Passa ai contenuti principali

Gruppo di lettura "Io prima di te" #3 Recap seconda e ultima tappa

Buon pomeriggio, carissimi lettori. Passato delle belle feste? Io sinceramente sono già stufa e avrei bisogno un attimino di pausa da tutto quel cibo e da tutte quelle tombolate. E dunque eccomi qui con l'ultima tappa del gruppo di lettura. :)

.

IN BREVE
Dopo che Louisa scopre le vere intenzioni di Will, decide di coinvolgerlo in una serie di attività che possano tirarlo su di morale. Purtroppo però la corsa di cavalli non riesce come sperava. Ad ogni modo Louisa non si abbatte e dopo una serie di ricerche trova un forum sui tetraplegici e, grazie alle loro esperienze, danno dei consigli alla ragazza. Così organizza un viaggio, che purtroppo non andrà a buon fine perché Will ha una delle sue ricadute. Comunque decidono di partire lo stesso, ma cambiando meta. La vacanza sembra andare per il meglio, fino a quando Lou non decide di rivelargli i suoi sentimenti, che purtroppo non sono abbastanza per Will che non ha cambiato idea su Dignitas. Ritornati a casa, Louisa decide di licenziarsi. I giorni passano e arriva il tanto temuto giorno. Lou è molto preoccupata perché non lo sente da giorni e i giornalisti fuori da casa sua impazzano per un'intervista alla donna che si è preso cura di lui in questi ultimi mesi. Una chiamata però trasporterà Louisa in Svizzera dove ormai rassegnata, assiste alla fine di Will. 

COSA NE PENSO
Ok, non voglio essere sempre quella che si lamenta, ma non posso non negare di essere un tantino delusa. Mi aspettavo il capolavoro del secolo, un piccolo gioiellino, ma qui invece mi sono ritrovata il solito ya con un protagonista maschile insolito. Un vero peccato perché la storia in generale mi è piaciuta, solo che il punto debole del libro a mio parere è lo stile della Moyes. Sono del parere che ogni tipo di storia deve essere raccontata in un certo modo e be', non sono un esperta, ma per una storia così delicata mi aspettavo un altro tono. Forse un tantino più triste ed emozionante. Non so spiegarlo, davvero. Passiamo però allo storia, che come dicevo mi è piaciuta. Louisa si riconferma un personaggio molto interessante e le sue reazioni ai comportamenti di Will non hanno fatto altro che renderla più credibile. La scena al matrimonio di Rubert e Alicia, quando loro due ballano, è stata una delle mie preferite. Will è un personaggio che mi è piaciuto, ma allo stesso tempo che ho un tantino detestato. Ci sono rimasta malissimo quando tratta Louisa in quel modo. E' vero che ha tutte le ragioni del mondo per non sentirsi soddisfatto della sua vita, ma dire ad una donna che ti ha appena detto ti amo "Non sei abbastanza per me", scusate, ma è davvero da stronzi. So che dovrei apprezzare la sincerità, ma in quel momento non ci sono riuscita. Louisa non meritava di essere trattata così, perché se Will pensa che lei non è abbastanza, non solo non merita Louisa, ma nemmeno la ama veramente. Amare non dovrebbe significare anche sacrificarsi per l'altro? Insomma, mi ha fatto incazzare. Will non si merita Louisa. E il fatto che sia un tetraplegico non lo giustifica.
La fine mi ha sorpreso e non. Fino all'ultimo ho sperato che Will cambiasse idea, ma purtroppo non è stato così. Ma una parte di me sapeva che sarebbe finita così.


24941288
AFTER YOU
Probabilmente molti di voi sapranno che in inglese è già uscito il seguito di Io prima di te, After You. Da quanto ne so, dovrebbe uscire anche in Italia con il titolo Dopo di te. Non ho trovato una data, ma scommetto che uscirà qualche mese prima del film (luglio). Per il momento vi lascio la trama, tradotta alla bell'e meglio. 

Come ti comporti dopo aver perso la persona amata? Come ricostruisci una vita che valga la pena di essere vissuta?

