Passa ai contenuti principali

Recensione "La corte di rose e spine" (A court of thorns and roses #1) di Sarah J. Maas

Ciao lettori, oggi parliamo del libro "La corte di rose e spine" di Sarah J. Maas (A court of thorns and roses), una lettura che mi ha fatto provare tantissime emozioni e che alla fine mi ha fatta innamorare! Continuate a leggere per saperne di più.

Titolo: La corte di rose e spine
Serie: A court of thorns and roses #1
Autore: Sarah J. Maas
Pagine: 483
Editore: Mondadori
⇨ Acquistalo qui

Una volta tornata al suo villaggio dopo aver ucciso quel lupo spaventoso, però, la diciannovenne Feyre riceve la visita di una creatura bestiale che irrompe a casa sua per chiederle conto di ciò che ha appena fatto. L'animale che ha ucciso, infatti, non era un lupo comune ma un Fae e secondo la legge "ogni attacco ingiustificato da parte di un umano a un essere fatato può essere ripagato solo con una vita umana in cambio. Una vita per una vita". Ma non è la morte il destino di Feyre, bensì l'allontanamento dalla sua famiglia, dal suo villaggio, dal mondo degli umani, per finire nel Regno di Prythian, una terra magica e ingannevole di cui fino a quel momento aveva solamente sentito raccontare nelle leggende. Qui Feyre sarà libera di muoversi ma non di tornare a casa, e vivrà nel castello del suo rapitore, Tamlin, che, come ben presto scoprirà la ragazza, non è un animale mostruoso ma un essere immortale, costretto a nascondere il proprio volto dietro a una maschera. Una creatura nei confronti della quale, dopo la fredda ostilità iniziale, e nonostante i rischi che questo comporta, Feyre inizierà a provare un interesse via via più forte che si trasformerà ben presto in una passione dirompente.

Quando poi un'ombra antica si allungherà minacciosa sul regno fatato, la ragazza si troverà di fronte a un bivio drammatico. Se non dovesse trovare il modo di fermarla, sancirà la condanna di Tamlin e del suo mondo...

Recensione A court of thorns and roses - La corte di rose e spine


Oggi metterò da parte la professionalità perché è questo l'effetto che mi fa un libro di Sarah Maas. Lo sapete che sono una fan de Il trono di ghiaccio, no? Se no vuol dire che mi avete scoperta troppo tardi, per vostra fortuna o sfortuna, a secondo dal punto di vista a volte so essere davvero imbarazzante. La serie "A court of thorns and roses" però non mi convinceva, lo ammetto, perché è uscita nel periodo in cui il mio rapporto con l'autrice è diventato complicato (ma questa è un'altra storia, ve la racconto un'altra volta).

La prima metà mi ha divertito per la storia un po' trash. Abbiamo Feyre, la protagonista, che uccide un lupo-fata in un bosco, e quindi si ritroverà a dover pagare per questo. Ma qual è la punizione? Passare da una vita di merda ad una lussuosa nelle terre delle fate con un bellissimo Fae.. Tamlin. Voi dite, ma che punizione del cazzo? Esattamente.


Praticamente è stata questa la mia reazione per tutto il tempo. Diamine, non può essere così semplice..ed effettivamente non lo è. C'è molto di più e viene rilevato successivamente.

La prima parte è stata quella che da un lato mi ha fatto storcere un poco il naso, ma sarà che il world-building costruito dalla Maas che sviluppa pagina dopo pagina, sarà che ho preso tutto quel trash a ridere, alla fine me lo sono goduta lo stesso il libro.

Feyre non è male come una protagonista, principalmente perché non si fa odiare (e questo è un miracolo) anche se per essere una semplice umana è fin troppo.. fortunata (diciamo così). Sembra quasi una Katniss Everdeen (e i riferimenti alla saga della Collins non finiscono qui) solo che al posto di affrontare altre persone deve affrontare delle fate. Tutto sommato comunque non è terribile perché non si piange addosso ed è pure coraggiosa, nonostante faccia qualche cazzata,ma non mi ha conquistato del tutto, così come il protagonista maschile, Tamlin. Se devo dirla tutta, mi ha ricordato il tipico maschio alpha dei libri (muscoloso, incazzato, premuroso, blablabla e ringhia ogni due secondi). Insomma, du' palle. Certo, il suo comportamento in parte è dovuto a qualcosa di cui non posso parlare, quindi possiamo giustificarlo, un pochino. Ma non mi piace lo stesso come personaggio. Mentre ho apprezzato di più Lucien, l'amico di Tamlin dalla lingua lunga.

