Passa ai contenuti principali

La "gun violence" in America


A seguito dei recenti avvenimenti negli Stati Uniti (e alle discussioni che si sono create su internet in merito) ho pensato di scrivere qualcosa in merito alla vicenda, consigliando la lettura di due testi (+ bonus) che potrebbero essere utili per comprendere l'America e la sua complessa situazione sociale legata alla vendita di armi


Nel corso della mia vita ho avuto la fortuna di visitare, per studio, gli Stati Uniti. Avete presente quelle vacanze - studio di due settimane in paesi anglofoni, dove l’obiettivo era quello di imparare a parlare effettivamente l’inglese e non soltanto lambiccarsi su regole grammaticali (che poi loro sono i primi a non seguire). In realtà il viaggio era tutto men che meno dedicato allo studio, ma tant’è, era divertente venire a contatto con un mondo che pensiamo di conoscere perché costantemente “sotto i nostri occhi” (grazie ai film, serie tv e libri) ma che in realtà è meno roseo e “spettacolare” di quanto ci aspettiamo. “Ho sentito cose che voi umani non potete neanche immaginare” (cit.): professoresse che pensavano che il Partenone si trovasse a Roma, addetti ai lavori del campus che alla domanda “dove collocheresti Parigi sulla cartina dell’Europa?” indicavano Milano… Ma vabbè, alla fine neanche io so dove si trova il Kentucky, quindi amici come prima. 

Un giorno però, mentre mi trovavo a Los Angeles, ho avuto un’esperienza particolare: per la lezione di quel giorno era prevista un’intervista ai poliziotti che stazionavano h24 il campus. Quindi eccoci davanti ai tipici “cops” americani. Durante tutto questo ci hanno spiegato anche cosa fare nel caso avvenisse una sparatoria nelle aule. Ecco, in quel momento ho realizzato dove mi trovassi e che “effettivamente” il rischio di rimanere coinvolta in un episodio di quel tipo c’era. Ma non solo nella scuola, anche in un qualsiasi locale o negozio. Certo, il rischio c’è in un qualsiasi altro paese, ma le probabilità che questo accada in una scuola sono decisamente più alte negli States. 

Quando lo scorso 24 maggio ho sentito della sparatoria avvenuta alla Robb Elementary school di Uvalde, ho ripensato ai miei viaggi e a quel “fenomeno” (sfortunatamente) tutto americano. Dal 2019 (ultimo mio viaggio in America) al 2022 ho avuto l’occasione di leggere alcuni saggi incentrati su questo tema, ma in generale anche sul tema della  “gun violence” in America e sul perché sia così difficile risolverlo.

Questa è l’America. Storie per capire il presente degli Stati Uniti e il nostro futuro di Francesco Costa è un libro che parla in generale di come sono davvero gli USA (e spoiler: non sono decisamente il paese che ci viene presentato nell’American dream). Affronta il tema del secondo emendamento (quello per il quale gli uomini hanno diritto di difendersi e quindi acquistare armi) ma anche altri legati alla cultura americana e le sue controversie. Tra l’altro Francesco Costa è un bravissimo giornalista, leggere i suoi libri è un piacere. Sembra di leggere un romanzo non un saggio. Tra l’altro questo è in sconto al 20% perché è edito Mondadori e il prezzo è davvero irrisorio. Approfittatene nel caso.


Un altro giorno di morte in America. 24 ore, 10 proiettili, 10 ragazzi di Gary Younge è forse il reale motivo per il quale sto scrivendo questo articolo. Vi lascio qui di seguito la sinossi nella quarta di copertina

“Gary Younge ha scelto una data a caso, il 23 novembre 2013, partendo dal presupposto che ogni giorno, in America, vengono uccisi 7 ragazzi sotto i vent’anni da un colpo di arma da fuoco. Soprattutto neri, soprattutto maschi, soprattutto in alcune città, spesso nel silenzio dell’informazione. Quel giorno di novembre sono stati dieci i ragazzi sotto i vent’anni che hanno perso la vita dopo una sparatoria, un colpo accidentale o un omicidio premeditato.”

