Passa ai contenuti principali

Recensione "Echi in tempesta" di Christelle Dabos, capitolo finale della serie L'Attraversaspecchi

Ciao lettori, oggi vi lascio la recensione di "Echi in tempesta" di Christelle Dabos, volume conclusivo della serie francese L'Attraversaspecchi. Ringrazio Edizioni e\o per avermi dato l'opportunità di ricevere il libro in anteprima! 

Titolo: Echi in tempesta
Autore: Christelle Dabos
Serie: L'Attraversaspecchi 4
Pagine: 576
Editore: Edizioni e\o
Anno: 2020
Comprarlo a 11,99€
Crollati gli ultimi muri della diffidenza, Ofelia e Thorn si amano ormai appassionatamente. Tuttavia non possono farlo alla luce del sole: la loro unione deve infatti rimanere nascosta perché possano continuare a indagare di concerto sull’indecifrabile codice di Dio e sulla misteriosa figura dell’Altro, l’essere di cui non si conosce l’aspetto, ma il cui potere devastante continua a far crollare interi pezzi di arche precipitando nel vuoto migliaia di innocenti. Come trovare l’Altro, senza sapere nemmeno com’è fatto? Più uniti che mai, ma impegnati su piste diverse, Ofelia e Thorn approderanno all’osservatorio delle Deviazioni, un istituto avvolto dal segreto più assoluto e gestito da una setta di scienziati mistici in cui, dietro la facciata di una filantropica clinica psichiatrica, si cela un laboratorio dove vengono condotti esperimenti disumani e terrificanti. È lì che si recheranno i due, lì scopriranno le verità che cercano e da lì proveranno a fermare i crolli e a riportare il mondo in equilibrio.

Recensione "Echi in tempesta", Christelle Dabos 

L'Attraversaspecchi è una delle serie più coinvolgenti che io abbia letto negli ultimi anni. Solitamente sono abbastanza lenta a leggere e tra un volume e l'altro mi piace fare una pausa, ma con la serie della Dabos ogni attesa è stata una sofferenza!

Echi in tempesta mi è piaciuto, però confesso che nella mia scala di gradimento si trova all'ultimo posto rispetto agli altri tre volumi della serie. Non che non sia un libro valido, ma mi ha lasciato emozioni abbastanza confuse.

Cominciamo dagli aspetti che mi sono piaciuti tantissimo. E iniziamo col botto, ovvero con Thorn. Chi lo avrebbe mai detto? Dopo tre libri in cui non sono riuscita ad inquadrarlo, in cui l'ho trovato fin troppo enigmatico e freddo, in questo quarto e ultimo volume l'ho apprezzato molto perché l'ho trovato più umano, più vulnerabile. 
Non fraintendetemi: Thorn è sempre Thorn, ma qui vediamo degli scorci delle emozioni che prova, non è più l'uomo che tiene tutti all'oscuro, anzi lui e Ofelia formeranno una bella squadra. Non diventa d'un tratto espansivo, eh, ma il personaggio ha quella crescita che secondo me avrebbe dovuto avere almeno due libri fa. Quindi sì, mi è piaciuto e pure tanto! Era anche ora!

Di conseguenza sono riuscita ad apprezzare anche il rapporto con Ofelia. Ricordate che ero l'unica a non shipparli? Ecco, in Echi in tempesta mi sono piaciuti quei pochi momenti romantici e in generale tutte le loro interazioni.

Parlando della trama e del suo sviluppo, mi ha lasciato emozioni contrastanti. Anche se nel complesso l'ho trovata piacevole, devo dire che mi è sembrata meno avvincente rispetto agli altri volumi. La lettura non mi è pesata, come sempre lo stile della Dabos è scorrevolissimo (e secondo me per certi aspetti è anche maturato), ma le risposte agli interrogativi non mi hanno pienamente soddisfatto. 

Non so dirvi di preciso cosa non mi abbia convinto, forse mi aspettavo qualcosa di diverso o forse certe risposte non state semplici da seguire, però non sono rimasta a bocca aperta come in precedenza, ecco. Allo stesso tempo non penso che la Dabos abbia lasciato troppe cose in sospeso, come ho letto in giro. Le risposte, anche se non quelle che mi aspettavo, fanno chiarezza sul mondo e sulle sue origini, su Dio e sull'Altro. Sicuramente ne generano altre, ma almeno abbiamo risposte sulle questioni essenziali. 

Per i personaggi secondari invece dispiace un po' che siano rilegati ai margini, ma alla stesso tempo me lo aspettavo perché ho già capito qualche volume fa che la loro presenza è direttamente proporzionale alla loro utilità ai fini della trama. Ciononostante ho apprezzato il fatto che la Dabos si sia concentrata ancora una volta sullo sviluppo della storia perché altrimenti la scorrevolezza del libro ne avrebbe risentito un po'. Quello che piace di questa serie è proprio il fatto che sia difficile staccarsi dalle pagine perché la curiosità è tanta, quindi mi va bene così. 

Il finale aperto mi è piaciuto a metà. Da un lato l'ho gradito, dall'altro non mi sarebbe dispiaciuto saperne di più.

Nel complesso comunque il bilancio è positivo perché mi ha piacevolmente intrattenuto. E sono tristissima perché dire addio ad una saga che mi ha tenuto in ottima compagnia negli ultimi mesi e che mi ha regalato tante emozioni non è semplice! Mi mancherà tanto.

Valutazione: 3,5 ⭐

Le recensioni degli altri volumi:

Cosa ne pensate del libro? Lo leggerete? Lo avete già letto?

Ditemelo nei commenti (ma avvertite se inserite qualche spoiler!).
⚡Seguitemi su: instagram facebook twitter bloglovin | goodreads ⚡

Commenti

Post popolari in questo blog

Recensione "Il principe crudele" di Holly Black (è davvero un flop?)

