Passa ai contenuti principali

Recensione "L'acciaio sopravvive" di Richard K. Morgan

Ciao a tutti, oggi vi lascio la recensione de ‘l’acciaio sopravvive’ primo volume della trilogia 'cosa che resta degli eroi' di Richard K.Morgan, acclamato autore cyberpunk della trilogia Altered Carbon da cui hanno anche tratto una serie Tv di  Netflix.

    

Titolo: L'acciaio sopravvive
Autore: Richard K.Morgan
Pagine: 480
Editore: Mondadori (Oscar Fantastica)
Anno di pubblicazione: 2022

"LA GUERRA CONTRO IL POPOLO DELLE SQUAME è finita, ma gli uomini non hanno bisogno di mostri per dilaniarsi tra loro.L'aristocratico Ringil Eskiath, giovane eroe del- la resistenza, vive in esilio volontario, disprezzato per la sua omosessualità. Egar Rovina del Drago, capo dei barbari delle steppe, non trova pace tra gli agi del Sud ma neppure nella semplice vita guerresca della sua vecchia patria. Archeth Indamaninarmal, ultima erede degli alieni Kiriath e della loro tecnologia prodigiosa, cerca di far progredire l'Impero dei mortali e affoga il proprio senso di abbandono nelle droghe. Tre solitudini, tre eroismi rinnegati e incompresi, tre vite spezzate che si sono conosciute durante il conflitto, legandosi in un'amicizia che adesso dovrà affrontare una nuova sconvolgente minaccia."

RECENSIONE "L'ACCIAIO SOPRAVVIVE" DI RICHARD K. MORGAN

Ecco mai titolo del libro e della serie fu più azzeccato, la storia infatti ci viene narrata dal POV alternato di tre personaggi che furono protagonisti di una feroce e vittoriosa battaglia a Gola della Forca contro il popolo delle Lucertole/Draghi, assistiamo a quel che resta della loro vita post battaglia, a quello che resta appunto di quegli eroi di un tempo che ormai sono stati dimenticati e si trovano davanti ad una vita normale, lontana dalla gloria passata, anche se forse ancora non per molto...perché in fondo restano sempre di acciaio temprato che mai si spezza, e che acciaio!


Ringil, figlio dell’aristocrazia, eroe di guerra e combattente fenomenale, ma omosessuale e per questo malvisto da tutti compresa la sua famiglia, rischia per questo più volte la pena capitale che lo avrebbe portato ad una morte atroce a causa delle assurde leggi della morale pubblica. Decide pertanto di andare in volontario esilio per essere libero di fare come più gli pare, sopravvive narrando le sue gesta vittoriose di un tempo e fungendo da sterminatore locale in una piccola cittadina di confine.

Egar del popolo delle Steppe, Rovina del Drago, dopo la guerra torna al nord per assumere al ruolo ereditario di capoclan, ma il suo cuore e la sua anima continuano a restare sui campi di battaglia e sulle terre più moderne del sud a cui non avrebbe mai rinunciato volontariamente. Si ritroverà a dover combattere la sua stessa famiglia per questioni di potere.

Archet, figlia mezzosangue del popolo alieno dei Kiriath intervenuto a difesa degli umani durante la battaglia con le lucertole, ma che inspiegabilmente, almeno per noi, la abbandona sulla terra a dannarsi l’anima e a fare uso di droga per sopravvivere mentre fa da balia al suo imperatore che non rispetta e condivide.

La storia si svolge seguendo le vicende alternate dei tre eroi che apparentemente viaggiano su binari diversi fino a convergere improvvisamente nelle ultimissime pagine del libro e a farli tornare di nuovo insieme in un’impresa sulla carta impossibile per combattere un popolo alieno oggetto di antiche leggende e impalpabile come l’aria.


Bisogna innanzitutto premettere che il libro non è adatto a tutti, è molto duro, crudo, con un linguaggio a tratti volgare e scurrile, scene di sangue, sesso e violenza. Il libro infatti fa parte del genere Grimdark, dove i personaggi sono molto lontani dai tipici eroi delle leggende e del fantasy, regna sovrano invece il realismo, il cinismo e una descrizione molto cruda degli eventi. Tutto questo non mi disturba, mi piace questo genere, ed è perfetto con la narrazione e lo stile del libro, anche se non sempre necessario, ma è bene specificarlo per non trovarsi sorpresi.

I protagonisti non sono assolutamente degli eroi senza macchia e paura, perfetti come nelle favole, non sono completamente buoni o cattivi, ma solo persone vere con i loro mille difetti ed imperfezioni. Troverete tutto il peggio della società umana: corruzione, pedofilia, schiavitù, prostituzione, discriminazione.