Mi sono imbattuta in questo saggio a seguito di un articolo dell’Espresso del 3 novembre 2019 (potete recuperarlo su internet). La costruzione è semplice: il libro contiene dieci capitoli che restituiscono dignità e umanità a dei ragazzi che hanno perso la vita in maniera accidentale, per colpa di un’arma da fuoco. Non sono in realtà morti avvenute in scuole a seguito di sparatorie. Fa però effetto leggere le storie di questi ragazzi, anche con situazioni difficili alle spalle, a cui viene data l’importanza che sicuramente avevano per la loro famiglia, ma che spesso si perdono in numeri, in statistiche. Gary Younge fa un lavoro di cuore, dice proprio che “avrei voluto gridare ai giornalisti e alla polizia di trattare questi motti come se le loro vite avessero contato qualcosa”. Il prezzo non è propriamente economico, ma ne vale la pena. Meno “giornalistico” rispetto a quello di Francesco Costa, ma sicuramente ne vale la pena per capire 

“[...] cosa vuol dire essere genitori nei quartieri difficili, dell’onnipotenza del secondo emendamento, della distanza della politica, di come i media raccontano o ignorano gli omicidi, di morti che in alcuni casi sono solo numeri e che spesso non vengono neanche contate.” 


Bonus content: Ossessione di Stephen King. Okay, questo romanzo è il primo vero romanzo del Re. Tecnicamente. Questo perché, benché scritto prima di Carrie, è uscito solamente nel 1977 (dopo 11 anni dalla sua stesura). Il motivo? Semplice: il libro racconta di un ragazzo, Charlie, che organizzerà una sparatoria nella sua scuola. A seguito del ritrovamento di queste copie nelle mani di ragazzini che attuarono delle sparatorie nelle loro scuole (Michael Carneal, che sparò a tre studenti il 1 dicembre 1997 a West Paducah nel Kentucky aveva una copia di Ossessione nell’armadietto scolastico; Barry Loukaitis, che uccise due studenti ed il professore di algebra il 2 febbraio 1996 a Moses Lake, Washington) Stephen King accettò che il libro venisse ritirato dalle stampe. Ad oggi lo scrittore è felice che questa scelta sia stata fatta, un po’ meno i suoi fan. Alcune copie vennero vendute anche in suolo italico, ad oggi è considerato da collezione, e a meno di €80,00 non lo trovate. 









Commenti

Post popolari in questo blog

L'estate nei tuoi occhi

Buon giorno divoratori ^^ notate nulla di diverso? Non avevo intenzione di cambiare template o, almeno, volevo mantenere quello precedente per qualche altra settimana e poi cambiarlo con uno estivo ma quando ho trovato questo pattern con le piume carinissimo, non ho potuto farne a meno! Ho cambiato giusto qualche cosa, non volevo fare grandi modifiche perché ho realizzato che più una grafica è semplice, più dura xD solitamente mi stufo subito di quelle complicatissime. Okay, bando alle ciance, oggi vi lascio questa recensione :3 Titolo: L'estate nei tuoi occhi (The summer trilogy #1) Autore: Jenny Han Editore: Piemme Anno: 2014 Due fratelli. Un vero amore. Belly misura il tempo in estati. Tutto ciò che di bello e magico è accaduto nella sua vita, è accaduto fra giugno e agosto. L'inverno è solo il periodo che la divide dalla prossima estate, dalla casa sulla spiaggia, da Susannah e i suoi due figli, da Conrad e Jeremiah. Loro sono gli amici con cui è cre

Doppia recensione | Non è estate senza di te & Per noi sarà sempre estate di Jenny Han

Buon pomeriggio divoratori c: oggi vi lascio la recensione dei due volumi della Summer trilogy!  Cercherò di essere breve e di evitare spoiler :3 La trama potete leggerla cliccando sul titolo del libro. Non è estate senza di te di Jenny Han , secondo volume della Summer trilogy,  edito da Piemme. Il primo volume di questa trilogia stranamente mi era piaciuto e nonostante le varie recensioni poco positive di questo libro, ho deciso di continuare la serie.  Non è estate senza te  l'ho trovato un pochino inferiore rispetto al primo volume ma ad ogni modo mi è piaciuto. Ne L'estate nei tuoi occhi  i capitoli si alternavano in flashback e presente, qui invece i ricordi sono di meno e vi è anche il punto di vista di Jeremiah. Da un lato, ho apprezzato questa novità, ma dall'altro lato ha reso tutto ancora più confuso, perché si passava da Belly a Jeremiah, da Jeremiah ai flashback dal punto di vista di Belly e.e I flashback già non mi piacevano nel primo volume ma all

Recensione "Il principe crudele" di Holly Black (è davvero un flop?)

