Passa ai contenuti principali

Recensione "Il re delle cicatrici" di Leigh Bardugo, il libro di Nikolai (UN DISASTRO!)

La recensione di oggi è de Il re delle cicatrici e cioè "King of scars" di Leigh Bardugo, primo volume di una duologia sequel ambientata nel Grishaverse ancora inedita in italiano, ma che dovrebbe arrivare nei prossimi mesi.

Titolo: King of scars
Autrice: Leigh Bardugo
Pagine: 528
Anno: 2021
Compralo a 2,99€

Affronta i tuoi demoni... o nutrili.

Nikolai Lantsov ha sempre avuto un debole per l'impossibile. Nessuno sa cosa ha dovuto affrontare durante la sanguinosa guerra civile e vuole che resti così. Ora, con i nemici che si radunano nei confini indeboliti, il giovane re deve trovare un modo per riempire le casse di Ravka, forgiare nuove alleanze e fermare una crescente minaccia per quello che una volta era il grande esercito Grisha.

Eppure ogni giorno una magia oscura cresce sempre più forte dentro lui, minacciando di distruggere tutto quello che ha costruito. Con l'aiuto di un giovane monaco e la leggendaria Grisha Chiamatempeste, Nikolai viaggerà nei luoghi di Ravka dove sopravvive la più oscura magia, per sconfiggere la terribile eredità dentro di lui. Rischierà tutto per salvare il suo Paese e se stesso. Ma alcuni segreti non sono destinati a rimanere sepolti e alcune ferite a non guarire.

Recensione King of scars di Leigh Bardugo

King of scars è il primo volume di una dulogia sequel del Grishaverse. Si colloca alla fine degli eventi de Il regno corrotto, quindi no, se non avete letto lo spin-off Sei di corvi e nemmeno la trilogia Tenebre e ossa (formata da Tenebre e ossa, Assedio e Tempesta, Rovina e Ascesa) , vi sconsiglio vivamente di iniziare da questo volume.

Infatti è ambientato tre anni dopo gli eventi di Rovina e Ascesa e poco dopo quelli de Il regno corrotto. Viene erroneamente chiamato il libro di Nikolai, ma in realtà questo personaggio è affiancato da altri due punti di vista: quello di Zoya e quello di Nina, la prima presente nella trilogia come personaggio secondario, l'altra una delle protagoniste di Sei di corvi. Ad un certo punto della storia abbiamo anche un quarto punto di vista, non particolarmente utile.

La storyline di Zoya e Nikolai procede in parallelo, quella di Nina invece è distaccata poiché ambientata a Fjerda, dove agisce come spia per conto del re. 

Zoya e Nikolai invece si occuperanno di ristabilire il Paese dopo la guerra civile degli anni precedenti, ma dovranno anche formare nuove alleanze perché qualcosa sta agendo nell'ombra (ne abbiamo avuto un assaggio ne il regno corrotto); inoltre il "mostro" che vive dentro Nikolai sembra essersi risvegliato e lui vuole a tutti costi trovare una soluzione perché non può essere un buon re se non ha il controllo del suo corpo, ma soprattutto della sua mente.

La storyline di Nina non si incontrerà mai con quella di Zoya e Nikolai.

Nessuno dei personaggi di questo libro brilla. Abbiamo un Nikolai sottotono che ripete le quattro battute che ormai sappiamo a memoria e che spesso agisce in modo un po' sciocco; la Zoya che conoscevamo nella trilogia non esiste più, questo è un personaggio non male nel complesso, ma completamente diverso, addolcito per fare presa sul pubblico (se ricordate bene, Zoya per alcuni era un personaggio difficile da digerire); Nina è sempre Nina, forse l'unica che mi è sembrata coerente e che ha subito un'evoluzione nella storia, mentre gli altri restano più o meno gli stessi.

La mancata evoluzione dei personaggi alla fine del romanzo non è l'unico problema. Vedete, ci sono talmente tante cose che non vanno che non saprei da dove iniziare. Tanta carne al fuoco che non viene per niente sfruttata a favore di una trama che non è altro che una macedonia delle altre due serie.

