Passa ai contenuti principali

Recensione "Rovina e Ascesa" di Leigh Bardugo, volume conclusivo della trilogia Grisha

Finalmente condivido con voi la recensione di "Rovina e Ascesa" di Leigh Bardugo, terzo volume della Grisha Trilogy

UPDATE 30.03.2021: il libro l'ho letto in inglese perché all'epoca ancora inedito, ma oggi finalmente esce in italiano per Mondadori!

Titolo: Rovina e ascesa
Autore: Leigh Bardugo
Serie: Grisha trilogy 3
Pagine: 288
Editore: Mondadori
Anno: 2021
Compralo a 17,95€
"Disprezza il tuo cuore." Era quello che volevo. Non volevo più essere in lutto, soffrire per qualche perdita o per i sensi di colpa, o per la preoccupazione. Volevo essere dura, calcolatrice. Volevo essere impavida. Fino a poco prima mi era sembrato possibile. Ora ne ero meno sicura. L'Oscuro ha ormai esteso il suo dominio su Ravka grazie al suo esercito di creature mostruose. Per completare i suoi piani, gli manca solo avere nuovamente al suo fianco Alina, la sua Evocaluce. La giovane Grisha, anche se indebolita e costretta ad accettare la protezione dell'Apparat e di fanatici che la venerano come una Santa, non ha perso però le speranze: non tutto è perduto, sempre che un certo principe, sfacciato e fuorilegge, sia sopravvissuto, e che lei riesca a trovare la leggendaria creatura alata di Morozova, la chiave per liberare l'unico potere in grado di sconfiggere l'Oscuro e distruggere la Faglia. Per riuscirci, la potente Grisha dovrà tessere nuove alleanze e mettere da parte le vecchie rivalità. Nel farlo, verrà a conoscenza di alcuni segreti del passato dell'Oscuro che getteranno finalmente luce sulla natura del legame che li unisce e del potere che l'uomo esercita su di lei. Con una nuova guerra alle porte, Alina si avvia verso il compimento del proprio destino, consapevole che opporsi all'ondata di crescente oscurità che lambisce il suo paese potrebbe costarle proprio quel futuro per cui combatte da sempre.

Recensione "Rovina e Ascesa" di Leigh Bardugo


Dopo ben due mesi dalla lettura di Rovina e Ascesa finalmente trovo il tempo e la voglia di parlarvene. Avevo paura che mi deludesse, ma per fortuna non è successo. C'è soltanto una piccola cosa che mi ha lasciato... un po' triste.

L'ho già scritto nell'altra recensione, ma lo ribadisco anche qui: Alina è tra i miei personaggi femminili preferiti. E' complesso, deve lottare tra ciò che è giusto e ciò che vuole, è costretta a prendere decisioni non per se stessa, ma per l'intera popolazione. Decisioni difficili che spesso deve mettere al di sopra dei suoi bisogni, decisioni che penso ben poche eroine avrebbero avuto il coraggio di prendere. Ecco perché la rispetto molto.

E devo porgere le mie scuse a Mal. L'ho a malapena tollerato in Siege and storm, ma qui si è riscattato. Secondo me Mal è ingiustamente odiato dai fan perché, anche se non spicca rispetto al Darkling, anche lui è un personaggio che ha una buona costruzione e evoluzione ed è pronto a tutto pur di sostenere Alina. E sono felice di aver più o meno azzeccato le mie teorie su di lui.

Il Darkling è uno dei villain più affascinanti. Adoro il fatto che delle volte sotto la fredda corazza si intraveda uno spiraglio di umanità, ma lui è un cattivo, punto, nessuna giustificazione, nessuna redenzione. Quello che un pochino mi ha deluso è l'approfondimento di questo personaggio. C'è, ma si tratta del giusto essenziale che ci fa comprendere le sue azioni. Io avrei voluto MOLTO di più, avrei voluto conoscere ogni singolo aspetto del Darkling. Purtroppo la novella - The demon in the wood - non ha soddisfatto questa mia curiosità.

Ma parliamo delle ship. Mal e Alina insieme non mi sono dispiaciuti. Sicuramente non sono tra le mie coppie preferite dei libri, ma non posso non ammettere di aver trovato belli alcuni dei loro momenti romantici. Certo, non quanto quelli tra il Darkling e Alina che mi provocavano combustioni interne. Mi piaceva il fatto che il Darkling (VORREI CHIAMARLO CON IL SUO VERO NOME MA MI TRATTENGO PER EVITARE SPOILER!  *w*) con Alina non si sentisse più solo, e diciamo che questo è uno dei aspetti che ho più apprezzato e che mi ha fatto piangere, ovvero ogni volta che l'autrice sottolinea la solitudine di questo personaggio. Quanto avrei voluto abbracciarlo.
Però capisco benissimo che la loro relazione sarebbe risultata tossica, quindi non posso non approvare la scelta della Bardugo.

