Passa ai contenuti principali

Recensione "La guerra dei papaveri" di R. F. Kuang

Finalmente la recensione de La guerra dei papaveri di R. F. Kuang vede la luce! Ho letto il libro tra fine-dicembre e inizio-gennaio, ma ho avuto bisogno di tempo per elaborare il tutto. Adesso che l'uscita de La repubblica del drago (il seguito) si avvicina (dovrebbe uscire il 18 maggio), è arrivato il momento di parlarvene.

Titolo: La guerra dei papaveri
Autore: R. F. Kuang
Serie: The poppy war 1
Pagine: 516
Editore: Mondadori (Oscar Fantastica)
Anno: 2020
Orfana, cresciuta in una remota provincia, la giovane Rin ha superato senza battere ciglio il difficile esame per entrare nella più selettiva accademia militare dell'Impero. Per lei significa essere finalmente libera dalla condizione di schiavitù in cui è cresciuta. Ma la aspetta un difficile cammino: dovrà superare le ostilità e i pregiudizi. Ci riuscirà risvegliando il potere dell'antico sciamanesimo, aiutata dai papaveri oppiacei, fino a scoprire di avere un dono potente. Deve solo imparare a usarlo per il giusto scopo.

Recensione "La guerra dei papaveri" di R. F. Kuang 

Non ero del tutto convinta da La guerra dei papaveri perché quando un libro è così acclamato finisco quasi sempre con il restare delusa dalle alte aspettative. In questo caso sono state di gran lunga superate. Ho completamente adorato questo libro ed è entrato a far parte dei miei preferiti, non solo del 2021.
 
La guerra dei papaveri viene definito un military fantasy per adulti perché ispirato alla guerra sino-giapponese e per la presenza di contenuti che potrebbero urtare la sensibilità di alcuni lettori. Inizia come uno dei più classici young adult e termina con una terza parte molto cruda e difficile da digerire, non adatta a tutti. 

La storia copre un arco di tempo abbastanza lungo, parliamo infatti di due anni che comprendono l'addestramento della protagonista in accademia fino alle sue prime missioni in guerra. Rin all'inizio è una protagonista che ha tutte le carte in regola per essere la prescelta e un personaggio "overpowered", cosa che non mi andava molto giù, ma devo dire che con il procedere della storia non ho più avuto questa percezione di lei. In un certo senso è sempre la prescelta, però ho trovato interessante il suo percorso anche se non sempre l'ho condiviso. Inizialmente ci viene presentata come una testa calda, litigiosa, ma anche ambiziosa e determinata. E' assetata di conoscenza e brama tantissimo il potere. Una vera e propria antieroina.

Certo, non si mantiene sempre su questo livello e secondo me per un buon motivo. Infatti quando inizia la guerra, mi sono ritrovata davanti un personaggio meno incisivo. Una protagonista che si accorge che la guerra non è come l'addestramento, che bisogna cooperare anche con il compagno che si odia se si vogliono salvare delle vite. In questa parte ci si ritrova una Rin meno decisa, che si lascia trasportare dagli eventi. Di sicuro l'ho preferita all'inizio, ma capisco benissimo la scelta dell'autrice. E' la guerra e lei è giovane. Se c'è una cosa che Rin capisce è la portata della gravità della situazione e una persona inesperta come lei non può fare a meno che eseguire gli ordini. Alla fine invece troviamo la Rin che mi è piaciuta di meno, ma anche qui il suo personaggio ha un perché. Una Rin terrorizzata e arrabbiata. E sappiamo benissimo quali possono essere le conseguenze se due sentimenti del genere nascono in una persona che vuole solo salvare il suo paese e i suoi amici. Non ho condiviso la sua scelta finale, ma sono estremamente curiosa di scoprire come l'autrice ha intenzione di gestire il suo personaggio nei seguiti. Secondo me potrebbe portare ad un sviluppo del personaggio interessantissimo, ma potrebbe anche essere un lento declino.

Un ruolo importante nel suo percorso lo avrà lo sciamanismo. Personalmente apprezzo sempre la magia, soprattutto quando ispirata a culture diverse. Qui parliamo di un potere che può farti diventare un dio, ma può anche farti perdere la ragione perché il corpo dell'essere umano è solo un tramite e il potere ha un prezzo da pagare. Il concetto di "prescelto" in questo caso viene meno perché ne La guerra dei papaveri tutti possono acquisire dei poteri, ma non è così semplice ed è pericoloso. Per questo Rin non è una vera e propria prescelta. Si è presa qualcosa che voleva, cosa che appunto potrebbero far tutti.

