Passa ai contenuti principali

Recensione "Crescent City. La casa di terra e sangue" di Sarah J. Maas

Ciao lettori, finalmente sono tornata (io, Giusy) con una nuova recensione. Il libro in questione è Crescent City - La casa di terra e sangue di Sarah J. Maas. Vi anticipo già che è stato un parto soffertissimo.

Titolo: La casa di terra e sangue
Serie: Crescent City 1
Autrice: Sarah J. Maas
Pagine: 708
Editore: Mondadori
Anno di pubblicazione: 2020
Ventitré anni, mezza Fae e mezza umana, Bryce Quinlan ha una vita perfetta: di giorno lavora in una galleria d'arte e di notte passa da una festa all'altra, senza problemi e senza preoccupazioni. Quando però una brutale strage scuote profondamente Crescent City, la città in cui vive, e Bryce perde una persona a lei molto cara, il suo mondo crolla in mille pezzi lasciandola disperata, ferita e molto sola. Adesso non cerca più il divertimento, ma un oblio in grado di farle dimenticare i terribili fatti che hanno cambiato la sua vita per sempre. Due anni dopo l'imputato è finalmente dietro le sbarre ma i crimini ricominciano e Bryce è decisa a fare tutto il possibile per vendicare quelle morti. Ad affiancarla nelle indagini arriva Hunt Athalar, un famoso angelo caduto, prigioniero degli arcangeli che lui stesso aveva tentato di detronizzare. Le sue grandi capacità e la sua forza incredibile sono utilizzate all'unico scopo di eliminare i nemici del suo capo. Quando però si scatena il caos in città, Hunt riceve una proposta irrinunciabile: aiutare Bryce a trovare l'assassino e riconquistare, in cambio, la sua libertà. Quando Bryce e Hunt cominciano a scavare in profondità nel ventre di Crescent City, scoprono un potere terrificante e oscuro che minaccia tutto e tutti, e vengono travolti da una passione irrefrenabile, che potrebbe renderli entrambi liberi, se solo lo volessero. Il dolore della perdita, il prezzo della libertà e il potere dell'amore sono i temi principali de "La casa di terra e sangue", il primo romanzo di questa serie fantasy di Sarah J. Maas, che mescola romanticismo e suspense.

Recensione "Crescent City. La casa di terra e sangue" di Sarah J. Maas

Allora, alcuni ricorderanno il mio primo tentativo con questo libro. Abbandonato quasi a metà per esasperazione. Però ho voluto fare un tentativo per due motivi:
a) so che la Maas riserva il meglio nel finale e, in genere, riesce sempre a sorprendermi;
b) mi sono fatta 350 spoiler sul secondo volume e, 'nsomma, ho sofferto solo per poterlo leggere (esce il 12 aprile, cioè domani!). Vi giuro che ho un buon motivo, ma non posso dirlo perché sarebbe spoiler.

Com'è andato quindi il mio secondo tentativo? Se non si fosse capito: MALE. Non ricordo quando l'ho iniziato a leggere. Dieci anni fa? Questa è stata la sensazione. Non potete capire il sollievo quando l'ho finito.

Di Crescent City ci sono talmente tante cose da dire che vi suggerisco di mettervi comodi.

Innanzitutto questa storia è strutturata male, come ormai gran parte dei libri della Maas. Non capisco perché non far succedere quasi nulla per 3\4 del libro e poi negli ultimi capitoli il finimondo. Tra l'altro in altre circostanze non sarebbe un problema (visto che in teoria il meglio si conserva per il finale), ma se scrivi un libro di 700 pagine il minimo che puoi fare è cercare di catturare il lettore con numerosi plot twist (e qui ce ne sono pochissimi e pure telefonati).

E a questo punto oltre avere una storia strutturata male abbiamo anche un problema di ritmo. Perché la storia è molto lenta, ad esclusione di una parte iniziale e, appunto, gli ultimi capitoli.

Questo libro è così lento perché Sarah J. Maas si concentra sui protagonisti. Infatti possiamo dire che tralasciando i "misteri" - che razza di creatura è quella che semina il terrore? Chi l'ha evocata? Chi ha rubato il leggendario Corno? - il tema principale è l'elaborazione del lutto. Che per carità, ci sta, ma con personaggi scialbi come Hunt e Bryce è stato veramente un'agonia.