Louisa Clark non è più una ragazza ordinaria che vive una vita ordinaria da un po'. Dopo i sei mesi passati con Will Traynor, è distrutta senza di lui. Quando un imprevisto la spinge a ritornare a casa dalla sua famiglia, lei non può fare a meno che sentirsi nuovamente al punto di partezza

Il suo corpo guarisce, ma lei stessa sa che ha bisogno di ricominciare la sua vita da capo. Ed è per questo che finisce in un semiterrato di una chiesa con i membri del gruppo di supporto Move on circle, che condividono pensieri, risate, frustrazioni e biscotti terribili. Saranno anche capitanati dal forte e comprensivo Sam Fielding..un paramedico che ha continuamente a che fare con la vita e la morte, e l'unico uomo che potrebbe capirla. Poi una figura del passato di Will farà la sua comparsa e distruggerà tutti i suoi piani, proiettandola in un futuro diverso da quello che avave immaginato. 

Per Lou la vita dopo Will Traynor significherà imparare ad amare di nuovo, con tutti i rischi che esso comporta.

Non so se leggerò questo seguito, ma devo ammettere che sono molto curiosa di sapere cosa ne sarà della vita di Louisa e di conoscere questo nuovo personaggio, Sam. 

CAST 
E parlando di film e seguiti, non potevo non fare un paio di commenti sugli attori!
Partiamo da Louisa e Will. Per me sia Emilia Clarke sia Sam Claflin sono perfetti per i ruoli. Durante la lettura non ho fatto altro che immaginali nei panni dei protagonisti e, niente, credo proprio che siano due scelte azzeccate. Speriamo che nel film non deludano. 
Janet McTeer nel ruolo di Camilla Traynor mi piace. Già riesco ad immaginarla vestita elegante e con l'aria fredda e severa. Charles Dance nel ruolo di Steven Traynor un po' meno. L'attore probabilmente lo conoscerete come lord Tywin Lannister de Il trono di spade e, sinceramente parlando, era uno dei miei personaggi preferiti, però per il padre di Will non sono sicura sia azzeccatissimo. Sarà perché mi aspettavo un attore leggermente più giovane e affascinante ^^"
Esattamente Jenna-Louise Coleman come Treena, Stephen Peacocke come Nathan e Matthew Lewis come Patrick. Su di loro non saprei cosa pensare, perché be', non è che la Moyes brilla per le descrizioni fisiche, eh. Non so, potrebbero andare.

E questa era l'ultima tappa. Spero davvero che il libro vi sia piaciuto (più di quanto è piaciuto a me).
Aspetto i vostri pareri.
Buona serata!

Commenti

  1. A me il libro è piaciuto... però io avevo aspettative molto basse... insomma speravo non fosse un brutto libro... e quindi sono rimasta piacevolmente colpita, non mi è piaciuto tantissimo perché appunto lo stile è semplice... però sono molto contenta di averlo letto, gli attori che hanno scelto come protagonisti mi piacciono quindi forse andrò a vedere il film :) non so se leggerò il seguito perché ho delle aspettative altissime adesso e poi sto ancora piangendo per will!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ecco, in poche parole anch'io la penso come te solo che al contrario tuo avevo aspettativa altissime. Anche per il film ho buone aspettative, speriamo bene :)

      Elimina
  2. Anche a me aveva un po' deluso questo romanzo, forse proprio per gli stessi tuoi motivi, nonostante la storia fosse valida mi aveva lasciato con un senso di insoddisfazione! E hai ragione, c'erano mille modi più gentili per spiegare a Louisa perché per lui era ormai troppo tardi!
    Oltretutto le scene in cui lei cercava di essere gentile e lui la trattava male e viceversa mi ricordavano troppo il cartone della Bella e la Bestia, a voi no???

