Passa ai contenuti principali

Recensione "Sulle tracce di Jack lo Squartatore" di Kerri Maniscalco (Stalking Jack the Ripper)

Ciao lettori, oggi vi lascio la recensione di "Sulle tracce di Jack lo Squartatore" di Kerri Maniscalco, meglio conosciuto come "Stalking Jack the Ripper". E' il primo volume di una tetralogia che uscirà il 15 settembre, ad esclusione dell'ultimo volume in uscita il 10 novembre.

Titolo: Sulle tracce di Jack lo Squartatore
Autore: Kerri Maniscalco
Pagine: 372
Editore: Mondadori (Oscar Fantastica)
Data di uscita: 15 settembre
Preorder: non ancora disponibile

È stata cresciuta per essere la perfetta dama dell’alta società vittoriana, ma Audrey Rose Wadsworth vede il proprio futuro in modo molto diverso. Dopo aver perso l’amatissima madre, è decisa a comprendere la natura della morte e i suoi meccanismi. Così abbandona l’ago da ricamo per impugnare un bisturi da autopsia, e in segreto inizia a studiare Medicina legale. Presto viene coinvolta nelle indagini sull’assassino seriale noto come Jack lo Squartatore e, con orrore, si rende conto che la ricerca di indizi la porta molto più vicina al suo mondo ovattato di quanto avrebbe mai creduto possibile.

Ispirato agli efferati crimini irrisolti che hanno insanguinato la Londra di fine Ottocento, lo strabiliante romanzo d’esordio di Kerri Maniscalco tesse un racconto ricco di atmosfera che intreccia bellezza e oscurità, in cui una ragazza vittoriana molto moderna scopre che non sempre i segreti che vengono sepolti lo rimangono per sempre.

Recensione "Sulle tracce di Jack lo Squartatore" di Kerri Maniscalco

PREMESSA.

Questo libro è pieno di difetti e, come sempre, non mancherò di evidenziarli nella recensione, però vorrei anche che teniate a mente una cosa: è uno young adult, e secondo me uno di quelli indirizzato ad un pubblico giovanissimo che le persone non più giovanissime da un pezzo potrebbero o apprezzarlo comunque o detestarlo. 

Perché dico di tenerlo a mente? Perché se preso come tale secondo me si può benissimo sorvolare sui difetti e godersi la lettura. Cosa che ho fatto.

A me devo dire che è bastato il primo capitolo per inquadrare questo libro e azzerare praticamente tutte le mie aspettative (che già non erano altissime), quindi nel complesso non mi è dispiaciuto. Certo, mi aspettavo un libro totalmente diverso...

Siamo nella Londra vittoriana e la protagonista, Audrey Rose, ha una passione che per le ragazze di famiglia aristocratica è un po' inusuale: ovvero è affascinata dalla morte e dalla scienza forense. Ad alimentare la sua passione lo zio che le permette di assisterlo durante le sue "operazioni". E' proprio lì che incontrerà Thomas, un giovane studente e aiutante dello zio, e quando inizieranno i delitti entrambi daranno la caccia a Jack Lo Squartatore.

La trama è piuttosto semplice e lineare. Non ha colpi di scena e il colpevole è molto prevedibile. Proprio per questo penso che il target sia giovanissimo e possano apprezzarlo tantissimo. Non è un fantasy, ma è un mystery, fatto che ha giovato in suo favore perché comunque storie che hanno un pizzico di mistero, seppur non troppo complesso, mi intrigano sempre. Un po' credo sia stato questo a tenermi comunque ancorata alla lettura, ero curiosa di scoprire chi si nascondesse dietro il nome di Jack Lo Squartatore (nonostante appunto lo abbia azzeccato praticamente subito).

Però per me i personaggi sono stati una grandissima pecca perché li ho trovati insopportabili, un po' di più il personaggio maschile.