E qui apriamo una parentesi ABNORME. Perché ancora una volta la Maas si autoplagia. Lei ama così tanto Il trono di ghiaccio che ha deciso di riproporci nuovamente questa storia in una nuova salsa. Perché sì, raga, i paragoni si sprecano. Non voglio entrare nei dettagli, ma sì, anche ne Il trono di ghiaccio la protagonista perde persone a lei care, ci sono omicidi misteriosi, creature vagamente umanoidi evocate da chissà chi che mietono vittime, altri mondi eccetera eccetera. Detto così voi direte "eh, ma ci sono anche in altri 3043232 libri". Sì, ok, ma qui è diverso perché l'autrice è la stessa e vi giuro, sembra davvero di star leggendo la stessa cosa. D'altronde acotar è un altro suo auto-plagio!

Poi non parliamo dei personaggi. Bryce è una nuova versione di Aelin e Hunt di Rowan (e un po' anche di Cassian). Solo che entrambi a me sono parsi molto scialbi. Infatti non mi sono affezionata a nessuno dei due e in generale ho trovato veramente noiosa la loro storia. Diciamo che se devo essere oggettiva non sono personaggi terribili perché, Bryce in primis, ha una buona caratterizzazione (un po' meno Hunt, "L'Umbra Mortis"... buuuuh che paura), però veramente, mi è sembrato di leggere le stesse dinamiche delle ship della Maas per la centesima volta. Salvo solo alcune scene che ho trovato simpatiche, per il resto noia. Poi vogliamo parlare del fatto che tutti vogliano farsi Bryce? Non c'è un personaggio che non faccia commenti sul suo cul0 e qualsiasi altra creatura che respira è molesta nei suoi confronti. Altra cosa che mi ha dato fastidio è il fatto che sia Bryce sia Hunt trattano tutti con aria di sufficienza. Mi ricordano qualcuno (*coff coff* Rowaeling *coff coff*). Che antipatia.

L'unico di questa storia che mi è piaciuto è Ruhn. Seppur anche lui mi abbia ricordato vagamente qualche altro personaggio dell'autrice (un po' Lucien, un po' Lorcan), l'ho trovato nettamente superiore ai due protagonisti. La sua storia è più interessante così come i suoi capitoli, gli unici che mi hanno coinvolta. Infatti ho iniziato a perdere interesse quando a metà libro i suoi capitoli iniziavano ad essere sempre di meno.

Il finale, la parte in cui il ritmo si fa più frenetico perché succede di tutto e di più, purtroppo non basta a salvare questo libro. Ho trovato tutto molto scontato e per certi versi ridicolo (*Spoiler* vogliamo parlare di Bryce che affronta Micah e poi i demoni e tutti gli altri seduti al tavolo a guardarla tramite le telecamere? L'unica parte divertente è quando con l'aspirapolvere raccoglie i resti dell'arcangelo ahahah *fine spoiler*). Molte cose sono facilmente intuibili, quindi non c'è stato nessun effetto sorpresa.

Poi mi piacerebbe spendere due parole sul world-building, ma la verità è che non 'cho capito niente. La Maas inseriesce nel suo libro praticamente qualsiasi figura fantasy. Il risultato per me è veramente caotico. C'è troppa carne al fuoco.

Ricapitolando: libro estremamente lungo (300 pagine poteva benissimo tagliarle e il risultato non sarebbe cambiato), protagonisti fastidiosi e anonimi, world-building confuso, trama lenta e priva di colpi di scena interessanti. Ah, personaggio overpowered, naturalmente. Ormai è la prassi.

I pochi aspetti che invece mi sento di salvare del libro sono questi: alcuni capitoli che mi sono piaciuti, all'inizio, specie quelli di Ruhn; Ruhn e qualche altro personaggio secondario che potrebbe essere interessante; una parte nel finale che inaspettatamente mi ha commosso (ecco, quando dico che la Maas sa sorprendere intendo proprio questo).