    Azzardo una previsione per il secondo volume? Lou e il fisioterapista finiranno per innamorarsi :P :P

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Esatto u.u La bella e la bestia dici? Uhm, sinceramente non l'ho notato xD vabbè, sarà anche perché non guardo il cartone da una vita c.c

      Elimina
  3. Ciao Giusy e buon anno nuovo!
    Allora è stata una bellissima lettura ma non direi da punteggio pieno visto che anche io ho trovato il finale abbastanza deludente. Ho letto a perdifiato fino al momento in cui Lou esterna i suoi sentimenti (non vedevo l'ora succedesse)...poi Will se ne esce con l'infelicissima frase 'questa vita per me non è abbastanza' e mi si è frantumato l'entusiasmo. Sono contenta di non essere l'unica ad esserci rimasta male. Capisco la scelta finale di Will ma ho trovato il suo comportamento molto arrogante. è come se avesse detto 'ho avuto di meglio nella mia vita da persona sana e ora non posso accontentarmi di te solo perché sono su una sedia a rotelle'. Effettivamente è una storia molto realistica ma avrei preferito maggior sentimentalismo tra Lou e Will.
    Come cast Emilia e Sam sono davvero perfetti; lei giovane con una bellezza poco ordinaria, lui attraente e serioso.
    Se non lo scrivevi non avrei saputo che era già stato scritto il seguito, ma dalla trama non ho capito molto e non mi ha entusiasmato. Sicuramente però lo leggerò perché è sempre interessante ritrovare un personaggio amato, in questo caso Lou.
    Per ora non mi viene altro in mente ma posso dire che la lettura che hai scelto è stata comunque fantastica. Non l'avrei mai letto se non fossi capitata qui. Quindi grazie e a presto <3 <3 <3 <3 <3 <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ecco, infatti. Realistico, ma crudo. Come può una persona che ami renderti infelice?
      Per il seguito vedrò. Non ne ho sentito parlare esattamente molto bene (ovvero, ho letto che non è male, ma è piuttosto deludente rispetto a questo), ma se mi dovesse venire nostalgia sicuramente lo leggerò :)
      Grazie a te per la partecipazione ❤

      Elimina
  4. A me il libro è piaciuto molto, forse proprio perchè di solito una storia così sarebbe stata trattata in modo più triste mentre in questo caso l'autrice, soprattutto attraverso il personaggio di Lou, è riuscita a rendere il tutto in modo più leggero, che però non significa meno serio o emozionante. A me gli ultimi capitoli mi hanno fatto piangere anche se dall'inizio temevo che sarebbe stato così; il comportamento di Will nei confronti di Louisa è stato bruttissimo...è stato egoista ma forse di fronte a certe cose non sempre l'amore è abbastanza.
    Riguardo al cast per il film non sono convintissima riguardo Emilia Clarke e anch'io avevo immaginato Steven Traynor più giovane.
    Grazie ancora per aver organizzato questa iniziativa! <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Detto così in effetti mi ricorda Colpa delle stelle, che mi era piaciuto proprio per il tono con cui affrontava un argomento delicato. Qui però credo che sia stata colpa delle aspettative, perché tutto sommato è stata una lettura molto bella!
      Grazie a te per aver partecipato ♡

      Elimina
  5. Incredibilmente ho recuperato il tempo perduto e ho finito il libro. Devo dire che mi ritrovo pienamente nel tuo pensiero: le ultime sessanta pagine sono state molto emozionanti ma tutte le precedenti sono state davvero troppo leggere e "superficiali", nel senso che è stato solo alla fine che l'autrice ci ha mostrato davvero l'anima dei suoi personaggi mentre prima è stato solo il solito libro mezzo chick-lit che io proprio non riesco ad apprezzare. Mi ha ricordato molto le impressioni che mi ha suscitato "PS I love you" della Ahern!
    In ogni caso la storia mi è piaciuta e credo che per curiosità il secondo potrei anche leggerlo (senza acquistarlo però: solo biblioteca).

    Riguardo il film non sapevo che uscisse, anche se mentre leggevo continuavo a ripetermi che prima o poi l'avrebbero girato sicuramente perché è perfetto. Il cast mi piace moltissimo, trovo che siano tutti molto azzeccati anche se in effetti Will è quello che mi convince un po'. Matthew Lewis come Patrick è perfetto!

