Passa ai contenuti principali

Recensione "Il re delle cicatrici" di Leigh Bardugo, il libro di Nikolai (UN DISASTRO!)

La recensione di oggi è de Il re delle cicatrici e cioè "King of scars" di Leigh Bardugo, primo volume di una duologia sequel ambientata nel Grishaverse ancora inedita in italiano, ma che dovrebbe arrivare nei prossimi mesi.

Titolo: King of scars
Autrice: Leigh Bardugo
Pagine: 528
Anno: 2021
Compralo a 2,99€

Affronta i tuoi demoni... o nutrili.

Nikolai Lantsov ha sempre avuto un debole per l'impossibile. Nessuno sa cosa ha dovuto affrontare durante la sanguinosa guerra civile e vuole che resti così. Ora, con i nemici che si radunano nei confini indeboliti, il giovane re deve trovare un modo per riempire le casse di Ravka, forgiare nuove alleanze e fermare una crescente minaccia per quello che una volta era il grande esercito Grisha.

Eppure ogni giorno una magia oscura cresce sempre più forte dentro lui, minacciando di distruggere tutto quello che ha costruito. Con l'aiuto di un giovane monaco e la leggendaria Grisha Chiamatempeste, Nikolai viaggerà nei luoghi di Ravka dove sopravvive la più oscura magia, per sconfiggere la terribile eredità dentro di lui. Rischierà tutto per salvare il suo Paese e se stesso. Ma alcuni segreti non sono destinati a rimanere sepolti e alcune ferite a non guarire.

Recensione King of scars di Leigh Bardugo

King of scars è il primo volume di una dulogia sequel del Grishaverse. Si colloca alla fine degli eventi de Il regno corrotto, quindi no, se non avete letto lo spin-off Sei di corvi e nemmeno la trilogia Tenebre e ossa (formata da Tenebre e ossa, Assedio e Tempesta, Rovina e Ascesa) , vi sconsiglio vivamente di iniziare da questo volume.

Infatti è ambientato tre anni dopo gli eventi di Rovina e Ascesa e poco dopo quelli de Il regno corrotto. Viene erroneamente chiamato il libro di Nikolai, ma in realtà questo personaggio è affiancato da altri due punti di vista: quello di Zoya e quello di Nina, la prima presente nella trilogia come personaggio secondario, l'altra una delle protagoniste di Sei di corvi. Ad un certo punto della storia abbiamo anche un quarto punto di vista, non particolarmente utile.

La storyline di Zoya e Nikolai procede in parallelo, quella di Nina invece è distaccata poiché ambientata a Fjerda, dove agisce come spia per conto del re. 

Zoya e Nikolai invece si occuperanno di ristabilire il Paese dopo la guerra civile degli anni precedenti, ma dovranno anche formare nuove alleanze perché qualcosa sta agendo nell'ombra (ne abbiamo avuto un assaggio ne il regno corrotto); inoltre il "mostro" che vive dentro Nikolai sembra essersi risvegliato e lui vuole a tutti costi trovare una soluzione perché non può essere un buon re se non ha il controllo del suo corpo, ma soprattutto della sua mente.

La storyline di Nina non si incontrerà mai con quella di Zoya e Nikolai.

Nessuno dei personaggi di questo libro brilla. Abbiamo un Nikolai sottotono che ripete le quattro battute che ormai sappiamo a memoria e che spesso agisce in modo un po' sciocco; la Zoya che conoscevamo nella trilogia non esiste più, questo è un personaggio non male nel complesso, ma completamente diverso, addolcito per fare presa sul pubblico (se ricordate bene, Zoya per alcuni era un personaggio difficile da digerire); Nina è sempre Nina, forse l'unica che mi è sembrata coerente e che ha subito un'evoluzione nella storia, mentre gli altri restano più o meno gli stessi.

La mancata evoluzione dei personaggi alla fine del romanzo non è l'unico problema. Vedete, ci sono talmente tante cose che non vanno che non saprei da dove iniziare. Tanta carne al fuoco che non viene per niente sfruttata a favore di una trama che non è altro che una macedonia delle altre due serie.