Nella prima parte ci ritroviamo davanti principalmente un paranormal romance perché si concentra sulla storia d'amore che nasce a poco a poco tra Tamlin e Feyre. Per fortuna però che tra una capitolo e l'altro l'autrice rivela pian piano i dettagli del mondo che ha creato, quindi rendendo la storia molto interessante perché, se devo essere onesta, Tamlin e Feyre insieme non mi sono piaciuti.


L'altra metà invece è la parte che ho apprezzato di più. Se ho impiegato tipo tre giorni per leggere la prima parte, la seconda l'ho letta in un paio di ore (parliamo di 200 pagine, eh!). Questo per farvi capire quanto mi ha coinvolto!

Tutto merito di Rhysand, un personaggio introdotto in questi capitoli. Ora, fatemelo dire, avevate ragione! Rhy è una sorta di villain, lo stronzo, arrogante, seducente di turno che, aaaaaw, che caldo, è stato impossibile resistergli. Amate Warner? Amate The Darkling? Amate Loki? Ecco, allora amerete alla follia Rhy! Vi farà venire gli occhi a cuoricino e.. avete presente le cascate del Niagara? Ecco, sono nulla al confronto!

Okay, non è stato solo questo a farmi adorare la seconda parte (anche se Rhy è la parte che ho amato di più!), ma anche il fatto che finalmente vengono spiegate un sacco di cose che nei capitoli precedenti mi avevano lasciato perplessa, in particolare per quanto riguarda la storia delle terre fatate. E poi la trama prende una piega inaspettata!

Succedono un sacco di cose interessanti e, seppur somiglia a tanti altri libri che ho letto (come ho scritto sopra, ad Hunger Games, tanto per citarne uno), non è mai noioso o non sa mai di roba già vista. Devo ammettere che ho notato anche un netto miglioramento in Sarah Maas. Se prendiamo il primo volume de Il trono di ghiaccio e lo confrontiamo con questo non sembrano essere scritti nemmeno dalla stessa persona.

In definitiva A court of thorns and roses mi è piaciuto parecchio. Per essere un primo volume è abbastanza completo, non manca nulla: storia d'amore, personaggi interessanti, ambientazione ben costruita, intreccio ben fatto. Mi ha coinvolto tanto, come non capitava da tempo e sto morendo dalla voglia di leggere il secondo volume. Consigliato!

Fatemi sapere cosa ne pensate ❤

Commenti

  1. Ciao Giusy, per quanto riguarda acotar c'è solo una parola che lo descrive: bello, invece acofas è bellissimo! ♥
    Un bacio, R ♥

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Acofas mi manca! Però visto che ho concluso la trilogia principale, penso proprio che aspetterò qualche mese prima di leggerlo. Altrimenti davvero non arrivo sana di mente all'uscita dei nuovi libri :'D

      Elimina
  2. Non amo il genere fantasy, ma mi è piaciuto leggere questa tua recensione!

    E Loki non è affatto male! ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi fa piacere :D
      questo più che altro è paranormal romance, quindi la storia d'amore ha un ruolo principale. Quindi non so, magari potrebbe piacerti!

      Elimina
  3. Anche a me è piaciuto molto! Solo che ho faticato un po' a leggerlo in lingua e non ho ancora trovato il tempo/coraggio di leggere il seguito Y-Y

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io mi sono buttata e devo ammettere che mi aspettavo di peggio XD

      Elimina
  4. Io boh spero di non rimanere delusa...


    quando lo leggerò hahahaha

    RispondiElimina
  5. Loki? Hai detto Loki? Mi sono fermata li e non sono più riuscita a leggere ahahaha adoro Loki!
    Coooomunque......ho questo libro da un po' e ancora non mi sono decisa a leggerlo....ormai non so se aspettare o meno che esca in italiano....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Appena uscirà in italiano ne parleranno talmente tante persone che non potrai più rimandare XD

      Elimina
  6. Ahahah anch'io voglio punizioni come quelle di Feyre.
    Scherzi a parte, sono davvero curiosa di leggere il secondo libro!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono curiosa di sapere il tuo parere sul secondo! Ho visto su Goodreads che molti non lo hanno apprezzato...

