Passa ai contenuti principali

Recensione "Paper Princess" di Erin Watt

La scorsa settimana ho terminato uno dei libri più discusso delle ultime settimane. Si tratta di Paper Princess, libro scritto da Erin Watt, pseudonimo delle autrici Elle Kennedy (che, dal quel che ho letto, ha scritto Il contratto) e Jen Frederick. C'è chi lo ha odiato e chi lo ha adorato, curiosi di sapere da che parte mi schiererò? L'ho letto praticamente solo per questo 
NB: potrebbero esserci dei piccolissimi spoiler


Titolo: Paper Princess
Autore: Erin Watt
Pagine: 352
Editore: Sperling&Kupfer
Data di pubblicazione: 30 maggio 2017
amazon
Dagli strip club e stazioni di servizio ai palazzi della costa del sud e le scuole di preparazione, una ragazza cerca di rimanere fedele a se stessa.
Questi Royals ti rovineranno...
Ella Harper è una sopravvissuta, un'ottimista pragmatica. Ha passato tutta la vita a muoversi di città in città con la volubile madre, lottando per sbarcare il lunario e credendo che un giorno riuscirà a risalire dal fondo.
Dopo la morte di sua madre, Ella è veramente sola.
Fino a quando appare Callum Royal, che strappa Ella dalla povertà e la trascina nel suo palazzo elegante con i suoi cinque figli che la odiano. Ogni ragazzo Royal è più magnetico di quello precedente, ma nessuno così accattivante come Reed Royal, il ragazzo che è determinato a rimandarla nei bassifondi da cui proviene.
Reed non la vuole. Dice che non appartiene ai Royals.
Potrebbe avere ragione.
Ricchezza. Eccesso. Inganno. Nulla che Ella abbia mai sperimentato, e se sopravviverà al periodo al palazzo Royal, avrà bisogno di imparare a rilasciare i propri decreti "reali". 
E *rullo di tamburi*
io mi trovo nel mezzo!
Nel senso che non mi è dispiaciuto, ma che capisco anche il motivo per il quale la gente se ne lamenti. Intanto questo libro non è adatto ad un pubblico "young adult" come verrebbe da pensare subito data l'età dei protagonisti. Lo so che i giovini di oggi sono tipo peggio di quelli del libro, ma credo che appunto per questo motivo dovrebbero leggere qualcosa di istruttivo, tipo la bibbia. Ok, un po' scherzo e un po' no. Solo che mi mette tristezza pensare che i ragazzini leggeranno Paper Princess pensando di trovarsi davanti il ragazzo dei loro sogni, la loro eroina, ecc, ecco. Magari c'è chi sa distinguere realtà da finzione (e con questo intendo separare ciò che ci fa brillare gli occhi nella finzione da ciò che ci fa brillare gli occhi nella realtà), ma è anche vero che al giorno d'oggi ci sono persone che vogliono un Christian Grey o Gray (o con qualsiasi fottutissima vocale si scriva) nella vita reale, perciò non mi sorprenderei.

Comunque il motivo per il quale non mi è dispiaciuto è che l'ho buttata sul ridere. Nel senso che questa volta al posto di irritarmi, lanciare il libro della finestra e passarci sopra con un camion, ho deciso di farmi una risata - e, per la cronaca, ne ho fatte tante, e non perché c'era da ridere lol.
Ella nel primo capitolo mi stava sulle palle e pensavo l'avrei odiata, per questo motivo avevo deciso di lasciar perdere, ma dopo il caos scoppiato grazie a questo libro mica potevo tenermi in disparte? Dovevo lanciarmi nella mischia.

Diciamo che successivamente diventa sopportabile, seppur io non abbia condiviso molte sue scelte. Ad esempio mi è piaciuta ogni volta che qualcuno le fa un dispetto e lei gira la frittata a suo favore. Certo, poi quando ci sono di mezzo i Royal è un po' rincretinita - proprio quando deve tirar fuori le palle -, specialmente quando c'è di mezzo Reed. Comunque per certi aspetti l'ho trovata un personaggio irrealistico. Andiamo, ha fatto la spogliarellista per sopravvivere e pagare le spese della malattia della madre ed è vergine? Della serie "Tutti mi dicono puttana, ma io non ho mai fatto sesso e quindi non lo sono". In pratica è questo il messaggio che passa, come se avesse fatto sesso per sopravvivere avrebbe fatto di lei una brutta persona. E poi, come fa una disperata che darebbe la vita per salvare la madre a non essersi mai spinta più in là in cambio di soldi?