E dire che l'inizio non è neanche male. Non succede niente - in realtà succede ben poco in tutto il libro -, ma la lettura è abbastanza piacevole, se escludiamo i primi capitoli di Nina che io ho trovato noiosi, qualcun altro invece li ha trovati commoventi.

Il primo problema si presenta alla fine della prima parte del libro. Qualche spoilerino lo avevo letto, quindi alcune cose le immaginavo, ma vi giuro che pensavo di tutto tranne quello che succede. E' qualcosa di talmente assurdo che ancora stento a crederci. Sicuri che la copia comprata su amazon sia davvero King of scars? Perché sono abbastanza sicura che esistano fanfiction molto più belle. 

Da quel punto in poi ho fatto molto fatica a prendere sul serio la storia e in effetti, andando avanti, è anche peggio. La Bardugo poteva imboccare tantissime strade, ma per quel che mi riguarda ha scelto quelle sbagliate, e adesso vi spiego perché.

ll sistema magico che conosciamo non esiste più. Adesso si è evoluto (?), è qualcosa di completamente diverso, ma soprattutto incoerente. Le regole che l'autrice aveva imposto nella trilogia le ha infrante più volte. L'impressione che mi ha dato la Bardugo, adesso sicuramente molto più consapevole del potenziale del mondo grisha, è quello di aver voluto rimediare alle "ingenuità" della trilogia, scritta nel 2012 quando ancora non aveva la maturità di oggi. Questo non significa che devi stravolgere qualcosa per correggere gli errori fatti dalla mancata esperienza. Si può migliorare? Sì, ma non si può cambiare quello che è già stato scritto, non quando parliamo di aspetti del grishaverse che nella teoria potevano benissimo essere "scoperti" dai personaggi della trilogia perché sia Alina sia il Darkling ne hanno gli "strumenti". Ed è per questo che tutto quello che viene approfondito qui non hanno nessun senso.

Un buon autore non deve mai giocarsi tutte le carte e il lettore non deve necessariamente sapere tutto, ma dal momento in cui scrivi qualcosa che cozza con quello pubblicato in passato, abbiamo un problema.

Il finale, parecchio telefonato, è la goccia che fa traboccare il vaso. Avrebbe potuto essere interessante, ma è il modo in cui si arriva a questo "plot twist" (mi viene anche da ridere a chiamarlo colpo di scena...) e avendo già capito dove andrà a parare il secondo volume, ne dubito tantissimo.

Adesso inizierà una parte spoiler. Se volete commentarla insieme a me, vi invito a scrivere un avvertimento nei commenti.

SPOILER

- la dimensione con i Santi. Non so se mi sentite ridere anche da lì. Questa cosa è talmente ridicola che vi giuro non sono più riuscita a prendere sul serio il libro e non riuscirò a leggere il secondo senza avere un attacco di ridarella.

- Perché la Bardugo deve ripetere ogni tre secondi quanto sia bella e aggressiva Zoya? Pensa che in questo modo i lettori l'apprezzano di più? Io ODIO quando un autore deve dirmi com'è il suo personaggio, devo essere IO a capirlo. Ecco perché alla fine il personaggio di Zoya è riuscito anche a starmi un po' sulle ovaie. Ma la Bardugo fa così anche con la coppia Zoya e Nikolai. Si capisce che questi due si vogliono a pagina 1 perché l'autrice continua a ripeterlo. In cuor mio penso che sarebbe stato bello vedere il loro rapporto crescere (visto che nella trilogia non si sono scambiati nemmeno mezza battuta), ma invece noi lettori arriviamo quando il film è praticamente già iniziato da un pezzo. 

- che senso ha il ritorno dell'Oscuro se non c'è Alina? Ma davvero? Se ci fosse stata la possibilità di espandere i propri poteri il Darkling non avrebbe fatto QUALSIASI COSA visto che per tutta la sua vita non ha fatto altro che cercare di diventare sempre più forte? Ci rendiamo conto della pagliacciata scritta dalla Bardugo? A questo punto PRETENDO il ritorno di Alina perché non avrebbe senso il Darkling senza di lei, ma immagino già che non tornerà perché senza poteri è praticamente inutile e poi c'è Zoya che è diventata overpowered. 

