Passa ai contenuti principali

Recensione "Crescent City. La casa di terra e sangue" di Sarah J. Maas

Ciao lettori, finalmente sono tornata (io, Giusy) con una nuova recensione. Il libro in questione è Crescent City - La casa di terra e sangue di Sarah J. Maas. Vi anticipo già che è stato un parto soffertissimo.

Titolo: La casa di terra e sangue
Serie: Crescent City 1
Autrice: Sarah J. Maas
Pagine: 708
Editore: Mondadori
Anno di pubblicazione: 2020
Ventitré anni, mezza Fae e mezza umana, Bryce Quinlan ha una vita perfetta: di giorno lavora in una galleria d'arte e di notte passa da una festa all'altra, senza problemi e senza preoccupazioni. Quando però una brutale strage scuote profondamente Crescent City, la città in cui vive, e Bryce perde una persona a lei molto cara, il suo mondo crolla in mille pezzi lasciandola disperata, ferita e molto sola. Adesso non cerca più il divertimento, ma un oblio in grado di farle dimenticare i terribili fatti che hanno cambiato la sua vita per sempre. Due anni dopo l'imputato è finalmente dietro le sbarre ma i crimini ricominciano e Bryce è decisa a fare tutto il possibile per vendicare quelle morti. Ad affiancarla nelle indagini arriva Hunt Athalar, un famoso angelo caduto, prigioniero degli arcangeli che lui stesso aveva tentato di detronizzare. Le sue grandi capacità e la sua forza incredibile sono utilizzate all'unico scopo di eliminare i nemici del suo capo. Quando però si scatena il caos in città, Hunt riceve una proposta irrinunciabile: aiutare Bryce a trovare l'assassino e riconquistare, in cambio, la sua libertà. Quando Bryce e Hunt cominciano a scavare in profondità nel ventre di Crescent City, scoprono un potere terrificante e oscuro che minaccia tutto e tutti, e vengono travolti da una passione irrefrenabile, che potrebbe renderli entrambi liberi, se solo lo volessero. Il dolore della perdita, il prezzo della libertà e il potere dell'amore sono i temi principali de "La casa di terra e sangue", il primo romanzo di questa serie fantasy di Sarah J. Maas, che mescola romanticismo e suspense.

Recensione "Crescent City. La casa di terra e sangue" di Sarah J. Maas

Allora, alcuni ricorderanno il mio primo tentativo con questo libro. Abbandonato quasi a metà per esasperazione. Però ho voluto fare un tentativo per due motivi:
a) so che la Maas riserva il meglio nel finale e, in genere, riesce sempre a sorprendermi;
b) mi sono fatta 350 spoiler sul secondo volume e, 'nsomma, ho sofferto solo per poterlo leggere (esce il 12 aprile, cioè domani!). Vi giuro che ho un buon motivo, ma non posso dirlo perché sarebbe spoiler.

Com'è andato quindi il mio secondo tentativo? Se non si fosse capito: MALE. Non ricordo quando l'ho iniziato a leggere. Dieci anni fa? Questa è stata la sensazione. Non potete capire il sollievo quando l'ho finito.

Di Crescent City ci sono talmente tante cose da dire che vi suggerisco di mettervi comodi.

Innanzitutto questa storia è strutturata male, come ormai gran parte dei libri della Maas. Non capisco perché non far succedere quasi nulla per 3\4 del libro e poi negli ultimi capitoli il finimondo. Tra l'altro in altre circostanze non sarebbe un problema (visto che in teoria il meglio si conserva per il finale), ma se scrivi un libro di 700 pagine il minimo che puoi fare è cercare di catturare il lettore con numerosi plot twist (e qui ce ne sono pochissimi e pure telefonati).

E a questo punto oltre avere una storia strutturata male abbiamo anche un problema di ritmo. Perché la storia è molto lenta, ad esclusione di una parte iniziale e, appunto, gli ultimi capitoli.