Il background dei Royal l'ho trovato più interessante invece. Sono incazzati con il padre perché pensano che la madre sia morta per colpa sua, per non parlare del fatto che non è mai stato presente come figura genitoriale, eppure in quanto tutore di Ella si fa in quattro per lei. Ecco, non dico che sono giustificati, ma io un po' capisco il loro comportamento. Anch'io sarei arrabbiata con i miei se non si fossero mai comportati da genitori e poi arriva un tizio random e si comportano da genitori modello.

Ho trovato completamente insensata la cotta che prende Ella per Reed. Ci sta che magari sia un po' attratta, dato la bellezza dei ragazzi, ma addirittura innamorarsene mi sembra esagerato. Speravo che avesse maggiore forza di volontà. Personalmente è la parte che ho meno preferito e che mi ha annoiato a morte. La loro storia non mi ha trasmesso nulla, così come lo stesso Reed.

Tra i Royal è quello più freddo e più stronzo. Dopo la fine del libro ben poco sappiamo di lui. In generale sappiamo ben poco di tutti gli altri personaggi, se non giusto un po' del loro backgroud, ma di lui che in un certo senso può essere considerato il coprotagonista, non sappiamo nient'altro. Cosa gli piace, cosa pensa. E' più approfondito il padre, Callum, e il fratello Easton che lui. Seriamente, Easton mi è piaciuto un sacco, seppur sia un maiale e abbia ovviamente qualche problemino mentale(ma, hey, io ho seri problemi, che vi aspettavate?). Comunque mi ha divertita e, se fossi stata io, altro che Reed.

La prima parte mi ha ricordato molto Gossip Girl, la seconda invece credo che le autrici si siano lasciate prendere la mano un po' troppo con i cliché e un pochino mi hanno annoiato, soprattutto verso la fine. Del tipo ragazzo biondo, perfetto, stimato da tutti che si rivela essere un pervertito; Reed che picchia tizio random perché ha insultato Ella; e blablablabla. Non vi ricorda qualcuno? Dai, vi do un biscottino se riuscite ad indovinare (e no, non è Christian Coso..no, aspettate, anche lui ci somiglia!).

Insomma,è partito bene per poi perdersi nei capitoli finali, ma tutto sommato lettura poco impegnativa e coinvolgente. Sono indecisa se leggere o meno il secondo volume perché onestamente il solo pensiero di un altro libro con i drammi Ella-Reed mi sale un pochetto il suicidio, ma sono troppo curiosa di saperne di più su Easton e, I don't know, magari quando uscirà Paper Prince (27 giugno) sarò psicologicamente pronta.

THE ROYALS

  • #1 Paper Princess
  • #2 Paper Prince (27 giugno)
  • #3 Twisted Palace
  • #3.5 Tarnished Crown
  • #4 Fallen Heir
  • #5 Cracked Kingdom

Fatemi sapere cosa ne pensate e, se volete discutere di certi aspetti del libro, scrivete pure. Vi risponderò al più presto :)

Commenti

  1. Questo romanzo è ovunque, mi sta perseguitando! Non è proprio il mio genere, infatti penso proprio che passerò, anche se sarei di curiosa di vedere cosa propinano a questi ragazzi :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. di sicuro non penso sia una lettura imperdibile,ma se fossi curiosa e volessi qualcosa di leggero, sai cosa leggere XD

      Elimina
  2. Io non capisco il polverone su sto libro. E sinceramente non voglio ne capirlo ne entrarci perchè io ho adorato questa serie, non è un capolavoro certo ma a volte un po di drama non guasta e di certo i giovani di oggi ne sanno già parecchie di cose...

    Meglio per me, meno gente con cui spartirsi Easton <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Be', io un po' capisco perché ad alcuni non sia piaciuto per niente, ma penso che ci siano libri peggiori XD

      Elimina
  3. Nope, non credo lo leggerò, ho già dato qualcosa di simile per Il mio sbaglio più grande della Douglas ^^" E poi perchè potrei essere io quella che ci passa sopra con un camion XD Però tutte 'ste polemiche... bah, se ti interessa lo leggi, sennò ciao!

