Passa ai contenuti principali

Recensione "La corte di fiamme e argento" di Sarah J. Maas

La prima recensione dell'anno non poteva non essere quella de La corte di fiamme e argento di Sarah J. Maas, in uscita domani per Mondadori. E' un volume spin-off della serie La corte di rose e spine con protagonisti Nesta e Cassian!

Titolo: La corte di fiamme e argento
Autore: Sarah J. Maas
Serie: Acotar 4
Pagine: 720
Editore: Mondadori
Data di uscita: 23 febbraio 2021
Nesta Archeron non è quel che si dice un tipo facile: fiera del suo carattere spigoloso, è particolarmente facile alla rabbia e poco incline al perdono. E da quando è stata costretta a entrare nel Calderone ed è diventata una Fae contro la sua volontà, ha cercato in ogni modo di allontanarsi dalla sorella e dalla corte della Notte per trovare un posto per sé all'interno dello strano mondo in cui è costretta a vivere. Quel che è peggio è che non sembra essere ancora riuscita a superare l'orrore della guerra con Hybern. Di certo non ha dimenticato tutto ciò che ha perso per colpa sua. A rendere ancora più irritante la sua situazione, poi, ci pensa Cassian, apparentemente dotato di una naturale predisposizione a farle perdere il controllo. Ogni occasione è buona per stuzzicarla e provocarla, rendendo però allo stesso tempo evidente la natura del focoso legame che, loro malgrado, li unisce. Nel frattempo, le quattro infide regine, che durante l'ultima guerra si erano rifugiate sul Continente, hanno siglato una nuova e pericolosa alleanza, una grave minaccia alla pace stabilita tra i regni. E la chiave per arrestare le loro mire potrebbe risiedere nella capacità di Cassian e Nesta di affrontare una volta per tutte il loro passato. Sullo sfondo di un mondo marchiato dalla guerra e afflitto dall'incertezza, i due Fae tenteranno di venire a patti con i loro personali mostri, con la certezza di trovare, l'uno nell'altra, quel qualcuno che li accetta così come sono e che li può aiutare a lenire tutte le ferite.

Recensione "La corte di fiamme e argento" di Sarah J. Maas

Aspettative prima di iniziare questo libro: zero.
Non solo perché Crescent City l'ho abbandonato a metà, ma anche perché il mio amore nei confronti di acotar e soprattutto verso certi personaggi è un po' scemato. Eppure Nesta è un personaggio che mi ha sempre incuriosito e che ho in qualche modo sempre apprezzato. E OK, VOLEVO RIVEDERE IL MIO AMATO AZ. 

Devo dire che a fine lettura posso tranquillamente affermare due cose:
1) Nesta è il personaggio più riuscito e più realistico della Maas;
2) questo libro a livello stilistico è decisamente più curato rispetti gli ultimi pubblicati dall'autrice.

Certo, non lo reputo perfetto, ma sono rimasta piacevolmente sorpresa perché non me lo aspettavo. Un po' di trash non manca, naturalmente, ma non l'ho trovato eccessivo e fastidioso come in Crescent City, ad esempio. 

Ma andiamo con ordine e parliamo innanzitutto della trama. Se vi aspettate un libro ricco di eventi, siete sulla strada sbagliata. Questo potremmo paragonarlo a La corte di nebbia e furia per come è strutturato: il focus del libro è la crescita personale di Nesta, seguito poi dalla storia d'amore che nel complesso non ho trovato fosse né tossica né eccessiva (certo, qualche scena erotica in meno l'avrei apprezzata ahahah) e poi tutto il resto. C'è anche del fantasy in tutto ciò (lol), però è in secondo piano, così come gli intrighi. Ecco, io avrei preferito fosse un libro più equilibrato come La corte di ali e rovina (probabilmente sono una delle poche ad averlo trovato il più bello della trilogia), ma ci sta se consideriamo che si tratta più di uno spin-off che di un vero e proprio sequel. 