Ciao lettori, oggi vi lascio la recensione de " Il principe crudele ", una delle ultime fatiche di Holly Black , autrice che rientra tra le mie preferite perché fino a questo momento non mi ha mai delusa. Chissà come sarà andata questa volta? Leggete la mio opinione per scoprirlo ⇩ Titolo: Il principe crudele Autore: Holly Black Pagine: 313 Editore: Mondadori Anno: 2018 compralo a 9,99€ Jude era solo una bimba quando i suoi genitori furono brutalmente assassinati. Fu allora che sia lei che le sue sorelle vennero rapite e condotte nel profondo della foresta, nel mondo magico. Dieci anni dopo, l'orrore e i ricordi di quel giorno lontano e terribile ormai sfocati, Jude, ora diciassettenne, è stanca di essere maltrattata da tutti e soprattutto vuole sentirsi finalmente parte del luogo in cui è cresciuta, poco importa se non le scorre nemmeno una goccia di sangue magico nelle vene. Ma le creature che le stanno intorno disprezzano gli umani. E in particolare li dis

Recensione "Fidanzati dell'inverno. L'attraversaspecchi" di Christelle Dabos

La recensione di oggi riguarda Fidanzati dell'inverno di Christelle Dabos il primo volume della famosissima serie francese L'Attraversapecchi . Vi consiglio vivamente di evitare la trama del libro e passare direttamente alla recensione perché, per quel che mi riguarda, dice anche troppo! Titolo: Fidanzati dell'inverno Autore: Christelle Dabos Serie: L'Attraversaspecchi 1 Pagine: 382  Editore: Edizioni e/o Anno: 2018 (ita), 2013 (fr) comprarlo a 12,99€ L’Attraversaspecchi è una saga letteraria in tre volumi che mescola Fantasy, Steampunk e Belle Époque, paragonata dalla stampa francese alle saghe di J.K. Rowling e Philip Pullman. Fa da sfondo un universo composto da 21 arche, tante quanti sono i pianeti che orbitano intorno a quella che fu la Terra. La protagonista, Ofelia, è originaria dell’arca “Anima”; una ragazza timida, goffa e un po’ miope ma con due doni particolari: può attraversare gli specchi e leggere il passato degli oggetti. Lavora come curatri

Divergent Saga Read Along

Buon pomeriggio lettori. Qualche giorno fa nella mia pagina Facebook avevo accennato a una Read Along della trilogia di Divergent nell'attesa dell'uscita di Insurgent al cinema .  Io, Valentina di Down the rabbit hole e Annamaria de La tana di una booklover nel giro di un giorno ci siamo organizzate ed ecco quello che è venuto fuori :D La Read Along inizierà giovedì 12 Marzo e si svolgerà nel gruppo Facebook Divergent Saga Read Along . Abbiamo deciso di svolgere il gruppo di lettura su facebook perché avendo poco tempo a disposizione abbiamo pensato di fare qualcosa di veloce e poco impegnativo. Per questo motivo non abbiamo inserito nemmeno una data precisa. Lo scopo è di leggere l'intera trilogia, ma quello che ci interessa in particolare è leggere Divergent e Insurgent prima dell'uscita del film. Per quanto riguarda Allegiant invece probabilmente faremo qualcosa di meno "accelerato" e lo leggeremo con calma, magari facendo anche delle tappe nei

Recensione Endless Knight, Kresley Cole

Buon pomeriggio divoratori :D Sono giorni che lavoro a questa recensione perché non sono molto in vena di scrivere :$ ad ogni modo ci tenevo a lasciarvi la recensione di Endless Knight , seguito di Poison Princess . Come sempre, niente spoilers (l'unico che ho fatto l'ho nascosto u.u) :D (avete visto le faccine? non sono fighissime?). Titolo: Endless Knight Serie: Arcana Chronicles #2 Autore: Kresley Cole Inedito in Italia Evie ha preso pieno possesso dei suoi poteri in quanto Imperatrice dei tarocchi, e Jack era lì ad assistere. Ora sa che i ragazzi che si sono reincarnati nei tarocchi sono nel mezzo di una battaglia epica. Si tratta di uccidere o essere uccisi, con il futuro dell'umanità in bilico. Con minacce in agguato in ogni angolo, Evie è costretta a fidarsi dei nuovi alleati. Insieme devono combattere non solo gli altri Arcani, ma anche gli Bagmen zombies, tempeste post-apocalittiche e cannibali. Quando Evie incontra Morte, le cose divent