    RispondiElimina
  4. Mi incuriosiva da quando era uscito in lingua originale, ma la tua recensione non mi ha particolarmente invogliata a leggerlo... Sarà che in questo periodo ho bisogno di tutt'altro genere di letture, ma per il momento ci penserò un po' su.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. be', se ti incuriosisce dovresti leggerlo, ma magari aspetta che le acque si siano calmate e di essere in un periodo in cui hai bisogno di un libro non particolarmente impegnativo XD

      Elimina
  5. mi è piaciuto il tuo parere, discosta un po' dai soliti

    RispondiElimina
  6. Io ho guardato la video-recensione di Ilenia e riconfermo la mia decisione di lasciarlo proprio perdere... so lancerei dalla finestra sicuramente... e non c'ho voglia di perdere tempo a leggere cose brutte :/ ad ogni modo non penso di perdermi nulla e me lo hai confermato anche tu :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. da questo punto di vista, no, non ti perdi nulla XD

      Elimina
  7. "...mi sale un pochetto il suicidio". Esattamente, Giusy, esattamente. Mi sa che io balzerò, per stavolta. Meglio altro genere di lettura!
    Ho sclerato nel fare la recensione, non sapevo davvero cosa scrivere. Volevo restare imparziale ma poi mi è partita la mano sulla tastiera, e chi la ferma più.

    RispondiElimina
  8. Ehi, ciao! Bella la tua recensione: condivido quasi tutto. Ho appena finito sia Paper Princess che Paper Prince e non sono orribili: ti fanno passare un pomeriggio quasi piacevole... Il problema è che, davvero, ci sono delle scene (in entrambi) che sanno di sbagliato, malsano e, a volte, ridicolo e assurdo, molto assurdo. Soprattutto, ciò che non capisco è come possano alcune lettrici desiderare di avere un Reed Royal come fidanzato/marito o che ne so io... A parte essere un gran figo pieno di soldi, quali pregi ha?

    RispondiElimina

Posta un commento

Scrivi pure il tuo parere. Rispondo appena possibile! Se non vedi subito il tuo commento è perché si trova in attesa di moderazione; lo vedrai solo una volta che sarà approvato (approvo TUTTI i commenti tranne lo spam; inoltre facendo così riesco a rispondere anche quando commenti un articolo scritto anni fa).

Post popolari in questo blog

L'estate nei tuoi occhi

Buon giorno divoratori ^^ notate nulla di diverso? Non avevo intenzione di cambiare template o, almeno, volevo mantenere quello precedente per qualche altra settimana e poi cambiarlo con uno estivo ma quando ho trovato questo pattern con le piume carinissimo, non ho potuto farne a meno! Ho cambiato giusto qualche cosa, non volevo fare grandi modifiche perché ho realizzato che più una grafica è semplice, più dura xD solitamente mi stufo subito di quelle complicatissime. Okay, bando alle ciance, oggi vi lascio questa recensione :3 Titolo: L'estate nei tuoi occhi (The summer trilogy #1) Autore: Jenny Han Editore: Piemme Anno: 2014 Due fratelli. Un vero amore. Belly misura il tempo in estati. Tutto ciò che di bello e magico è accaduto nella sua vita, è accaduto fra giugno e agosto. L'inverno è solo il periodo che la divide dalla prossima estate, dalla casa sulla spiaggia, da Susannah e i suoi due figli, da Conrad e Jeremiah. Loro sono gli amici con cui è cre

Doppia recensione | Non è estate senza di te & Per noi sarà sempre estate di Jenny Han

Buon pomeriggio divoratori c: oggi vi lascio la recensione dei due volumi della Summer trilogy!  Cercherò di essere breve e di evitare spoiler :3 La trama potete leggerla cliccando sul titolo del libro. Non è estate senza di te di Jenny Han , secondo volume della Summer trilogy,  edito da Piemme. Il primo volume di questa trilogia stranamente mi era piaciuto e nonostante le varie recensioni poco positive di questo libro, ho deciso di continuare la serie.  Non è estate senza te  l'ho trovato un pochino inferiore rispetto al primo volume ma ad ogni modo mi è piaciuto. Ne L'estate nei tuoi occhi  i capitoli si alternavano in flashback e presente, qui invece i ricordi sono di meno e vi è anche il punto di vista di Jeremiah. Da un lato, ho apprezzato questa novità, ma dall'altro lato ha reso tutto ancora più confuso, perché si passava da Belly a Jeremiah, da Jeremiah ai flashback dal punto di vista di Belly e.e I flashback già non mi piacevano nel primo volume ma all

Recensione "Il principe crudele" di Holly Black (è davvero un flop?)