Tenetelo ben in mente perché potreste restare delusi, specie quando scoprirete che i personaggi secondari sono marginali per lasciare spazio ai due protagonisti indiscussi, ovvero Nesta e Cassian. Alcuni compaiono più degli altri, ma in alcuni casi hanno proprio un ruolo piccolissimo. Dall'altro lato però abbiamo comparse di nuovi personaggi che ho apprezzato particolarmente, due figure che creeranno un bellissimo rapporto con Nesta, ovvero Gwyn e Emerie

Ma resta Nesta la vera protagonista della storia. Arrabbiata, fiera, potentissima, ma anche un personaggio che nasconde tanto dolore. Secondo me farà cambiare idea almeno a gran parte delle persone che la detestano. Perché è impossibile restare indifferenti davanti a quello che prova. Questo è infatti un libro che affronta temi importanti e in particolare parla di salute mentale (depressione). Il modo in cui l'autrice affronta il tema a me è piaciuto tantissimo e, vi dirò, spesso mi sono rivista nella protagonista e confesso che in alcune scene mi sono anche emozionata tantissimo. Nesta per me ruba la scena anche a Cassian. L'idea di leggere il punto di vista di quest'ultimo non mi entusiasmava. Penso che sia un buon personaggio secondario, un'ottima spalla, ma non così interessante da avere un intero libro dedicato. Infatti sono felice che Nesta abbia più spazio, mentre a Cassian toccano principalmente i capitoli dedicati agli intrighi. Nel complesso ripeto, è un buon personaggio e sono felice che comunque il percorso di Nesta non dipenda da lui (ha il suo sostegno, ma ecco, non guarisce grazie a Cassian).  

Il rapporto tra loro due mi è piaciuto, anche se non sono una delle mie coppie preferite. Di sicuro però i fan resteranno soddisfatti perché ci sono parecchi momenti Nessian bellissimi
Altra cosa che mi è piaciuta: il fatto che viene finalmente dato spazio alla famiglia Archeron. Con Nesta si parla tanto dei suoi genitori, del rapporto con la madre e di quello complesso con il padre e le sorelle. Mi piace il fatto che vengono fuori sentimenti principalmente negativi (come la gelosia) perché penso che sia abbastanza realistico. 

Parlando del fantasy in questo libro... è interessante sì, ma come ho già detto resta in secondo piano. Potrebbero esserci ulteriori sviluppi nei seguiti, ma in certo senso la storia si conclude qui, quindi può essere definito tranquillamente uno stand-alone. Altra cosa che mi ha lasciata dubbiosa è l'aggiunta di nuovi "elementi" (anche nella storia dei fae). Parliamo di cose mai citate in acotar per questo mi hanno dato l'idea di essere state aggiunte di punto in bianco. Allo stesso tempo però ci potrebbero stare, quindi attendo i prossimi volumi per capire se effettivamente potrebbero essere degli elementi interessanti o meno.

Il finale da un lato l'ho trovato frettoloso, dall'altro mi è piaciuto. Nel complesso però il bilancio è positivo. Come sempre la Maas mi fa ridere (per il trash), mi tiene incollata alle pagine (700 pagine che scorrono una meraviglia) e questa volta mi ha anche emozionata. Personalmente non vedo l'ora di leggere il prossimo libro che spero sia dedicato al mio adorato Azriel!

Valutazione: 4 stelle

Fatemi sapere se lo leggerete!

Commenti

  1. I miei Nessian <3 <3 <3 E più Cassian per me :P Adesso come facciamo ad aspettare il prossimo volume??? D:

    RispondiElimina
  2. Io l'ho adorato e concordo con te, è sicuramente uno dei suoi libri più stilisticamente riusciti!

    RispondiElimina
  3. Non sei la sola ad aver preferito ACOWAR ad ACOMAF. ;)
    Io invece ho apprezzato l'aggiunta di nuovi elementi perché rendono la storia generale più interessante.