Il Worldbuilding è davvero complesso e forse troppo, siamo in un mondo probabilmente post-apocalittico con una struttura politica di cui non sappiamo nulla, popolato da umani e varie creature aliene di cui non sappiamo nulla, si parla di una guerra avvenuta dieci anni prima di cui non sappiamo nulla, insomma un grande buco nero!

Ci sono dei flashback che ci fanno intuire per sommi capi la storia, ma è davvero tutto talmente complesso che non sono certo sufficienti! Veniamo buttati dentro ad un mondo nuovo e viene dato tutto per scontato come se noi sapessimo quanto accaduto nella storia precedente che ha portato alle vicende del libro! Questo mi ha disturbato tantissimo, è come se mi mancassero dei pezzi per comprendere il quadro generale, il libro è scorrevole, ma appunto bisogna fermarsi spesso per rileggere certi passaggi perché non sapendo certe cose bisogna fare una fatica immensa che raccapezzarcisi e la lettura viene inevitabilmente rallentata. Lo stile di scrittura richiama molto Joe Abercrombie, però nei suoi libri almeno la storia è lineare e chiara, qui invece è davvero un grande casino 😅.


Quindi sorvolando sulla trama vera e propria restano i tre protagonisti la vera forza del libro, Rigil su tutti visto l’ampio spazio che gli viene dato rispetto agli altri e visto che praticamente parte tutto dalla missione affidatagli dalla madre, liberare una cugina finita in schiavitù.
Mi è piaciuto tantissimo, è un personaggio complesso, pieno di ombre e sofferenza, cinico, ormai ne ha viste talmente tante nella sua vita da non restare più stupito di nulla, ma comunque animato da un forte senso di giustizia. Avrà un percorso difficile, il libro inizia con un uomo provato, ma pieno di ideali e si conclude con uomo sempre più disilluso e privato di tutto ciò che di buono gli era rimasto. Sono eroi che hanno dato e perso tanto che non si vantano di nulla, non si preoccupano del futuro, ma solo del presente per far comunque funzionare un mondo marcio fino al midollo.


Ecco diciamo che questo libro è stato per me una gigantesca introduzione alla storia vera e propria, avrei sfoltito molte scene inutili (si apre scena, scena di sesso tra due personaggi così di botto e a caso, scena si chiude ?????) e aggiunte invece spiegazioni necessarie vista la complessità del quadro sociopolitico! Visto però il finale resto ovviamente curiosissima di leggere il seguito, nella speranza di avere la rivelazione che tanti hanno avuto e di gridare al capolavoro!


Un libro fuori dagli schemi, imprevedibile, forte in tutti i sensi possibili, che si ama o si odia. Voi da che parte state? Vi piace il genere Grimdark?


        3,5 ⭐⭐⭐


Alessia

Commenti

Post popolari in questo blog

Recensione "Il principe crudele" di Holly Black (è davvero un flop?)

Ciao lettori, oggi vi lascio la recensione de " Il principe crudele ", una delle ultime fatiche di Holly Black , autrice che rientra tra le mie preferite perché fino a questo momento non mi ha mai delusa. Chissà come sarà andata questa volta? Leggete la mio opinione per scoprirlo ⇩ Titolo: Il principe crudele Autore: Holly Black Pagine: 313 Editore: Mondadori Anno: 2018 compralo a 9,99€ Jude era solo una bimba quando i suoi genitori furono brutalmente assassinati. Fu allora che sia lei che le sue sorelle vennero rapite e condotte nel profondo della foresta, nel mondo magico. Dieci anni dopo, l'orrore e i ricordi di quel giorno lontano e terribile ormai sfocati, Jude, ora diciassettenne, è stanca di essere maltrattata da tutti e soprattutto vuole sentirsi finalmente parte del luogo in cui è cresciuta, poco importa se non le scorre nemmeno una goccia di sangue magico nelle vene. Ma le creature che le stanno intorno disprezzano gli umani. E in particolare li dis

Review party: recensione de “I lupi dorati” di Roshani Chokshi

Buongiorno lettori, ormai le vacanze sono un ricordo lontano, ma non disperiamoci e consoliamoci con la recensione de “I lupi dorati” di Roshani Chokshi, uscito da pochissimi giorni in libreria e per cui ringrazio Cristina del blog ‘Chroniclesofabookaholic” per aver organizzato questo review party e la casa editrice per la copia digitale gentilmente fornita in anteprima! Titolo: I lupi dorati Autore: Roshani Chokshi Editore: Mondadori (oscar fantastica) Data di pubblicazione: 13 settembre 2022 Numero di pagine: 432 "1889. L’Esposizione Universale ha immesso nuova linfa alla città di Parigi, ma ha anche portato alla luce antichi segreti. Nessuno conosce le oscure verità quanto Séverin Montagnet-Alarie, cacciatore di tesori e ricco albergatore. Il potentissimo ordine di Babel lo contatta per costringerlo ad aiutarli in una missione, e Séverin si trova così a inseguire un tesoro che mai avrebbe immaginato: la sua vera eredità." RECENSIONE 'I LUPI DORATI' DI ROSHANI