La Grisha Trilogy mi è piaciuta molto e sono felice di aver proseguito la lettura in inglese. La Bardugo si è dimostrata un'autrice talentuosa, è stata brava a gestire i cliché che in certo senso qui diventano punti punti di forza della storia. Ho adorato tutto - storia, ambientazione, personaggi e sì, anche la storia d'amore.

Il finale per me è stato perfetto, non mi aspettavo altro. Mi ha commosso. E già mi mancano tutti.
Sono felice di aver finalmente concluso una delle trilogie che più desideravo leggere da tempo!  Adesso non vedo l'ora di leggere Six of crows e King of scars.

Ps. Harshaw e Oncat sono la vera OTP ❤️

Valutazione: 4,75⭐


Fatemi sapere cosa ne pensate e se avete intenzione di leggere questa trilogia quando verrà pubblicata! *-*

Vi ricordo che potete trovarmi qui: instagram | facebook | twitter | bloglovin | goodreads

Commenti

  1. Ho letto il primo libro della serie, ma sono un po' incerta: ancora non so se continuare o meno e scoprire il finale... certo è che attendo l'arrivo della serie tv con una certa curiosità! ^____^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. secondo me sì, ne vale la pena ^_^
      non è perfetta come trilogia, ma senza ombra di dubbio è ben fatta!

      Elimina
  2. questo commento potrebbe contenere spoiler (lo dico per correttezza)

    io invece odio Mal ma non perchè si mette in mezzo alla mia ship, okay anche per quello dai ahahha ma per lo più perchè non accetta i poteri di Alina, che Alina possa essere diversa e non una damigella che deve essere salvata, poi ho anche i miei problemi con Alina del tipo che è dura di comprendonio, non riesce a capire che non ha necessariamente bisogno di un uomo per essere felice

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ahahahah la prima volta che ho letto Shadow and bone anch'io l'ho detestato per quello XD però oggettivamente non è terribile, dai. Nel secondo volume l'ho odiato per il motivo che dici, però c'è da dire che nel terzo migliora tantissimo e accetta Alina per quello che è :)

      Elimina
  3. Ho letto solo il primo libro anni e anni fa, non mi aveva preso così tanto da spingermi a continuare subito in inglese (all'epoca ero molto più scarsa di adesso) e ormai non ricordo quasi nulla, ma sono contenta che la fine della trilogia ti sia piaciuta xD

    RispondiElimina

Posta un commento

Scrivi pure il tuo parere. Rispondo appena possibile! Se non vedi subito il tuo commento è perché si trova in attesa di moderazione; lo vedrai solo una volta che sarà approvato (approvo TUTTI i commenti tranne lo spam; inoltre facendo così riesco a rispondere anche quando commenti un articolo scritto anni fa).

Post popolari in questo blog

L'estate nei tuoi occhi

Buon giorno divoratori ^^ notate nulla di diverso? Non avevo intenzione di cambiare template o, almeno, volevo mantenere quello precedente per qualche altra settimana e poi cambiarlo con uno estivo ma quando ho trovato questo pattern con le piume carinissimo, non ho potuto farne a meno! Ho cambiato giusto qualche cosa, non volevo fare grandi modifiche perché ho realizzato che più una grafica è semplice, più dura xD solitamente mi stufo subito di quelle complicatissime. Okay, bando alle ciance, oggi vi lascio questa recensione :3 Titolo: L'estate nei tuoi occhi (The summer trilogy #1) Autore: Jenny Han Editore: Piemme Anno: 2014 Due fratelli. Un vero amore. Belly misura il tempo in estati. Tutto ciò che di bello e magico è accaduto nella sua vita, è accaduto fra giugno e agosto. L'inverno è solo il periodo che la divide dalla prossima estate, dalla casa sulla spiaggia, da Susannah e i suoi due figli, da Conrad e Jeremiah. Loro sono gli amici con cui è cre

Recensione "Il principe crudele" di Holly Black (è davvero un flop?)

Ciao lettori, oggi vi lascio la recensione de " Il principe crudele ", una delle ultime fatiche di Holly Black , autrice che rientra tra le mie preferite perché fino a questo momento non mi ha mai delusa. Chissà come sarà andata questa volta? Leggete la mio opinione per scoprirlo ⇩ Titolo: Il principe crudele Autore: Holly Black Pagine: 313 Editore: Mondadori Anno: 2018 compralo a 9,99€ Jude era solo una bimba quando i suoi genitori furono brutalmente assassinati. Fu allora che sia lei che le sue sorelle vennero rapite e condotte nel profondo della foresta, nel mondo magico. Dieci anni dopo, l'orrore e i ricordi di quel giorno lontano e terribile ormai sfocati, Jude, ora diciassettenne, è stanca di essere maltrattata da tutti e soprattutto vuole sentirsi finalmente parte del luogo in cui è cresciuta, poco importa se non le scorre nemmeno una goccia di sangue magico nelle vene. Ma le creature che le stanno intorno disprezzano gli umani. E in particolare li dis

