Passa ai contenuti principali

Recensione “Il regno di cenere” di Sarah J. Maas

Oggi esce Il regno di cenere, volume conclusivo della serie Il trono di ghiaccio di Sarah J. Maas. Per l’occasione ho organizzato un review party insieme ad altre blogger. Di seguito trovate la mia recensione del libro!

Titolo: Il regno di cenere
Autore: Sarah J. Maas
Pagine: 1080
Editore: Mondadori (Oscar Fantastica)
Anno di pubblicazione: 2021
Compralo a 8,99€
Aelin ha rischiato tutto per salvare il suo popolo, ma ha pagato un prezzo altissimo: è stata rinchiusa in una bara di ferro dalla regina Maeve, costretta a sopportare mesi di torture se non vuole condannare coloro che ama. Ma anche la sua forza e la sua determinazione iniziano a incrinarsi. Non è l'unica a dover combattere per assicurarsi un futuro, mentre i fili del destino dei vari personaggi si intrecciano inesorabilmente.

Recensione Il regno di cenere di Sarah J. Maas


Questa recensione probabilmente sarà lunghissima perché Il trono di ghiaccio è tra le mie serie preferite e sarà difficile contenere le emozioni. Ho moltissimo da dire.


Ho iniziato a leggere il trono di ghiaccio un pomeriggio d’estate del lontanissimo 2014 e lo divorai in pochissime ore. Mi appassionò come poche storie, mi fece ridere ed emozionare. A distanza di anni ho letto e riletto il romanzo e, seppur consapevole dei difetti, è un po’ come tornare a casa. 


L’attesa dei seguiti è stata un’agonia. Ricordo che dopo l’uscita del secondo volume, del terzo non si seppe più nulla, tant’è che per la prima volta decisi di acquistare un libro in inglese e provai a leggerlo. Questa serie è stata sfortunata, sempre ad un passo dalla interruzione; per questo quando finalmente ho avuto il file in anteprima, ero emozionata. Non mi sembrava vero che finalmente avessi il capitolo conclusivo nelle mie mani.


Con la Maas negli ultimi anni ho avuto un rapporto altanelante. Mi ha tenuto con il fiato sospeso, mi ha sorpreso, mi ha fatto innamorare dei suoi personaggi e delle sue ship, ma mi ha anche spezzato il cuore e questo penso non glielo perdonerò mai, anche se adesso gli voglio un po’ più bene rispetto a prima. 


Prima di iniziare questo libro ero dubbiosa e spaventata a causa di alcune delusioni (*coff coff* crescent city), quindi ero pronta al peggio. E invece mi ha sorpreso. È esattamente la Maas che amo. Non è perfetto, ma per quel che mi riguarda si avvicina moltissimo ai libri dell’autrice che adorato qualche anno fa (cioè i primi tre della serie).


Inizio con il dire che dei libri precedenti ricordavo la storia in linea generale, per questo secondo me sarebbe stato utile pubblicare La torre dell’alba e questo a pochi mesi di distanza, o al massimo l’impero delle tempeste e la torre dell’alba ravvicinati visto che gli eventi si svolgono in contemporanea e perché vi ricordo che quest’ultimo è uno spin-off con personaggi diversi, ma la storia è fondamentale per capire lo sviluppo della trama de il regno di cenere. Insomma, il rischio è che non ricordiate cosa sia successo ne l’impero delle tempeste perché sono passati praticamente due anni dalla sua pubblicazione, ecco.


Spaesamento che mi sono portata dietro per un po’ perché non tutti gli eventi precedenti vengono ripresi. Ma tralasciando questa cosa, è stato come andare sulle montagne russe. Momenti di calma, momenti un po’ noiosetti, ma anche momenti bellissimi ed emozionanti. Ho perso il conto dei pianti che mi sono fatta.


La trama di questo volume è ben architettata. L’autrice nei ringraziamenti dice di aver passato letteralmente metà della sua vita a progettare questa serie e secondo me si nota tantissimo. Ogni volta che un tassello è andato al proprio posto, io sono rimasta a bocca aperta. È questo il potere della Maas, ti sorprende quando meno te l’aspetti. E dopo la serie Acotar, non ero più abituata a questo genere di cose.


Anche i personaggi mi hanno colpita. Ho avuto una relazione complicata con loro a causa degli ultimi due volumi, in cui tutti mi sembravano uguali, esagerati e intercambiabili con quelli di acotar. Qui ho apprezzato lo sforzo dell’autrice di distinguerli, di renderli più umani e realistici. Sono personaggi che si evolvono e si comportano in maniera credibile.