E dire che l'inizio non è neanche male. Non succede niente - in realtà succede ben poco in tutto il libro -, ma la lettura è abbastanza piacevole, se escludiamo i primi capitoli di Nina che io ho trovato noiosi, qualcun altro invece li ha trovati commoventi.

Il primo problema si presenta alla fine della prima parte del libro. Qualche spoilerino lo avevo letto, quindi alcune cose le immaginavo, ma vi giuro che pensavo di tutto tranne quello che succede. E' qualcosa di talmente assurdo che ancora stento a crederci. Sicuri che la copia comprata su amazon sia davvero King of scars? Perché sono abbastanza sicura che esistano fanfiction molto più belle. 

Da quel punto in poi ho fatto molto fatica a prendere sul serio la storia e in effetti, andando avanti, è anche peggio. La Bardugo poteva imboccare tantissime strade, ma per quel che mi riguarda ha scelto quelle sbagliate, e adesso vi spiego perché.

ll sistema magico che conosciamo non esiste più. Adesso si è evoluto (?), è qualcosa di completamente diverso, ma soprattutto incoerente. Le regole che l'autrice aveva imposto nella trilogia le ha infrante più volte. L'impressione che mi ha dato la Bardugo, adesso sicuramente molto più consapevole del potenziale del mondo grisha, è quello di aver voluto rimediare alle "ingenuità" della trilogia, scritta nel 2012 quando ancora non aveva la maturità di oggi. Questo non significa che devi stravolgere qualcosa per correggere gli errori fatti dalla mancata esperienza. Si può migliorare? Sì, ma non si può cambiare quello che è già stato scritto, non quando parliamo di aspetti del grishaverse che nella teoria potevano benissimo essere "scoperti" dai personaggi della trilogia perché sia Alina sia il Darkling ne hanno gli "strumenti". Ed è per questo che tutto quello che viene approfondito qui non hanno nessun senso.

Un buon autore non deve mai giocarsi tutte le carte e il lettore non deve necessariamente sapere tutto, ma dal momento in cui scrivi qualcosa che cozza con quello pubblicato in passato, abbiamo un problema.

Il finale, parecchio telefonato, è la goccia che fa traboccare il vaso. Avrebbe potuto essere interessante, ma è il modo in cui si arriva a questo "plot twist" (mi viene anche da ridere a chiamarlo colpo di scena...) e avendo già capito dove andrà a parare il secondo volume, ne dubito tantissimo.

Adesso inizierà una parte spoiler. Se volete commentarla insieme a me, vi invito a scrivere un avvertimento nei commenti.

SPOILER

- la dimensione con i Santi. Non so se mi sentite ridere anche da lì. Questa cosa è talmente ridicola che vi giuro non sono più riuscita a prendere sul serio il libro e non riuscirò a leggere il secondo senza avere un attacco di ridarella.

- Perché la Bardugo deve ripetere ogni tre secondi quanto sia bella e aggressiva Zoya? Pensa che in questo modo i lettori l'apprezzano di più? Io ODIO quando un autore deve dirmi com'è il suo personaggio, devo essere IO a capirlo. Ecco perché alla fine il personaggio di Zoya è riuscito anche a starmi un po' sulle ovaie. Ma la Bardugo fa così anche con la coppia Zoya e Nikolai. Si capisce che questi due si vogliono a pagina 1 perché l'autrice continua a ripeterlo. In cuor mio penso che sarebbe stato bello vedere il loro rapporto crescere (visto che nella trilogia non si sono scambiati nemmeno mezza battuta), ma invece noi lettori arriviamo quando il film è praticamente già iniziato da un pezzo. 

- che senso ha il ritorno dell'Oscuro se non c'è Alina? Ma davvero? Se ci fosse stata la possibilità di espandere i propri poteri il Darkling non avrebbe fatto QUALSIASI COSA visto che per tutta la sua vita non ha fatto altro che cercare di diventare sempre più forte? Ci rendiamo conto della pagliacciata scritta dalla Bardugo? A questo punto PRETENDO il ritorno di Alina perché non avrebbe senso il Darkling senza di lei, ma immagino già che non tornerà perché senza poteri è praticamente inutile e poi c'è Zoya che è diventata overpowered. 