Gruppo di lettura serie "Il trono di ghiaccio" di Sarah J. Maas | dalle novelle prequel al quarto volume

Ciao lettori! Oggi sono felicissima di presentarvi un'iniziativa a cui tengo tantissimo! Voi sapete quanto mi piacciano i gruppi di lettura, ne organizzo almeno uno-due l'anno, ma questa volta si tratta di un'iniziativa più ambiziosa perché leggeremo una serie  (o almeno i libri che sono stati pubblicati al momento in italiano). Che io sia una fan de Il trono di ghiaccio ormai lo sanno pure i muri. Ogni occasione è buona per sottolinearlo. Nei prossimi mesi uscirà il quarto volume in italiano, quindi quale migliore occasione per (ri)leggerla? Sappiamo benissimo che in Italia spesso e volentieri le serie vengono interrotte e il fatto che la Mondadori ne stia portando avanti una che pensavamo tutti avesse fatto una brutta fine è un miracolo, per questo è importante pubblicizzarla , anche perché il quarto volume è un vero e proprio traguardo. Volume dopo volume spesso i lettori perdono interesse, quindi a questo punto è fondamentale far conoscere a più persone possibi

Recensione "Shatter me" di Tahereh Mafi

Miei cari divoratori, ho appena terminato Shatter me (ex Schegge di me) di Mafi Tahereh . Non ho potuto resistere un giorno in più per scrivere questa recensione: devo farlo adesso, per forza. Titolo: Shatter me Serie: Shatter me 1 Autore:  Tahereh  Mafi  Pagine: 275 Anno: 2012 Editore: Rizzoli Compralo a 8,99€ 264 giorni segregata in una cella, senza contatti con il mondo. Juliette non può parlare con nessuno, e nessuno deve avvicinarla, perché ha un potere terribile: se tocca una persona la uccide. Agli occhi dell'organizzazione che l'ha rapita il suo potere è un'arma stupefacente, per lei è una maledizione. Un giorno però nella cella viene spinto Adam. Juliette non vuole fargli del male, e così lo tiene a distanza. Ma Adam non sa del suo potere, e mentre lei dorme in preda agli incubi la prende tra le braccia per confortarla. Da quel momento tutto cambia, perché Adam, immune al tocco di Juliette, è l'unico che può accettarla così com'è. Insieme pr

La trilogia delle gemme: Red, Blue, Green.

Buongiorno divoratori :3 Oggi vi parlo della trilogia delle Gemme di Kerstin Gier che ho iniziato a dicembre e finito giusto ieri. Ovviamente non ci saranno spoiler e potete leggere la recensione anche se non avete ancora letto Red. Per le trame dei libri cliccate sulle cover :3 Red, Blue e Green sono state delle letture molto piacevoli ma non nego il fatto che le mie aspettative sono state un po' deluse. Ho sempre letto recensioni positivissime e su GR il rating più basso è di tipo quattro stelline o_o. Perciò potete capire le mie aspettative! Innanzitutto, se la Gier o la ce avesse deciso di pubblicare la trilogia in un unico libro, probabilmente lo avrei apprezzato molto di più. Red è molto introduttivo, nel senso che in trecento pagine non succede un bel niente. E non ha nemmeno un finale ._. finisce esattamente nel bel mezzo della storia (anzi, quale "mezzo" della storia? Questa storia ha praticamente solo l'inizio!). Stessa cosa con Blue , stessa

Recensione "la prigioniera d'oro" di Raven Kennedy

Buongiorno lettori, oggi vi propongo la recensione de "la prigioniera d'oro" di Raven Kennedy, una lettura leggermente fuori comfort zone per quanto mi riguarda! Titolo: La prigioniera d'oro. Re Mida e la gabbia dorata  Autore: Raven Kennedy  Pagine: 300   Editore: Armenia  Anno di pubblicazione: 2022 "Auren è la favorita di re Mida, l’uomo dal tocco d’oro, che la tiene in una gabbia dorata, simbolo del suo potere. Questa «gabbia» copre l’intero piano superiore del castello, con gabbie integrate in ogni stanza e passerelle sbarrate collegate tra loro, in modo che Auren possa girare liberamente per il castello. La prigioniera si sente protetta e al sicuro nella sua gabbia. Ma da cosa? Ha avuto una vita molto dura, ha vissuto per strada fino a quando Mida non l’ha salvata. Auren lo conosce da prima che diventasse re, il che spiega molto sul loro rapporto. Ma la sua vita, le sue sicurezze, stanno per cambiare brutalmente..." RECENSIONE 'LA PRIGIONIERA D'