Gruppo di lettura serie "Il trono di ghiaccio" di Sarah J. Maas | dalle novelle prequel al quarto volume

Ciao lettori! Oggi sono felicissima di presentarvi un'iniziativa a cui tengo tantissimo! Voi sapete quanto mi piacciano i gruppi di lettura, ne organizzo almeno uno-due l'anno, ma questa volta si tratta di un'iniziativa più ambiziosa perché leggeremo una serie  (o almeno i libri che sono stati pubblicati al momento in italiano). Che io sia una fan de Il trono di ghiaccio ormai lo sanno pure i muri. Ogni occasione è buona per sottolinearlo. Nei prossimi mesi uscirà il quarto volume in italiano, quindi quale migliore occasione per (ri)leggerla? Sappiamo benissimo che in Italia spesso e volentieri le serie vengono interrotte e il fatto che la Mondadori ne stia portando avanti una che pensavamo tutti avesse fatto una brutta fine è un miracolo, per questo è importante pubblicizzarla , anche perché il quarto volume è un vero e proprio traguardo. Volume dopo volume spesso i lettori perdono interesse, quindi a questo punto è fondamentale far conoscere a più persone possibi

Book tag #21 Colpa delle stelle Book Tag

Buon fine settimana divoratori! Scusate se non ho ancora pubblicato il nuovo tema del mese, ma ci sto ancora pensando! Nel frattempo vi lascio questo carinissimo tag scoperto sul blog di Lumi  e, in quanto TFIOS addicted, non potevo farmelo scappare!  1. Come sei venuta/o a conoscenza del libro? Avevo sentito parlare di Colpa delle stelle in molti blog e, ad essere sincera, non era la trama in sé a incuriosirmi, ma piuttosto i commenti positivi. Dovete sapere che io sono una tipa curiosa, perciò ho dovuto leggerlo. Probabilmente da sola non lo avrei mai fatto, avrei rimandato la lettura per settimane, mesi ecc. e per questo lo scorso anno ho organizzato un gruppo di lettura! Un'ottima idea! 2. Qual è la tua parte preferita del libro? Adoro tantissimo quando Hazel e Augustus partono per Amsterdam. IO, che non mi sono mai cagata Amsterdam (non so perché), mi sono innamorata di questa città. E' stato John Green a farmi innamorare. Ne ha scritto così bene che adesso

Recensione “Un fato così ingiusto e solitario”di Brigid Kemmerer

Un fato così ingiusto e solitario è il primo volume della trilogia “Cursebreaker” di Brigid Kemmerer. È stato portato in Italia dalla Mondadori a fine Gennaio del 2022, e questa è la mia recensione. Titolo: Un fato così ingiusto e solitario Autore: Brigid Kemmerer Pagine: 496 Editore: Mondadori (Oscar Vault) Pubblicazione: 2022   (Italia) LE COSE SONO SEMPRE STATE FACILI per il Principe Rhen, erede al trono del regno di Emberfall. O almeno, lo sono state finché una potente incantatrice non ha lanciato una spietata maledizione su di lui. Ora Rhen è condannato a rivivere all'infinito l'autunno dei suoi diciott'anni e a trasformarsi in una creatura mostruosa portando dovunque morte e distruzione - e lo sarà finché una ragazza non si innamorerà di lui. Per la giovane Harper, invece, le cose non sono mai state facili. Il padre se ne è andato da tempo lasciandosi dietro una montagna di debiti, la madre è in fin di vita, e il fratello, che riesce a malapena a tenere unita la famig

Sotto la porta dei sussurri di T.J. Klune

“ Sotto la porta dei sussurri ” è l’ultima “fatica letteraria” di TJ Klune, autore conosciuto per la quadrilogia di Wolfsong e dello stand alone “ La casa sul mare celeste ”. Proprio a quest’ultimo libro “ Sotto la porta dei sussurri ” si avvicina di più, per quanto riguarda le atmosfere, lo spirito e il modo in cui viene affrontata la narrazione. Leggetelo se cercate qualcosa di rilassante e dolce! Sul Booktok ormai vi sarete imbattuti tutti, almeno una volta, nel romanzo di T.J. Klune “ La casa sul mare celeste ” , ma anche i reels di instagram dedicati ai libri non sono stati da meno: benché questo libro sia uscito (in Italia) un anno fa, sta spopolando ora. Almeno, ne sento parlare molto più adesso di maggio/giugno 2021. Chissà magari la stessa sorte toccherà a “ Sotto la porta dei sussurri ”, romanzo uscito nel maggio 2022, edito da Oscar Vault, che ne ricorda molto le atmosfere e, soprattutto, quei cliché che contraddistinguono il romanzo precedente.    La trama ruota attorno a q

Summer book-a-thon: iscrizioni.