Con Aelin ho finalmente fatto pace. Eravamo ai ferri corti dopo L’impero delle tempeste, ma qui ho apprezzato che la sua arroganza si sia dimezzata e mi è piaciuto vederla pronta a sacrificarsi pur di offrire un futuro al suo popolo. Anche Rowan stranamente non mi è dispiaciuto, seppure resta ben lontano dalla mia lista di personaggi preferiti. 


Il personaggio che però ho ADORATO è senza dubbio Dorian. Non l’avrei mai detto, ma è entrato dritto dritto tra i miei preferiti di questa serie, se non IL PREFERITO (sì, più di Chaol, ma solo perché la Maas, purtroppo, non ha grandissimi programmi per lui *sigh*).  È maturato tantissimo, è questo suo lato un po’ oscuro mi è piaciuto moltissimo. Il suo forse è il pov che ho trovato più coinvolgente, insieme a quello di Manon. Non mi soffermo su tutti i personaggi altrimenti non ne usciamo più, ma sappiate che ho apprezzato un po’ tutti, perfino Maeve (anzi, vi dirò di più, ho adorato le sue scene) e mi è piaciuto il fatto che anche quelli secondari abbiano acquisito spessore. Mi dispiace invece per tutte le altre comparse che avrei voluto avessero molto più spazio.


Ma, c’è un ma. Nonostante abbia adorato i personaggi, penso che alla Maas sia sfuggita di mano la gestione dei punti di vista. Se dico che ci sono 11 pov non sto esagerando. Aelin, Rowan, Chaol, Yrene, Dorian, Manon, Elide, Lorcan, Aedion, Lysandra, Nesryn. E dimentico sicuro qualcuno. Il problema non sono tutti questi punti di vista, il problema è che spesso sono inutili e ci troviamo a leggere scene che non aggiungono nulla alla storia o che sono ripetitive. Come le battaglie iniziali e nel mezzo. Oltre al fatto che fosse palese che non ci sarebbe stato nessun sviluppo, spesso i personaggi fanno le stesse azioni, provano le stesse emozioni, ecc. quindi è stato come leggere sempre le stesse cose.


Il finale in parte non è stato come mi immaginavo (diciamo che mi aspettavo lo scontro epico), ma nel complesso mi è piaciuto proprio perché è stato diverso da quello che ci si aspetta (ha senso?). E poi ve l’ho già detto che ho pianto un botto?


L’epilogo l’ho trovato perfetto. Un’ottima conclusione di una bellissima saga. Inutile dirvi che mi mancherà da morire! 


Fatemi sapere cosa ne pensate e passate a leggere le altre recensioni 💕.


Seguitemi su: instagram | facebook | twitter | goodreads


Commenti

Post popolari in questo blog

Libri in uscita nel mese di Aprile

Buon primo aprile, lettori! Pronti a vedere le novità in libreria di questo mese? Mettetevi comodi perché escono un sacco di libri interessanti! 1. Il dizionario del diavolo (5 aprile) Una raccolta delle opere horror di Ambroce Bierce. Edizione bellissima, come sempre. 2. Wicked. Vita e opere della perfida strega dell'Ovest (5 aprile) Dopo essere stato rimandato per settimane, sembrerebbe che adesso l'uscita definitiva sia il 5. Sul blog trovate la recensione di Giulia ( leggila qui ). E se vi state chiedendo se l'edizione italiana avrà il dettaglio della cover "bucata", la risposta è sì. 3. Al nuovo gusto di ciliegia (5 aprile) Confesso di averlo snobbato, ma leggendo bene la trama sembra fare proprio al caso mio. Sembra uno di quegli horror un po' weird che adoro. 4. Ancora una volta con te (7 aprile) Il "fenomeno di booktok" arriverà in italiano con tanto di cover originale. Con la Newton Compton poi. Ci credete? 5. Crescent City. La casa di ci