Questo libro è così lento perché Sarah J. Maas si concentra sui protagonisti. Infatti possiamo dire che tralasciando i "misteri" - che razza di creatura è quella che semina il terrore? Chi l'ha evocata? Chi ha rubato il leggendario Corno? - il tema principale è l'elaborazione del lutto. Che per carità, ci sta, ma con personaggi scialbi come Hunt e Bryce è stato veramente un'agonia.

E qui apriamo una parentesi ABNORME. Perché ancora una volta la Maas si autoplagia. Lei ama così tanto Il trono di ghiaccio che ha deciso di riproporci nuovamente questa storia in una nuova salsa. Perché sì, raga, i paragoni si sprecano. Non voglio entrare nei dettagli, ma sì, anche ne Il trono di ghiaccio la protagonista perde persone a lei care, ci sono omicidi misteriosi, creature vagamente umanoidi evocate da chissà chi che mietono vittime, altri mondi eccetera eccetera. Detto così voi direte "eh, ma ci sono anche in altri 3043232 libri". Sì, ok, ma qui è diverso perché l'autrice è la stessa e vi giuro, sembra davvero di star leggendo la stessa cosa. D'altronde acotar è un altro suo auto-plagio!

Poi non parliamo dei personaggi. Bryce è una nuova versione di Aelin e Hunt di Rowan (e un po' anche di Cassian). Solo che entrambi a me sono parsi molto scialbi. Infatti non mi sono affezionata a nessuno dei due e in generale ho trovato veramente noiosa la loro storia. Diciamo che se devo essere oggettiva non sono personaggi terribili perché, Bryce in primis, ha una buona caratterizzazione (un po' meno Hunt, "L'Umbra Mortis"... buuuuh che paura), però veramente, mi è sembrato di leggere le stesse dinamiche delle ship della Maas per la centesima volta. Salvo solo alcune scene che ho trovato simpatiche, per il resto noia. Poi vogliamo parlare del fatto che tutti vogliano farsi Bryce? Non c'è un personaggio che non faccia commenti sul suo cul0 e qualsiasi altra creatura che respira è molesta nei suoi confronti. Altra cosa che mi ha dato fastidio è il fatto che sia Bryce sia Hunt trattano tutti con aria di sufficienza. Mi ricordano qualcuno (*coff coff* Rowaeling *coff coff*). Che antipatia.

L'unico di questa storia che mi è piaciuto è Ruhn. Seppur anche lui mi abbia ricordato vagamente qualche altro personaggio dell'autrice (un po' Lucien, un po' Lorcan), l'ho trovato nettamente superiore ai due protagonisti. La sua storia è più interessante così come i suoi capitoli, gli unici che mi hanno coinvolta. Infatti ho iniziato a perdere interesse quando a metà libro i suoi capitoli iniziavano ad essere sempre di meno.

Il finale, la parte in cui il ritmo si fa più frenetico perché succede di tutto e di più, purtroppo non basta a salvare questo libro. Ho trovato tutto molto scontato e per certi versi ridicolo (*Spoiler* vogliamo parlare di Bryce che affronta Micah e poi i demoni e tutti gli altri seduti al tavolo a guardarla tramite le telecamere? L'unica parte divertente è quando con l'aspirapolvere raccoglie i resti dell'arcangelo ahahah *fine spoiler*). Molte cose sono facilmente intuibili, quindi non c'è stato nessun effetto sorpresa.

Poi mi piacerebbe spendere due parole sul world-building, ma la verità è che non 'cho capito niente. La Maas inseriesce nel suo libro praticamente qualsiasi figura fantasy. Il risultato per me è veramente caotico. C'è troppa carne al fuoco.

Ricapitolando: libro estremamente lungo (300 pagine poteva benissimo tagliarle e il risultato non sarebbe cambiato), protagonisti fastidiosi e anonimi, world-building confuso, trama lenta e priva di colpi di scena interessanti. Ah, personaggio overpowered, naturalmente. Ormai è la prassi.