FINE SPOILER

E' un brutto libro? Nì. Nel senso che se fosse stato un libro autonomo, non appartenente al Grishaverse, avrei potuto anche promuoverlo con il minimo perché comunque i difetti ci sono e alcuni aspetti non mi sarebbero piaciuti a prescindere, Il lato positivo è che si legge in fretta e sei curiosa di capire quanto ancora la Bardugo possa delirare. Le uniche parti più noiose sono i capitoli iniziali di Nina e in parte il finale perché, vista la piega presa dalla storia, si capisce subito. 

Valutazione: 2⭐ (perché mi sento buona)

Cosa ne pensate? Lo avete letto o lo leggerete quando uscirà in italiano?

Commenti

Post popolari in questo blog

Guida di lettura: "Devil's Night" di Penelope Douglas

 Buongiorno lettori, oggi volevo parlarvi della serie dark romance Devil’s Night della regina di TikTok ovvero Penelope Douglas , ovvero Corrupt, Hideaway, Kill Switch e Nightfall. Vi darò una breve introduzione sulla serie, una spiegazione dei personaggi principali e l’ordine di lettura , e anche un breve commento sui libri singoli. I libri sono in ordine di lettura, in modo che sappiate esattamente dove iniziare, come continuare e soprattutto dove finire con la storia dei Cavalieri! Titolo:  Corrupt - Il mio sbaglio più grande (Devil's Night 1#) Autrice : Penelope Douglas Pagine:   448 Editore:  Newton Compton Editori Pubblicazione: 10 Gennaio 2023 Traduttore: Laura Lancini Trama:  “Si chiama Michael Crist. È il fratello maggiore del mio ragazzo ed è come quei film dell'orrore che guardi coprendoti gli occhi. È bellissimo, forte, e assolutamente terrificante. Non mi vede neppure. Ma io l'ho notato. L'ho visto, l'ho sentito. Le cose che ha fatto, i misfatti che ha

Recensione "Spietate promesse" di Rebecca Ross

Buongiorno lettori, oggi sono super emozionata di presentarvi la recensione di “Spietate promesse” di Rebecca Ross, l’atteso seguito e conclusione della dilogia “Divini rivali”, per cui ringrazio di cuore la casa editrice per la copia digitale fornita in anteprima! Vi avverto, per chi non ha letto il primo libro ci saranno inevitabilmente degli spoiler sulla sua fine! Qui la recensione    di Divini rivali! Titolo: Spietate promesse (#2 letters of enchantment) Autore: Rebecca Ross Data di pubblicazione: 7 Maggio 2024 Casa editrice: Fazi Editore Pagine: 512 Traduttore: Stefano Andrea Cresti "Dopo aver vissuto in prima persona gli orrori della guerra, Iris è finalmente tornata a casa, ma la vita lontano dal fronte è tutt’altro che facile: Roman è disperso e non si hanno sue notizie da settimane, l’esercito di Dacre continua ad avanzare puntando verso Oath, mentre i suoi abitanti, ostili e diffidenti nei confronti delle divinità, sono sempre più inferociti. Quando a Iris e Attie viene

Recensione "L'estate nei tuoi occhi" di Jenny Han

Buongiorno, oggi recensione de L'estate nei tuoi occhi di Jenny Han , primo volume della Summer Trilogy , lettura perfetta per l'estate!  Titolo: L'estate nei tuoi occhi (The summer trilogy #1) Autore: Jenny Han Editore: Piemme Anno: 2014 Due fratelli. Un vero amore. Belly misura il tempo in estati. Tutto ciò che di bello e magico è accaduto nella sua vita, è accaduto fra giugno e agosto. L'inverno è solo il periodo che la divide dalla prossima estate, dalla casa sulla spiaggia, da Susannah e i suoi due figli, da Conrad e Jeremiah. Loro sono gli amici con cui è cresciuta: Jeremiah è il ragazzo su cui contare, Conrad quello che ti fa battere il cuore. E quest'estate si rivela ancora più speciale, perché sta accadendo ciò che Belly sta aspettando da tempo e che sembrava non sarebbe mai accaduto. Stranamente questo libro mi è piaciuto. È raro che uno young adult mi appassioni, eppure è stato così. Belly ogni anno non vede l'ora c