    Grazie per aver organizzato questo bel gdl: finalmente ho avuto l'occasione di leggere questo romanzo che mi aspettava da una vita!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Simo per questo ti meriti un applauso :D
      Il secondo probabilmente potrei leggerlo anch'io per curiosità, magari per sapere che fine fa Louisa, un personaggio che ho apprezzato tanto.
      Per il film la penso allo stesso modo. Sono sicuro che sarà molto bello ^_^
      Grazie a te per aver partecipato! ♡

      Elimina
  6. Ciao Giusy, scusa se mi intrometto, ho letto questo libro qualche anno fa e il suo ricordo è ancora vivido nella mia mente e mi va di lasciarti il mio pensiero :)
    Secondo me, quando Will le dice che lei non è abbastanza non è perchè non la ama ma perchè lui ha bisogno di altro, ha bisogno di vita. E quindi di toccare, correre, fare l'amore con una donna. Il senso del titolo "Io prima di te", secondo me è che Will sceglie di scegliere se stesso, di mettere la sua vita (o meglio decisione di non vita) davanti all'amore che prova per lei. Perchè comunque non può più darle quello che vorrebbe. Amare significa sacrificarsi per l'altro ma anche rispettare se stessi fino in fondo.
    Per quanto riguarda lo stile l'ho trovato molto delicato e adatto a descrivere una storia così toccante e dal finale tragico. Anche se alla fine ho comunque pianto come un cane. Però affronta una tematica importante, l'eutanasia, con un gran coraggio e una posizione chiara. Sicuramente il film farà molto parlare di sè quando uscirà.
    A presto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No, tranquilla! Il gruppo di lettura è proprio per confrontarci :)
      Comunque la sua scelta mi ha suscitato pensieri contrastanti, perché da un lato ho pensato che alla fine, nonostante Will l'amasse, non sarebbe stato felice con Louisa, dall'altro però mi ha fatto incavolare perché Lou non meritava di essere trattata così e be', è brutto sentirsi dire dalla persona che si ama di non essere abbastanza.
      Mi è piaciuta la tua teoria sul titolo! Secondo me invece si riferisce al cambiamento di Louisa, prima che conoscesse Will e dopo che lo ha conosciuto e amato. Però è bello leggere anche altre interpretazioni **

      Elimina
  7. Giuditta! Ciao! Buon anno!! Mi sei mancata!! Ma che cacchio!! Entro qui e mi ritrovo questa grafica stupenda!! Seriamente, penso sia una delle tue migliori. Mi piace troppo la libreria come background. Sono qui che la guardo imbambolata e poi hai scelto un colore bellissimo. Bravissima ♥
    Sono segretamente contenta di non aver letto questo libro ;D Ti dico che tempo fa mi ispirava ma la tua recensione mi ha smontato. Chissà se lo leggerò prima del film.
    E comunque a me Sam Claflin proprio non piace. Gli fanno sempre fare ruoli che dovrebbero essere da belloni come il principe in Biancaneve e Finnick (che era il mio personaggio preferito) in Hunger Games. No, ma andiamo! Di tanto mondo!
    Ormai holywood ha un concetto del bello che proprio non capisco. Comunque! Mi piace troppo questa grafica te lo avevo già detto? E poi i banner delle rubriche..
    Sappi che prima o poi TU farai la mia di grafica muahahahah ;-*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Buon anno anche a te ❤
      Anna approves..so happy! Thanks ❤❤❤
      Mah, conoscendo i tuoi gusti, sono sicura che potrebbe piacerti. E poi mica ho detto che è brutto, eh. U.u
      Ma noooo! Sam è troppo carino! Non dico bellissimo, ma è un attore carismatico! Sai che quando lo annunciarono come Finnick non ero molto contenta? Poi però quando lo vidi nel ruolo ero molto soddisfatta *_*
      Per la grafica quando vuoi *_* ❤❤