I pochi aspetti che invece mi sento di salvare del libro sono questi: alcuni capitoli che mi sono piaciuti, all'inizio, specie quelli di Ruhn; Ruhn e qualche altro personaggio secondario che potrebbe essere interessante; una parte nel finale che inaspettatamente mi ha commosso (ecco, quando dico che la Maas sa sorprendere intendo proprio questo).

Questo però non basta a salvare il libro e non posso fare a meno di bocciarlo. Non è come La corte di rose e spine che, nonostante tutto, risulta piacevole e divertente. No, questo per me è stato semplicemente noioso con giusto qualche rara risata qua e là. Fosse stato più breve sicuramente avrei potuto apprezzarlo un poco di più.

Io spero davvero che La casa di cielo e aria sia più bello perché, davvero, mi sento già male all'idea.

Valutazione: 2,5 ⭐

Lo avete letto? Cosa ne pensate?
(per altri aggiornamenti seguimi su instagram: @divoratoridilibri)

Commenti

Post popolari in questo blog

Libri in uscita nel mese di Aprile

Buon primo aprile, lettori! Pronti a vedere le novità in libreria di questo mese? Mettetevi comodi perché escono un sacco di libri interessanti! 1. Il dizionario del diavolo (5 aprile) Una raccolta delle opere horror di Ambroce Bierce. Edizione bellissima, come sempre. 2. Wicked. Vita e opere della perfida strega dell'Ovest (5 aprile) Dopo essere stato rimandato per settimane, sembrerebbe che adesso l'uscita definitiva sia il 5. Sul blog trovate la recensione di Giulia ( leggila qui ). E se vi state chiedendo se l'edizione italiana avrà il dettaglio della cover "bucata", la risposta è sì. 3. Al nuovo gusto di ciliegia (5 aprile) Confesso di averlo snobbato, ma leggendo bene la trama sembra fare proprio al caso mio. Sembra uno di quegli horror un po' weird che adoro. 4. Ancora una volta con te (7 aprile) Il "fenomeno di booktok" arriverà in italiano con tanto di cover originale. Con la Newton Compton poi. Ci credete? 5. Crescent City. La casa di ci

Recensione "Fidanzati dell'inverno. L'attraversaspecchi" di Christelle Dabos

La recensione di oggi riguarda Fidanzati dell'inverno di Christelle Dabos il primo volume della famosissima serie francese L'Attraversapecchi . Vi consiglio vivamente di evitare la trama del libro e passare direttamente alla recensione perché, per quel che mi riguarda, dice anche troppo! Titolo: Fidanzati dell'inverno Autore: Christelle Dabos Serie: L'Attraversaspecchi 1 Pagine: 382  Editore: Edizioni e/o Anno: 2018 (ita), 2013 (fr) comprarlo a 12,99€ L’Attraversaspecchi è una saga letteraria in tre volumi che mescola Fantasy, Steampunk e Belle Époque, paragonata dalla stampa francese alle saghe di J.K. Rowling e Philip Pullman. Fa da sfondo un universo composto da 21 arche, tante quanti sono i pianeti che orbitano intorno a quella che fu la Terra. La protagonista, Ofelia, è originaria dell’arca “Anima”; una ragazza timida, goffa e un po’ miope ma con due doni particolari: può attraversare gli specchi e leggere il passato degli oggetti. Lavora come curatri

Recensione "Il principe crudele" di Holly Black (è davvero un flop?)