D'estate la gente va in vacanza, io purtroppo resto in paese ad annoiarmi a morte. O quasi. Leggo. Leggo. E ancora leggo. L'estate per me è un ottimo periodo per darmi alla pazza gioia con le letture e per partecipare a qualche challenge. Perciò vi andrebbe una book-a-thon ? Per chi non lo sapesse, è una maratona di lettura dove solitamente l'obiettivo è leggere un tot di libri in pochissimi giorni - spesso in due. Ovviamente non ho intenzione di fare qualcosa del genere. E' improponibile leggere così tanto in così poco tempo, almeno per me. Perciò quello che vi propongo è leggere il maggior numero di libri possibili in sette giorni . Fattibile, no? Per rendere la sfida un pochino più complicata - ma non troppo, è estate, nessuno vuole fare cose impegnative - ho deciso che ogni partecipante consiglierà due libri - uno letto e l'altro no - e questi andranno a formare la lista di libri che si leggerà per la maratona. Alla fine qualche partecipante vincerà dei premi

Recensione "Frankenstein" di Mary Shelley

Ciao lettori! Oggi vi parlo di Frankenstein di Mary Shelley che ho letto per la The Goose Reading Challenge (link nella sidebar) . Sono curiosa di sapere il vostro parere perché a me non ha fatto particolarmente impazzire :( Titolo: Frankenstein Autore: Mary Shelley Pagine: 258 ebook 0,99€  |  cartaceo 13,06 Capolavoro della letteratura gotica affermatosi con rara potenza nell’immaginario collettivo, dalla sua pubblicazione nel 1818 il romanzo di Mary Shelley non ha mai smesso di eccitare la fantasia di lettori e artisti di tutto il mondo. Opera fondamentale per lo sviluppo del genere horror e di quello fantascientifico, la storia del giovane Frankenstein che riesce a dar vita a una “creatura” assemblata con parti di cadaveri colpisce ancora oggi per l’attualità delle questioni affrontate, dalla sfida dell’uomo ai limiti posti dalla natura al desiderio di poter sfuggire alla morte. In questa edizione di pregio, il mondo perturbante del romanzo trova perfetta rappresentazio

Recensione Wicked. Vita e opere della perfida strega dell'Ovest - Perché dovreste leggerlo

Wicked. Vita e opere della perfida strega dell’Ovest  romanzo di Gregory Maguire del 1995 è una delle imminenti Oscar Vault . Di seguito una recensione del libro che ho avuto l’opportunità di leggere in anteprima!  << Elfaba, la Perfida Strega dell'Ovest "Per definizione, il male si nasconde." Glinda "Sono ricca sfondata, l'avresti mai detto? Chi immaginava che la beneficenza fosse così redditizia?" Principessa Elefantessa Nastoya "Quando ci troviamo di fronte a un bivio, quando l'aria puzza di tragedia, a rimetterci sono coloro che non indossano una maschera." Il Mago di Oz "Il punto, mia verde fanciulla, è che non tocca a una giovane, né a una studentessa, né a una cittadina decidere ciò che è giusto e ingiusto. È compito dei capi." Dottor Dillamond "Cosa pensate che intendesse Madame Morribile concludendo il secondo Quell con l'epigramma 'Animali, abbassate la cresta'!" Madame Morribile "Con il pass

Recensione "Shatter me" di Tahereh Mafi

Miei cari divoratori, ho appena terminato Shatter me (ex Schegge di me) di Mafi Tahereh . Non ho potuto resistere un giorno in più per scrivere questa recensione: devo farlo adesso, per forza. Titolo: Shatter me Serie: Shatter me 1 Autore:  Tahereh  Mafi  Pagine: 275 Anno: 2012 Editore: Rizzoli Compralo a 8,99€ 264 giorni segregata in una cella, senza contatti con il mondo. Juliette non può parlare con nessuno, e nessuno deve avvicinarla, perché ha un potere terribile: se tocca una persona la uccide. Agli occhi dell'organizzazione che l'ha rapita il suo potere è un'arma stupefacente, per lei è una maledizione. Un giorno però nella cella viene spinto Adam. Juliette non vuole fargli del male, e così lo tiene a distanza. Ma Adam non sa del suo potere, e mentre lei dorme in preda agli incubi la prende tra le braccia per confortarla. Da quel momento tutto cambia, perché Adam, immune al tocco di Juliette, è l'unico che può accettarla così com'è. Insieme pr