Passa ai contenuti principali

Post

Visualizzazione dei post con l'etichetta millennio di fuoco

Recensione Millennio di fuoco - Raivo, Cecialia Randall

Buon pomeriggio lettori  ♡ Mi sa che è arrivato il momento di recensire il secondo volume di Millennio di fuoco ! Come al solito sarà una recensione senza né spoiler né riferimenti al volume precedente. Titolo: Millennio di fuoco - Raivo ( Millennio di fuoco #2 ) Autore: Cecilia Randall Pagine: 452 Anno: 2014 Editore: Mondadori  Dopo tante battaglie e peripezie Seija, l'Eroina di Etten, è finalmente riuscita a fuggire dal castello di Raivo, l'umano convertito alla causa dei demoniaci vaivar, che tanta morte e distruzione ha seminato sul suo cammino. Eppure qualcosa in lei è cambiato per sempre. Conosce il motivo per cui Raivo ha voltato le spalle agli umani, accettando di trasformarsi nella creatura che guida gli eserciti dei demoni. Sa che lui, che il mondo adesso teme e chiama "il Traditore", è in realtà il primo a essere stato tradito, secoli prima, il giorno in cui una congiura di palazzo ha sterminato il suo popolo e ucciso la donna che amava.

A fragment of #9 Millennio di fuoco

Buon pomeriggio divoratori (: oggi non avrò nessuna partita fino a stasera e, nell'attesa della nuova puntata di Teen Wolf, vi lascio uno spezzone di Millennio di fuoco. In realtà più che uno spezzone è una pagina vera e propria del libro, ma essendo uno dei miei pezzi preferiti, ho deciso di riportarlo tutto. Del resto non è per niente noioso! Lo sguardo del traditore sembrava volerle entrare nell’anima. Il prigioniero sogghignò. Seija irrigidì la schiena, provò a raddrizzare le spalle. “Io sono..” “Lo so chi sei” la bloccò subito lui con una voce profonda, per nulla bestiale, ora che non c’era la maschera a distorcerla. “Ti stavo aspettando.” Parlava davvero la lingua comune dei Finni e la parlava bene, anche se con uno strano accento. Seija dimenticò di colpo tutto ciò che voleva dire. Si aspettava di affrontare un mostro che la insultasse, la minacciasse, le riversasse addosso il suo odio, visto che lei era stata la causa della sua sconfitta, della prigionia e di tutto