    RispondiElimina

Posta un commento

Scrivi pure il tuo parere. Rispondo appena possibile! Se non vedi subito il tuo commento è perché si trova in attesa di moderazione; lo vedrai solo una volta che sarà approvato (approvo TUTTI i commenti tranne lo spam; inoltre facendo così riesco a rispondere anche quando commenti un articolo scritto anni fa).

Post popolari in questo blog

Prossime uscite 2021: ALICE OSEMAN, HOLLY BLACK, SARAH J. MAAS, JAY KRISTOFF, LEIGH BARDUGO, ECC.

Buona domenica lettori, siete pronti ad una carrellata di novità ? Ecco le prossime uscite che troveremo in libreria nel 2021. IO STO URLANDO E PIANGENDO perché voglio almeno buona parte di questi libri! Non vedo l'ora! Prima di iniziare con le notizie, tre cose: 1) chiedo umilmente scusa alle case editrici per aver rovinato la sorpresa, ma insomma, una volta trovate queste notizie non potevo proprio fare finta di niente (e urlare e soffrire da sola, ecco); 2) come la volta scorsa, metto ISBN così potete controllare voi stessi la veridicità della notizia ed evitate di prendermi per cazzara (cose che poi fate lo stesso, ma dettagli); 3) naturalmente aspettiamo una conferma ufficiale dalle case editrici, però le notizie riportate qui sono comunque VERE perché hanno appunto il codice isbn, l'unica cosa che è incerta è la data di uscita che naturalmente può sempre variare. Ma, insomma, sono libri che arriveranno in librereria AL 100% Ovviamente si inizia sempre dalle notizie più su

Recensione "Ruin and rising" di Leigh Bardugo (Grisha Trilogy 3)

Ciao lettori, finalmente condivido con voi la recensione di " Ruin and rising " di Leigh Bardugo , terzo volume della Grisha Trilogy, attualmente inedito in Italia, ma Mondadori ha annunciato la pubblicazione dell'intera trilogia nel 2020 ( notizia qui ). Titolo: Ruin and rising Autore: Leigh Bardugo Serie: Grisha trilogy 3 Pagine: 422 Prossimamente in italiano Compralo a 5,49€ Soldato. Convocatrice. Santa . Il destino della nazione risiede nelle mani di una Convocatrice del Sole spezzata, un tracciatore in disgrazia e i resti di quello che una volta era un potente esercito magico. Il Darkling comanda dal suo trono di ombre mentre una debole Alina Starkov riprende la sua battaglia sotto la dubbiosa protezione di alcuni fanatici che la venerano come una Santa. Adesso le sue speranze risiedono in un'antica creatura magica scomparsa da lungo tempo e nella possibilità che un principe fuorilegge sopravviva ancora. Mentre i suoi alleati e i suoi nemici corrono ve

Novità in libreria Febbraio 2021

Ciao lettori! Torno da queste parti per segnalarvi le uscite in libreria di questo mese . Mettetevi comodi perché sono tantissime! La corte di fiamme e argento, Sarah J. Maas (23 febbraio) L'uscita più attesa di febbraio praticamente da tutto il mondo. E' il quarto volume della serie Acotar \ La corte di rose e spine . E' un volume spin-off dedicato a Nesta e Cassian , ma allo stesso tempo è necessario aver letto la trilogia principale perché altrimenti dubito si riescano ad afferrare tutte le sfumature.  Mi sono espressa abbastanza su instagram riguardo la cover, ma lo farò nuovamente perché ogni volta che la guardo la trovo sempre più brutta. Sa tanto "Cinderella" anni 2000 con tanto di maschera di carnevale presa su wish. Per non parlare che quella non somiglia nemmeno lontanamente alla protagonista del libro. Il trucco e l'abbigliamento poi un tocco di classe, veramente. L'unica cosa che salvo è lo sfondo. Mi piace molto di più rispetto a quello della