Ciao lettori, oggi vi lascio la recensione de " Il principe crudele ", una delle ultime fatiche di Holly Black , autrice che rientra tra le mie preferite perché fino a questo momento non mi ha mai delusa. Chissà come sarà andata questa volta? Leggete la mio opinione per scoprirlo ⇩ Titolo: Il principe crudele Autore: Holly Black Pagine: 313 Editore: Mondadori Anno: 2018 compralo a 9,99€ Jude era solo una bimba quando i suoi genitori furono brutalmente assassinati. Fu allora che sia lei che le sue sorelle vennero rapite e condotte nel profondo della foresta, nel mondo magico. Dieci anni dopo, l'orrore e i ricordi di quel giorno lontano e terribile ormai sfocati, Jude, ora diciassettenne, è stanca di essere maltrattata da tutti e soprattutto vuole sentirsi finalmente parte del luogo in cui è cresciuta, poco importa se non le scorre nemmeno una goccia di sangue magico nelle vene. Ma le creature che le stanno intorno disprezzano gli umani. E in particolare li dis

Recensione "Shatter me" di Tahereh Mafi

Miei cari divoratori, ho appena terminato Shatter me (ex Schegge di me) di Mafi Tahereh . Non ho potuto resistere un giorno in più per scrivere questa recensione: devo farlo adesso, per forza. Titolo: Shatter me Serie: Shatter me 1 Autore:  Tahereh  Mafi  Pagine: 275 Anno: 2012 Editore: Rizzoli Compralo a 8,99€ 264 giorni segregata in una cella, senza contatti con il mondo. Juliette non può parlare con nessuno, e nessuno deve avvicinarla, perché ha un potere terribile: se tocca una persona la uccide. Agli occhi dell'organizzazione che l'ha rapita il suo potere è un'arma stupefacente, per lei è una maledizione. Un giorno però nella cella viene spinto Adam. Juliette non vuole fargli del male, e così lo tiene a distanza. Ma Adam non sa del suo potere, e mentre lei dorme in preda agli incubi la prende tra le braccia per confortarla. Da quel momento tutto cambia, perché Adam, immune al tocco di Juliette, è l'unico che può accettarla così com'è. Insieme pr

Recensione "Fidanzati dell'inverno. L'attraversaspecchi" di Christelle Dabos

La recensione di oggi riguarda Fidanzati dell'inverno di Christelle Dabos il primo volume della famosissima serie francese L'Attraversapecchi . Vi consiglio vivamente di evitare la trama del libro e passare direttamente alla recensione perché, per quel che mi riguarda, dice anche troppo! Titolo: Fidanzati dell'inverno Autore: Christelle Dabos Serie: L'Attraversaspecchi 1 Pagine: 382  Editore: Edizioni e/o Anno: 2018 (ita), 2013 (fr) comprarlo a 12,99€ L’Attraversaspecchi è una saga letteraria in tre volumi che mescola Fantasy, Steampunk e Belle Époque, paragonata dalla stampa francese alle saghe di J.K. Rowling e Philip Pullman. Fa da sfondo un universo composto da 21 arche, tante quanti sono i pianeti che orbitano intorno a quella che fu la Terra. La protagonista, Ofelia, è originaria dell’arca “Anima”; una ragazza timida, goffa e un po’ miope ma con due doni particolari: può attraversare gli specchi e leggere il passato degli oggetti. Lavora come curatri

Recensione "queste gioie violente" di Chloe Gong

Buongiorno lettori, rieccomi da queste parti con la recensione di ‘queste gioie violente’ di Chloe Gong,  retelling di Romeo e Giulietta di William Shakespeare. Ringrazio la Mondadori per la copia digitale gentilmente offerta, ci tenevo tantissimo a leggere questa dilogia, avevo aspettative altissime che per fortuna sono state soddisfatte! Titolo : Queste gioie violente Autore : Chloe Gong Numero pagine : 396 Anno di pubblicazione : 2022 Casa editrice : Mondadori "Corre l'anno 1926 e a Shanghai, scintillante come non mai, si respira un'aria di dissolutezza. Una faida sanguinosa tra due gang nemiche tinge di rosso le strade, lasciando la città inerme nella morsa del caos. Al centro di tutto c'è la diciottenne Juliette Cai che, dopo un passato lontano dagli affari di famiglia, ha deciso ora di prenderne in mano le redini e assumere il ruolo che le spetta di diritto nella Gang Scarlatta, un'organizzazione di criminali completamente al di sopra della legge. Ma non sono

La trilogia delle gemme: Red, Blue, Green.