FINE SPOILER

E' un brutto libro? Nì. Nel senso che se fosse stato un libro autonomo, non appartenente al Grishaverse, avrei potuto anche promuoverlo con il minimo perché comunque i difetti ci sono e alcuni aspetti non mi sarebbero piaciuti a prescindere, Il lato positivo è che si legge in fretta e sei curiosa di capire quanto ancora la Bardugo possa delirare. Le uniche parti più noiose sono i capitoli iniziali di Nina e in parte il finale perché, vista la piega presa dalla storia, si capisce subito. 

Valutazione: 2⭐ (perché mi sento buona)

Cosa ne pensate? Lo avete letto o lo leggerete quando uscirà in italiano?

Commenti

Post popolari in questo blog

Libri in uscita nel mese di Aprile

Buon primo aprile, lettori! Pronti a vedere le novità in libreria di questo mese? Mettetevi comodi perché escono un sacco di libri interessanti! 1. Il dizionario del diavolo (5 aprile) Una raccolta delle opere horror di Ambroce Bierce. Edizione bellissima, come sempre. 2. Wicked. Vita e opere della perfida strega dell'Ovest (5 aprile) Dopo essere stato rimandato per settimane, sembrerebbe che adesso l'uscita definitiva sia il 5. Sul blog trovate la recensione di Giulia ( leggila qui ). E se vi state chiedendo se l'edizione italiana avrà il dettaglio della cover "bucata", la risposta è sì. 3. Al nuovo gusto di ciliegia (5 aprile) Confesso di averlo snobbato, ma leggendo bene la trama sembra fare proprio al caso mio. Sembra uno di quegli horror un po' weird che adoro. 4. Ancora una volta con te (7 aprile) Il "fenomeno di booktok" arriverà in italiano con tanto di cover originale. Con la Newton Compton poi. Ci credete? 5. Crescent City. La casa di ci

Recensione "Crescent City. La casa di terra e sangue" di Sarah J. Maas

Ciao lettori, finalmente sono tornata (io, Giusy) con una nuova recensione. Il libro in questione è Crescent City - La casa di terra e sangue di Sarah J. Maas . Vi anticipo già che è stato un parto soffertissimo. Titolo: La casa di terra e sangue Serie: Crescent City 1 Autrice: Sarah J. Maas Pagine: 708 Editore: Mondadori Anno di pubblicazione: 2020 Compralo a 19,90€ Ventitré anni, mezza Fae e mezza umana, Bryce Quinlan ha una vita perfetta: di giorno lavora in una galleria d'arte e di notte passa da una festa all'altra, senza problemi e senza preoccupazioni. Quando però una brutale strage scuote profondamente Crescent City, la città in cui vive, e Bryce perde una persona a lei molto cara, il suo mondo crolla in mille pezzi lasciandola disperata, ferita e molto sola. Adesso non cerca più il divertimento, ma un oblio in grado di farle dimenticare i terribili fatti che hanno cambiato la sua vita per sempre. Due anni dopo l'imputato è finalmente dietro le sbarre ma i crimini r

Recensione "Fidanzati dell'inverno. L'attraversaspecchi" di Christelle Dabos

La recensione di oggi riguarda Fidanzati dell'inverno di Christelle Dabos il primo volume della famosissima serie francese L'Attraversapecchi . Vi consiglio vivamente di evitare la trama del libro e passare direttamente alla recensione perché, per quel che mi riguarda, dice anche troppo! Titolo: Fidanzati dell'inverno Autore: Christelle Dabos Serie: L'Attraversaspecchi 1 Pagine: 382  Editore: Edizioni e/o Anno: 2018 (ita), 2013 (fr) comprarlo a 12,99€ L’Attraversaspecchi è una saga letteraria in tre volumi che mescola Fantasy, Steampunk e Belle Époque, paragonata dalla stampa francese alle saghe di J.K. Rowling e Philip Pullman. Fa da sfondo un universo composto da 21 arche, tante quanti sono i pianeti che orbitano intorno a quella che fu la Terra. La protagonista, Ofelia, è originaria dell’arca “Anima”; una ragazza timida, goffa e un po’ miope ma con due doni particolari: può attraversare gli specchi e leggere il passato degli oggetti. Lavora come curatri

Recensione "Il principe crudele" di Holly Black (è davvero un flop?)