Review party: recensione de “I lupi dorati” di Roshani Chokshi

Buongiorno lettori, ormai le vacanze sono un ricordo lontano, ma non disperiamoci e consoliamoci con la recensione de “I lupi dorati” di Roshani Chokshi, uscito da pochissimi giorni in libreria e per cui ringrazio Cristina del blog ‘Chroniclesofabookaholic” per aver organizzato questo review party e la casa editrice per la copia digitale gentilmente fornita in anteprima! Titolo: I lupi dorati Autore: Roshani Chokshi Editore: Mondadori (oscar fantastica) Data di pubblicazione: 13 settembre 2022 Numero di pagine: 432 "1889. L’Esposizione Universale ha immesso nuova linfa alla città di Parigi, ma ha anche portato alla luce antichi segreti. Nessuno conosce le oscure verità quanto Séverin Montagnet-Alarie, cacciatore di tesori e ricco albergatore. Il potentissimo ordine di Babel lo contatta per costringerlo ad aiutarli in una missione, e Séverin si trova così a inseguire un tesoro che mai avrebbe immaginato: la sua vera eredità." RECENSIONE 'I LUPI DORATI' DI ROSHANI

Recensione "Percy Jackson e gli dei dell'Olimpo - Il ladro di fulmini"

Ciao divoratori! Oggi parliamo di Percy Jackson -  Il ladro di fulmini , primo volume della serie Gli dei dell'Olimpo di Rick Riordan ! Titolo: Il ladro di fulmini Saga: Percy Jackson e gli dei dell'Olimpo #1 Autore: Rick Riordan Pagine: 384 Anno: 2010 Editore: Mondadori compralo a 6,99€ Percy Jackson non sapeva di essere destinato a grandi imprese prima di vedere la professoressa di matematica trasformarsi in una Furia per tentare di ucciderlo. Le creature della mitologia greca e gli dei dell'Olimpo, in realtà, non sono scomparsi ma si sono semplicemente trasferiti a New York, più vivi e litigiosi di prima. Tanto che l'ultimo dei loro bisticci rischia di trascinare il mondo nel caos: qualcuno ha rubato la Folgore di Zeus, e qualcuno dovrà ritrovarla entro dieci giorni. Sarà proprio Percy a dover indagare sull'innocenza di Poseidone, dio del mare e padre perduto, che l'ha generato con una donna mortale facendo di lui un semidio. Nuove gesta e

Recensione "Echi in tempesta" di Christelle Dabos, capitolo finale della serie L'Attraversaspecchi

Ciao lettori, oggi vi lascio la recensione di " Echi in tempesta" di Christelle Dabos , volume conclusivo della serie francese L'Attraversaspecchi . Ringrazio Edizioni e\o per avermi dato l'opportunità di ricevere il libro in anteprima!  Titolo: Echi in tempesta Autore: Christelle Dabos Serie: L'Attraversaspecchi 4 Pagine: 576 Editore: Edizioni e\o Anno: 2020 Comprarlo a 11,99€ Crollati gli ultimi muri della diffidenza, Ofelia e Thorn si amano ormai appassionatamente. Tuttavia non possono farlo alla luce del sole: la loro unione deve infatti rimanere nascosta perché possano continuare a indagare di concerto sull’indecifrabile codice di Dio e sulla misteriosa figura dell’Altro, l’essere di cui non si conosce l’aspetto, ma il cui potere devastante continua a far crollare interi pezzi di arche precipitando nel vuoto migliaia di innocenti. Come trovare l’Altro, senza sapere nemmeno com’è fatto? Più uniti che mai, ma impegnati su piste diverse, Ofelia e Th

Vintage Reading Club: Anna dai capelli rossi ∽ TAPPA 1

Ciao lettori, eccoci al primo appuntamento con l'iniziativa Vintage Reading Club  in collaborazione con Sentieri di neve rossa . Per maggiori informazioni date un'occhiata a questo link:  Vintage Reading Club .