      Elimina
  8. il libro mi è piaciuto moltissimo e capisco la scelta della scrittrice di uccidere Will perchè non è semplice vivere così dopo aver vissuto una vita a pieno, in più il suo amore per Lou gli alleviato le sue sofferenza però non poteva farlo smettere di sentirsi distrutto e per me ha deciso di uccidersi anche perchè voleva una vita miglore per Lou perchè gli sarabbe stato da ostacolo un po. Comunque l'ho trovata una storia fantastica anche se molto triste, però a volte Will mi è sembrato troppo cattivo e distaccato.
    Dopo di te non ho ancora intenzione di leggerlo, ma forse fra qualche mese si perchè sono ancora distrutta dalla mortedi Will.
    Il cast lo adoro e spero di trovare qualche sito per vedere il film in anticipo in inglese.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, sicuramente è per quello, però non credi che distruggerla in quel modo fosse peggio? Per me sarebbe stato così..anche in un certo senso capisco le ragioni di Will.
      Credo che anch'io tra un paio di mesi lo leggerò, sono molto curiosa di sapere cosa farà Lou, un personaggio che ho adorato *_*

      Elimina

Posta un commento

Scrivi pure il tuo parere. Rispondo appena possibile! Se non vedi subito il tuo commento è perché si trova in attesa di moderazione; lo vedrai solo una volta che sarà approvato (approvo TUTTI i commenti tranne lo spam; inoltre facendo così riesco a rispondere anche quando commenti un articolo scritto anni fa).

Post popolari in questo blog

L'estate nei tuoi occhi

Buon giorno divoratori ^^ notate nulla di diverso? Non avevo intenzione di cambiare template o, almeno, volevo mantenere quello precedente per qualche altra settimana e poi cambiarlo con uno estivo ma quando ho trovato questo pattern con le piume carinissimo, non ho potuto farne a meno! Ho cambiato giusto qualche cosa, non volevo fare grandi modifiche perché ho realizzato che più una grafica è semplice, più dura xD solitamente mi stufo subito di quelle complicatissime. Okay, bando alle ciance, oggi vi lascio questa recensione :3 Titolo: L'estate nei tuoi occhi (The summer trilogy #1) Autore: Jenny Han Editore: Piemme Anno: 2014 Due fratelli. Un vero amore. Belly misura il tempo in estati. Tutto ciò che di bello e magico è accaduto nella sua vita, è accaduto fra giugno e agosto. L'inverno è solo il periodo che la divide dalla prossima estate, dalla casa sulla spiaggia, da Susannah e i suoi due figli, da Conrad e Jeremiah. Loro sono gli amici con cui è cre

Doppia recensione | Non è estate senza di te & Per noi sarà sempre estate di Jenny Han

Buon pomeriggio divoratori c: oggi vi lascio la recensione dei due volumi della Summer trilogy!  Cercherò di essere breve e di evitare spoiler :3 La trama potete leggerla cliccando sul titolo del libro. Non è estate senza di te di Jenny Han , secondo volume della Summer trilogy,  edito da Piemme. Il primo volume di questa trilogia stranamente mi era piaciuto e nonostante le varie recensioni poco positive di questo libro, ho deciso di continuare la serie.  Non è estate senza te  l'ho trovato un pochino inferiore rispetto al primo volume ma ad ogni modo mi è piaciuto. Ne L'estate nei tuoi occhi  i capitoli si alternavano in flashback e presente, qui invece i ricordi sono di meno e vi è anche il punto di vista di Jeremiah. Da un lato, ho apprezzato questa novità, ma dall'altro lato ha reso tutto ancora più confuso, perché si passava da Belly a Jeremiah, da Jeremiah ai flashback dal punto di vista di Belly e.e I flashback già non mi piacevano nel primo volume ma all

Recensione "Il principe crudele" di Holly Black (è davvero un flop?)

Ciao lettori, oggi vi lascio la recensione de " Il principe crudele ", una delle ultime fatiche di Holly Black , autrice che rientra tra le mie preferite perché fino a questo momento non mi ha mai delusa. Chissà come sarà andata questa volta? Leggete la mio opinione per scoprirlo ⇩ Titolo: Il principe crudele Autore: Holly Black Pagine: 313 Editore: Mondadori Anno: 2018 compralo a 9,99€ Jude era solo una bimba quando i suoi genitori furono brutalmente assassinati. Fu allora che sia lei che le sue sorelle vennero rapite e condotte nel profondo della foresta, nel mondo magico. Dieci anni dopo, l'orrore e i ricordi di quel giorno lontano e terribile ormai sfocati, Jude, ora diciassettenne, è stanca di essere maltrattata da tutti e soprattutto vuole sentirsi finalmente parte del luogo in cui è cresciuta, poco importa se non le scorre nemmeno una goccia di sangue magico nelle vene. Ma le creature che le stanno intorno disprezzano gli umani. E in particolare li dis