Ciao lettori, oggi vi lascio la recensione de " Il principe crudele ", una delle ultime fatiche di Holly Black , autrice che rientra tra le mie preferite perché fino a questo momento non mi ha mai delusa. Chissà come sarà andata questa volta? Leggete la mio opinione per scoprirlo ⇩ Titolo: Il principe crudele Autore: Holly Black Pagine: 313 Editore: Mondadori Anno: 2018 compralo a 9,99€ Jude era solo una bimba quando i suoi genitori furono brutalmente assassinati. Fu allora che sia lei che le sue sorelle vennero rapite e condotte nel profondo della foresta, nel mondo magico. Dieci anni dopo, l'orrore e i ricordi di quel giorno lontano e terribile ormai sfocati, Jude, ora diciassettenne, è stanca di essere maltrattata da tutti e soprattutto vuole sentirsi finalmente parte del luogo in cui è cresciuta, poco importa se non le scorre nemmeno una goccia di sangue magico nelle vene. Ma le creature che le stanno intorno disprezzano gli umani. E in particolare li dis

Recensione "Shatter me" di Tahereh Mafi

Miei cari divoratori, ho appena terminato Shatter me (ex Schegge di me) di Mafi Tahereh . Non ho potuto resistere un giorno in più per scrivere questa recensione: devo farlo adesso, per forza. Titolo: Shatter me Serie: Shatter me 1 Autore:  Tahereh  Mafi  Pagine: 275 Anno: 2012 Editore: Rizzoli Compralo a 8,99€ 264 giorni segregata in una cella, senza contatti con il mondo. Juliette non può parlare con nessuno, e nessuno deve avvicinarla, perché ha un potere terribile: se tocca una persona la uccide. Agli occhi dell'organizzazione che l'ha rapita il suo potere è un'arma stupefacente, per lei è una maledizione. Un giorno però nella cella viene spinto Adam. Juliette non vuole fargli del male, e così lo tiene a distanza. Ma Adam non sa del suo potere, e mentre lei dorme in preda agli incubi la prende tra le braccia per confortarla. Da quel momento tutto cambia, perché Adam, immune al tocco di Juliette, è l'unico che può accettarla così com'è. Insieme pr

Recensione "la prigioniera d'oro" di Raven Kennedy

Buongiorno lettori, oggi vi propongo la recensione de "la prigioniera d'oro" di Raven Kennedy, una lettura leggermente fuori comfort zone per quanto mi riguarda! Titolo: La prigioniera d'oro. Re Mida e la gabbia dorata  Autore: Raven Kennedy  Pagine: 300   Editore: Armenia  Anno di pubblicazione: 2022 "Auren è la favorita di re Mida, l’uomo dal tocco d’oro, che la tiene in una gabbia dorata, simbolo del suo potere. Questa «gabbia» copre l’intero piano superiore del castello, con gabbie integrate in ogni stanza e passerelle sbarrate collegate tra loro, in modo che Auren possa girare liberamente per il castello. La prigioniera si sente protetta e al sicuro nella sua gabbia. Ma da cosa? Ha avuto una vita molto dura, ha vissuto per strada fino a quando Mida non l’ha salvata. Auren lo conosce da prima che diventasse re, il che spiega molto sul loro rapporto. Ma la sua vita, le sue sicurezze, stanno per cambiare brutalmente..." RECENSIONE 'LA PRIGIONIERA D'

Recensione "Heartstopper" di Alice Oseman (REVIEW PARTY)

Ciao lettori, oggi vi lascio la recensione del primo volume di Heartstopper di Alice Oseman , in uscita proprio oggi! Titolo: Heartstopper Autore: Alice Oseman Pagine: 289 Editore: Oscar Mondadori (Oscar Ink) Compralo a 10,99€ Charlie e Nick frequentano la stessa scuola ma non si sono mai conosciuti. Fino a un giorno in cui si trovano casualmente seduti l'uno accanto all'altro. Diventano subito amici. Anzi di più. Charlie si innamora perdutamente di Nick anche se pensa di non avere alcuna possibilità. Ma l'amore è sempre sorprendente e anche Nick si scopre attratto da Charlie. Molto di più di quanto i due ragazzi potessero immaginare. Le piccole cose che Nick e Charlie vivono compongono qualcosa di grande, che parla a tutti noi di amore, amicizia, lealtà così come dei momenti difficili della vita. Recensione "Heartstopper" di Alice Oseman Lo scorso anno con Heartstopper c'è stato una sorta di *boom* su instagram perché tutti lo leggevano, tutti