Recensione "Fidanzati dell'inverno. L'attraversaspecchi" di Christelle Dabos

La recensione di oggi riguarda Fidanzati dell'inverno di Christelle Dabos il primo volume della famosissima serie francese L'Attraversapecchi . Vi consiglio vivamente di evitare la trama del libro e passare direttamente alla recensione perché, per quel che mi riguarda, dice anche troppo! Titolo: Fidanzati dell'inverno Autore: Christelle Dabos Serie: L'Attraversaspecchi 1 Pagine: 382  Editore: Edizioni e/o Anno: 2018 (ita), 2013 (fr) comprarlo a 12,99€ L’Attraversaspecchi è una saga letteraria in tre volumi che mescola Fantasy, Steampunk e Belle Époque, paragonata dalla stampa francese alle saghe di J.K. Rowling e Philip Pullman. Fa da sfondo un universo composto da 21 arche, tante quanti sono i pianeti che orbitano intorno a quella che fu la Terra. La protagonista, Ofelia, è originaria dell’arca “Anima”; una ragazza timida, goffa e un po’ miope ma con due doni particolari: può attraversare gli specchi e leggere il passato degli oggetti. Lavora come curatri

Recensione "Il principe crudele" di Holly Black (è davvero un flop?)

Ciao lettori, oggi vi lascio la recensione de " Il principe crudele ", una delle ultime fatiche di Holly Black , autrice che rientra tra le mie preferite perché fino a questo momento non mi ha mai delusa. Chissà come sarà andata questa volta? Leggete la mio opinione per scoprirlo ⇩ Titolo: Il principe crudele Autore: Holly Black Pagine: 313 Editore: Mondadori Anno: 2018 compralo a 9,99€ Jude era solo una bimba quando i suoi genitori furono brutalmente assassinati. Fu allora che sia lei che le sue sorelle vennero rapite e condotte nel profondo della foresta, nel mondo magico. Dieci anni dopo, l'orrore e i ricordi di quel giorno lontano e terribile ormai sfocati, Jude, ora diciassettenne, è stanca di essere maltrattata da tutti e soprattutto vuole sentirsi finalmente parte del luogo in cui è cresciuta, poco importa se non le scorre nemmeno una goccia di sangue magico nelle vene. Ma le creature che le stanno intorno disprezzano gli umani. E in particolare li dis

Recensione "la prigioniera d'oro" di Raven Kennedy

Buongiorno lettori, oggi vi propongo la recensione de "la prigioniera d'oro" di Raven Kennedy, una lettura leggermente fuori comfort zone per quanto mi riguarda! Titolo: La prigioniera d'oro. Re Mida e la gabbia dorata  Autore: Raven Kennedy  Pagine: 300   Editore: Armenia  Anno di pubblicazione: 2022 "Auren è la favorita di re Mida, l’uomo dal tocco d’oro, che la tiene in una gabbia dorata, simbolo del suo potere. Questa «gabbia» copre l’intero piano superiore del castello, con gabbie integrate in ogni stanza e passerelle sbarrate collegate tra loro, in modo che Auren possa girare liberamente per il castello. La prigioniera si sente protetta e al sicuro nella sua gabbia. Ma da cosa? Ha avuto una vita molto dura, ha vissuto per strada fino a quando Mida non l’ha salvata. Auren lo conosce da prima che diventasse re, il che spiega molto sul loro rapporto. Ma la sua vita, le sue sicurezze, stanno per cambiare brutalmente..." RECENSIONE 'LA PRIGIONIERA D'

Recensione "Crescent City. La casa di terra e sangue" di Sarah J. Maas

Ciao lettori, finalmente sono tornata (io, Giusy) con una nuova recensione. Il libro in questione è Crescent City - La casa di terra e sangue di Sarah J. Maas . Vi anticipo già che è stato un parto soffertissimo. Titolo: La casa di terra e sangue Serie: Crescent City 1 Autrice: Sarah J. Maas Pagine: 708 Editore: Mondadori Anno di pubblicazione: 2020 Compralo a 19,90€ Ventitré anni, mezza Fae e mezza umana, Bryce Quinlan ha una vita perfetta: di giorno lavora in una galleria d'arte e di notte passa da una festa all'altra, senza problemi e senza preoccupazioni. Quando però una brutale strage scuote profondamente Crescent City, la città in cui vive, e Bryce perde una persona a lei molto cara, il suo mondo crolla in mille pezzi lasciandola disperata, ferita e molto sola. Adesso non cerca più il divertimento, ma un oblio in grado di farle dimenticare i terribili fatti che hanno cambiato la sua vita per sempre. Due anni dopo l'imputato è finalmente dietro le sbarre ma i crimini r

Recensione "Heartstopper" di Alice Oseman (REVIEW PARTY)