      Elimina
  7. Ciao Ragazze, ho iniziato a leggerlo qualche giorno fa e sono già a metà... stupendo!!! Una domanda non uccidetemi i riferimenti a The Darkling e a Loki a quali serie sono riferiti? Warner l'ho capito :) <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao! Il Darklin è un personaggio della trilogia Shadow & bone (in italiano hanno tradotto il primo volume come Tenebre e ghiaccio e il personaggio si chiama L'oscuro), mentre Loki è il personaggio della Marvel (Avengers, Thor)

      Elimina

Posta un commento

Scrivi pure il tuo parere. Rispondo appena possibile! Se non vedi subito il tuo commento è perché si trova in attesa di moderazione; lo vedrai solo una volta che sarà approvato (approvo TUTTI i commenti tranne lo spam; inoltre facendo così riesco a rispondere anche quando commenti un articolo scritto anni fa).

Post popolari in questo blog

Recensione "Ruin and rising" di Leigh Bardugo (Grisha Trilogy 3)

Ciao lettori, finalmente condivido con voi la recensione di " Ruin and rising " di Leigh Bardugo , terzo volume della Grisha Trilogy, attualmente inedito in Italia, ma Mondadori ha annunciato la pubblicazione dell'intera trilogia nel 2020 ( notizia qui ). Titolo: Ruin and rising Autore: Leigh Bardugo Serie: Grisha trilogy 3 Pagine: 422 Prossimamente in italiano Compralo a 5,49€ Soldato. Convocatrice. Santa . Il destino della nazione risiede nelle mani di una Convocatrice del Sole spezzata, un tracciatore in disgrazia e i resti di quello che una volta era un potente esercito magico. Il Darkling comanda dal suo trono di ombre mentre una debole Alina Starkov riprende la sua battaglia sotto la dubbiosa protezione di alcuni fanatici che la venerano come una Santa. Adesso le sue speranze risiedono in un'antica creatura magica scomparsa da lungo tempo e nella possibilità che un principe fuorilegge sopravviva ancora. Mentre i suoi alleati e i suoi nemici corrono ve

Prossime uscite 2021: ALICE OSEMAN, HOLLY BLACK, SARAH J. MAAS, JAY KRISTOFF, LEIGH BARDUGO, ECC.

Buona domenica lettori, siete pronti ad una carrellata di novità ? Ecco le prossime uscite che troveremo in libreria nel 2021. IO STO URLANDO E PIANGENDO perché voglio almeno buona parte di questi libri! Non vedo l'ora! Prima di iniziare con le notizie, tre cose: 1) chiedo umilmente scusa alle case editrici per aver rovinato la sorpresa, ma insomma, una volta trovate queste notizie non potevo proprio fare finta di niente (e urlare e soffrire da sola, ecco); 2) come la volta scorsa, metto ISBN così potete controllare voi stessi la veridicità della notizia ed evitate di prendermi per cazzara (cose che poi fate lo stesso, ma dettagli); 3) naturalmente aspettiamo una conferma ufficiale dalle case editrici, però le notizie riportate qui sono comunque VERE perché hanno appunto il codice isbn, l'unica cosa che è incerta è la data di uscita che naturalmente può sempre variare. Ma, insomma, sono libri che arriveranno in librereria AL 100% Ovviamente si inizia sempre dalle notizie più su

Recensione "Il principe crudele" di Holly Black (è davvero un flop?)

Ciao lettori, oggi vi lascio la recensione de " Il principe crudele ", una delle ultime fatiche di Holly Black , autrice che rientra tra le mie preferite perché fino a questo momento non mi ha mai delusa. Chissà come sarà andata questa volta? Leggete la mio opinione per scoprirlo ⇩ Titolo: Il principe crudele Autore: Holly Black Pagine: 313 Editore: Mondadori Anno: 2018 compralo a 9,99€ Jude era solo una bimba quando i suoi genitori furono brutalmente assassinati. Fu allora che sia lei che le sue sorelle vennero rapite e condotte nel profondo della foresta, nel mondo magico. Dieci anni dopo, l'orrore e i ricordi di quel giorno lontano e terribile ormai sfocati, Jude, ora diciassettenne, è stanca di essere maltrattata da tutti e soprattutto vuole sentirsi finalmente parte del luogo in cui è cresciuta, poco importa se non le scorre nemmeno una goccia di sangue magico nelle vene. Ma le creature che le stanno intorno disprezzano gli umani. E in particolare li dis