Il modo in cui è stata caratterizzata Audrey Rose non mi è piaciuto, ma ne capisco le motivazioni. Sempre tenendo in mente il target, l'autrice ha creato una protagonista che va contro le costrizioni sociali, quindi ribelle, ma allo stesso tempo in grado di apprezzare le frivolezze (come i vestiti). A me non piacciono i personaggi che devono a tutti i costi ostentare quanto siano diversi dagli altri e lei lo fa ogni secondo, per non parlare dei suoi pensieri sui vestiti in momenti del tutto inopportuni. La cosa che forse mi ha più infastidita è il fatto che Audrey Rose non ha poi così tante restrizioni, ma spesso è libera di fare quel che vuole. Da questo punto di vista zero coerenza storica. Allo stesso tempo però capisco l'esigenza di creare un personaggio femminile femminista (anche se in maniera forzata) che possa essere d'ispirazione per un pubblico giovane.

Thomas invece è stato irritante. Ho odiato due cose di lui: il suo essere fin troppo arguto e la sua simpatia forzata. Da prenderlo a schiaffi una pagina sì e l'altra pure. Nemmeno il racconto extra finale ("Ti presento Thomas",) mi ha fatto cambiare idea su di lui. Di conseguenza non ho apprezzato nemmeno la storia d'amore tra Audrey Rose e Thomas, sia perché l'ho trovata campata in aria sia perché non ho gradito le loro interazioni.

Lo stile è semplice, non è ricchissimo di descrizioni, e questo ha un lato positivo e uno negativo. Il lato positivo è che la lettura scorre molto bene, infatti ho impiegato pochissimo a finire il libro; quello negativo è che non si percepisce l'atmosfera vittoriana. Non viene descritta la Londra di fine 800, da nessun punto di vista. Niente balli, niente regole ferree, niente galateo. Inoltre l'autrice si è presa alcune libertà, come lei stessa dice nella nota finale, quindi ci sono anche inesattezze storiche. Proprio per questo penso che sia un libro per lettori giovanissimi, perché magari ne sanno di meno su certe cose e possono godersi la lettura. Se invece siete degli adulti che vogliono passare delle orette con una lettura poco impegnativa, questo potrebbe essere il libro giusto. 

Per me è stata una guilty pleasure. Mi sono divertita a leggerlo e a commentarlo e, a dirla tutta, ero anche abbastanza curiosa di leggere il seguito (di cui vi parlerò domani).

Un ultimo pensiero riguardo l'edizione. E' senza dubbio bellissima, arricchita di illustrazioni dell'epoca e un racconto extra che ci presenta i primi capitoli della storia dal punto di vista maschile.  

Valutazione: 3 stelle

Seguite il review party organizzato da Sunflakes per scoprirne di più su questa serie!

Seguitemi su: instagram | facebook | twitter | goodreads | @ladystark_ofwinterfell | A girl of wintefell

Commenti

  1. Giovane non è sinonimo di stupido. Se si decide di scrivere un libro che ha una base storica, come ambientazione o quant’altro, ci si dovrebbe premurare di studiare, documentarsi e prestare attenzione a ciò che si scrive. Usare la libertà come scusa mi pare una presa in giro nei confronti dei lettori giovani e meno giovani!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Naturalmente. Ma ci sono giovani (e intendo ragazzini tra i 14-15 anni) che sono poco esigenti e potrebbero apprezzare tantissimo una storia di questo tipo senza curarsi della poca coerenza storica. Per il resto sono d'accordo, le giustificazioni che l'autrice dà nelle note finali personalmente mi hanno fatto storcere il naso

      Elimina
  2. A me Audrey Rose è piaciuta in questo primo volume, ma comunque ho trovato un sacco fastidioso il suo continuo rimarcare che lei è diversa dalle altre ragazze. Per il resto, nonostante i vari difetti che sono impossibili da non vedere, a me questo libro è piaciuto.

    RispondiElimina
  3. Io già ero dell'idea di non leggere questa nuova serie. Ogni giorno che passa trovo sempre più conferme. XD

    RispondiElimina
  4. A me Thomas invece è piaciuto molto, cosa strana visto che non sempre apprezzo personaggi del genere. XD Idem Audrey Rose, ma perché trovo noiosi la maggior parte degli storici, quindi la poca accuratezza storica non mi ha infastidita (ma so bene che è una cosa mia, ad altri sicuramente sì invece).

