente un libro che tratta un tema diverso dal solito.
Questa nuova versione del drago l'ho trovato davvero originale. 
Peccato per la descrizione fisica del draki. Per certi aspetti era molto esaudiente, ma per quanto riguarda 'il corpo' di un draki trasformato non c'ho capito nulla.
Il drago che tutti conosciamo è gigantesco, mentre il draki di Sophie Jordan non si sa.
Leggendo il libro ho dedotto che abbia una statura simile a quella umana e, non so voi, io non riesco ad immaginarmi un drago dall'aspetto quasi umano.
Riassumendo, pecca nel descrivere l'aspetto del draki.
Altra pecca: ripetizioni.
Lo stile della scrittrice è semplice e piacevole, ma ho notato delle ripetizioni per quanto riguarda i pensieri di Jacinda. 
Che non vuole far morire il draki che c'è in lei e la coscienza del fatto che stare accanto al Cacciatore sia pericoloso sono costantemente ripetute.
Per quanto riguarda il resto non ho altro d'aggiungere.
E' un bel libro, diverso dal solito anche se le basi sono sempre le stesse (umano che si innamora di un essere diverso).
C'è chi trova che questo libro sia scopiazzato da Twilight e altri fantasy, ma io, non avendo letto Twilight, non ne ho la minima idea e perciò non mi importa più di tanto.




.
Lo consiglio a tutti gli amanti di questo genere.

Firelight Trilogy.

#1 Firelight. La ribelle
#2 Vanish. La traditrice
#3 Hidden. La prigioniera

Spero di poter continuare presto la saga ^^
voi l'avete letta?


Commenti

  1. L'ho letto anche io, e mi era abbastanza piaciuto! :)
    Concordo con te, i draki proprio non sono riuscita ad immaginarmeli...
    Per il resto è stata una lettura carina! ;)

    RispondiElimina
  2. Ho questo libro da tempo e non sono riuscita ancora a leggerlo, mi sono incuriosita, mannaggia sempre così, appena leggo la recensione di un libro che ho già mi viene voglia di prenderlo dalla massa in attesa e metterlo sul comodino, cosa impossibile visto che sul comodino vi è già una pila non indifferente...bella recensione, come sempre.
    Baci cara!!!

    RispondiElimina
  3. Già, è abbastanza carino come libro ^^
    Sara hai perfettamente ragione xD anch'io, con tutte queste recensioni che leggo, non so che libro iniziare prima!

    RispondiElimina
  4. Oltre ad Eragon questo è primo libro in cui mi imbatto che ha come protagonisti dei draghi, peccato che non si capisce come siano fatti, forse una storia un po' classica ma potrebbe esserci qualche colpo di scena che la rende piacevole. Twilight non l'ho letto, ho visto solo il primo film (vampiri che luccicano?? wtf!!) e non mi è piaciuto nulla quindi spero non sia scopiazzato da lì.

    RispondiElimina

Posta un commento

Scrivi pure il tuo parere. Rispondo appena possibile! Se non vedi subito il tuo commento è perché si trova in attesa di moderazione; lo vedrai solo una volta che sarà approvato (approvo TUTTI i commenti tranne lo spam; inoltre facendo così riesco a rispondere anche quando commenti un articolo scritto anni fa).

Post popolari in questo blog

Recensione "Fidanzati dell'inverno. L'attraversaspecchi" di Christelle Dabos

La recensione di oggi riguarda Fidanzati dell'inverno di Christelle Dabos il primo volume della famosissima serie francese L'Attraversapecchi . Vi consiglio vivamente di evitare la trama del libro e passare direttamente alla recensione perché, per quel che mi riguarda, dice anche troppo! Titolo: Fidanzati dell'inverno Autore: Christelle Dabos Serie: L'Attraversaspecchi 1 Pagine: 382  Editore: Edizioni e/o Anno: 2018 (ita), 2013 (fr) comprarlo a 12,99€ L’Attraversaspecchi è una saga letteraria in tre volumi che mescola Fantasy, Steampunk e Belle Époque, paragonata dalla stampa francese alle saghe di J.K. Rowling e Philip Pullman. Fa da sfondo un universo composto da 21 arche, tante quanti sono i pianeti che orbitano intorno a quella che fu la Terra. La protagonista, Ofelia, è originaria dell’arca “Anima”; una ragazza timida, goffa e un po’ miope ma con due doni particolari: può attraversare gli specchi e leggere il passato degli oggetti. Lavora come curatri

10 libri fantasy da leggere questo autunno

Prepariamoci all'arrivo dell'autunno con alcuni libri fantasy da leggere assolutamente nei prossimi mesi . Cosa hanno in comune questi libri, oltre ad essere dello stesso genere? Alcuni di essi usciranno a breve, mentre degli altri uscirà in libreria il seguito nelle prossime settimane (più o meno).  E ad occhio e croce direi che se avete amato almeno uno di questi libri, di sicuro vi piaceranno anche gli altri...  1.  Il principe crudele , Holly Black  Il 25   settembre  uscirà in libreria un nuovo libro di Holly Black ! Nonostante non abbia letto tutto quello scritto da questa autrice (trovate qui le mie recensioni: Doll Bones , I segreti di Coldtown , Nel profondo della foresta ) la considero una delle mie preferite. Adoro i suoi mondi fiabeschi e allo stesso tempo oscuri, riescono sempre a farmi innamorare. Il principe crudele è il primo volume di una trilogia con protagoniste le fate e con quello che sembrerà essere un coprotagonista cattiva. E io che amo i villa

Recensione "Echi in tempesta" di Christelle Dabos, capitolo finale della serie L'Attraversaspecchi

Ciao lettori, oggi vi lascio la recensione di " Echi in tempesta" di Christelle Dabos , volume conclusivo della serie francese L'Attraversaspecchi . Ringrazio Edizioni e\o per avermi dato l'opportunità di ricevere il libro in anteprima!  Titolo: Echi in tempesta Autore: Christelle Dabos Serie: L'Attraversaspecchi 4 Pagine: 576 Editore: Edizioni e\o Anno: 2020 Comprarlo a 11,99€ Crollati gli ultimi muri della diffidenza, Ofelia e Thorn si amano ormai appassionatamente. Tuttavia non possono farlo alla luce del sole: la loro unione deve infatti rimanere nascosta perché possano continuare a indagare di concerto sull’indecifrabile codice di Dio e sulla misteriosa figura dell’Altro, l’essere di cui non si conosce l’aspetto, ma il cui potere devastante continua a far crollare interi pezzi di arche precipitando nel vuoto migliaia di innocenti. Come trovare l’Altro, senza sapere nemmeno com’è fatto? Più uniti che mai, ma impegnati su piste diverse, Ofelia e Th