Ciao lettori, oggi vi lascio la recensione de " Il principe crudele ", una delle ultime fatiche di Holly Black , autrice che rientra tra le mie preferite perché fino a questo momento non mi ha mai delusa. Chissà come sarà andata questa volta? Leggete la mio opinione per scoprirlo ⇩ Titolo: Il principe crudele Autore: Holly Black Pagine: 313 Editore: Mondadori Anno: 2018 compralo a 9,99€ Jude era solo una bimba quando i suoi genitori furono brutalmente assassinati. Fu allora che sia lei che le sue sorelle vennero rapite e condotte nel profondo della foresta, nel mondo magico. Dieci anni dopo, l'orrore e i ricordi di quel giorno lontano e terribile ormai sfocati, Jude, ora diciassettenne, è stanca di essere maltrattata da tutti e soprattutto vuole sentirsi finalmente parte del luogo in cui è cresciuta, poco importa se non le scorre nemmeno una goccia di sangue magico nelle vene. Ma le creature che le stanno intorno disprezzano gli umani. E in particolare li dis

Recensione "Shatter me" di Tahereh Mafi

Miei cari divoratori, ho appena terminato Shatter me (ex Schegge di me) di Mafi Tahereh . Non ho potuto resistere un giorno in più per scrivere questa recensione: devo farlo adesso, per forza. Titolo: Shatter me Serie: Shatter me 1 Autore:  Tahereh  Mafi  Pagine: 275 Anno: 2012 Editore: Rizzoli Compralo a 8,99€ 264 giorni segregata in una cella, senza contatti con il mondo. Juliette non può parlare con nessuno, e nessuno deve avvicinarla, perché ha un potere terribile: se tocca una persona la uccide. Agli occhi dell'organizzazione che l'ha rapita il suo potere è un'arma stupefacente, per lei è una maledizione. Un giorno però nella cella viene spinto Adam. Juliette non vuole fargli del male, e così lo tiene a distanza. Ma Adam non sa del suo potere, e mentre lei dorme in preda agli incubi la prende tra le braccia per confortarla. Da quel momento tutto cambia, perché Adam, immune al tocco di Juliette, è l'unico che può accettarla così com'è. Insieme pr

Recensione "la prigioniera d'oro" di Raven Kennedy

Buongiorno lettori, oggi vi propongo la recensione de "la prigioniera d'oro" di Raven Kennedy, una lettura leggermente fuori comfort zone per quanto mi riguarda! Titolo: La prigioniera d'oro. Re Mida e la gabbia dorata  Autore: Raven Kennedy  Pagine: 300   Editore: Armenia  Anno di pubblicazione: 2022 "Auren è la favorita di re Mida, l’uomo dal tocco d’oro, che la tiene in una gabbia dorata, simbolo del suo potere. Questa «gabbia» copre l’intero piano superiore del castello, con gabbie integrate in ogni stanza e passerelle sbarrate collegate tra loro, in modo che Auren possa girare liberamente per il castello. La prigioniera si sente protetta e al sicuro nella sua gabbia. Ma da cosa? Ha avuto una vita molto dura, ha vissuto per strada fino a quando Mida non l’ha salvata. Auren lo conosce da prima che diventasse re, il che spiega molto sul loro rapporto. Ma la sua vita, le sue sicurezze, stanno per cambiare brutalmente..." RECENSIONE 'LA PRIGIONIERA D'

Recensione "Heartstopper" di Alice Oseman (REVIEW PARTY)

Ciao lettori, oggi vi lascio la recensione del primo volume di Heartstopper di Alice Oseman , in uscita proprio oggi! Titolo: Heartstopper Autore: Alice Oseman Pagine: 289 Editore: Oscar Mondadori (Oscar Ink) Compralo a 10,99€ Charlie e Nick frequentano la stessa scuola ma non si sono mai conosciuti. Fino a un giorno in cui si trovano casualmente seduti l'uno accanto all'altro. Diventano subito amici. Anzi di più. Charlie si innamora perdutamente di Nick anche se pensa di non avere alcuna possibilità. Ma l'amore è sempre sorprendente e anche Nick si scopre attratto da Charlie. Molto di più di quanto i due ragazzi potessero immaginare. Le piccole cose che Nick e Charlie vivono compongono qualcosa di grande, che parla a tutti noi di amore, amicizia, lealtà così come dei momenti difficili della vita. Recensione "Heartstopper" di Alice Oseman Lo scorso anno con Heartstopper c'è stato una sorta di *boom* su instagram perché tutti lo leggevano, tutti

