Passa ai contenuti principali

Wrap-up Gennaio e Febbraio (poche letture, ma buone)

Negli ultimi tempi non sempre ho voglia di pubblicare qui sul blog, infatti da gennaio ad oggi ho pubblicato tipo 6 post compreso questo. A me non pesa, anzi, nel tempo che risparmio posso fare altro, e qui pubblico solo quando ne sento la necessità. Mi spiace magari per chi mi seguiva con costanza, ma se siete interessati a restare aggiornati sulle mie letture e sulle ultime novità, seguitemi su instagram (@divoratoridilibri).

Oggi vi parlo delle letture di gennaio e febbraio (visto che a gennaio non ho fatto il riepilogo). Tranquilli, ho letto pochi libri quindi non ci metteremo un'eternità. Infatti attualmente ho letto solo 6 libri su 90. Il mio ritmo di lettura è cambiato e un po' mi sono pentita di aver puntato così in alto con la sfida goodreads perché è evidente che quest'anno molto probabilmente me la prenderò con calma. Di sicuro questo sarà dovuto anche al fatto che sto collaborando davvero poco con le case editrici, quindi non ho fretta di finire le letture per scrivere le recensioni. E' una sensazione bellissima.

Ma parliamo delle letture di gennaio! Ho letto solo tre libri, due bellissimi e uno molto meh. 

Ho letto e adorato La guerra dei papaveri, un libro che mi ha fatto pensare "ECCO IL FANTASY CHE AMO!". Questo libro ha 1) una protagonista cazzuta, ma non perfetta che farà di tutto per farsi valere in una delle accademie più prestigiose del suo Paese; 2) un'ambientazione che inizialmente magari non riuscirete a comprendere del tutto, ma il lato positivo è che a poco a poco l'autrice lo spiega di nuovo e con calma, aggiungendo sempre più elementi interessanti; un sistema magico a cui tecnicamente possono accedere tutti, ma che nella pratica solo in pochi riescono veramente a "raggiungere" perché è pericoloso e perdere il controllo è facilissimo (d'altronde si ha a che fare con delle divinità). Prima o poi pubblicherò la recensione (che in realtà è pronta, devo solo editarla).

Subito dopo ho letto The dragon Republic, il seguito (in italiano dovrebbe uscire l'11 maggio con il titolo La repubblica del Drago). Ci ho messo parecchie settimane, ma ne è valsa la pena. Non leggevo in inglese da moltissimi mesi, ma devo dire che è stato più semplice di quanto mi aspettassi (seppur un paio di scene più complesse ci sono). Secondo me è ancora più bello del primo perché il world-building si arricchisce. Il finale poi mi ha spezzato il cuore e già piango perché ho l'impressione che il terzo finirà in tragedia.

Ovviamente non tutto può essere rose e fiori e dopo due libri bellissimi ho letto lui, Serpent and Dove. Ora, non fraintendetemi: so che molte persone lo hanno letto e apprezzato, e infatti non lo sconsiglio proprio perché so che a qualcuno potrebbe piacere, ma a me di questo libro non è piaciuto quasi nulla. Sapevo già che non sarebbe stato il capolavoro del secolo, infatti le aspettative erano sotto lo zero, ma speravo almeno di apprezzare la relazione (hate-love), ma niente da fare, per me è una ship campata in aria. Per il resto alcune scene sono talmente trash che mi hanno fatto ridere, però nel complesso l'ho trovato anche abbastanza noioso, infatti verso la fine mi è capitato di saltare alcune descrizioni. 

La corte di fiamme e argento l'ho letto in anteprima mondiale. Ero abbastanza dubbiosa su questo libro perché non ho apprezzato Crescent City (almeno quella metà che ho letto), ma devo dire di essere rimasta abbastanza sorpresa. Nesta mi è piaciuta tantissimo e ho adorato il suo percorso. Non mi dilungo perché ho scritto una recensione (leggila).