Questo però non basta a salvare il libro e non posso fare a meno di bocciarlo. Non è come La corte di rose e spine che, nonostante tutto, risulta piacevole e divertente. No, questo per me è stato semplicemente noioso con giusto qualche rara risata qua e là. Fosse stato più breve sicuramente avrei potuto apprezzarlo un poco di più.

Io spero davvero che La casa di cielo e aria sia più bello perché, davvero, mi sento già male all'idea.

Valutazione: 2,5 ⭐

Lo avete letto? Cosa ne pensate?
(per altri aggiornamenti seguimi su instagram: @divoratoridilibri)

Commenti

Post popolari in questo blog

Guida di lettura: "Devil's Night" di Penelope Douglas

 Buongiorno lettori, oggi volevo parlarvi della serie dark romance Devil’s Night della regina di TikTok ovvero Penelope Douglas , ovvero Corrupt, Hideaway, Kill Switch e Nightfall. Vi darò una breve introduzione sulla serie, una spiegazione dei personaggi principali e l’ordine di lettura , e anche un breve commento sui libri singoli. I libri sono in ordine di lettura, in modo che sappiate esattamente dove iniziare, come continuare e soprattutto dove finire con la storia dei Cavalieri! Titolo:  Corrupt - Il mio sbaglio più grande (Devil's Night 1#) Autrice : Penelope Douglas Pagine:   448 Editore:  Newton Compton Editori Pubblicazione: 10 Gennaio 2023 Traduttore: Laura Lancini Trama:  “Si chiama Michael Crist. È il fratello maggiore del mio ragazzo ed è come quei film dell'orrore che guardi coprendoti gli occhi. È bellissimo, forte, e assolutamente terrificante. Non mi vede neppure. Ma io l'ho notato. L'ho visto, l'ho sentito. Le cose che ha fatto, i misfatti che ha

Recensione "Evil" di V. Schwab (Vicious)

Ciao lettori, oggi vi lascio la recensione di " Evil " di V. Schwab , la traduzione italiana di Vicious . Buona lettura! Titolo: Evil Serie: Vicious #1 Autore: V. Schwab Pagine: 408 Editore: Newton Compton Editore Anno: 2019 (ita), 2013 (eng) compra a 4,99€ Il destino di Victor è intrecciato a quello di Eli sin dai tempi dell'università, quando la loro comune sete di conoscenza, unita a una sfrenata ambizione, si rivelò fatale. Gettandosi a capofitto in una ricerca sull'adrenalina e le esperienze ai confini della morte, fecero una straordinaria scoperta: a determinate condizioni, è possibile sviluppare poteri soprannaturali. Ma le cose precipitarono... Sono passati dieci anni da allora e Victor è evaso di prigione, determinato a trovare il suo vecchio amico. Eli ha dedicato la vita a cercare di rimediare al loro errore, dando la caccia a chiunque abbia abusato dei poteri soprannaturali. Il sodalizio di un tempo si è tramutato in rivalità e i due arcinemici s

Sconti tascabili Einaudi 2022 - Sette libri da acquistare!

Ciclicamente le case editrici propongono sconti e promozioni.  Dal 16 di febbraio al 20 marzo  Einaudi sconta il suo catalogo ed è l’occasione giusta per comprare nuovi libri da leggere, permettendoci di sentirci meno in colpa. O almeno... il 20% in meno! Armi acciaio e malattie. Breve storia degli ultimi tredicimila anni   di Jared Diamond: un saggio che ci permette di capire “ P erché sono stati gli europei e gli americani del nord a sviluppare una civiltà tecnologicamente avanzata e non, ad esempio, i cinesi o i sumeri? ” riunendo in un unico libro diverse discipline, per permetterci di capire perché siamo quel che siamo... In base a dove siamo nati e cresciuti. È un saggio che cerca di respingere anche spiegazioni razziste nella storia dell’umanità tramite un metodo scientifico. Molto tosto, ma sicuramente interessante!  Memorie di Adriano  di Marguerite Yourcenar: ormai considerato un classico, l’autrice si immagina, tramite un espediente narrativo, di aver ritrovato delle memorie