Gruppo di lettura serie "Il trono di ghiaccio" di Sarah J. Maas | dalle novelle prequel al quarto volume

Ciao lettori! Oggi sono felicissima di presentarvi un'iniziativa a cui tengo tantissimo! Voi sapete quanto mi piacciano i gruppi di lettura, ne organizzo almeno uno-due l'anno, ma questa volta si tratta di un'iniziativa più ambiziosa perché leggeremo una serie  (o almeno i libri che sono stati pubblicati al momento in italiano). Che io sia una fan de Il trono di ghiaccio ormai lo sanno pure i muri. Ogni occasione è buona per sottolinearlo. Nei prossimi mesi uscirà il quarto volume in italiano, quindi quale migliore occasione per (ri)leggerla? Sappiamo benissimo che in Italia spesso e volentieri le serie vengono interrotte e il fatto che la Mondadori ne stia portando avanti una che pensavamo tutti avesse fatto una brutta fine è un miracolo, per questo è importante pubblicizzarla , anche perché il quarto volume è un vero e proprio traguardo. Volume dopo volume spesso i lettori perdono interesse, quindi a questo punto è fondamentale far conoscere a più persone possibi

Recensione "Nevernight. Mai dimenticare" di Jay Kristoff (o anche "Tutto quello che non mi è piaciuto del libro")

Ciao lettori, oggi recensione di Nevernight - Mai dimenticare , primo volume delle Cronache dell'Illuminotte , scritto da Jay Kristoff . Come già vi anticipo nel titolo, questo libro non mi è piaciuto. Adesso cercherò di spiegarvi per bene perché, cercando di evitare gli spoiler. Quei pochi che ho inserito sono stati oscurati, evidenziateli con il mouse per leggerli :D Titolo: Nevernight. Mai dimenticare Serie: Gli accadimenti di Illuminotte 1 Autore: Jay Kristoff Pagine: 462 Editore: Mondadori (Oscar Fantastica) Anno: 2019 (ita), 2016 (eng) Comprarlo a 17,00€ Destinata a distruggere imperi, Mia Corvere ha solo dieci anni quando riceve la sua prima lezione sulla morte. Sei anni dopo, la bambina cresciuta tra le ombre si avvia a mantenere la promessa che ha fatto il giorno in cui ha perso tutto. Ma le possibilità di sconfiggere nemici così potenti sono davvero esili, e Mia è costretta a trasformarsi in un'arma implacabile. Deve mettersi alla prova tra i nemici - e gl

Recensione Wicked. Vita e opere della perfida strega dell'Ovest - Perché dovreste leggerlo

Wicked. Vita e opere della perfida strega dell’Ovest  romanzo di Gregory Maguire del 1995 è una delle imminenti Oscar Vault . Di seguito una recensione del libro che ho avuto l’opportunità di leggere in anteprima!  << Elfaba, la Perfida Strega dell'Ovest "Per definizione, il male si nasconde." Glinda "Sono ricca sfondata, l'avresti mai detto? Chi immaginava che la beneficenza fosse così redditizia?" Principessa Elefantessa Nastoya "Quando ci troviamo di fronte a un bivio, quando l'aria puzza di tragedia, a rimetterci sono coloro che non indossano una maschera." Il Mago di Oz "Il punto, mia verde fanciulla, è che non tocca a una giovane, né a una studentessa, né a una cittadina decidere ciò che è giusto e ingiusto. È compito dei capi." Dottor Dillamond "Cosa pensate che intendesse Madame Morribile concludendo il secondo Quell con l'epigramma 'Animali, abbassate la cresta'!" Madame Morribile "Con il pass