Special #2 Cose che non sopporto in un libro

Ciao divoratori ♥ in questa noiosa domenica che dovrei passare studiando, vi lascio un post della rubrica Special  . Ad essere sincera non mi andava di scrivere un post della rubrica weekly recap dato che qualche giorno fa ho pubblicato la monthly recap . Scusate, ma mi scocciava troppo creare un nuovo banner xD Nella puntata di oggi vi parlerò di cosa non sopporto in un libro, più nello specifico Cosa mi fa alzare gli occhi al cielo quando leggo un libro . Quante volte vi è capitato di trovare sempre gli stessi modi di dire in un libro? Ad esempio, i capelli arruffati . TUTTI I RAGAZZI nei libri hanno i capelli arruffati. Vabbè, c'è crisi, il pettine costa. Dovrei regalarglielo io uno. O magari del gel. Fatto sta che nella realtà i ragazzi con i capelli così sembrano degli scappati di casa. Ah, poi ci sono le ciocche ribelli. Che monelli, che trasgry. Oppure tutti i personaggi dei libri sono dei grandi lettori, fatto sta che io non ho mai trovato una scena in cui l

Blogger Love Project | Day three: Favourite non-bookish blogs + 10 consigli per i nuovi blogger

Buon pomeriggio a tutti, miei cari divoratori! Oggi è il terzo giorno del Blogger Love Project ^^ mi sta piacendo tantissimo questa iniziativa, più dell'anno scorso! Soprattutto perché ci sono anche giorni di pausa, altrimenti non sarei riuscita a star dietro a tutto (anche se sto facendo comunque fatica a starvi dietro!). Blogger love project è un'iniziativa ideata da  Sweety Readers, The Bookshelf e She was in wonderland . Lo scopo è di condividere il nostro amore per la bloggosfera e per tutti i blog che seguiamo. Per tutta la durata dell'iniziativa ci saranno mini-challenge, iniziative e molto altro! Il programma del giorno è Favourite non-bookish blogs e 10 consigli per i nuovi blogger . Dato che la maggior parte dei blog che seguo sono di libri, mi limiterò a citarne giusto qualcuno! Favourite non-bookish blogs - Cose dell'altro fimo | Seleny è una ragazza carinissima e fa delle creazioni davvero fantastiche e golose *-* a proposito..a quando la nuova

C'è il bene. C'è il male. E poi ci sei tu. ● recensione di Half bad, Sally Green

Ciao divoratori! Come anticipato nel titolo, oggi vi parlerò del libro Half bad , però prima devo fare un annuncio importante. Ho aperto un nuovo blog. Già. Ultimamente sentivo il bisogno di aprirne uno tutto mio per condividere le mie passioni e di cambiare aria, per questo ho scelto la piattaforma Wordpress. Se vi va di seguirmi anche li tramite mail o bloglovin, trovata il blog a questo indirizzo . E adesso passiamo al libro. Non avevo alte aspettative perché circa uno-due anni fa avevo dato un'occhiata alle prime pagine e non mi erano piaciute a causa dello stile dell'autrice, invece quando l'ho letto di recente si è rivelato niente male, nonostante la seconda persona singolare non è mi è piaciuta lo stesso. Comunque per fortuna si tratta solo dei primi capitoli - avevo paura che tutto il libro fosse narrato così! - , dopo la narrazione cambia.  Sono proprio in questi capitoli che la storia ingrana tanto da non riuscire a mettere il libro giù. Ho letto Half bad n

Solstice - L'incantesimo d'inverno di C.E.A. Bennet ❅ Recensione

Buon pomeriggio, lettori! Finalmente oggi torno con una nuova recensione! Dopo ore che cerco di scriverla perché troppo presa dalla pigrizia per buttare giù qualcosa di sensato, eccomi qui a parlarvi di Solstice - L'incantesimo d'inverno , libro che ho letto quest'estate in occasione del  blogtour . Fatemi sapere cosa ne pensate c: Compralo su Amazon Titolo: L'incantesimo d'inverno Serie: Solstice #1 Autrice: C.E.A. Bennet Anno di pubblicazione: 2014 Scheda amazon Autopubblicato Emma ha quasi sedici anni e due sorelle, Eileen e Constance. Vivono a Saint Claire, tranquilla cittadina del Connecticut, insieme alla madre Kate e alla misteriosa donna comparsa nelle loro vite da quando il padre le ha abbandonate, Miranda.  Le Hataway non sono donne normali, ma streghe costrette a nascondere la loro natura e i loro poteri per rispettare le leggi dei Custodi, ai quali devono obbedienza. Leggi che Emma ha infranto quando era solo una bambina per aiutare quelli