Recensione "Shatter me" di Tahereh Mafi

Miei cari divoratori, ho appena terminato Shatter me (ex Schegge di me) di Mafi Tahereh . Non ho potuto resistere un giorno in più per scrivere questa recensione: devo farlo adesso, per forza. Titolo: Shatter me Serie: Shatter me 1 Autore:  Tahereh  Mafi  Pagine: 275 Anno: 2012 Editore: Rizzoli Compralo a 8,99€ 264 giorni segregata in una cella, senza contatti con il mondo. Juliette non può parlare con nessuno, e nessuno deve avvicinarla, perché ha un potere terribile: se tocca una persona la uccide. Agli occhi dell'organizzazione che l'ha rapita il suo potere è un'arma stupefacente, per lei è una maledizione. Un giorno però nella cella viene spinto Adam. Juliette non vuole fargli del male, e così lo tiene a distanza. Ma Adam non sa del suo potere, e mentre lei dorme in preda agli incubi la prende tra le braccia per confortarla. Da quel momento tutto cambia, perché Adam, immune al tocco di Juliette, è l'unico che può accettarla così com'è. Insieme pr

Recensione "Fidanzati dell'inverno. L'attraversaspecchi" di Christelle Dabos

La recensione di oggi riguarda Fidanzati dell'inverno di Christelle Dabos il primo volume della famosissima serie francese L'Attraversapecchi . Vi consiglio vivamente di evitare la trama del libro e passare direttamente alla recensione perché, per quel che mi riguarda, dice anche troppo! Titolo: Fidanzati dell'inverno Autore: Christelle Dabos Serie: L'Attraversaspecchi 1 Pagine: 382  Editore: Edizioni e/o Anno: 2018 (ita), 2013 (fr) comprarlo a 12,99€ L’Attraversaspecchi è una saga letteraria in tre volumi che mescola Fantasy, Steampunk e Belle Époque, paragonata dalla stampa francese alle saghe di J.K. Rowling e Philip Pullman. Fa da sfondo un universo composto da 21 arche, tante quanti sono i pianeti che orbitano intorno a quella che fu la Terra. La protagonista, Ofelia, è originaria dell’arca “Anima”; una ragazza timida, goffa e un po’ miope ma con due doni particolari: può attraversare gli specchi e leggere il passato degli oggetti. Lavora come curatri

Recensione "queste gioie violente" di Chloe Gong

Buongiorno lettori, rieccomi da queste parti con la recensione di ‘queste gioie violente’ di Chloe Gong,  retelling di Romeo e Giulietta di William Shakespeare. Ringrazio la Mondadori per la copia digitale gentilmente offerta, ci tenevo tantissimo a leggere questa dilogia, avevo aspettative altissime che per fortuna sono state soddisfatte! Titolo : Queste gioie violente Autore : Chloe Gong Numero pagine : 396 Anno di pubblicazione : 2022 Casa editrice : Mondadori "Corre l'anno 1926 e a Shanghai, scintillante come non mai, si respira un'aria di dissolutezza. Una faida sanguinosa tra due gang nemiche tinge di rosso le strade, lasciando la città inerme nella morsa del caos. Al centro di tutto c'è la diciottenne Juliette Cai che, dopo un passato lontano dagli affari di famiglia, ha deciso ora di prenderne in mano le redini e assumere il ruolo che le spetta di diritto nella Gang Scarlatta, un'organizzazione di criminali completamente al di sopra della legge. Ma non sono

La trilogia delle gemme: Red, Blue, Green.