Buongiorno divoratori :3 Oggi vi parlo della trilogia delle Gemme di Kerstin Gier che ho iniziato a dicembre e finito giusto ieri. Ovviamente non ci saranno spoiler e potete leggere la recensione anche se non avete ancora letto Red. Per le trame dei libri cliccate sulle cover :3 Red, Blue e Green sono state delle letture molto piacevoli ma non nego il fatto che le mie aspettative sono state un po' deluse. Ho sempre letto recensioni positivissime e su GR il rating più basso è di tipo quattro stelline o_o. Perciò potete capire le mie aspettative! Innanzitutto, se la Gier o la ce avesse deciso di pubblicare la trilogia in un unico libro, probabilmente lo avrei apprezzato molto di più. Red è molto introduttivo, nel senso che in trecento pagine non succede un bel niente. E non ha nemmeno un finale ._. finisce esattamente nel bel mezzo della storia (anzi, quale "mezzo" della storia? Questa storia ha praticamente solo l'inizio!). Stessa cosa con Blue , stessa

Vi consiglio un autore: Alice Basso e recensione "Una stella senza luce"

Buongiorno lettori, oggi abbandono per un attimo il tema fantasy a noi tanto caro per proporvi la recensione di “una stella senza luce” di Alice Basso , questa volta si tratta di un libro giallo e di un’autrice che amo moltissimo e che mi piacerebbe presentarvi! Alice lavora per le case editrici come traduttrice, redattrice e valuta le proposte editoriali, canta e scrive testi per una rockband, ama disegnare e se date un’occhiata alla sua pagina facebook o instagram vi accorgerete di quanto abbia un’ironia a cui non si può resistere! Insomma è una tosta! La sua prima serie che l’ha fatta conoscere al grande pubblico è quella dedicata alle vicende di Vani Sarca , una ghostwriter di enorme talento che tramuta in parole le idee degli altri, ha il grande dono di entrare nella mente degli altri, di saper leggere le persone, cosa che le permette così di poter scrivere libri di qualsiasi genere. La serie di  Vani Sarca: -L’imprevedibile caso della scrittrice senza nome (2015) -Scrivere è un

Recensione "Crescent City. La casa di terra e sangue" di Sarah J. Maas

Ciao lettori, finalmente sono tornata (io, Giusy) con una nuova recensione. Il libro in questione è Crescent City - La casa di terra e sangue di Sarah J. Maas . Vi anticipo già che è stato un parto soffertissimo. Titolo: La casa di terra e sangue Serie: Crescent City 1 Autrice: Sarah J. Maas Pagine: 708 Editore: Mondadori Anno di pubblicazione: 2020 Compralo a 19,90€ Ventitré anni, mezza Fae e mezza umana, Bryce Quinlan ha una vita perfetta: di giorno lavora in una galleria d'arte e di notte passa da una festa all'altra, senza problemi e senza preoccupazioni. Quando però una brutale strage scuote profondamente Crescent City, la città in cui vive, e Bryce perde una persona a lei molto cara, il suo mondo crolla in mille pezzi lasciandola disperata, ferita e molto sola. Adesso non cerca più il divertimento, ma un oblio in grado di farle dimenticare i terribili fatti che hanno cambiato la sua vita per sempre. Due anni dopo l'imputato è finalmente dietro le sbarre ma i crimini r

Recensione Endless Knight, Kresley Cole

Buon pomeriggio divoratori :D Sono giorni che lavoro a questa recensione perché non sono molto in vena di scrivere :$ ad ogni modo ci tenevo a lasciarvi la recensione di Endless Knight , seguito di Poison Princess . Come sempre, niente spoilers (l'unico che ho fatto l'ho nascosto u.u) :D (avete visto le faccine? non sono fighissime?). Titolo: Endless Knight Serie: Arcana Chronicles #2 Autore: Kresley Cole Inedito in Italia Evie ha preso pieno possesso dei suoi poteri in quanto Imperatrice dei tarocchi, e Jack era lì ad assistere. Ora sa che i ragazzi che si sono reincarnati nei tarocchi sono nel mezzo di una battaglia epica. Si tratta di uccidere o essere uccisi, con il futuro dell'umanità in bilico. Con minacce in agguato in ogni angolo, Evie è costretta a fidarsi dei nuovi alleati. Insieme devono combattere non solo gli altri Arcani, ma anche gli Bagmen zombies, tempeste post-apocalittiche e cannibali. Quando Evie incontra Morte, le cose divent