Recensione "Fidanzati dell'inverno. L'attraversaspecchi" di Christelle Dabos

La recensione di oggi riguarda Fidanzati dell'inverno di Christelle Dabos il primo volume della famosissima serie francese L'Attraversapecchi . Vi consiglio vivamente di evitare la trama del libro e passare direttamente alla recensione perché, per quel che mi riguarda, dice anche troppo! Titolo: Fidanzati dell'inverno Autore: Christelle Dabos Serie: L'Attraversaspecchi 1 Pagine: 382  Editore: Edizioni e/o Anno: 2018 (ita), 2013 (fr) comprarlo a 12,99€ L’Attraversaspecchi è una saga letteraria in tre volumi che mescola Fantasy, Steampunk e Belle Époque, paragonata dalla stampa francese alle saghe di J.K. Rowling e Philip Pullman. Fa da sfondo un universo composto da 21 arche, tante quanti sono i pianeti che orbitano intorno a quella che fu la Terra. La protagonista, Ofelia, è originaria dell’arca “Anima”; una ragazza timida, goffa e un po’ miope ma con due doni particolari: può attraversare gli specchi e leggere il passato degli oggetti. Lavora come curatri

Recensione 'Noi i cattivi' di Amanda Foody e C.L.Herman: Review Party

Buongiorno lettori, oggi vi lascio la recensione di un libro che attendevo da molto, parlo di ‘Noi i cattivi’ di Amanda Foody e C.L.Herman. Ringrazio la casa editrice per la copia digitale gentilmente fornita e Silvia del blog 'I miei sogni tra le pagine' per aver organizzato questo Review Party!  TITOLO : Noi i cattivi  AUTORE : Amanda Foody e C.L.Herman  PAGINE : 396  PUBBLICAZIONE : 17 GENNAIO 2023  EDITORE : Mondadori   TRADUTTORE : Silvia Rosa "A ogni generazione, al sorgere della Luna di Sangue, le sette famiglie della remota città di Ilvernath scelgono ciascuna un proprio campione che combatterà in un torneo all'ultimo sangue. In palio c'è il controllo assoluto sull'alta magia, la più potente al mondo, a lungo ritenuta esaurita e ora gelosamente custodita in segreto da una delle sette famiglie maledette di Ilvernath. Finora i crudeli Lowe hanno vinto quasi tutti i tornei, e si preparano a confermare il proprio dominio. Ma quest'anno c'è qualcosa

Recensione "Bride" di Ali Hazelwood

Bride è il nuovo libro di Ali Hazelwood, autrice amatissima per i suoi STEM romance. Questa volta si è cimentata in qualcosa di nuovo, un paranormal romance con protagonisti una vampira e un licantropo costretti ad un matrimonio combinato per la pace dei due popoli. Ecco la mia recensione di Bride! Titolo: Bride Autrice: Ali Hazelwood Pagine: 384 Editore: Sperling & Kupfer Anno: 2024 Compra a 9,99€ Misery Lark, l'unica figlia del più potente Consigliere dei Vampiri del Sud-ovest, è ancora una volta un'emarginata. I suoi giorni nell'anonimato tra gli Umani sono finiti: è stata chiamata a sostenere una storica alleanza per mantenere la pace tra i Vampiri e i loro più acerrimi nemici, i Lupi, e non vede altra scelta che arrendersi allo scambio. I Lupi sono spietati e imprevedibili e il loro capo, Lowe Moreland, non fa eccezione. Governa il suo branco con severa autorità, ma non senza giustizia. E, a differenza del Consiglio dei Vampiri, non senza sentimento. È chiaro, d

Recensione "Percy Jackson e gli dei dell'Olimpo - Il ladro di fulmini"