Recensione "Vampyria. La Corte delle Tenebre" di Victor Dixen

Buongiorno lettori! Oggi vi propongo una lettura che per me è stata una delusione totale con la recensione di "Vampyria. La Corte delle Tenebre" di Victor Dixen. Titolo: Vampyria. La corte delle Tenebre Autore: Victor Dixen Anno di pubblicazione: 2022 Editore: Salani Numero di pagine: 448 "Nell'Anno Domini 1715 , il Re Sole si è trasformato in un vampiro per diventare il Re delle Tenebre. Da allora regna come un assoluto despota sulla Vampyria: una coalizione di vasta portata congelata per sempre in un'epoca oscura, che comprende la Francia e i suoi regni vassalli.Tre secoli dopo, Jeanne, una giovane popolana, nel giro di una notte si ritrova orfana, scopre che la sua famiglia non era così ‘ordinaria’ come pensava e usurpa l'identità di una nobile per sopravvivere. Tutto questo la porta a Versailles: il luogo dove siede il tiranno all'origine di questo odioso sistema che ha dissanguato la sua famiglia. Quanto tempo riuscirà a sopravvivere?Tra horror, avve

Recensione "L'acciaio sopravvive" di Richard K. Morgan

Ciao a tutti, oggi vi lascio la recensione de ‘l’acciaio sopravvive’ primo volume della trilogia 'cosa che resta degli eroi'  di Richard K.Morgan, acclamato autore cyberpunk della trilogia Altered Carbon da cui hanno anche tratto una serie Tv di  Netflix.      Titolo: L'acciaio sopravvive Autore: Richard K.Morgan Pagine: 480 Editore: Mondadori (Oscar Fantastica) Anno di pubblicazione: 2022 "LA GUERRA CONTRO IL POPOLO DELLE SQUAME è finita, ma gli uomini non hanno bisogno di mostri per dilaniarsi tra loro. L'aristocratico Ringil Eskiath, giovane eroe del- la resistenza, vive in esilio volontario, disprezzato per la sua omosessualità. Egar Rovina del Drago, capo dei barbari delle steppe, non trova pace tra gli agi del Sud ma neppure nella semplice vita guerresca della sua vecchia patria. Archeth Indamaninarmal, ultima erede degli alieni Kiriath e della loro tecnologia prodigiosa, cerca di far progredire l'Impero dei mortali e affoga il proprio senso di abbandon

Recensione "Fidanzati dell'inverno. L'attraversaspecchi" di Christelle Dabos

La recensione di oggi riguarda Fidanzati dell'inverno di Christelle Dabos il primo volume della famosissima serie francese L'Attraversapecchi . Vi consiglio vivamente di evitare la trama del libro e passare direttamente alla recensione perché, per quel che mi riguarda, dice anche troppo! Titolo: Fidanzati dell'inverno Autore: Christelle Dabos Serie: L'Attraversaspecchi 1 Pagine: 382  Editore: Edizioni e/o Anno: 2018 (ita), 2013 (fr) comprarlo a 12,99€ L’Attraversaspecchi è una saga letteraria in tre volumi che mescola Fantasy, Steampunk e Belle Époque, paragonata dalla stampa francese alle saghe di J.K. Rowling e Philip Pullman. Fa da sfondo un universo composto da 21 arche, tante quanti sono i pianeti che orbitano intorno a quella che fu la Terra. La protagonista, Ofelia, è originaria dell’arca “Anima”; una ragazza timida, goffa e un po’ miope ma con due doni particolari: può attraversare gli specchi e leggere il passato degli oggetti. Lavora come curatri

Recensione "queste gioie violente" di Chloe Gong

Buongiorno lettori, rieccomi da queste parti con la recensione di ‘queste gioie violente’ di Chloe Gong,  retelling di Romeo e Giulietta di William Shakespeare. Ringrazio la Mondadori per la copia digitale gentilmente offerta, ci tenevo tantissimo a leggere questa dilogia, avevo aspettative altissime che per fortuna sono state soddisfatte! Titolo : Queste gioie violente Autore : Chloe Gong Numero pagine : 396 Anno di pubblicazione : 2022 Casa editrice : Mondadori "Corre l'anno 1926 e a Shanghai, scintillante come non mai, si respira un'aria di dissolutezza. Una faida sanguinosa tra due gang nemiche tinge di rosso le strade, lasciando la città inerme nella morsa del caos. Al centro di tutto c'è la diciottenne Juliette Cai che, dopo un passato lontano dagli affari di famiglia, ha deciso ora di prenderne in mano le redini e assumere il ruolo che le spetta di diritto nella Gang Scarlatta, un'organizzazione di criminali completamente al di sopra della legge. Ma non sono