Ciao lettori, oggi vi lascio la recensione de " Il principe crudele ", una delle ultime fatiche di Holly Black , autrice che rientra tra le mie preferite perché fino a questo momento non mi ha mai delusa. Chissà come sarà andata questa volta? Leggete la mio opinione per scoprirlo ⇩ Titolo: Il principe crudele Autore: Holly Black Pagine: 313 Editore: Mondadori Anno: 2018 compralo a 9,99€ Jude era solo una bimba quando i suoi genitori furono brutalmente assassinati. Fu allora che sia lei che le sue sorelle vennero rapite e condotte nel profondo della foresta, nel mondo magico. Dieci anni dopo, l'orrore e i ricordi di quel giorno lontano e terribile ormai sfocati, Jude, ora diciassettenne, è stanca di essere maltrattata da tutti e soprattutto vuole sentirsi finalmente parte del luogo in cui è cresciuta, poco importa se non le scorre nemmeno una goccia di sangue magico nelle vene. Ma le creature che le stanno intorno disprezzano gli umani. E in particolare li dis

La trilogia delle gemme: Red, Blue, Green.

Buongiorno divoratori :3 Oggi vi parlo della trilogia delle Gemme di Kerstin Gier che ho iniziato a dicembre e finito giusto ieri. Ovviamente non ci saranno spoiler e potete leggere la recensione anche se non avete ancora letto Red. Per le trame dei libri cliccate sulle cover :3 Red, Blue e Green sono state delle letture molto piacevoli ma non nego il fatto che le mie aspettative sono state un po' deluse. Ho sempre letto recensioni positivissime e su GR il rating più basso è di tipo quattro stelline o_o. Perciò potete capire le mie aspettative! Innanzitutto, se la Gier o la ce avesse deciso di pubblicare la trilogia in un unico libro, probabilmente lo avrei apprezzato molto di più. Red è molto introduttivo, nel senso che in trecento pagine non succede un bel niente. E non ha nemmeno un finale ._. finisce esattamente nel bel mezzo della storia (anzi, quale "mezzo" della storia? Questa storia ha praticamente solo l'inizio!). Stessa cosa con Blue , stessa

Prossime uscite 2021: ALICE OSEMAN, HOLLY BLACK, SARAH J. MAAS, JAY KRISTOFF, LEIGH BARDUGO, ECC.

Buona domenica lettori, siete pronti ad una carrellata di novità ? Ecco le prossime uscite che troveremo in libreria nel 2021. IO STO URLANDO E PIANGENDO perché voglio almeno buona parte di questi libri! Non vedo l'ora! Prima di iniziare con le notizie, tre cose: 1) chiedo umilmente scusa alle case editrici per aver rovinato la sorpresa, ma insomma, una volta trovate queste notizie non potevo proprio fare finta di niente (e urlare e soffrire da sola, ecco); 2) come la volta scorsa, metto ISBN così potete controllare voi stessi la veridicità della notizia ed evitate di prendermi per cazzara (cose che poi fate lo stesso, ma dettagli); 3) naturalmente aspettiamo una conferma ufficiale dalle case editrici, però le notizie riportate qui sono comunque VERE perché hanno appunto il codice isbn, l'unica cosa che è incerta è la data di uscita che naturalmente può sempre variare. Ma, insomma, sono libri che arriveranno in librereria AL 100% Ovviamente si inizia sempre dalle notizie più su

Recensione “Il regno di cenere” di Sarah J. Maas

Oggi esce Il regno di cenere , volume conclusivo della serie Il trono di ghiaccio di Sarah J. Maas. Per l’occasione ho organizzato un review party insieme ad altre blogger. Di seguito trovate la mia recensione del libro! Titolo: Il regno di cenere Autore: Sarah J. Maas Pagine: 1080 Editore: Mondadori (Oscar Fantastica) Anno di pubblicazione: 2021 Compralo a 8,99€ Aelin ha rischiato tutto per salvare il suo popolo, ma ha pagato un prezzo altissimo: è stata rinchiusa in una bara di ferro dalla regina Maeve, costretta a sopportare mesi di torture se non vuole condannare coloro che ama. Ma anche la sua forza e la sua determinazione iniziano a incrinarsi. Non è l'unica a dover combattere per assicurarsi un futuro, mentre i fili del destino dei vari personaggi si intrecciano inesorabilmente. Recensione Il regno di cenere di Sarah J. Maas Questa recensione probabilmente sarà lunghissima perché Il trono di ghiaccio è tra le mie serie preferite e sarà difficile contenere le emozioni. Ho

Recensione "La corte di fiamme e argento" di Sarah J. Maas

La prima recensione dell'anno non poteva non essere quella de La corte di fiamme e argento di Sarah J. Maas , in uscita domani per Mondadori. E' un volume spin-off della serie La corte di rose e spine con protagonisti Nesta e Cassian! Titolo: La corte di fiamme e argento Autore: Sarah J. Maas Serie: Acotar 4 Pagine: 720 Editore: Mondadori Data di uscita: 23 febbraio 2021 Compralo a 20,90€ Nesta Archeron non è quel che si dice un tipo facile: fiera del suo carattere spigoloso, è particolarmente facile alla rabbia e poco incline al perdono. E da quando è stata costretta a entrare nel Calderone ed è diventata una Fae contro la sua volontà, ha cercato in ogni modo di allontanarsi dalla sorella e dalla corte della Notte per trovare un posto per sé all'interno dello strano mondo in cui è costretta a vivere. Quel che è peggio è che non sembra essere ancora riuscita a superare l'orrore della guerra con Hybern. Di certo non ha dimenticato tutto ciò che ha perso per colpa sua.