    RispondiElimina
  5. concordo con te, anche sulla premessa. Se penso a chi è indirizzato molte cose sono meno fastidiose. Però mi aspettavo altro

    RispondiElimina

Posta un commento

Scrivi pure il tuo parere. Risponderemo appena possibile! Se non vedi subito il tuo commento è perché si trova in attesa di moderazione; lo vedrai solo una volta che sarà approvato (approvo TUTTI i commenti tranne lo spam; inoltre facendo così riusciamo a rispondere anche quando commenti un articolo scritto anni fa).

Post popolari in questo blog

Guida di lettura: "Devil's Night" di Penelope Douglas

 Buongiorno lettori, oggi volevo parlarvi della serie dark romance Devil’s Night della regina di TikTok ovvero Penelope Douglas , ovvero Corrupt, Hideaway, Kill Switch e Nightfall. Vi darò una breve introduzione sulla serie, una spiegazione dei personaggi principali e l’ordine di lettura , e anche un breve commento sui libri singoli. I libri sono in ordine di lettura, in modo che sappiate esattamente dove iniziare, come continuare e soprattutto dove finire con la storia dei Cavalieri! Titolo:  Corrupt - Il mio sbaglio più grande (Devil's Night 1#) Autrice : Penelope Douglas Pagine:   448 Editore:  Newton Compton Editori Pubblicazione: 10 Gennaio 2023 Traduttore: Laura Lancini Trama:  “Si chiama Michael Crist. È il fratello maggiore del mio ragazzo ed è come quei film dell'orrore che guardi coprendoti gli occhi. È bellissimo, forte, e assolutamente terrificante. Non mi vede neppure. Ma io l'ho notato. L'ho visto, l'ho sentito. Le cose che ha fatto, i misfatti che ha

Reading Goals Challenge #1 che la sfida abbia inizio!

Salve carissimi lettori. Pronti per iniziare questa nuova avventura? Intatto voglio ringraziare tutti coloro che hanno deciso di aderire. Non mi aspettavo che qualcuno partecipasse xD prima di aprire ufficialmente le danze, vorrei fare qualche chiarimento sulla challenge. NON IMPORTA QUANTI LIBRI LEGGETE Lo scopo della challenge è di riuscire a completare più obiettivi possibili  e, per chi ne è capace, potrebbe portarne a termine un bel po' anche soltanto leggendo una decina di libri durante l'anno. Bisogna essere dei bravi "cacciatori" e riuscire a beccare il libro giusto. POTETE SCEGLIERE QUANTI OBIETTIVI PORTARE A TERMINE Il numero di obiettivi per vincere uno dei premi finali è 40, ma se quaranta vi sembrano troppi, potete anche sceglierne di meno. Alla fine ogni mese o quasi metterò in palio un premio. PER GLI OBIETTIVI NON CI SONO LIMITI Posso decidere di portare al termine una serie (e in questo caso l'obiettivo è completo solo a serie finita

Recensione "Regina delle ombre" di Sarah J. Maas

Ciao lettori, la recensione di oggi riguarda il libro " Regina delle ombre ", il quarto volume della serie " Il trono di ghiaccio " di Sarah J. Maas . Il post è privo di spoiler . Titolo: Regina delle ombre Serie: Il trono di ghiaccio #4 Autore: Sarah J. Maas Pagine: 654 Editore: Mondadori (Oscar Fantastica) Anno: 2018 ➡️ COMPRA SU AMAZON ⬅️ Ancora una volta nascosta sotto il suo manto da assassina, Celaena è tornata a Rithfold, ma non è più una schiava. Ora è Aelin Ashryver Galathynius, Regina di Terrasen. Tuttavia, prima di riprendere il trono che le spetta, dovrà ancora combattere: scavare tra i ricordi più dolorosi, battersi per la sopravvivenza e lottare contro una passione che potrebbe consumarla. E soprattutto si troverà nuovamente di fronte al suo vecchio padrone, il Re degli Assassini. Pronta a reclamare vendetta. Recensione "Regina delle ombre" di Sarah J. Maas Quando ho terminato questo libro non pensavo avrei avuto tutte ques

Recensione "Nevernight. Mai dimenticare" di Jay Kristoff (o anche "Tutto quello che non mi è piaciuto del libro")

