Passa ai contenuti principali

Focus on

Recensione "La città di ottone" di S. A. Chakraborty

Ciao lettori, oggi vi lascio la recensione de "La città di ottone" di S. A. Chakraborty, primo volume della trilogia Daevabad. Ringrazio Mondadori per la copia del libro!
Titolo: La Città di Ottone Autore: S. A. Chakraborty Pagine: 528 Editore: Mondadori (Oscar Fantastica) Anno: 2020 (ita) Compra a 9,99€ EGITTO, XVIII SECOLO. Nahri non ha mai creduto davvero nella magia, anche se millanta poteri straordinari, legge il destino scritto nelle mani, sostiene di essere un'abile guaritrice e di saper condurre l'antico rito della zar. Ma è solo una piccola truffatrice di talento: i suoi sono tutti giochetti per spillare soldi ai nobili ottomani, un modo come un altro per sbarcare il lunario in attesa di tempi migliori. Quando però la sua strada si incrocia accidentalmente con quella di Dara, un misterioso jinn guerriero, la ragazza deve rivedere le sue convinzioni. Costretta a fuggire dal Cairo, insieme a Dara attraversa sabbie calde e spazzate dal vento che pullulano di creature d…

Dal libro al film: differenze tra il libro e il film di Hunger Games

Eccoci qui con il primo appuntamento della rubrica Dal libro al film. Qui analizzeremo le principale differenze tra il libro di Hunger Games e la sua trasposizione cinematografica. Ovviamente ci sono spoiler! Buona lettura!

Titolo: Hunger Games
Autore: Suzanne Collins
Serie: Hunger Games 1
Editore: Mondadori (Oscar Fantastica)
Pagine: 420
Compralo a 11,05€
Compra La ragazza di fuoco
Compra Il canto della rivolta
Quando Katniss urla "Mi offro volontaria, mi offro volontaria come tributo!" sa di aver appena firmato la sua condanna a morte. È il giorno dell'estrazione dei partecipanti agli Hunger Games, un reality show organizzato ogni anno da Capitol City con una sola regola: uccidi o muori. Ognuno dei Distretti deve sorteggiare un ragazzo e una ragazza tra i 12 e i 18 anni che verrà gettato nell'Arena a combattere fino alla morte. Ne sopravvive uno solo, il più bravo, il più forte, ma anche quello che si conquista il pubblico, gli sponsor, l'audience. Katniss appartiene al Distretto 12, quello dei minatori, quello che gli Hunger Games li ha vinti solo due volte in 73 edizioni, e sa di aver poche possibilità di farcela. Ma si è offerta al posto di sua sorella minore e farà di tutto per tornare da lei. Da quando è nata ha lottato per vivere e lo farà anche questa volta. Nella sua squadra c'è anche Peeta, un ragazzo gentile che però non ha la stoffa per farcela. Lui è determinato a mantenere integri i propri sentimenti e dichiara davanti alle telecamere di essere innamorato di Katniss. Ma negli Hunger Games non esistono gli amici, non esistono gli affetti, non c'è spazio per l'amore. Bisogna saper scegliere e, soprattutto, per vincere bisogna saper perdere, rinunciare a tutto ciò che ti rende Uomo.

Partiamo dal fatto che prima ho visto il film e mi è piaciuto, dopo ho letto il libro ed è stato subito amore. E delusione per il film. Il libro è tutto un'altra cosa, un altro mondo.

Questa differenza enorme parte dal fatto che il libro è narrato in prima persona dalla protagonista, Katniss, e quindi prevalgono i suoi pensieri. E questo secondo me è ciò che ha complicato tutto.
Cose che non sono spiegate nel film sono spiegate nel libro, ma nei pensieri di Katniss. E dunque molte cose non possono essere riportate nel film e alcune ce le lasciano intendere.
compra l'intera saga cinematografica

Le principali differenze sono:
    • L'assenza di Madge (figlia del sindaco) nel film. A mio parere lei era un personaggio fondamentale poiché dona la spilla con la ghiandaia imitatrice a Katniss e farà altre comparse negli altri libri. Mentre nel film è un'anziana signora a donarle la spilla. 
    • Hanno cambiato il nome di un personaggio, da Glimmer a Lux. 
    • Nel libro la gamba di Peeta viene ferita dagli ibridi, amputata e rimpiazzata con una protesi di metallo. Nel film la gamba guarisce. (è stato un trauma scoprirlo). 
    • Verso la fine del libro Katniss non ci sente da un orecchio. Mentre nel film questa scena è omessa. 
    • La morte di Cato nel libro è lunga e dolorosa. 
    • Alla fine del libro Peeta scopre che Katniss ha finto di amarlo per tutto questo tempo. Nel film questa parte è omessa e infatti non si capisce la battuta finale di Peeta: 'Ancora una volta, per la televisione?' 
    • Nel film gli ibridi sono semplici bestie nere. Mentre nel libro hanno colori diversi poiché sono creati con il DNA degli altri tributi. 
Sperando che per Catching Fire il regista si sia impegnato di più, aspetto i vostri commenti ^_^

Commenti

  1. hi sweetie!
    nice post!
    I am having a super giveaway with Haute1 in my blog, come by!
    the midniteblues
    Xx

    RispondiElimina
  2. Sai che non mi ero accorta di tutte queste differenze? :) ho visto il film appena uscito, e ho letto il libro più di un anno dopo... quindi non avevo notato queste differenze! Diciamo che è quasi sempre meglio il libro del film, proprio perchè ti permette di entrare in quel determinato mondo.
    Il film mi è piaciuto parecchio, e il libro anche.. quindi se guardati come due cose diverse sono entrambi molto belli! Perciò non posso fare questo paragone proprio perchè dovrei vedere nuovamente il film e rileggere nuovamente il libro xD

    RispondiElimina

Posta un commento

Lascia un segno del tuo passaggio. I vostri commenti sono l'anima del blog. Lo spam sarà automaticamente cancellato.

Post più popolari