Ciao divoratori! Oggi parliamo di Percy Jackson -  Il ladro di fulmini , primo volume della serie Gli dei dell'Olimpo di Rick Riordan ! Titolo: Il ladro di fulmini Saga: Percy Jackson e gli dei dell'Olimpo #1 Autore: Rick Riordan Pagine: 384 Anno: 2010 Editore: Mondadori compralo a 6,99€ Percy Jackson non sapeva di essere destinato a grandi imprese prima di vedere la professoressa di matematica trasformarsi in una Furia per tentare di ucciderlo. Le creature della mitologia greca e gli dei dell'Olimpo, in realtà, non sono scomparsi ma si sono semplicemente trasferiti a New York, più vivi e litigiosi di prima. Tanto che l'ultimo dei loro bisticci rischia di trascinare il mondo nel caos: qualcuno ha rubato la Folgore di Zeus, e qualcuno dovrà ritrovarla entro dieci giorni. Sarà proprio Percy a dover indagare sull'innocenza di Poseidone, dio del mare e padre perduto, che l'ha generato con una donna mortale facendo di lui un semidio. Nuove gesta e

BLOGTOUR "The falconer", Elizabeth May: BESTIARIO - le fate delle mitologia scozzese

Ciao lettori! Oggi ospito una tappa del blogtour dedicato alla trilogia " The falconer " di Elizabeth May . Il primo volume è uscito qualche anno fa con il titolo " La cacciatrice di fate ", ma purtroppo la casa editrice non ha più proseguito la pubblicazione. Per fortuna i seguiti sono stati tradotti amatorialmente e quindi non avete più scuse! Dovete recuperare questa meravigliosa trilogia! Se non siete ancora convinti, seguite questo blogtour per scoprire qualcosa di più sulla storia e magari decidere se fa per voi. Io oggi vi parlerò delle fate che trovate in questo libro e farò un confronto con la mitologia . Prima però vi lascio tutte le informazioni sul libro! Titolo: La cacciatrice di fate Autore: Elizabeth May Seguiti: The fallen kingdom , The vanishing throne Pagine: 310 Editore: Sperling & Kupfer Compralo a 8,99€ Lady Aileana non ha paura della notte: è nelle pieghe del buio che può compiere la sua missione. Non ha paura degli strett

Recensione "L'estate nei tuoi occhi" di Jenny Han

Buongiorno, oggi recensione de L'estate nei tuoi occhi di Jenny Han , primo volume della Summer Trilogy , lettura perfetta per l'estate!  Titolo: L'estate nei tuoi occhi (The summer trilogy #1) Autore: Jenny Han Editore: Piemme Anno: 2014 Due fratelli. Un vero amore. Belly misura il tempo in estati. Tutto ciò che di bello e magico è accaduto nella sua vita, è accaduto fra giugno e agosto. L'inverno è solo il periodo che la divide dalla prossima estate, dalla casa sulla spiaggia, da Susannah e i suoi due figli, da Conrad e Jeremiah. Loro sono gli amici con cui è cresciuta: Jeremiah è il ragazzo su cui contare, Conrad quello che ti fa battere il cuore. E quest'estate si rivela ancora più speciale, perché sta accadendo ciò che Belly sta aspettando da tempo e che sembrava non sarebbe mai accaduto. Stranamente questo libro mi è piaciuto. È raro che uno young adult mi appassioni, eppure è stato così. Belly ogni anno non vede l'ora c

Recensione | Il trono di ghiaccio di Sarah J. Maar

Hey belli ♥ oggi vi lascio la recensione di questo meraviglioso libro. Finalmente sono riuscita a scrivere qualcosa di decente. Forse. Titolo: Il trono di ghiaccio ( Il trono di ghiaccio #1 ) Autore: Sarah J. Maas Pagine: 461 Anno: 2013 Editore: Mondadori Amazon: cartaceo | ebook Nessuno esce vivo dalle miniere di Endovier. Celaena, la migliore assassina nel regno di Adarlan, è lì rinchiusa da un anno e quando le offrono la possibilità di diventare sicario di corte, non esita neppure un istante ad accettare. Ma la lotta è appena all'inizio: Celaena deve affrontare ventitré contendenti. Se vincerà, diventerà la paladina del re e dopo quattro anni di servizio sarà libera. Il Principe Ereditario è il suo maggiore alleato. Il Capitano delle Guardie la protegge. Entrambi la amano. Ma l'amore e il talento non bastano per vincere. Nel castello un pericolo insidioso è in agguato, e ben presto Celaena capisce che le persone di cui fidarsi sono sempre meno... A lei spetta il