Ciao lettori, oggi recensione di Nevernight - Mai dimenticare , primo volume delle Cronache dell'Illuminotte , scritto da Jay Kristoff . Come già vi anticipo nel titolo, questo libro non mi è piaciuto. Adesso cercherò di spiegarvi per bene perché, cercando di evitare gli spoiler. Quei pochi che ho inserito sono stati oscurati, evidenziateli con il mouse per leggerli :D Titolo: Nevernight. Mai dimenticare Serie: Gli accadimenti di Illuminotte 1 Autore: Jay Kristoff Pagine: 462 Editore: Mondadori (Oscar Fantastica) Anno: 2019 (ita), 2016 (eng) Comprarlo a 17,00€ Destinata a distruggere imperi, Mia Corvere ha solo dieci anni quando riceve la sua prima lezione sulla morte. Sei anni dopo, la bambina cresciuta tra le ombre si avvia a mantenere la promessa che ha fatto il giorno in cui ha perso tutto. Ma le possibilità di sconfiggere nemici così potenti sono davvero esili, e Mia è costretta a trasformarsi in un'arma implacabile. Deve mettersi alla prova tra i nemici - e gl

Recensione "Ravensong. Il canto del corvo" di TJ Klune

Ciao lettori, oggi vi lascio la recensione di " Ravensong. Il canto del corvo " di TJ Klune . Si tratta del seguito di Wolfsong,  libro che ho letto e amato la scorsa estate! Ringrazio la casa editrice per la copia omaggio.  Titolo: Ravensong. Il canto del corvo Serie: Green Creek 2 Autore: TJ Klune Pagine: 619 Editore: Triskell Edizioni Anno: 2020 Comprarlo a 5,99€ Gordo Livingstone non ha mai dimenticato le lezioni incise sulla sua pelle. Temprato dal tradimento di un branco che lo ha abbandonato, ha cercato conforto in un’officina nella piccola città di montagna in cui vive, giurando di non lasciarsi più coinvolgere dagli affari dei lupi. Avrebbe dovuto bastargli. E gli è bastato, finché i lupi non sono tornati, e con loro anche Mark Bennett. Alla fine, hanno affrontato la bestia insieme, come un branco… e hanno vinto. Un anno dopo, Gordo si ritrova ancora una volta a essere lo stregone del branco dei Bennett. Green Creek ha trovato un equilibrio dopo la morte di Richard C

Recensione "Raven boys" di Maggie Stiefvater

Ciao lettori, oggi vi lascio la recensione del libro " Raven boys ", primo volume della serie The Raven Circle scritta da Maggie Stievater . Titolo: Raven Boys (The Raven Circle #1) Autore: Maggie Stiefvater Anno: 2013 Pagine: 467 Editore: Rizzoli Compra a 8€ Nata in una famiglia di chiaroveggenti, Blue Sargent, sedici anni, fin da piccola sa che con un bacio ucciderà il suo vero amore. Ora però a quanto pare il momento è prossimo: prova ne è la visione che Blue ha nella notte della vigilia di San Marco, quando gli spiriti dei futuri morti di Henrietta, una cittadina della Virginia, si mostrano alle veggenti Sargent: Blue vede lo spettro di Gansey e apprende che è proprio lui il suo vero amore, e quindi la persona che ucciderà. Fatalità vuole che Gansey di lì a poco si presenti alla porta delle Sargent per un consulto magico: da anni è sulle tracce di Glendower, mitico re gallese la cui salma è stata trafugata oltreoceano secoli prima e sepolta lungo la li

Recensione: "Binding 13. Marcami stretta" di Chloe Walsh

Buongiorno lettori, oggi vi parlo del fenomeno sport romance di TikTok che è finalmente arrivato in Italia: sto parlando di Binding 13 di Chloe Walsh, ambientato in un liceo irlandese dove il rugby lo fa da padrona. Titolo:  Binding 13. Marcami stretta Autore:  Chloe Walsh Pagine:  944 Editore:  DeAgostini Data d'uscita:  10 Ottobre 2023 Traduttore:  Cervini, Manzella, Silvestri Trama:   Johnny Kavanagh è una promessa del rugby: nato per brillare sul campo, è una forza della natura, nulla può far vacillare le sue certezze, distrarlo dalla sua scalata verso il successo. Nulla, tranne il tiro sbagliato che farà scontrare il suo mondo con quello della nuova arrivata al Tommen College, la misteriosa e complicata Shannon Lynch. Chi è davvero quella ragazza dagli occhi tristi che tenta con tutta se stessa di essere invisibile? Per Shannon la vita non è mai stata facile, né a scuola né a casa. Al Tommen spera di ricominciare da zero, ma non è semplice liberarsi di un passato tanto oscuro,