Infine ho deciso di proseguire la serie Percy Jackson e gli dei dell'Olimpo, grazie anche all'aiuto degli audiolibri. A febbraio ho letto La battaglia del labirinto e Lo scontro finale e finalmente è scattata la scintilla! Infatti me sono completamente innamorata e non vedo l'ora di iniziare Eroi dell'Olimpo. Arrivati a questo punto ho trovato la storia più matura e ho apprezzato il fatto che l'autore abbia iniziato anche ad approfondire certi personaggi che fino a quel momento mi erano sembrati un pelino piatti. In generale poi l'ho trovato molto emozionante, specie l'ultimo volume. Sono felice di averla rivalutata. Sulla rielaborazione in chiave moderna della mitologia e sull'ironia di Riordan niente da dire. TUTTO BELLISSIMO!

Quali sono state le vostre migliori letture di inizio anno? E quali le peggiori?

Commenti

Post popolari in questo blog

Prossime uscite 2021: ALICE OSEMAN, HOLLY BLACK, SARAH J. MAAS, JAY KRISTOFF, LEIGH BARDUGO, ECC.

Buona domenica lettori, siete pronti ad una carrellata di novità ? Ecco le prossime uscite che troveremo in libreria nel 2021. IO STO URLANDO E PIANGENDO perché voglio almeno buona parte di questi libri! Non vedo l'ora! Prima di iniziare con le notizie, tre cose: 1) chiedo umilmente scusa alle case editrici per aver rovinato la sorpresa, ma insomma, una volta trovate queste notizie non potevo proprio fare finta di niente (e urlare e soffrire da sola, ecco); 2) come la volta scorsa, metto ISBN così potete controllare voi stessi la veridicità della notizia ed evitate di prendermi per cazzara (cose che poi fate lo stesso, ma dettagli); 3) naturalmente aspettiamo una conferma ufficiale dalle case editrici, però le notizie riportate qui sono comunque VERE perché hanno appunto il codice isbn, l'unica cosa che è incerta è la data di uscita che naturalmente può sempre variare. Ma, insomma, sono libri che arriveranno in librereria AL 100% Ovviamente si inizia sempre dalle notizie più su

Recensione "Fidanzati dell'inverno. L'attraversaspecchi" di Christelle Dabos

La recensione di oggi riguarda Fidanzati dell'inverno di Christelle Dabos il primo volume della famosissima serie francese L'Attraversapecchi . Vi consiglio vivamente di evitare la trama del libro e passare direttamente alla recensione perché, per quel che mi riguarda, dice anche troppo! Titolo: Fidanzati dell'inverno Autore: Christelle Dabos Serie: L'Attraversaspecchi 1 Pagine: 382  Editore: Edizioni e/o Anno: 2018 (ita), 2013 (fr) comprarlo a 12,99€ L’Attraversaspecchi è una saga letteraria in tre volumi che mescola Fantasy, Steampunk e Belle Époque, paragonata dalla stampa francese alle saghe di J.K. Rowling e Philip Pullman. Fa da sfondo un universo composto da 21 arche, tante quanti sono i pianeti che orbitano intorno a quella che fu la Terra. La protagonista, Ofelia, è originaria dell’arca “Anima”; una ragazza timida, goffa e un po’ miope ma con due doni particolari: può attraversare gli specchi e leggere il passato degli oggetti. Lavora come curatri

Recensione "Il principe crudele" di Holly Black (è davvero un flop?)

Ciao lettori, oggi vi lascio la recensione de " Il principe crudele ", una delle ultime fatiche di Holly Black , autrice che rientra tra le mie preferite perché fino a questo momento non mi ha mai delusa. Chissà come sarà andata questa volta? Leggete la mio opinione per scoprirlo ⇩ Titolo: Il principe crudele Autore: Holly Black Pagine: 313 Editore: Mondadori Anno: 2018 compralo a 9,99€ Jude era solo una bimba quando i suoi genitori furono brutalmente assassinati. Fu allora che sia lei che le sue sorelle vennero rapite e condotte nel profondo della foresta, nel mondo magico. Dieci anni dopo, l'orrore e i ricordi di quel giorno lontano e terribile ormai sfocati, Jude, ora diciassettenne, è stanca di essere maltrattata da tutti e soprattutto vuole sentirsi finalmente parte del luogo in cui è cresciuta, poco importa se non le scorre nemmeno una goccia di sangue magico nelle vene. Ma le creature che le stanno intorno disprezzano gli umani. E in particolare li dis