Gruppo di lettura serie "Il trono di ghiaccio" di Sarah J. Maas | dalle novelle prequel al quarto volume

Ciao lettori! Oggi sono felicissima di presentarvi un'iniziativa a cui tengo tantissimo! Voi sapete quanto mi piacciano i gruppi di lettura, ne organizzo almeno uno-due l'anno, ma questa volta si tratta di un'iniziativa più ambiziosa perché leggeremo una serie  (o almeno i libri che sono stati pubblicati al momento in italiano). Che io sia una fan de Il trono di ghiaccio ormai lo sanno pure i muri. Ogni occasione è buona per sottolinearlo. Nei prossimi mesi uscirà il quarto volume in italiano, quindi quale migliore occasione per (ri)leggerla? Sappiamo benissimo che in Italia spesso e volentieri le serie vengono interrotte e il fatto che la Mondadori ne stia portando avanti una che pensavamo tutti avesse fatto una brutta fine è un miracolo, per questo è importante pubblicizzarla , anche perché il quarto volume è un vero e proprio traguardo. Volume dopo volume spesso i lettori perdono interesse, quindi a questo punto è fondamentale far conoscere a più persone possibi

Recensione "Nevernight. Mai dimenticare" di Jay Kristoff (o anche "Tutto quello che non mi è piaciuto del libro")

Ciao lettori, oggi recensione di Nevernight - Mai dimenticare , primo volume delle Cronache dell'Illuminotte , scritto da Jay Kristoff . Come già vi anticipo nel titolo, questo libro non mi è piaciuto. Adesso cercherò di spiegarvi per bene perché, cercando di evitare gli spoiler. Quei pochi che ho inserito sono stati oscurati, evidenziateli con il mouse per leggerli :D Titolo: Nevernight. Mai dimenticare Serie: Gli accadimenti di Illuminotte 1 Autore: Jay Kristoff Pagine: 462 Editore: Mondadori (Oscar Fantastica) Anno: 2019 (ita), 2016 (eng) Comprarlo a 17,00€ Destinata a distruggere imperi, Mia Corvere ha solo dieci anni quando riceve la sua prima lezione sulla morte. Sei anni dopo, la bambina cresciuta tra le ombre si avvia a mantenere la promessa che ha fatto il giorno in cui ha perso tutto. Ma le possibilità di sconfiggere nemici così potenti sono davvero esili, e Mia è costretta a trasformarsi in un'arma implacabile. Deve mettersi alla prova tra i nemici - e gl

Recensione "Le ragazze immortali" di Kiran Millwood Hargrave

Buongiorno lettori, vi lascio la mia recensione del libro ‘Le ragazze immortali’ di Kiran Millwood Hargrave in uscita oggi per la Mondadori, che ringrazio per la copia digitale fornita gentilmente in anteprima! Titolo: LE RAGAZZE IMMORTALI Autore: KIRAN MILLWOOD HARGRAVE Pagine: 348 Editore: MONDADORI (OSCAR FABULA) Anno di pubblicazione: 2022 "Le gemelle Lil e Kizzy stanno per compiere diciassette anni, ed entro poche ore arriverà per loro il giorno della divinazione: l'Anziana Charani svelerà alle ragazze quale destino le aspetta. Ma non faranno in tempo a partecipare alla cerimonia perché il crudele Boier Valcar le fa rapire per farne le sue schiave. Costretta a lavorare nelle cucine del castello, un luogo tutt'altro che accogliente, Lil trova conforto nell'incontro con Mira, una compagna di sventura verso cui si sente attratta in un modo mai provato prima. E lì sente parlare del Drago, che ricorda la terribile figura mitologica di cui raccontano le antiche leggend