Recensione: "La figlia del re dei pirati" di Tricia Levenseller

Buongiorno lettori, oggi vorrei parlarvi di una uscita di Luglio per Oscar Vault Mondadori, un fantasy young adult dalle vibes piratesche ,   La figlia del re dei pirati di Tricia Levenseller.  Titolo:  La figlia del re dei pirati  Autrice:  Tricia Levenseller  Pagine:  336  Editore: Oscar Vault  Pubblicazione:  18 Luglio 2023  Traduttore:  Alba Mantovani  Trama: Alosa, capitana di una nave pirata, ha diciassette anni e una missione: recuperare un'antica mappa, chiave per trovare un fantastico tesoro. Per riuscirci, si lascia catturare dai pirati nemici che la nascondono sul loro vascello. Tra lei e la mappa c'è solo un ostacolo: Riden, il secondo di bordo, ovvero il suo rapitore, che si dimostra più intelligente e abile del previsto, oltre che bello in modo sleale. Ma niente paura: Alosa ha più di un asso nella manica, e nessuno potrà riuscire a fermarla; né a ostacolare la sua rocambolesca ricerca della mappa. Azione, avventura, amore e un pizzico di magia sono gli ingredient

Recensione "Uno splendido disastro" di Jamie McGuire

Ciao divoratori, vi lascio la recensione di  Uno splendido disastro di Jamie McGuire   che ho finito di leggere da poco. Vi anticipo che in questo post ci sono SPOILER . Titolo: Uno splendido disastro Autore: Jamie McGuire Pagine: 335 Editore: Garzanti Anno: 2013 Compralo a 5,86€ Camicetta immacolata e coda di cavallo. Abby Abernathy sembra la classica ragazza timida e studiosa. Ma in realtà è una ragazza in fuga. In fuga dal suo passato, dalla sua famiglia, da un padre in cui ha smesso di credere. E ora che è arrivata alla Eastern University per il primo anno di università, ha tutta l’intenzione di dimenticare la sua vecchia vita e ricominciare da capo. Travis Maddox di notte guida troppo veloce sulla sua moto, ha una compagna diversa per ogni festa e attacca briga con molta facilità. Dietro di sé ha una scia di adoratrici disposte a tutto per un suo bacio. C’è una definizione per quelli come lui: Travis è il ragazzo sbagliato. Abby lo capisce subito appena i suoi occhi incontrano

Recensione "Fidanzati dell'inverno. L'attraversaspecchi" di Christelle Dabos

La recensione di oggi riguarda Fidanzati dell'inverno di Christelle Dabos il primo volume della famosissima serie francese L'Attraversapecchi . Vi consiglio vivamente di evitare la trama del libro e passare direttamente alla recensione perché, per quel che mi riguarda, dice anche troppo! Titolo: Fidanzati dell'inverno Autore: Christelle Dabos Serie: L'Attraversaspecchi 1 Pagine: 382  Editore: Edizioni e/o Anno: 2018 (ita), 2013 (fr) comprarlo a 12,99€ L’Attraversaspecchi è una saga letteraria in tre volumi che mescola Fantasy, Steampunk e Belle Époque, paragonata dalla stampa francese alle saghe di J.K. Rowling e Philip Pullman. Fa da sfondo un universo composto da 21 arche, tante quanti sono i pianeti che orbitano intorno a quella che fu la Terra. La protagonista, Ofelia, è originaria dell’arca “Anima”; una ragazza timida, goffa e un po’ miope ma con due doni particolari: può attraversare gli specchi e leggere il passato degli oggetti. Lavora come curatri