Ciao lettori, oggi vi lascio la recensione del primo volume di Heartstopper di Alice Oseman , in uscita proprio oggi! Titolo: Heartstopper Autore: Alice Oseman Pagine: 289 Editore: Oscar Mondadori (Oscar Ink) Compralo a 10,99€ Charlie e Nick frequentano la stessa scuola ma non si sono mai conosciuti. Fino a un giorno in cui si trovano casualmente seduti l'uno accanto all'altro. Diventano subito amici. Anzi di più. Charlie si innamora perdutamente di Nick anche se pensa di non avere alcuna possibilità. Ma l'amore è sempre sorprendente e anche Nick si scopre attratto da Charlie. Molto di più di quanto i due ragazzi potessero immaginare. Le piccole cose che Nick e Charlie vivono compongono qualcosa di grande, che parla a tutti noi di amore, amicizia, lealtà così come dei momenti difficili della vita. Recensione "Heartstopper" di Alice Oseman Lo scorso anno con Heartstopper c'è stato una sorta di *boom* su instagram perché tutti lo leggevano, tutti

Recensione Wicked. Vita e opere della perfida strega dell'Ovest - Perché dovreste leggerlo

Wicked. Vita e opere della perfida strega dell’Ovest  romanzo di Gregory Maguire del 1995 è una delle imminenti Oscar Vault . Di seguito una recensione del libro che ho avuto l’opportunità di leggere in anteprima!  << Elfaba, la Perfida Strega dell'Ovest "Per definizione, il male si nasconde." Glinda "Sono ricca sfondata, l'avresti mai detto? Chi immaginava che la beneficenza fosse così redditizia?" Principessa Elefantessa Nastoya "Quando ci troviamo di fronte a un bivio, quando l'aria puzza di tragedia, a rimetterci sono coloro che non indossano una maschera." Il Mago di Oz "Il punto, mia verde fanciulla, è che non tocca a una giovane, né a una studentessa, né a una cittadina decidere ciò che è giusto e ingiusto. È compito dei capi." Dottor Dillamond "Cosa pensate che intendesse Madame Morribile concludendo il secondo Quell con l'epigramma 'Animali, abbassate la cresta'!" Madame Morribile "Con il pass

Recensione "Nevernight. Mai dimenticare" di Jay Kristoff (o anche "Tutto quello che non mi è piaciuto del libro")

Ciao lettori, oggi recensione di Nevernight - Mai dimenticare , primo volume delle Cronache dell'Illuminotte , scritto da Jay Kristoff . Come già vi anticipo nel titolo, questo libro non mi è piaciuto. Adesso cercherò di spiegarvi per bene perché, cercando di evitare gli spoiler. Quei pochi che ho inserito sono stati oscurati, evidenziateli con il mouse per leggerli :D Titolo: Nevernight. Mai dimenticare Serie: Gli accadimenti di Illuminotte 1 Autore: Jay Kristoff Pagine: 462 Editore: Mondadori (Oscar Fantastica) Anno: 2019 (ita), 2016 (eng) Comprarlo a 17,00€ Destinata a distruggere imperi, Mia Corvere ha solo dieci anni quando riceve la sua prima lezione sulla morte. Sei anni dopo, la bambina cresciuta tra le ombre si avvia a mantenere la promessa che ha fatto il giorno in cui ha perso tutto. Ma le possibilità di sconfiggere nemici così potenti sono davvero esili, e Mia è costretta a trasformarsi in un'arma implacabile. Deve mettersi alla prova tra i nemici - e gl

Recensione "Frankenstein" di Mary Shelley

Ciao lettori! Oggi vi parlo di Frankenstein di Mary Shelley che ho letto per la The Goose Reading Challenge (link nella sidebar) . Sono curiosa di sapere il vostro parere perché a me non ha fatto particolarmente impazzire :( Titolo: Frankenstein Autore: Mary Shelley Pagine: 258 ebook 0,99€  |  cartaceo 13,06 Capolavoro della letteratura gotica affermatosi con rara potenza nell’immaginario collettivo, dalla sua pubblicazione nel 1818 il romanzo di Mary Shelley non ha mai smesso di eccitare la fantasia di lettori e artisti di tutto il mondo. Opera fondamentale per lo sviluppo del genere horror e di quello fantascientifico, la storia del giovane Frankenstein che riesce a dar vita a una “creatura” assemblata con parti di cadaveri colpisce ancora oggi per l’attualità delle questioni affrontate, dalla sfida dell’uomo ai limiti posti dalla natura al desiderio di poter sfuggire alla morte. In questa edizione di pregio, il mondo perturbante del romanzo trova perfetta rappresentazio