Buongiorno divoratori :3 Oggi vi parlo della trilogia delle Gemme di Kerstin Gier che ho iniziato a dicembre e finito giusto ieri. Ovviamente non ci saranno spoiler e potete leggere la recensione anche se non avete ancora letto Red. Per le trame dei libri cliccate sulle cover :3 Red, Blue e Green sono state delle letture molto piacevoli ma non nego il fatto che le mie aspettative sono state un po' deluse. Ho sempre letto recensioni positivissime e su GR il rating più basso è di tipo quattro stelline o_o. Perciò potete capire le mie aspettative! Innanzitutto, se la Gier o la ce avesse deciso di pubblicare la trilogia in un unico libro, probabilmente lo avrei apprezzato molto di più. Red è molto introduttivo, nel senso che in trecento pagine non succede un bel niente. E non ha nemmeno un finale ._. finisce esattamente nel bel mezzo della storia (anzi, quale "mezzo" della storia? Questa storia ha praticamente solo l'inizio!). Stessa cosa con Blue , stessa

Recensione "Crescent City. La casa di terra e sangue" di Sarah J. Maas

Ciao lettori, finalmente sono tornata (io, Giusy) con una nuova recensione. Il libro in questione è Crescent City - La casa di terra e sangue di Sarah J. Maas . Vi anticipo già che è stato un parto soffertissimo. Titolo: La casa di terra e sangue Serie: Crescent City 1 Autrice: Sarah J. Maas Pagine: 708 Editore: Mondadori Anno di pubblicazione: 2020 Compralo a 19,90€ Ventitré anni, mezza Fae e mezza umana, Bryce Quinlan ha una vita perfetta: di giorno lavora in una galleria d'arte e di notte passa da una festa all'altra, senza problemi e senza preoccupazioni. Quando però una brutale strage scuote profondamente Crescent City, la città in cui vive, e Bryce perde una persona a lei molto cara, il suo mondo crolla in mille pezzi lasciandola disperata, ferita e molto sola. Adesso non cerca più il divertimento, ma un oblio in grado di farle dimenticare i terribili fatti che hanno cambiato la sua vita per sempre. Due anni dopo l'imputato è finalmente dietro le sbarre ma i crimini r

Recensione Endless Knight, Kresley Cole

Buon pomeriggio divoratori :D Sono giorni che lavoro a questa recensione perché non sono molto in vena di scrivere :$ ad ogni modo ci tenevo a lasciarvi la recensione di Endless Knight , seguito di Poison Princess . Come sempre, niente spoilers (l'unico che ho fatto l'ho nascosto u.u) :D (avete visto le faccine? non sono fighissime?). Titolo: Endless Knight Serie: Arcana Chronicles #2 Autore: Kresley Cole Inedito in Italia Evie ha preso pieno possesso dei suoi poteri in quanto Imperatrice dei tarocchi, e Jack era lì ad assistere. Ora sa che i ragazzi che si sono reincarnati nei tarocchi sono nel mezzo di una battaglia epica. Si tratta di uccidere o essere uccisi, con il futuro dell'umanità in bilico. Con minacce in agguato in ogni angolo, Evie è costretta a fidarsi dei nuovi alleati. Insieme devono combattere non solo gli altri Arcani, ma anche gli Bagmen zombies, tempeste post-apocalittiche e cannibali. Quando Evie incontra Morte, le cose divent

Vi consiglio un autore: Alice Basso e recensione "Una stella senza luce"

Buongiorno lettori, oggi abbandono per un attimo il tema fantasy a noi tanto caro per proporvi la recensione di “una stella senza luce” di Alice Basso , questa volta si tratta di un libro giallo e di un’autrice che amo moltissimo e che mi piacerebbe presentarvi! Alice lavora per le case editrici come traduttrice, redattrice e valuta le proposte editoriali, canta e scrive testi per una rockband, ama disegnare e se date un’occhiata alla sua pagina facebook o instagram vi accorgerete di quanto abbia un’ironia a cui non si può resistere! Insomma è una tosta! La sua prima serie che l’ha fatta conoscere al grande pubblico è quella dedicata alle vicende di Vani Sarca , una ghostwriter di enorme talento che tramuta in parole le idee degli altri, ha il grande dono di entrare nella mente degli altri, di saper leggere le persone, cosa che le permette così di poter scrivere libri di qualsiasi genere. La serie di  Vani Sarca: -L’imprevedibile caso della scrittrice senza nome (2015) -Scrivere è un