Passa ai contenuti principali

Recensione "L'arte ingannevole del gufo" di Ella West

L'arte ingannevole del gufo al momento è l'unico libro terminato questo mese. Onestamente non so bene cosa ne penso. L'unica parola che mi viene in mente ogni volta è "BOH".

L'arte ingannevole del gufo, Ella West
160 pagine, Giunti
amazon 
Tutte le sere, dopo il tramonto, Viola si addentra nel bosco dietro casa. La grave malattia di cui soffre le impedisce di esporsi anche al minimo raggio di sole. Così, quando i suoi compagni sono impegnati con la scuola, lei dorme o sta in casa a suonare, e quando loro vanno a dormire, lei passeggia libera tra gli alberi del suo bosco, in compagnia del buio e di tutti gli animali che lo popolano. Una sera, però, sul sentiero sterrato da cui non passa anima viva, scorge un’auto: un ragazzo tira fuori un corpo pesante dal bagagliaio e lo trascina sul sedile di guida, prima di dare fuoco alla macchina. Poi seppellisce qualcosa nel terreno vicino. Sei alberi dal ciglio della strada: per Viola è facilissimo ritrovare il punto in cui quel tizio ha scavato la buca… e dare inizio alla sua personale, pericolosa indagine. Che cosa ci fanno tanti soldi sepolti nel bosco? E quel ragazzo è forse un assassino? Tornerà a cercarla?
Credo che questo libro avesse un ottimo potenziale che purtroppo non è stato sfruttato a dovere.
La protagonista, Viola, ha una malattia rara e questa lo rende un personaggio particolare, originale. Purtroppo però mi è stata sulle balle. Lo so, è brutto da dire, ma non riesco a trovare un momento in cui mi sia stata simpatica. In realtà è anche colpa dell'autrice che scegliendo la narrazione in prima persona non ha fatto un'ottima scelta. Il motivo principale sono le varie digressioni durante la narrazione. Vi immaginate una che assiste ad un omicidio e nel frattempo ti spiega come si tosano le pecore? No, seriamente, Viola, mentre sta succedendo qualcosa di importante, parla del più e del meno e tu ad un certo punto sei lì completamente rincoglionita perché hai perso il filo del discorso. Tra l'altro spesso parla di cose futili per lo svolgimento della trama, come appunto la tosatura delle pecore di cui non ce ne frega un cazz. Ok, vuoi parlarne? Ma fallo brevemente, non per un intero capitolo. Purtroppo ci rifila cose inutili che già sappiamo più volte durante la lettura e diventa davvero esasperante ( es. il metodo di Mendel, che palle vuol dire testicoli, che una pecora per restare incinta deve fare sesso, giuro, tutto questo viene spiegato nel libro.. mancava solo che ci raccontasse la storiella dell'ape e del fiore).

Ciò che però mi sono chiesta più volte è: perché diamine l'autrice ha voluto scrivere un mystery?
Di 'misterioso' c'è poco e niente e tra l'altro all'omicidio vengono dedicati si e no quattro capitoli contati, mentre il resto gira tutto intorno a Viola e la sua malattia. E allora perché non scriveva un contemporaneo\romance alla 'Colpa delle stelle'? Perché tutto quello che riguarda la sua malattia, il fatto di non poter camminare alla luce del sole, di non poter fare certe attività, ecc. secondo me è davvero interessante e allora sì che poteva essere un buon libro.

Insomma, non mi ha colpito particolarmente, anche se a volte non è stato terribile da leggere. Sono solo 160 pagine (per fortuna perché se fossero state di più non so se sarei sopravvissuta) e si leggono piuttosto velocemente.
Valutazione 5\10

Cosa ne pensate di questo libro? Lo conoscevate?
Ah, l'ho letto con una reading chain, quindi perdonami Alenixedda per i commenti v.v

Commenti

  1. Il mio pensiero parola per parola! Una rompipalle di prima categoria, 'sta protagonista! XD Meno male che erano poche pagine, sennò non l'avrei finito U.U Però che darei per leggere i tuoi commenti ahahahaha XD

    RispondiElimina
  2. Leggere la tua recensione è stato divertente, mi sa che leggere il libro lo sarà meno, ma... oh beh! vedremo!! ;)

    RispondiElimina
  3. Io lo avevo trovato carino...soprattutto perchè la storia viene raccontata dal punto di vista della ragazzina e quindi è un po' tutto "ricamato"