Anche i personaggi secondari sono interessanti, anche se qualcuno è più approfondito, qualcun altro un po' meno. Altan è sicuramente quello che ha maggior spazio. Rin lo conosce in accademia e suscita l'interesse di praticamente tutti gli studenti perché è l'ultimo della sua stirpe, scomparsa misteriosamente durante una guerra. Una stirpe potentissima perché ha il potere del fuoco donato dalla dea Fenice. Altan inizialmente è una figura bellissima e irraggiungibile, ma quando lo conosciamo meglio, almeno personalmente, non mi ha detto granché. Oltre ad essere enigmatico è uno di quei personaggi che mi dà l'idea di non essere completamente sincero e di nascondere qualcosa. Verso la fine invece l'ho apprezzato perché viene fuori la sua vera natura, un personaggio perfetto solo inizialmente che si rivela invece avere una personalità più complessa. Non l'ho apprezzato del tutto, ma risulta comunque molto interessante.

Ci sono altri personaggi secondari piacevoli che spero tantissimo vengano approfonditi nel secondo. Primo fra tutti Nezha che all'inizio del libro è il bulletto di turno, il figlio di papà che dà il filo da torcere alla protagonista, ma che nel corso della storia avrà una crescita interessante. (e avendo letto anche il secondo in inglese vi posso assicurare che nel secondo lo amerete).

Ci sono anche i "cike", una "squadra speciale" dell'esercito (chiamiamola così) formata da sciamani con abilità differenti. In particolare a me è piaciuto subito Chaghan, nonostante appaia poco. E' un personaggio carismatico, un po' stronzo, che ovviamente ha conquistato subito la mia simpatia.

Il mondo creato da R. F. Kuang può sembrare complesso, almeno all'inizio, ma capitolo dopo capitolo il quadro geopolitico diventa sempre più chiaro e intrigante. Lo stile inoltre non è  così "pesante" come potrebbe sembrare. Infatti a me dava l'idea di uno di quei fantasy ricchissimi di descrizioni e con uno sviluppo della trama lentissimo, invece il libro scorre benissimo e si fa fatica a staccarsi dalle pagine

La guerra dei papaveri è stato il mio chiodo fisso per un bel po' di giorni e a fine lettura non riuscivo a pensare ad altro, tant'è che ho deciso di leggere subito il seguito in inglese e sto aspettando l'uscita italiano per fare una rilettura! Non posso che consigliarvelo caldamente. 

Valutazione: 5 stelle

THE POPPY WAR
- La guerra dei papaveri
- La repubblica del drago
- The Burning God

Fatemi sapere il vostro parere su questo libro!

Commenti

Post popolari in questo blog

Albion di Bianca Marconero | Recensione

Buon pomeriggio lettori <3 Per questa settimana ho finito con le lezioni e non posso che essere più felice di così, anche se ho una decina di esercizi di graphic design da fare e un paio di foto da scattare per fotografia >_<  Ma pensiamo ai lati positivi, come ad esempio al fatto che potrò leggere tanto ** Adesso vi lascio la recensione di un libro gentilmente inviatomi dall'autrice (ma che avrei letto comunque :P). Buona lettura! Titolo: Albion Serie: Albion #1 Autrice: Bianca Marconero Editore: Limited Edition Books Anno: 2013 Compra su amazon Marco Cinquedraghi è un ragazzo privilegiato, ma non fortunato. Cresciuto senza madre, privato del fratello maggiore, morto misteriosamente, il giorno del funerale del nonno riceve la notizia che gli sconvolgerà la vita: dovrà partire per l'Albion college, la misteriosa scuola in cui, da sempre, si diplomano i Cinquedraghi. Ma il blasonato collegio svizzero riserva non poche sorprese: si studia il sassone, ci si conf

Recensione "Il principe crudele" di Holly Black (è davvero un flop?)