Recensione "Fidanzati dell'inverno. L'attraversaspecchi" di Christelle Dabos

La recensione di oggi riguarda Fidanzati dell'inverno di Christelle Dabos il primo volume della famosissima serie francese L'Attraversapecchi . Vi consiglio vivamente di evitare la trama del libro e passare direttamente alla recensione perché, per quel che mi riguarda, dice anche troppo! Titolo: Fidanzati dell'inverno Autore: Christelle Dabos Serie: L'Attraversaspecchi 1 Pagine: 382  Editore: Edizioni e/o Anno: 2018 (ita), 2013 (fr) comprarlo a 12,99€ L’Attraversaspecchi è una saga letteraria in tre volumi che mescola Fantasy, Steampunk e Belle Époque, paragonata dalla stampa francese alle saghe di J.K. Rowling e Philip Pullman. Fa da sfondo un universo composto da 21 arche, tante quanti sono i pianeti che orbitano intorno a quella che fu la Terra. La protagonista, Ofelia, è originaria dell’arca “Anima”; una ragazza timida, goffa e un po’ miope ma con due doni particolari: può attraversare gli specchi e leggere il passato degli oggetti. Lavora come curatri

Solstice - L'incantesimo d'inverno di C.E.A. Bennet ❅ Recensione

Buon pomeriggio, lettori! Finalmente oggi torno con una nuova recensione! Dopo ore che cerco di scriverla perché troppo presa dalla pigrizia per buttare giù qualcosa di sensato, eccomi qui a parlarvi di Solstice - L'incantesimo d'inverno , libro che ho letto quest'estate in occasione del  blogtour . Fatemi sapere cosa ne pensate c: Compralo su Amazon Titolo: L'incantesimo d'inverno Serie: Solstice #1 Autrice: C.E.A. Bennet Anno di pubblicazione: 2014 Scheda amazon Autopubblicato Emma ha quasi sedici anni e due sorelle, Eileen e Constance. Vivono a Saint Claire, tranquilla cittadina del Connecticut, insieme alla madre Kate e alla misteriosa donna comparsa nelle loro vite da quando il padre le ha abbandonate, Miranda.  Le Hataway non sono donne normali, ma streghe costrette a nascondere la loro natura e i loro poteri per rispettare le leggi dei Custodi, ai quali devono obbedienza. Leggi che Emma ha infranto quando era solo una bambina per aiutare quelli

Recensione "Wolfsong. Il canto del lupo" di TJ Klune \ Review Party

Ciao lettori, sono tornata con una nuova recensione ! Il libro di cui vi parlo è " Wolfsong - Il canto del lupo " di TJ Klune , primo volume della serie Green Creek uscito il 27 luglio. Per l'occasione ho organizzato un evento (blogtour e review party) in collaborazione con la casa editrice che ringrazio per la copia omaggio. Il romanzo in breve : fantasy, licantropi, lgbt+, autoconclusivo, amore, amicizia, angst, lacrime.  E molto altro! Leggete la recensione per scoprirlo! Titolo: Wolfsong. Il canto del lupo Serie: Green Creek 1 Autore: TJ Klune Pagine: 647 Editore: Triskell Edizioni Anno: 2020 (ita) \ 2016 (eng) Compra a 4,49€ Ox aveva dodici anni quando suo padre gli impartì una lezione davvero importante. Gli disse che non valeva niente e che la gente non lo avrebbe mai compreso. Poi andò via. Ox aveva sedici anni quando incontrò un ragazzo sulla strada verso casa. Il ragazzo che parlava, parlava e parlava. Soltanto in seguito scoprì che il ragazzo no