    RispondiElimina
  4. Non avevo maimai sentito parlare di questo libro! L'idea mi sembra originale, inoltre sono anch'io notturna (ovviamente e fortunatamente non per il suo stesso motivo ahah). Aggiunto in wl, ti farò sapere c:

    RispondiElimina
    Risposte
    1. sono molto curiosa di sapere se ti piacerà o meno :3

      Elimina

Posta un commento

Scrivi pure il tuo parere. Rispondo appena possibile! Se non vedi subito il tuo commento è perché si trova in attesa di moderazione; lo vedrai solo una volta che sarà approvato (approvo TUTTI i commenti tranne lo spam; inoltre facendo così riesco a rispondere anche quando commenti un articolo scritto anni fa).

Post popolari in questo blog

Recensione "Fidanzati dell'inverno. L'attraversaspecchi" di Christelle Dabos

La recensione di oggi riguarda Fidanzati dell'inverno di Christelle Dabos il primo volume della famosissima serie francese L'Attraversapecchi . Vi consiglio vivamente di evitare la trama del libro e passare direttamente alla recensione perché, per quel che mi riguarda, dice anche troppo! Titolo: Fidanzati dell'inverno Autore: Christelle Dabos Serie: L'Attraversaspecchi 1 Pagine: 382  Editore: Edizioni e/o Anno: 2018 (ita), 2013 (fr) comprarlo a 12,99€ L’Attraversaspecchi è una saga letteraria in tre volumi che mescola Fantasy, Steampunk e Belle Époque, paragonata dalla stampa francese alle saghe di J.K. Rowling e Philip Pullman. Fa da sfondo un universo composto da 21 arche, tante quanti sono i pianeti che orbitano intorno a quella che fu la Terra. La protagonista, Ofelia, è originaria dell’arca “Anima”; una ragazza timida, goffa e un po’ miope ma con due doni particolari: può attraversare gli specchi e leggere il passato degli oggetti. Lavora come curatri

10 libri fantasy da leggere questo autunno

Prepariamoci all'arrivo dell'autunno con alcuni libri fantasy da leggere assolutamente nei prossimi mesi . Cosa hanno in comune questi libri, oltre ad essere dello stesso genere? Alcuni di essi usciranno a breve, mentre degli altri uscirà in libreria il seguito nelle prossime settimane (più o meno).  E ad occhio e croce direi che se avete amato almeno uno di questi libri, di sicuro vi piaceranno anche gli altri...  1.  Il principe crudele , Holly Black  Il 25   settembre  uscirà in libreria un nuovo libro di Holly Black ! Nonostante non abbia letto tutto quello scritto da questa autrice (trovate qui le mie recensioni: Doll Bones , I segreti di Coldtown , Nel profondo della foresta ) la considero una delle mie preferite. Adoro i suoi mondi fiabeschi e allo stesso tempo oscuri, riescono sempre a farmi innamorare. Il principe crudele è il primo volume di una trilogia con protagoniste le fate e con quello che sembrerà essere un coprotagonista cattiva. E io che amo i villa

Recensione "Echi in tempesta" di Christelle Dabos, capitolo finale della serie L'Attraversaspecchi

Ciao lettori, oggi vi lascio la recensione di " Echi in tempesta" di Christelle Dabos , volume conclusivo della serie francese L'Attraversaspecchi . Ringrazio Edizioni e\o per avermi dato l'opportunità di ricevere il libro in anteprima!  Titolo: Echi in tempesta Autore: Christelle Dabos Serie: L'Attraversaspecchi 4 Pagine: 576 Editore: Edizioni e\o Anno: 2020 Comprarlo a 11,99€ Crollati gli ultimi muri della diffidenza, Ofelia e Thorn si amano ormai appassionatamente. Tuttavia non possono farlo alla luce del sole: la loro unione deve infatti rimanere nascosta perché possano continuare a indagare di concerto sull’indecifrabile codice di Dio e sulla misteriosa figura dell’Altro, l’essere di cui non si conosce l’aspetto, ma il cui potere devastante continua a far crollare interi pezzi di arche precipitando nel vuoto migliaia di innocenti. Come trovare l’Altro, senza sapere nemmeno com’è fatto? Più uniti che mai, ma impegnati su piste diverse, Ofelia e Th