Ciao lettori, oggi vi lascio la recensione de " Il principe crudele ", una delle ultime fatiche di Holly Black , autrice che rientra tra le mie preferite perché fino a questo momento non mi ha mai delusa. Chissà come sarà andata questa volta? Leggete la mio opinione per scoprirlo ⇩ Titolo: Il principe crudele Autore: Holly Black Pagine: 313 Editore: Mondadori Anno: 2018 compralo a 9,99€ Jude era solo una bimba quando i suoi genitori furono brutalmente assassinati. Fu allora che sia lei che le sue sorelle vennero rapite e condotte nel profondo della foresta, nel mondo magico. Dieci anni dopo, l'orrore e i ricordi di quel giorno lontano e terribile ormai sfocati, Jude, ora diciassettenne, è stanca di essere maltrattata da tutti e soprattutto vuole sentirsi finalmente parte del luogo in cui è cresciuta, poco importa se non le scorre nemmeno una goccia di sangue magico nelle vene. Ma le creature che le stanno intorno disprezzano gli umani. E in particolare li dis

Tre anni di Divoratori di Libri ♥

O ggi Divoratori di libri compie ben tre anni ! Ma voi ci credete? Tre anni è un traguardo che mai mi sarei aspettata, considerando il fatto che sono un tipo che inizia cento cose e ne lascia a metà novantanove.. ma la passione per la lettura è sempre rimasta anzi, cresce sempre di più ogni anno. Se dovessi ringraziare il blog per un motivo in particolare, sarebbe proprio questo, il fatto che mi abbia fatto crescere tantissimo! Non voglio continuare con frasi sdolcinate e commoventi perché tanto sono le stesse ogni anno, però non posso fare a meno di ringraziare ancora una volta i miei 543 lettori (vorrei citarvi ad uno ad uno, ma rischio di fare una figura di merda perché sicuramente dimenticherei qualcuno) e i 1964 lettori della pagina facebook! Siete l'anima del blog e senza di voi Divoratori di libri neanche esisterebbe.  Per l'occasione ho organizzato un giveaway per ringraziare tutti voi che mi seguite. Ringrazio la De Agostini per aver messo a disposizione  Wolf

Alice, Dorothy & Wendy: recensione "Peter Pan" di James M. Barrie

Ciao lettori, oggi vi lascio la recensione di " Peter Pan " di James Matthew Barrie . Ringrazio la casa editrice per la copia omaggio e Coffee&Books per aver organizzato il blogtour (qui la mia tappa con le curiosità sui tre classici ) e review party. Titolo: Alice, Dorothy & Wendy Autore: Lewis Carroll, L. Frank Baum, James M. Barrie Pagine: 540 Editore: Mondadori (Oscar Draghi) Anno: 2020 Compralo a 23,75€ Alice e le sue avventure nel favoloso Paese delle Meraviglie, di là e di qua dallo specchio. Wendy, l'amica di Peter Pan che per molti lettori è la vera eroina dei romanzi con il bambino che non vuole crescere. Infine Dorothy, la piccola protagonista portata da un tornado nel fantastico mondo di Oz. Tre ragazzine curiose e audaci, al centro di tre grandi classici che, ciascuno a suo modo, hanno saputo celare sotto le spoglie del racconto di fantasia messaggi e metafore della vita. Questo libro è l'occasione per rileggere i tre romanzi - "Le avventure

Recensione "Fidanzati dell'inverno. L'attraversaspecchi" di Christelle Dabos

La recensione di oggi riguarda Fidanzati dell'inverno di Christelle Dabos il primo volume della famosissima serie francese L'Attraversapecchi . Vi consiglio vivamente di evitare la trama del libro e passare direttamente alla recensione perché, per quel che mi riguarda, dice anche troppo! Titolo: Fidanzati dell'inverno Autore: Christelle Dabos Serie: L'Attraversaspecchi 1 Pagine: 382  Editore: Edizioni e/o Anno: 2018 (ita), 2013 (fr) comprarlo a 12,99€ L’Attraversaspecchi è una saga letteraria in tre volumi che mescola Fantasy, Steampunk e Belle Époque, paragonata dalla stampa francese alle saghe di J.K. Rowling e Philip Pullman. Fa da sfondo un universo composto da 21 arche, tante quanti sono i pianeti che orbitano intorno a quella che fu la Terra. La protagonista, Ofelia, è originaria dell’arca “Anima”; una ragazza timida, goffa e un po’ miope ma con due doni particolari: può attraversare gli specchi e leggere il passato degli oggetti. Lavora come curatri